Temi e Tematiche di Diritto Penale Amministrativo Costituzionale 314/3 - Edizioni Simone

Temi e Tematiche di Diritto Penale Amministrativo Costituzionale

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/v314_3.jpg

Con schemi di svolgimento e riferimenti normativi - 45 SAGGI MONOGRAFICI su potenziali tracce di attualità alla luce dei più recenti sviluppi del diritto penale, amministrativo e costituzionale

  • Anno Edizione: 2016
  • Formato: 13 x 19
  • Pagine: 528
  • Codice: 314/3
  • Isbn: 9788891409577
  • Prezzo: € 26,00
  •  

  • Acquista
  • cartaceo
  • Consigliato
    per le
    prove scritte
    di COMMISARIO
    nella POLIZIA
    di STATO
 
 

    • Il volume raccoglie un insieme ben calibrato di elaborati in materia di diritto penale, amministrativo e costituzionale in relazione alle tematiche di maggiore attualità e di più vivo interesse nelle specifiche materie.

      Questa raccolta di temi, sotto forma di brevi saggi, fornisce una panoramica precisa, esaustiva ed aggiornata dell’argomento affrontato, non tralasciando spunti critici e di riflessione; la presenza, inoltre, di schemi di trattazione e di riferimenti normativi, posti all’inizio di ciascun tema, consente la focalizzazione dei punti fondamentali da sviluppare nella elaborazione della traccia.

      Il testo, dunque, per come è concepito, si rivolge essenzialmente a coloro i quali si accingono a sostenere le prove scritte nei concorsi per Commissari nella Polizia di Stato e per coloro che hanno necessità di fare il punto su argomenti strategici nelle materie in oggetto, risultando di particolare ausilio per quanti, avendo studiato la materia sui testi istituzionali, necessitano di quel quid pluris che consenta loro di conseguire ottimi risultati nella stesura dell’elaborato.

      Si consiglia di affiancare lo studio del volume 314/1 (80 commissari polizia di Stato - Manuale) per una visione organica ed esaustiva delle materie oggetto di esame.

    • Parte Prima

      Diritto Penale

      Tema n. 1: Il candidato, premesso un cenno al concetto di punibilità, delinei la disciplina della causa di estinzione del reato della prescrizione, alla luce della sua evoluzione normativa e giurisprudenziale, per poi analizzare l’istituto della non punibilità per particolare tenuità del fatto, introdotto dal D.Lgs. 28/2015

      Tema n. 2: Il candidato, premessa un’analisi dei profili strutturali oggettivi e soggettivi delle figure codicistiche di reato aventi ad oggetto beni di provenienza illecita (ricettazione, riciclaggio e reimpiego), analizzi la figura, di recente introduzione, del c.d autoriciclaggio, anche alla luce del relativo dibattito dottrinale e giurisprudenziale

      Tema n. 3: Il candidato, dopo aver delineato le diverse fasi in cui si articola l’iter criminis, concentri la propria attenzione sul delitto tentato, nei suoi elementi strutturali, per poi valutare la compatibilità fra il tentativo e le diverse tipologie di reato, nonché il rapporto fra delitto tentato e circostanze del reato

      Tema n. 4: Premesso un cenno definitorio all’istituto del concorso formale di reati, il candidato tratti del reato continuato, soffermandosi sulla nozione di «medesimo disegno criminoso», sui rapporti col giudicato, sulla nozione di «violazione più grave» e sul fenomeno della continuazione fra reati in continuazione

      Tema n. 5: Premessa una analisi disciplinare del delitto di truffa, il candidato tratti della frode informatica comune, con particolare riferimento a quella realizzata mediante furto dell’identità digitale, nonché della frode del certificatore di firma elettronica

      Tema n. 6: Il candidato tratti dei limiti di rilevanza scusante dell’errore su legge penale, alla luce degli asserti interpretativi della giurisprudenza

      Tema n. 7: Analizzi il candidato la disciplina del sequestro di persona, dopo aver premesso un esame dei profili strutturali dei c.d. reati di durata, nelle loro diverse manifestazioni

      Tema n. 8: Premesso un esame disciplinare concernente il reato impossibile, il candidato delinei i suoi rapporti col falso penalmente rilevante

      Tema n. 9: Concorso nel reato presupposto, in particolare se di natura permanente, e favoreggiamento personale: il candidato delinei profili disciplinari e rapporti tra le due figure

      Tema n. 10: Il candidato tratti delle due tipiche configurazioni soggettive di delitto preterintenzionale, l’omicidio e l’aborto, soffermandosi sulla natura giuridica di tale profilo soggettivo, anche alla luce degli asserti interpretativi di dottrina e giurisprudenza

      Tema n. 11: Il candidato delinei i rapporti fra cooperazione colposa, concorso di cause e fatto illecito del terzo

