Elementi Maior di Diritto del Lavoro e Legislazione Sociale 248maior - Edizioni Simone

Elementi Maior di Diritto del Lavoro e Legislazione Sociale

abstract

Edizioni Simone

http://www.simone.it/catalogo/v248maior.jpg

  • Anno Edizione: 2013
  • Edizione: XIV Ed.
  • Formato: 15 x 21
  • Pagine: 304
  • Codice: 248maior
  • Isbn: 978 88 244 3726 4
  • Prezzo: € 17,00
  • Disponibile anche in formato ebook

  • Isbn PDF: 978 88 244 4835 2
  • Prezzo PDF: € 11,99
  •  

 
 
  • Gli ebook sono consultabili su computer, tablet e smartphone Apple e Android, e-reader ed altri dispositivi compatibili con il drm Adobe, ma non sono stampabili (salvo quando diversamente indicato). Per le informazioni sugli ebook, consulta la guida.

    • Una sintesi organica del Diritto del lavoro e della Legislazione sociale, mirata alle esigenze di uno studio agile, veloce e dinamico.
      La trattazione, contenuta in un numero ragionevole di pagine, è aggiornata alla legge di stabilità 2013 (L. 24-12-2012, n. 228) e alle numerose novità intervenute in materia, tra cui ricordiamo, per importanza, la riforma Fornero del lavoro e degli ammortizzatori sociali (L. 92/2012, come modif. dal D.L. 83/2012 conv. in L. 134/2012) e la riforma pensionistica del cd. decreto Salva Italia (D.L. 201/2011 conv. in L. 214/2011).
      L’esposizione schematica e lineare e le numerose tabelle di sintesi agevolano l’apprendimento di materie impegnative e complesse, che potrebbero risultare ostiche a chi si trovi ad affrontarle per la prima volta.
      Per le sue caratteristiche, il testo è particolarmente utile in affianco ai manuali istituzionali in fase di ripasso, nonché per fissare velocemente il programma in vista di esami e prove concorsuali.
    • Parte Prima
      Elementi di diritto del lavoro
      Disciplina del rapporto interprivato di lavoro
      Capitolo 1: Il diritto del lavoro
      1 La nozione e l’oggetto del diritto del lavoro
      A I presupposti e la funzione tradizionale del diritto del lavoro
      B L’evoluzione legislativa
      C Partizioni
      2 Le fonti del diritto del lavoro
      A Le fonti di diritto internazionale e sovranazionale
      B Le fonti di diritto statuale
      C Le fonti regionali
      D Le fonti sindacali (o contrattuali collettive)
      E La consuetudine
      F Le regole interpretative
      3 Interventi di riforma
      A I cambiamenti di fine secolo
      B La riforma del mercato del lavoro ex D.Lgs. 276/2003
      C La riforma della L. 247/2007 di attuazione del cd. Protocollo welfare
      D Il riordino della normativa in materia di igiene e sicurezza del lavoro (D.Lgs. 81/2008)
      E La semplificazione operata dalla L. 112/2008 conv. in L. 133/2008
      F La riforma della contrattazione collettiva
      G La riforma del cd. collegato lavoro (L. 183/2010)
      H Le manovre economiche 2011-2012
      4 Segue: La cd. riforma Fornero (L. 92/2012)
      Capitolo 2: Il lavoro subordinato, autonomo e parasubordinato
      1 Il lavoro subordinato
      A Il criterio identificativo del codice civile: la subordinazione tecnico-funzionale
      B Il criterio della subordinazione «in senso stretto
      2 Il lavoro autonomo
      3 Differenze tra lavoro autonomo e lavoro subordinato
      4 Il lavoro parasubordinato: le collaborazioni coordinate e continuative e il lavoro a progetto
      A Le collaborazioni coordinate e continuative
      B Il lavoro a progetto e il divieto di co.co.co. atipiche
      C Il regime sanzionatorio
      D Disciplina del lavoro a progetto
      5 La compatibilità tra rapporto associativo e lavoro subordinato
