Scuola dell'infanzia e Scuola primaria per il Concorso a Cattedra 2016 526/A - Edizioni Simone

Scuola dell'infanzia e Scuola primaria per il Concorso a Cattedra 2016

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/v526_a.jpg

Concorso docenti - Manuale completo per la prova scritta e orale • Conoscenze e competenze pedagogiche, didattiche e professionali • Quesiti a risposta aperta • Quesiti in lingua inglese per la prova scritta • Indicazioni nazionali per il curricolo e saperi - CON ESPANSIONI ON LINE

  • Anno Edizione: 2016
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 496
  • Codice: 526/A
  • Isbn: 9788891409423
  • Prezzo: € 34,00€
  • Prezzo Scontato: € 28,90
  • Disponibile anche in formato ebook

  • Isbn ePub: 9788824425711
  • Prezzo ePub: € 13,99
  •  

  • Disponibile anche in libreria
  • ATTENZIONE
    Gli acquisti multipli,
    verranno evasi con
    un'UNICA SPEDIZIONE
 
 
  • Gli ebook sono consultabili su computer, tablet e smartphone Apple e Android, e-reader ed altri dispositivi compatibili con il drm Adobe, ma non sono stampabili (salvo quando diversamente indicato). Per le informazioni sugli ebook, consulta la guida.

  • Rivolto ai candidati al concorso scuola dell’infanzia e primaria, il manuale offre un’ampia ed esaustiva trattazione del programma d’esame, con puntuali rimandi alla pratica didattica.
    L’obiettivo è proporre nozioni teoriche che non restino scollate dalla prassi, ma che, al contrario, possano trovare immediato riscontro nei progetti elaborati dai docenti e portati in classe nel quotidiano esercizio della professione.

    Il volume è articolato in tre parti:

    − la Prima, Bambini, famiglie e contesti di sviluppo e apprendimento, analizza i presupposti teorici del processo educativo, la psicologia dell’età evolutiva, l’igiene e la sicurezza scolastica, la cultura delle pari opportunità, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione e la didattica inclusiva, con una trattazione teorica arricchita da spunti didattici e modelli di schede operative utili alla rilevazione dei BES;

    − la Seconda, La scuola dell’infanzia: identità, funzioni e compiti, è dedicata alla scuola dell’infanzia, con un’analisi critica e comparativa delle Indicazioni nazionali per il curricolo, approfondimenti didattici, progetti svolti relativi ai campi di esperienza;

    − la Terza, La scuola primaria: funzioni, contesti, strategie educative e didattiche, si rivolge agli aspiranti docenti della scuola primaria, ai quali vengono offerti un’ampia analisi delle Indicazioni nazionali per il curricolo, spunti didattici per attività orientate all’inclusione degli alunni con BES, indicazioni utili alla progettazione e alla valutazione didattica, modelli operativi.

    In vista della preparazione alla prova scritta del concorso, le Parti sulla scuola dell’infanzia e primaria sono corredate di un’ampia serie di domande per la prova scritta; una quarta parte del volume, inoltre, è interamente dedicata ad esempi di domande in Inglese.
    Il testo è aggiornato alle più recenti indicazioni della “Buona scuola” (Legge 107/2015), agli orientamenti per l’elaborazione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa (11/12/2015) e all’ultima edizione del DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) per la classificazione delle più comuni problematiche psicopatologiche dell’età evolutiva.

    Elementi caratterizzanti il manuale sono:
    la lettura e l’analisi critica delle Indicazioni nazionali per il curricolo;
    i numerosi esempi di attività didattiche svolte che corredano, in maniera puntuale, la trattazione teorica, in modo da non perdere di vista la continuità esistente tra i modelli e le prassi in ambito didattico;
    — i preziosi suggerimenti e spunti operativi per la rilevazione dei BES e la stesura di un Piano Didattico Personalizzato per quegli alunni in svantaggio che non hanno diritto al sostegno didattico.
    La Riforma della Buona scuola è in evoluzione e si attendono ora numerosi decreti attuativi che potrebbero stravolgere l’impianto normativo attuale. Di queste novità daremo conto con schede di aggiornamento scaricabili nell’area web riservata e accessibile tramite il QR Code in calce a questo volume. Sempre nell’area riservata è disponibile una sitografia di link utili, così come richiesto nelle Avvertenze generali.

