Conoscere il Trattato di Lisbona 187/2 - Edizioni Simone

Conoscere il Trattato di Lisbona

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/v187_2.jpg

Guida alla lettura del Trattato entrato in vigore il 1° dicembre 2009

Autori

  • Anno Edizione: 2009
  • Edizione: II Ed.
  • Formato: 15 x 21
  • Pagine: 256
  • Codice: 187/2
  • Isbn: 9788824469944
  • Prezzo: € 17,00
  • Disponibile anche in formato ebook

  • Isbn PDF: 978 88 244 4244 2
  • Prezzo PDF: € 11,90
  •  

     
     
    • Gli ebook sono consultabili su computer, tablet e smartphone Apple e Android, e-reader ed altri dispositivi compatibili con il drm Adobe, ma non sono stampabili (salvo quando diversamente indicato). Per le informazioni sugli ebook, consulta la guida.

      • L'attesa grande riforma dei trattati europei ad opera del Trattato di Lisbona firmato il 13 novembre 2007 è in vigore: dal 1dicembre 2009 l'Unione europea cambia volto e si rinnova in profondità.
        Il presente volume fa un'analisi del quadro normativo rinnovato dal recente trattato e offre una panoramica dei possibili effetti della riforma nell'architettura e nel funzionamento dell'Unione europea.
        Un'ampia introduzione anticipa le tappe che hanno portato all'accordo e alla firma finali, partendo dalla caduta del muro di Berlino e attraverso la codificazione dei diritti fondamentali, le dichiarazioni sul futuro dell'Europa, la costituzione europea e il recupero della sua sostanza dopo l'interruzione delle procedure di ratifica.
        Mentre nella prima parte del testo viene ricostruito passo dopo passo il processo di riforma, nella seconda, si propongono tavole sinottiche e di sintesi relative alle innovazioni introdotte: ogni aspetto delle modifiche apportate al Trattato sull'Unione europea (TUE) e al ridenominato Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) è fatto oggetto di esame e illustrazione, con la specificazione delle disposizioni di riferimento secondo la «numerazione» del Trattato di Lisbona e la «rinumerazione» dei testi una volta consolidati.
        Una trattazione più dettagliata riguarda gli ambiti maggiormente modificati: il riassetto istituzionale e la nuova centralità del cittadino europeo. Sono i due aspetti, e in particolare il secondo a ragione soprattutto del riconosciuto valore giuridicamente vincolante della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, che caratterizzano il nuovo trattato.
        Con le conclusioni si tracciano alcune prime valutazioni dei possibili effetti della riforma ma è indubbio che, inscrivendosi il rinnovamento in uno spazio ampio e complesso e in un tempo necessariamente lungo, solo la sua applicazione ci potrà dire se sarà riuscito a dare profondità al presente e concretezza alle speranze che gli sono state affidate.
      • Introduzione - Una riforma che viene da lontano
        1. La prima tappa: da Berlino a Nizza
        2. La seconda tappa: da Nizza a Roma
        3. Il traguardo di Lisbona
        4. Una riforma da conoscere
        PARTE PRIMA
        La ricostruzione e i contenuti della riforma
        Capitolo Primo - Il processo costituente
        1. La codificazione dei diritti fondamentali
        2. Le dichiarazioni di Nizza e Laeken sul futuro dell’Unione europea
        3. L’ambizione di una costituzione europea
        4. Lo strumento della Convenzione europea
        5. Il negoziato costituzionale in seno alla Conferenza intergovernativa
        6. L’architettura del trattato costituzionale
        7. Un salto di qualità
        8. Un processo di ratifica interrotto
        Capitolo Secondo - La scelta del trattato di riforma
        1. Le ragioni del sì e del no ai referendum di ratifica del trattato costituzionale
        2. Il ventaglio delle soluzioni possibili al problema del riordino dei trattati
        3. L’atteggiamento del Consiglio europeo
        4. La strategia della Cancelliera
        5. La dichiarazione per il cinquantesimo anniversario dei trattati di Roma
        6. Il gioco di sponda franco-tedesco
        7. Il punto di svolta
        8. L’adozione del trattato di riforma
        9. La lunga trafila delle procedure di ratifica del trattato di riforma
        Capitolo Terzo - I principi e le regole del trattato di riforma
        1. Il metodo, la struttura e i contenuti della riforma
        2. L’integrazione del preambolo
        3. Il riconoscimento della personalità giuridica esclusiva dell’Unione
        4. L’ampliamento dei valori
        5. La nuova enunciazione degli obiettivi
        6. L’accresciuta centralità dei diritti fondamentali (con rinvio)
        7. La conferma dei principi di attribuzione, sussidiarietà, proporzionalità
        8. La ripartizione delle competenze dell’Unione
        9. La disciplina più rigorosa della clausola di flessibilità
        10. Il rinnovamento dell’assetto istituzionale (con rinvio)
        11. L’esercizio delle competenze: la razionalizzazione degli atti e delle procedure