      A Il rapporto di lavoro subordinato ed il vincolo associativo
      B Soci lavoratori nelle cooperative di lavoro
      6 Il lavoro gratuito
      7 Il lavoro accessorio
      8 I soggetti del rapporto di lavoro subordinato
      A Datore di lavoro e prestatore di lavoro subordinato
      B La capacità giuridica e d’agire del datore di lavoro e del lavoratore
      C La capacità psico-fisica e l’idoneità tecnica del lavoratore
      Capitolo 3: Il contratto di lavoro subordinato
      1 Il contratto di lavoro subordinato
      2 I requisiti essenziali del contratto di lavoro
      A La capacità dei contraenti
      B La forma
      C La causa
      D L’oggetto
      3 Elementi accidentali: la prova
      4 Segue: Il termine. Il contratto di lavoro a tempo determinato
      A Nozione ed evoluzione legislativa
      B I requisiti per la legittimità delle assunzioni a termine
      C Le ipotesi di liberalizzazione introdotte dalla riforma Fornero (L. 92/2012)
      D L’automatica risoluzione alla scadenza del contratto a tempo determinato e la proroga del termine
      E La prosecuzione del rapporto oltre la scadenza del termine
      F Il limite alla successione di contratti a termine e di durata massima complessiva del lavoro a termine
      G La stipulazione di un nuovo contratto in frode alla legge
      H L’indennità risarcitoria in caso di illegittimità del termine
      I Il diritto di precedenza
      5 L’invalidità del contratto e la tutela dell’art. 2126 c.c
      6 La certificazione del contratto di lavoro
      Capitolo 4: I contratti speciali di lavoro
      1 La specialità dei rapporti di lavoro
      2 Il contratto di apprendistato
      A Nozione e caratteristiche
      B La disciplina del rapporto di lavoro
      3 Il contratto di inserimento
      A Nozione e caratteristiche
      B Disciplina del rapporto
      4 Il lavoro a tempo parziale
      A Nozione e caratteristiche
      B La disciplina del rapporto di lavoro
      C Il lavoro supplementare e straordinario
      D Le clausole di flessibilità e di elasticità
      E La trasformazione del rapporto da part-time a tempo pieno
      5 Il lavoro intermittente
      A Nozione e caratteristiche
      B La disciplina del rapporto di lavoro
      6 Il lavoro ripartito
      7 Il lavoro a domicilio
      8 Il lavoro domestico
      9 Il lavoro subordinato sportivo
      10 Il rapporto di lavoro in regime di somministrazione
      11 Il pubblico impiego
      A Caratteri ed evoluzione
      B Il sistema delle fonti del pubblico impiego
      C La contrattazione collettiva
      D Accesso al pubblico impiego e tipologie contrattuali
      E La dirigenza pubblica
      F La responsabilità disciplinare
      Capitolo 5: Obblighi e diritti delle parti nel rapporto di lavoro
      1 L’obbligazione di lavoro
      A L’individuazione della prestazione lavorativa
      B Mansioni, qualifiche, categorie
      C L’obbligo di informare il lavoratore sulle condizioni del rapporto di lavoro
      2 Il mutamento delle mansioni (cd. jus variandi)
      3 La retribuzione
      A L’individuazione dell’obbligo retributivo
      B I requisiti di proporzionalità e sufficienza della retribuzione
      C La determinazione della retribuzione
      D Forme di retribuzione
      E Adempimento dell’obbligo retributivo
      4 Obblighi integrativi del lavoratore
      5 Diritti del lavoratore
      6 Poteri del datore di lavoro
      A Il potere direttivo (art. 2104 c.c.)
      B Il potere di vigilanza e di controllo e relative limitazioni
      C Il potere disciplinare (artt. 2106 c.c. e 7 St. Lav.)
