La Riforma delle Province e delle Città Metropolitane 171/1 - Edizioni Simone

La Riforma delle Province e delle Città Metropolitane

abstract

Edizioni Simone

http://www.simone.it/catalogo/v171_1.jpg

alla luce della legge Delrio (L. 7-4-2014, n. 56) e del progetto di riforma della Costituzione (dis. L. cost. S. 1429 del 6-5-2014)

Autori

  • Anno Edizione: 2014
  • Formato: 15 x 21
  • Pagine: 96
  • Codice: 171/1
  • Isbn: 978 88 914 0311 7
  • Prezzo: € 10,00
  • Disponibile anche in formato ebook

  • Isbn ePub: 978 88 244 2116 4
  • Prezzo ePub: € 6,99
  •  

 
 
  • Gli ebook sono consultabili su computer, tablet e smartphone Apple e Android, e-reader ed altri dispositivi compatibili con il drm Adobe, ma non sono stampabili (salvo quando diversamente indicato). Per le informazioni sugli ebook, consulta la guida.

    • Con la L. 7 aprile 2014, n. 56 (cd. legge Delrio) è stato avviato un parziale riordino del sistema delle autonomie locali, finalizzato nella sostanza a ridurre i costi della nostra burocrazia razionalizzando il funzionamento delle amministrazioni decentrate.
      Aspetto principale della riforma è la trasformazione dell’ente Provincia, le cui funzioni fondamentali vengono condensate per lo più nel coordinamento e nella programmazione in riferimento a talune specifiche materie.
      Anche gli organi provinciali subiscono un mutamento non essendo più eletti direttamente dal popolo, ma da parte degli organi elettivi dei Comuni facenti parte della Provincia.
      Di pari passo con il ripensamento delle Province, la stessa legge ha disposto l’entrata a pieno regime delle Città metropolitane, enti pubblici territoriali introdotti nel nostro ordinamento già negli anni ’90, la cui effettiva istituzione non era stata, fino ad oggi, portata a completamento.
      La legge Delrio si inserisce nel più ampio progetto di riforma costituzionale prevista dal disegno di legge costituzionale S. 1429, presentato in Senato l’8 aprile 2014 e adottato come testo base dalla Commissione Affari costituzionali il 6 maggio 2014.
      Tale disegno di legge costituzionale persegue tra i suoi obiettivi il superamento del bicameralismo perfetto e la revisione del Titolo V, Parte II della Costituzione.
      Il primo aspetto comporterebbe la trasformazione del Senato in una Camera di rappresentanza delle istituzioni territoriali il cui ruolo principale consisterebbe nella funzione di raccordo fra Stato e autonomie territoriali.
      Con la revisione del Titolo V, invece, si intende sopprimere qualunque riferimento all’ente Provincia all’interno del testo costituzionale affinché quest’ultimo non debba più essere considerato alla stregua di un livello di governo necessario nella configurazione della Repubblica.
      Nell’ambito di questa rivisitazione viene altresì proposta una nuova ripartizione delle competenze legislative tra Stato e Regioni. In particolare, si vorrebbe eliminare la legislazione concorrente ed ampliare il novero delle materie oggetto di legislazione esclusiva dello Stato.
      Questi ed altri aspetti della riforma, considerati nel loro insieme, tratteggiano una complessiva rivisitazione delle autonomie territoriali che realizza un sistema più idoneo alle mutate esigenze del governo locale.
    • Capitolo 1: Evoluzione del sistema delle autonomie territoriali
      1. Le autonomie regionali e locali: profili introduttivi
      2. La riforma del Titolo V, Parte II della Costituzione: la L. cost. 3/2001
      3. L’attuazione della riforma costituzionale del 2001
      4. Prospettive di riforma: il progetto di revisione costituzionale e la trasformazione delle Province nella L. 56/2014 (cd. legge Delrio)
      Capitolo 2: Le Regioni
      1. Le Regioni: definizione, elementi costitutivi, caratteri
      2. L’autonomia statutaria delle Regioni
      3. L’autonomia legislativa
      4. L’autonomia regolamentare regionale e l’esercizio delle funzioni amministrative
      5. L’autonomia finanziaria delle Regioni
      6. Il federalismo fiscale
      7. Il sistema di governo regionale
      Capitolo 3: Comuni, Province e Città metropolitane
      Introduzione
      1. Il decentramento dei poteri attraverso le autonomie locali
      2. Il riordino delle autonomie locali dal Governo Monti alla L. 56/2014 (cd. legge Delrio)
      Sezione Prima
      Potestà normativa e finanziaria degli enti locali
      3. La potestà statutaria e regolamentare degli enti locali
      4. Il riconoscimento dell’autonomia finanziaria
      Sezione Seconda
      Il Comune
      5. Nozione ed elementi costitutivi
      6. Istituzione di nuovi Comuni e modifiche territoriali
      7. Funzioni del Comune
      8. Organi del Comune
      Sezione Terza
      La Provincia
      9. La Provincia nell’ambito del T.U.E.L.
      10. La trasformazione delle Province introdotta dalla L. 56/2014
      11. Organi della Provincia previsti dal T.U.E.L.
      12. Organi della Provincia previsti dalla L. 56/2014
      13. Organi burocratici di Comune e Provincia
      Sezione Quarta
      La Città metropolitana e Roma capitale
      14. Le Città metropolitane: nozione ed evoluzione normativa
      15. Funzioni delle Città metropolitane
      16. Organi della Città metropolitana
      17. Lo status di «Roma capitale»
      Sezione Quinta
      Unioni di Comuni e altre forme associative
      18. Le Unioni di Comuni
      19. Altre forme associative
      Capitolo 4: Controlli sulle Regioni e sugli enti locali
      1. Il sistema dei controlli sugli enti territoriali
      2. I controlli sulle leggi regionali
      3. I controlli sugli atti amministrativi regionali
      4. I controlli sugli organi regionali
      5. Il controllo sostitutivo di cui all’art. 120 Cost.
      6. I controlli sugli organi degli enti locali
      7. I controlli sugli atti degli enti locali previsti dal T.U.E.L.
      8. I nuovi controlli sugli atti degli enti locali introdotti dal D.L. 174/2012
      9. Il controllo della gestione presso gli enti locali