        12. Le innovazioni nelle singole competenze dell’Unione
        13. La clausola passerella
        14. Gli Stati membri: l’adesione e il recesso
        15. Gli Stati membri: i rapporti con l’Unione
        16. Le cooperazioni rafforzate
        17. L’entrata in vigore del trattato di riforma
        18. La futura modifica dei trattati riformati
        Capitolo Quarto - Il riassetto istituzionale dell’Unione
        1. Il nuovo quadro istituzionale
        2. Il Parlamento europeo
        3. Il Consiglio europeo e il suo Presidente
        4. Il Consiglio dei ministri
        5. Il nuovo criterio di calcolo della maggioranza qualificata
        6. La Commissione europea e il suo Presidente
        7. L’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza
        8. La Corte di giustizia dell’Unione europea
        9. La Banca centrale europea (BCE)
        10. La Corte dei conti
        11. Il mediatore europeo
        12. Gli organi consultivi dell’Unione
        13. Il ruolo dei parlamenti nazionali
        14. La titolarità dei poteri nell’Unione europea
        15. Una valutazione del riassetto istituzionale
        Capitolo Quinto - La presenza del cittadino europeo nei trattati riformati
        1. Le attese del cittadino europeo
        2. I tentativi di risposta della riforma
        3. La cittadinanza europea
        4. La titolarità dei diritti fondamentali dell’Unione europea
        5. La partecipazione del cittadino alla vita democratica dell’Unione
        PARTE SECONDA
        Le tavole di memoria storica e di sintesi della riforma
        Le tavole di memoria storica e di sintesi della riforma
        Tavola n. 1
        - Gli Stati membri dell’Unione europea a 27
        Tavola n. 2 - La forma di Stato e di governo degli Stati membri dell’Unione europea
        Tavola n. 3 - I principali trattati della costruzione europea
        Tavola n. 4 - La struttura del Trattato che adotta una Costituzione per l’Europa
        Tavola n. 5 - Le ragioni del distacco del cittadino europeo dalle istituzioni europee
        Tavola n. 6 - L’evoluzione dei diritti fondamentali nel sistema dell’Unione europea
        Tavola n. 7 - La cooperazione europea in materia di politica estera: i passaggi principali
        Tavola n. 8 - L’Atto finale della CIG convocata a Bruxelles il 23 luglio 2007
        Tavola n. 9 - La struttura del Trattato di Lisbona (TL)
        Tavola n. 10 - La struttura del Trattato sull’Unione europea (TUE)
        Tavola n. 11 - La struttura del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE)
        Tavola n. 12 - Le modifiche orizzontali nel Trattato sul funzionamento dell’Unione europea
        Tavola n. 13 - La versione consolidata del TUE e del TFUE
        Tavola n. 14 - Il nuovo assetto istituzionale dell’Unione europea
        Tavola n. 15 - La titolarità dei poteri nell’Unione europea
        Tavola n. 16 - La composizione del Parlamento europeo
        Tavola n. 17 - I Gruppi politici al Parlamento europeo
        Tavola n. 18 - La nuova disciplina del voto consiliare a maggioranza qualificata
        Tavola n. 19 - Il nuovo compromesso o meccanismo di Ioannina
        Tavola n. 20 - Il rafforzato ruolo dei parlamenti nazionali nel funzionamento dell’Unione
        Tavola n. 21 - Il principio di sussidiarietà
        Tavola n. 22 - La ripartizione per categorie delle competenze dell’Unione
        Tavola n. 23 - I principi ispiratori della riforma dei trattati
        Tavola n. 24 - L’obiettivo di un’Europa dei cittadini nella riforma dei trattati
        Tavola n. 25 - I diritti fondamentali nella «Carta»
        Tavola n. 26 - Le innovazioni introdotte dalla riforma
        Tavola n. 26.1 - Le innovazioni negli aspetti di struttura
        Tavola n. 26.2 - Le innovazioni nei principi e nelle regole basilari
        Tavola n. 26.3 - Le innovazioni nei profili istituzionali
        Tavola n. 26.4 - Le innovazioni nel tessuto normativo
        Tavola n. 27 - L’adesione e il recesso secondo i trattati riformati
        Tavola n. 28 - Le procedure di revisione dei trattati
        Tavola n. 29 - Le garanzie fornite dall’Unione europea a sostegno del secondo referendum irlandese
        Tavola n. 30 - La ratifica del Trattato di Lisbona nei 27 Stati membri
        Conclusioni - Una riforma per andare oltre
        1. Un processo di riforma portato a conclusione
        2. Una semplificazione attenuata ma effettiva
        3. Un assetto istituzionale a rafforzata e più democratica capacità decisionale
        4. Un arco di competenze ampliato e tendenzialmente unitario
        5. Una collocazione del cittadino al centro del progetto europeo
        6. Un’integrazione a parziale macchia di leopardo
        7. Una normativa ad accresciuta dose di flessibilità
        8. Un’Europa aperta con più rigore a nuove adesioni
        9. Un sistema rinnovato per un progetto europeo a più ampio respiro
        10. Una natura dell’Unione che cambia nella continuità