      7 Gli obblighi del datore di lavoro
      Capitolo 6: Il luogo e la durata della prestazione di lavoro
      1 Il luogo della prestazione. Il trasferimento del lavoratore
      2 L’orario di lavoro
      A Evoluzione normativa
      B Orario di lavoro (normale e orario articolato)
      C Limite del lavoro settimanale
      D Pause, riposo giornaliero e riposo settimanale
      E Festività
      F Le ferie annuali
      3 Il lavoro straordinario
      4 Il lavoro notturno
      A Nozione
      B Organizzazione del lavoro notturno e tutela dei lavoratori
      Capitolo 7: La cessazione del rapporto di lavoro: i licenziamenti individuali e collettivi
      1 Le cause di estinzione del rapporto di lavoro subordinato
      A Pluralità di cause
      B Il recesso di una delle parti del rapporto
      2 La disciplina delle dimissioni
      3 La disciplina dei licenziamenti individuali
      A La regolamentazione del licenziamento
      B La giusta causa
      C Il giustificato motivo soggettivo
      D Il giustificato motivo oggettivo
      4 I divieti di licenziamento
      5 L’intimazione del licenziamento
      A La nuova comunicazione del licenziamento dopo la riforma Fornero
      B La procedura per l’intimazione del licenziamento disciplinare
      C La nuova procedura per l’intimazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo
      D Il preavviso
      6 L’impugnazione e la revoca del licenziamento
      A I termini di impugnazione
      B La revoca del licenziamento
      7 Il regime sanzionatorio dei licenziamenti individuali illegittimi
      A Campo di applicazione
      B Tutela nel caso di licenziamento discriminatorio, nullo e orale
      C Tutela nel caso di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo
      D Tutela nel caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo (o economico)
      E Tutela nel caso di licenziamenti inefficaci
      F Tutela nel caso di datori di lavoro fino a 15 dipendenti
      8 L’area del recesso ad nutum
      9 La disciplina dei licenziamenti collettivi
      A Le finalità e le novità della riforma Fornero
      B I presupposti per la procedura di riduzione di personale
      C La procedura
      D Impugnazione del licenziamento e regime sanzionatorio
      10 Il trattamento di fine rapporto
      Capitolo 8: Cenni di diritto sindacale
      1 Sindacato e associazionismo sindacale
      A Concetto di sindacato
      B I sindacati come «associazioni non riconosciute»
      C Organizzazione dei sindacati
      2 La libertà e l’attività sindacale. Le garanzie dello Statuto dei lavoratori
      A La libertà sindacale
      B Le garanzie dello Statuto dei Lavoratori
      3 Il contratto collettivo di lavoro
      4 Le riforme 2009-2011
      A L’Accordo-quadro sulla riforma degli assetti contrattuali del 22-1-2009
      5 Il contratto collettivo di diritto comune
      A Nozione ed efficacia
      B L’Accordo interconfederale del 28-6-2011
      C La contrattazione di prossimità
      D La derogabilità del contratto collettivo per condizioni più favorevoli al lavoratore
      E L’interpretazione del contratto collettivo
      6 Lo sciopero
      A Nozione
      B Esercizio dello sciopero
      C I limiti al diritto di sciopero
      D Lo sciopero nei servizi pubblici essenziali
      7 Il diritto di informazione e consultazione delle rappresentanze dei lavoratori
      Parte Seconda
      Elementi di legislazione sociale (Le tutele dei lavoratori nel rapporto e sul mercato del lavoro)
      Capitolo 1: La legislazione sociale
      1 Oggetto della legislazione sociale
      2 I vari aspetti della legislazione sociale
      A Tripartizione
      B Autonomia e caratteri della legislazione sociale
      3 Le fonti della legislazione sociale
      A Le fonti di diritto statuale
      B Le fonti regionali
      C La contrattazione collettiva e le fonti di diritto internazionale e comunitario
      4 Legislazione sociale e rapporto di lavoro
      5 I soggetti della legislazione sociale
      A Classificazione
      B I soggetti attivi: gli organi statali con competenza nazionale
      C Segue: Gli organi statali a livello locale
      D Segue: Gli enti pubblici territoriali
      6 Segue: Gli istituti di assicurazione sociale
      A L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (I.N.P.S.)
      B L’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (I.N.A.I.L.)
      C Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica (I.N.P.D.A.P.)