      Tema n. 12: Premessa una puntuale analisi concernente la disciplina e la natura giuridica degli istituti del caso fortuito, della forza maggiore e del costringi mento fisico, il candidato evidenzi, altresì, i loro rapporti con i profili soggettivi della colpa e della responsabilità oggettiva, anche alla luce dei pronunciamenti della Cassazione in materia

      Tema n. 13: Il candidato analizzi la disciplina dell’eccesso nelle cause di giustificazione, soffermandosi su quello concernente la scriminante di cui all’art 53 del codice penale

      Tema n. 14: Il candidato analizzi i profili strutturali ed i presupposti applicativi della legittima difesa, soffermandosi in particolare sulla c.d. legittima difesa armata nel privato domicilio, previo un sintetico esame della disciplina generale delle cause di giustificazione e del loro fondamento politico criminale

      Tema n. 15: Premesso un esame dei profili disciplinari applicativi della scriminante dell’esercizio del diritto, di cui all’art. 51 del codice penale, il candidato tratti dei diritti di critica e di cronaca, e dei rapporti fra le due figure, anche alla luce degli asserti interpretativi della giurisprudenza della Cassazione

      Tema n. 16: Premesso un esame degli elementi strutturali del reato concorsuale, nella sua configurazione eventuale, il candidato esamini il concorso anomalo, come delineato dall’art. 116 del codice penale, con particolare riferimento al profilo soggettivo di responsabilità del concorrente nolente, per poi concentrare l’attenzione sulla responsabilità per reati connessi ma diversi rispetto a quello avuto inizialmente di mira dall’agente

      Tema n. 17: Il concorso necessario di persone nel reato, in due delle sue configurazioni, l’associazione per delinquere comune e di stampo mafioso: il candidato analizzi la disciplina oggettiva e soggettiva delle due figure criminose, quella comune e quella speciale, per poi esaminare l’excursus interpretativo concernente la possibilità di ammettere un concorso eventuale (c.d. esterno) innestato in tipiche figure criminose a concorso necessario

      Tema n. 18: Il candidato analizzi l’oltraggio a pubblico ufficiale alla luce della sua evoluzione normativa, e la disciplina applicabile secondo i principi generali in materia di successione di leggi penali nel tempo, nonché la eventuale scriminabilità della condotta, in presenza di atti arbitrari del pubblico ufficiale oltraggiato

      Tema n. 19: Premesso un puntuale esame dei presupposti applicativi e dei profili disciplinari del consenso con efficacia scriminante, di cui all’art. 50 del codice penale, il candidato si soffermi sulla sua rilevanza nei delitti di falso e nell’omicidio del consenziente, di cui all’art. 579 del codice penale

      Tema n. 20: Norma penale in bianco ed elementi normativi: il candidato, dopo aver analizzato le relative nozioni, tratti delle conseguenze derivanti dalla successione di leggi ed atti amministrativi finalizzati ad integrare la norma in bianco

      Tema n. 21: Associazione per delinquere, arruolamento ed addestramento finalizzati ad attività terroristiche: il candidato delinei la struttura oggettiva e soggettiva, alla luce della loro evoluzione normativa, con particolare riferimento ai correttivi disciplinari dovuti al c.d. decreto antiterrorismo 2015

      Tema n. 22: Il candidato, premesso un cenno alle linee-guida su cui si fonda la riforma dei reati di pedofilia di cui alla legge 269 del 1998, analizzi la struttura oggettiva e soggettiva dei delitti di prostituzione minorile, pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico, anche alla luce della loro evoluzione normativa ed interpretativa

      Tema n. 23: Premesso un cenno ai caratteri della riforma dei reati ambientali, di cui alla L. 68 del 2015, il candidato analizzi le quattro principali fattispecie di nuova introduzione: l’inquinamento ambientale, la morte o le lesioni conseguenti a tale delitto, il disastro ambientale ed il traffico di materiali radioattivi

      Tema n. 24: Premesso un cenno alla nozione ed alla funzione delle c.d. circostanze attenuanti generiche, il candidato ne analizzi i profili disciplinari, con particolare riferimento alla loro applicabilità ai recidivi alla luce della cd. «ex Cirielli» e delle censure della Corte Costituzionale, nonché al rilievo dell’incensuratezza del condannato, dopo il cd. «decreto sicurezza» del 2008

      Tema n. 25: Premesso un cenno al concetto di pubblica incolumità, fondante le fattispecie del relativo Titolo codicistico, nonché alla nozione di reato di pericolo, il candidato analizzi il delitto di attentato alla sicurezza degli impianti di energia elettrica, per poi esaminare la neointrodotta fattispecie di attentato alla sicurezza delle installazioni nucleari, dopo aver esplicato in sintesi la normativa sovranazionale fondante tale novità disciplinare