      D Istituti minori
      7 Segue: I soggetti privati
      A Le organizzazioni sindacali
      B Gli istituti di patronato e di assistenza
      8 I soggetti passivi
      A I datori di lavoro
      B I lavoratori tutelati
      Capitolo 2: Le tutele dei lavoratori sul mercato del lavoro: il collocamento pubblico e privato e le procedure di assunzione
      1 Dal collocamento pubblico alla privatizzazione della mediazione tra domanda e offerta di lavoro
      A La disciplina pubblicistica
      B Il divieto di mediazione privata
      C Le riforme
      D Caratteristiche attuali
      2 L’organizzazione del mercato del lavoro e i servizi pubblici per l’impiego
      A Funzioni e compiti dello Stato
      B Funzioni e compiti delle Regioni e degli enti locali
      C I servizi pubblici per l’impiego e gli interventi di prevenzione della disoccupazione
      3 Attività di mediazione, somministrazione e operatori privati
      A La mediazione tra domanda e offerta di lavoro
      B La mediazione privata e l’Albo delle agenzie per il lavoro
      C La somministrazione di lavoro
      D Altri soggetti abilitati
      E L’accreditamento regionale
      4 La Borsa continua nazionale del lavoro
      5 L’elenco anagrafico e le schede professionali
      A L’elenco anagrafico dei lavoratori in cerca di occupazione
      B Le schede professionali
      6 Le comunicazioni obbligatorie relative all’assunzione e al rapporto di lavoro
      A La comunicazione di assunzione
      B Altre comunicazioni obbligatorie
      7 Le assunzioni obbligatorie delle persone disabili
      A Il sistema del collocamento mirato
      B Soggetti obbligati all’assunzione e quota di riserva
      C Le procedure di assunzione
      D Permanenza dell’idoneità lavorativa
      E Convenzioni ed agevolazioni per le assunzioni dei lavoratori disabili
      8 Le assunzioni dei lavoratori non appartenenti all’Unione Europea
      A Il principio dell’accesso contingentato e il meccanismo delle quote d’ingresso
      B La procedura per l’assunzione di lavoratori extra UE non regolarmente residenti in Italia
      C Accesso al lavoro degli stranieri soggiornanti di lungo periodo
      D Il principio di parità di trattamento e la perdita dell’occupazione
      9 La tutela dei lavoratori sul mercato del lavoro
      10 L’appalto di lavoro e la tutela dei lavoratori
      11 Il distacco del lavoratore
      12 Il trasferimento d’azienda
      Capitolo 3: Sicurezza e igiene delle condizioni di lavoro
      1 L’obbligo di sicurezza del datore di lavoro (art. 2087 c.c.)
      2 Evoluzione legislativa: dalla legislazione speciale al D.Lgs. 81/2008
      A La legislazione speciale
      B Il T.U. della sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/2008)
      3 Le misure generali di tutela
      4 I soggetti responsabili
      5 I soggetti tutelati
      6 Gli obblighi e i diritti dei lavoratori
      7 La sorveglianza sanitaria obbligatoria
      8 Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
      9 La tutela del lavoratore dal mobbing
      A Nozione
      B Effetti del mobbing sul lavoratore
      C Forme di tutela
      Capitolo 4: Tutela del lavoro minorile e della genitorialità. Parità di genere nel rapporto di lavoro e tutela contro le discriminazioni
      1 La tutela delle condizioni di lavoro dei minori
      A Evoluzione normativa
      B Requisiti di età e di istruzione per l’accesso al lavoro
      C Le lavorazioni vietate e la tutela dell’integrità psico-fisica del lavoratore minore
      D Il rapporto di lavoro
      2 La tutela della genitorialità nel lavoro
      A Evoluzione normativa
      B Congedo di maternità
      C Congedi parentali
      D Congedi per la malattia del figlio
      E I riposi giornalieri
      F Divieto di licenziamento, dimissioni e diritto al rientro
      3 La parità di genere e le pari opportunità nel rapporto di lavoro
      A Evoluzione normativa
      B L’organizzazione amministrativa per la promozione delle pari opportunità
      C Il divieto di discriminazioni di genere nel rapporto di lavoro
      D La tutela giudiziaria contro le discriminazioni
      4 La tutela contro le discriminazioni per motivi di razza, origine etnica, religione,
      convinzioni personali, handicap, età, orientamento sessuale
      Capitolo 5: La sospensione del rapporto di lavoro
      1 La tutela del lavoratore in caso di sospensione del rapporto di lavoro
      A Gli eventi previsti dagli artt. 2110 e 2111 c.c
      B Le tutele
      C La malattia del lavoratore
      2 La sospensione del rapporto di lavoro per permessi e congedi spettanti al lavoratore
      A Permessi o congedi retribuiti
      B Permessi o congedi non retribuiti
      C Congedi per eventi particolari e per la formazione professionale
      D Congedi parentali
      E Permessi e congedi per handicap
      3 Le integrazioni salariali
      A Sospensione del rapporto per fatti attinenti all’impresa
      B L’intervento ordinario (CIG)
      C L’intervento straordinario (CIGS)
      D Il trattamento di integrazione salariale in caso di contratto di solidarietà
      4 I fondi di solidarietà settoriali
      Capitolo 6: La tutela dei diritti del lavoratore e il processo del lavoro
      1 Privilegi, garanzie e tutela dei crediti di lavoro
      2 Rinunzie e transazioni
      A L’invalidità delle rinunzie e transazioni
      B Le modalità per rendere efficaci le rinunzie e le transazioni
      3 Prescrizione
      4 Decadenza
      5 La tutela giurisdizionale dei lavoratori: il processo del lavoro
      A I caratteri del processo del lavoro
      B Ambito di applicazione
      C Il giudice del lavoro
      D Il procedimento: la fase introduttiva del giudizio
      E L’istruzione e la discussione della causa (artt. 420-425 c.p.c.)
      F La decisione: la sentenza e la sua efficacia
      G L’eventuale impugnazione: il giudizio di secondo grado
      6 Il rito per le controversie in tema di licenziamento
      A Campo di applicazione e caratteristiche generali
      B Il giudizio di primo grado
      C I giudizi di impugnazione
      7 Gli strumenti per la risoluzione stragiudiziale delle controversie di lavoro
      A Tentativo di conciliazione presso la DTL o con le procedure previste dal contratto collettivo
      B La risoluzione arbitrale delle controversie
      C La risoluzione arbitrale della controversia mediante clausola compromissoria inserita nel contratto di lavoro
      Capitolo 7: La vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale e le misure di contrasto al lavoro nero
      1 Oggetto e disciplina della vigilanza
      2 Gli organi di vigilanza
      A Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
      B Gli enti previdenziali e altri organi di vigilanza
      C Le ASL
      3 I poteri degli organi di vigilanza
      A I poteri del personale ispettivo
      B I verbali di accertamento
      C Il potere di disposizione
      D La conciliazione monocratica
      E La diffida accertativa per crediti patrimoniali
      4 L’estinzione degli illeciti amministrativi in materia di lavoro e legislazione sociale mediante diffida
      A Gli illeciti amministrativi in materia di lavoro e legislazione sociale
      B La diffida obbligatoria
      5 Gli illeciti penali in materia di lavoro e legislazione sociale e l’estinzione mediante prescrizione obbligatoria
      A Gli illeciti penali in materia di lavoro e legislazione sociale
      B La prescrizione obbligatoria
      6 Le misure di contrasto al lavoro nero e irregolare
      A La maxisanzione amministrativa per il lavoro nero
      B Il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale
      Parte Terza
      Elementi di previdenza sociale
      Capitolo 1: La previdenza sociale, le assicurazioni sociali ed il rapporto giuridico previdenziale
      1 La previdenza sociale
      A Nozione di previdenza sociale
      B I modelli di sicurezza sociale
      C Il modello di sicurezza sociale accolto dalla Costituzione
      2 Le assicurazioni sociali ed il concetto di rischio professionale
      A La denominazione di «assicurazione» e la teoria del rischio professionale
      B L’oggetto delle assicurazioni sociali: la protezione dai rischi
      3 Il rapporto giuridico previdenziale
      A Struttura, costituzione e modificazione del rapporto previdenziale
      B I soggetti del rapporto previdenziale
      C L’oggetto del rapporto previdenziale
      4 Le prestazioni previdenziali