      Parte Seconda

      Diritto Amministrativo

      Tema n. 1: Il principio delle pari opportunità sui luoghi di lavoro tra norme costituzionali, nazionali ed europee: si soffermi, in particolare, il candidato sul ruolo delle amministrazioni pubbliche nella promozione di tale fondamentale principio

      Tema n. 2: Premessi brevi cenni sulle autorizzazioni amministrative, si soffermi il candidato sulle autorizzazioni di polizia e sul loro regime giuridico

      Tema n. 3: Dopo aver chiarito la funzione della motivazione del provvedimento amministrativo, ne esamini il candidato il regime giuridico

      Tema n. 4: Premessi brevi cenni sul principio di partecipazione al procedimento amministrativo e sul confronto dialettico tra amministrazione e privati, tratti il candidato della figura del responsabile del procedimento, soffermandosi sui compiti di questo e sulle diverse responsabilità che ne derivano

      Tema n. 5: Individuati i casi in cui, nell’ambito di un procedimento amministrativo, la P.A. ha l’obbligo di provvedere, tratti il candidato della disciplina generale in tema di tempistiche procedimentali, nonché delle conseguenze dell’inadempimento, dei rimedi esperibili e dell’eventuale risarcimento del danno

      Tema n. 6: Premessi brevi cenni sulla patologia del provvedimento amministrativo, tratti il candidato della nullità, con particolare riferimento alla disciplina processualistica della stessa

      Tema n. 7: I «nuovi» capisaldi dell’azione amministrativa: legalità, trasparenza e anticorruzione. Si soffermi il candidato sulla particolare connotazione che tali principi assumono in materia di contratti pubblici

      Tema n. 8: Tratti il candidato degli strumenti deflativi del contenzioso amministrativo, con particolare riguardo all’istituto del preavviso di rigetto

      Tema n. 9: Dopo avere inquadrato il sistema dei doveri del pubblico dipendente, anche alla luce del Codice di comportamento di cui al D.P.R. 16-4-2013, n 62, passi il candidato all’analisi delle responsabilità in cui quest’ultimo può incorrere e si soffermi, in particolare, sulla responsabilità disciplinare

      Tema n. 10: Partendo dal principio di trasparenza, esamini il candidato il diritto di accesso ai documenti amministrativi di cui alla legge sul procedimento amministrativo, evidenziando le differenze che intercorrono con l’accesso civico, contemplato dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, cd. Testo Unico per la trasparenza nelle pubbliche amministrazioni

      Tema n. 11: Il principio dell’effettività della tutela. Tratti il candidato delle azioni esperibili dal privato innanzi al giudice amministrativo a tutela delle proprie ragioni

      Tema n. 12: Dopo avere inquadrato il concetto di «ordinanza», si soffermi il candidato sulle caratteristiche delle ordinanze di necessità ed urgenza, facendo espresso riferimento alla relativa disciplina in materia di pubblica sicurezza

      Tema n. 13: Dopo aver illustrato il rapporto intercorrente tra lo Stato e le Regioni alla luce del Titolo V della Costituzione, si soffermi il candidato sulle intese, quali strumenti di collaborazione interistituzionale

      Tema n. 14: Premessa la nozione di danno ambientale e l’ambito di applicazione della relativa disciplina contenuta nel Codice Ambiente (D.Lgs. 152/2006), si soffermi il candidato sull’ipotesi di risarcimento del danno ambientale attraverso l’ordinanza ministeriale di ripristino ambientale

      Tema n. 15: Tratti il candidato delle libertà costituzionalmente garantite di riunione e associazione, con specifico riferimento alle disposizioni relative all’ordine pubblico e alla pubblica incolumità di cui al T.U.L.P.S

      Parte terza

      Diritto costituzionale

      Tema n. 1: Dopo una panoramica generale sui diritti e le libertà inviolabili dell’individuo sanciti dalla Costituzione, inquadri il candidato il fondamento costituzionale e la natura giuridica della libertà personale

      Tema n. 2: Premessi brevi cenni sulla libertà e segretezza della corrispondenza e di ogni forma di comunicazione privata tratti il candidato la disciplina delle intercettazioni

      Tema n. 3: Tratti il candidato il diritto alla libertà di circolazione e soggiorno, evidenziando le applicazioni legislative del dettato costituzionale

      Tema n. 4: Dopo aver trattato i caratteri della libertà di associazione, tratti il candidato i divieti sanciti dalla Costituzione e dalla legislazione ordinaria

      Tema n. 5: Premessi brevi cenni sulla libertà di manifestazione del pensiero, tratti il candidato della libertà di stampa e degli istituti predisposti a sua tutela dal legislatore