      A Tipologia e funzione
      B Automaticità delle prestazioni previdenziali
      C Prescrizione
      5 La contribuzione
      B Obbligatorietà
      C Inquadramento dei datori di lavoro ai fini della contribuzione previdenziale e assicurativa e comunicazione agli enti previdenziali
      D La misura della contribuzione: l’aliquota contributiva
      E L’anzianità contributiva
      F La prescrizione dei contributi previdenziali
      6 La retribuzione imponibile ai fini previdenziali
      A La base imponibile per i lavoratori subordinati
      B Minimale contrattuale di retribuzione imponibile
      C Massimale annuo per la base contributiva
      D La base imponibile per i lavoratori autonomi e parasubordinati
      7 Gli istituti per «cumulare» i contributi versati presso gestioni previdenziali di verse
      Capitolo 2: La tutela previdenziale dell’invalidità, vecchiaia e superstiti e le riforme del sistema pensionistico
      1 L’organizzazione della tutela previdenziale per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti (IVS)
      A Istituto Nazionale della Previdenza Sociae (INPS)
      B L’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) per i lavoratori dipendenti (INPS)
      C I fondi integrativi per i lavoratori dipendenti (INPS)
      D I fondi sostitutivi per i lavoratori dipendenti (INPS e altri enti)
      E Le gestioni speciali dei lavoratori autonomi (INPS)
      F La quarta gestione o Gestione separata per i collaboratori coordinati e continuativi, per i lavoratori autonomi e per i lavoratori autonomi occasionali (INPS)
      G Le Casse professionali dei liberi professionisti
      H La gestione per i lavoratori autonomi senza Cassa previdenziale
      2 L’oggetto e il fondamento dell’assicurazione IVS
      A I fattori di criticità
      B Prima fase: il D.Lgs. 503/1992 (cd. riforma Amato)
      C Seconda fase: la L. 335/1995 (cd. riforma Dini)
      D Terza fase: la L. 449/1997 (cd. riforma Prodi)
      E La L. 243/2004 (cd. riforma Maroni)
      F La riforma della L. 247/2007 (cd. Protocollo welfare)
      G Le manovre economiche 2011 e la legge di stabilità 2012
      4 La riforma del sistema pensionistico nel cd. decreto Salva Italia (D.L. 201/2011 conv. in L. 214/2011)
      A I principi della riforma
      B Le novità in materia di trattamenti pensionistici
      5 I sistemi di calcolo delle pensioni
      A Il sistema retributivo
      B Il sistema contributivo
      C Il passaggio dal sistema retributivo al sistema contributivo
      6 I requisiti per la pensione di vecchiaia
      A I requisiti per la pensione di vecchiaia dal 2012
      B L’età pensionabile dal 2021 e l’incentivazione al proseguimento dell’attività lavorativa
      7 La pensione anticipata
      A I requisiti contributivi per il trattamento anticipato dal 2012
      B I requisiti anagrafici per il trattamento anticipato dal 2012
      8 Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita
      9 La pensione ai superstiti
      A Classificazione e misura della pensione
      B Aventi diritto (superstiti)
      10 I requisiti per le pensioni di invalidità e di inabilità
      A Assegno ordinario di invalidità
      B Pensione ordinaria di inabilità
      C Assegno privilegiato di invalidità e pensione privilegiata di inabilità
      11 Perequazione automatica, integrazione al minimo, contributo di solidarietà e cumulo
      A La perequazione automatica delle pensioni
      B Integrazione al trattamento minimo
      C Il contributo di solidarietà sulle pensioni di importo elevato
      D Cumulo tra più pensioni e tra pensione e redditi
      Capitolo 3: L’assicurazione contro la disoccupazione, l’ASPI e gli altri ammortizzatori sociali
      1 Gli interventi a sostegno del reddito e la riforma operata dalla L. 92/2012
      2 L’assicurazione contro la disoccupazione
      A La tutela dalla perdita di lavoro
      B Il rapporto assicurativo
      3 Le prestazioni
      A Indennità ordinaria (non agricola) di disoccupazione
      B L’indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti ridotti
      C La soppressione delle prestazioni dal 2013
      4 La nuova assicurazione sociale per l’impiego (ASPI)
      A Campo di applicazione e requisiti
      B Importo dell’indennità e durata
      C La cd. mini-ASPI
      5 Altre misure a sostegno del reddito in caso di perdita di lavoro: l’indennità di mobilità
      6 Misure straordinarie a sostegno del reddito
      A I trattamenti in deroga
      B L’indennità di disoccupazione ai lavoratori sospesi
      C I trattamenti per gli apprendisti e i lavoratori a progetto
      7 Adempimenti del lavoratore beneficiario di trattamenti a sostegno del reddito e
      dei soggetti istituzionali
      Capitolo 4: L’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e altre assicurazioni minori
      1 L’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro
      2 Il rapporto assicurativo
      A Ente assicuratore e costituzione del rapporto assicurativo
      B Requisiti soggettivi
      C Requisiti oggettivi: le lavorazioni pericolose
      3 L’oggetto dell’assicurazione: l’infortunio sul lavoro
      A Elementi dell’infortunio sul lavoro
      B L’infortunio in itinere
      4 Segue: La malattia professionale
      A Malattie tabellate (sistema tabellare)
      B Le malattie non tabellate
      5 Le prestazioni
      A Prestazioni sanitarie
      B Prestazioni economiche
      C Il sistema di indennizzo dell’inabilità permanente secondo il criterio del danno biologico dell’inabilità permanente
      6 La responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio e la malattia professionale
      7 L’assicurazione contro malattie e lesioni causate da raggi X e sostanze radioattive
      8 L’assicurazione contro gli infortuni domestici
      Capitolo 5: La tutela previdenziale della famiglia
      1 Origini e fondamento della tutela
      2 Gli assegni familiari
      3 L’assegno per il nucleo familiare (ANF)
      A Diritto all’ANF
      4 La riscossione dei trattamenti di famiglia
      Capitolo 6: Il trattamento di fine rapporto e la previdenza complementare
      1 Il secondo pilastro del sistema previdenziale: la previdenza complementare
      2 La disciplina del trattamento di fine rapporto (TFR)
      A Nozione e funzione
      B Il calcolo del TFR
      C Le anticipazioni sul TFR
      D L’indennità sostitutiva del TFR in caso di morte del lavoratore
      3 Il Fondo di garanzia del TFR
      4 La devoluzione del TFR alla previdenza complementare
      A Il conferimento del TFR
      B Le modalità di conferimento del TFR al fondo pensione
      C La ricaduta sul regime del TFR
      5 Il Fondo di Tesoreria
      6 La partecipazione alle forme pensionistiche complementari
      A Il rapporto contribuzione-prestazione
      B La perdita dei requisiti di partecipazione
      C La premorienza dell’aderente
      D La portabilità della posizione individuale
      E I requisiti di accesso alle prestazioni della previdenza complementare
      F La tipologia delle prestazioni
      G La morte del beneficiario della pensione complementare
      H Il regime delle anticipazioni
      Capitolo 7: L’assistenza sociale e le principali prestazioni assistenziali
      1 L’assistenza sociale
      A Nozione e fondamento giuridico
      B La struttura dell’assistenza
      C Il sistema integrato di interventi e servizi sociali
      2 Gli organi preposti all’assistenza
      3 Il sistema di finanziamento delle politiche sociali
      4 Gli indicatori della situazione economica (ISE ed ISEE)
      A La valutazione della situazione economica
      B Le prestazioni sociali agevolate
      5 Il Casellario dell’assistenza. Semplificazione dei flussi informativi
      6 Le prestazioni economiche in favore delle famiglie
      A L’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori
      B L’assegno di maternità per le donne non lavoratrici
      C L’assegno di maternità per lavori atipici e discontinui
      7 Le prestazioni economiche in favore di soggetti anziani: L’assegno sociale
      8 Le prestazioni economiche in favore degli invalidi civili
      A Il riconoscimento dell’invalidità civile
      B Le prestazioni economiche
      C Invalidi civili
      D Sordi
      E Ciechi civili
      F Sordociechi
    • • Legge di stabilità 2013 (L. 24-12-2012, n. 228)
      • Riforma Fornero del lavoro e degli ammortizzatori sociali
      • Riforma pensionistica del cd. decreto Salva Italia