  • Parte I

    Bambini, famiglie e contesti di sviluppo e apprendi mento

    Capitolo 1: Lo sviluppo cognitivo, affettivo e sociale del bambino

    1. La psicologia dello sviluppo

    1.1 Modelli teorici e clinici

    1.2 Strutture del processo evolutivo

    1.3 Le origini della psicologia dello sviluppo

    2. La teoria dello sviluppo cognitivo di Piaget

    2.1 L’epistemologia genetica

    2.2 Elementi dello sviluppo

    3. Ambiente e sviluppo secondo Vygotskij

    4. La teoria di Bruner

    5. Sociocostruttivismo e apprendimento

    5.1 Apprendimento di gruppo e strategie

    5.2 Le dimensioni dell’interazione sociale di Doise

    6. Le teorie psicoanalitiche dello sviluppo

    6.1 L’approccio psicoanalitico di Freud

    6.2 Anna Freud

    6.3 Lo sviluppo psico-sociale di Erikson

    6.4 Melanie Klein

    6.5 Winnicott: dalla psicoanalisi infantile al concetto di Sé

    6.6 Heinz Kohut

    7. La teoria dell’attaccamento di Bowlby

    Capitolo 2: Sviluppo psicofisico, igiene e benessere

    1. Sviluppo fisico e motorio

    2. I riflessi e le abilità

    3. L’egocentrismo infantile: Piaget e Vygotskij

    4. Vygotskij e lo sviluppo cognitivo

    5. Attività grafico-pittoriche e drammatizzazione

    6. Bambini e bambine in difficoltà: i disturbi dell’età evolutiva

    6.1 Dal ritardo mentale alla disabilità intellettiva

    6.2 I disturbi dell’apprendimento

    6.3 Disturbi della comunicazione, cognitivi e motori

    6.4 Disturbi del neurosviluppo

    6.5 Disturbi da deficit di attenzione e iperattività

    6.6 Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione

    6.7 Disturbi del movimento e dell’evacuazione

    6.8 Altri disturbi dell’infanzia, della fanciullezza e dell’adolescenza

    7. Bisogni educativi speciali e inclusione

    7.1 Modalità e strategie di individuazione e intervento

    7.2 Modello di scheda per la rilevazione dei BES

    8. La tutela della salute

    9. Il concetto di educazione sanitaria

    10. Nozioni di igiene

    11. Igiene della scuola

    12. Educazione alla salute a scuola

    13. Educazione alimentare

    13.1 Educazione ambientale e sviluppo sostenibile

    14. L’igiene dell’ambiente scolastico

    15. L’edilizia scolastica [Espansione web]

    Capitolo 3: L’educazione come comunicazione intersoggettiva

    1. I bambini e la società contemporanea

    2. Il rapporto tra scuola ed extra-scuola

    2.1 Il ruolo della famiglia

    2.2 La funzione della scuola

    2.3 Il ruolo della città e del territorio

    2.4 Le ricadute sulla formazione

    3. Il contesto ambientale

    4. Le professioni educative

    4.1 La professionalità docente

    4.2 L‘insegnante riflessivo

    5. La comunicazione intersoggettiva (docente-allievo)

    Capitolo 4: intelligenza, apprendi mento e relazione educativa

    1. Pensiero, intelligenza e identità

    1.1 Come pensiamo

    1.2 Il ragionamento: elementi e strategie

    1.3 L’intelligenza e le sue forme

    1.4 L’intelligenza emotiva di Goleman

    2. Il mastery learning

    3. Il modello del cooperative learning

    4. Motivazione e curiosità

    5. Neuroscienze e apprendimento

    5.1 L’analogia mente-cervello

    5.2 I neuroni specchio e gli studi Rizzolatti

    6. La relazione educativa

    6.1 La capacità relazionale dell’uomo: Watzlawick e Bauman

    6.2 L’approccio sistemico

    6.3 Il pensiero complesso teorizzato da Morin

    6.4 La creatività

    6.5 Il «pensiero laterale» e il «pensiero verticale»

    6.6 Il «pensiero convergente» e il «pensiero divergente»

    7. Modelli educativi e strategie di relazione

    7.1 Caratteristiche della relazione educativa

    7.2 La relazione insegnante-allievo

    7.3 L’insegnante riflessivo

    7.4 Gli obiettivi educativi di Bloom

    7.5 Carl Rogers e la prospettiva umanista

    Capitolo 5: La relazione scuola-famiglia e le agenzie educative

    1. La scuola come agenzia di socializzazione

    2. La famiglia e i suoi modelli educativi

    3. I rapporti tra genitori e insegnanti

    4. Il partenariato tra scuola e famiglia

    5. Scuola e rapporti tra «pari»

    5.1 Il metodo peer to peer

    Capitolo 6: Una scuola che orienta

    1. La funzione orientativa della scuola di base

    2. Obiettivi dell’orientamento

    2.1 Potenziare la capacità di scegliere

    2.2 Contrastare la dispersione scolastica

    2.3 Contrastare il bullismo

    Capitolo 7: Educazione, Cittadinanza, intercultura

    1. Scuola ed educazione nella Costituzione italiana

    1.1 Costituzione e organizzazione statale

    1.2 Costituzione e ordinamento familiare

    2. Diritti dei bambini e delle bambine nelle carte internazionali

    2.1 Conoscenza delle Dichiarazioni e della Convenzione di Ginevra del 1924

    2.2 Dichiarazione dei diritti del bambino dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1959

    2.3 Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia

    3. L’intercultura nella scuola italiana

    4. Valorizzazione delle diversità e convivenza democratica

    Capitolo 8: Identità di genere e cultura delle pari opportunità

    1. La pedagogia di genere

    2. La costruzione dell’identità personale

    3. La costruzione dell’identità di genere

    4. Uguaglianza e diversità

    5. La didattica di genere

    Capitolo 9: Bambini e uso strategico delle tecnologie

    1. Le generazioni digitali

    1.1 Il coding

    2. Imparare con i media

    3. La didattica multimediale

    3.1 Scuola e televisione

    3.2 Media e sviluppo cognitivo

    3.3 Media come ambienti del sapere

    4. Imparare attraverso canali plurisensoriali

    Capitolo 10: La Scuola digitale

    1. La diffusione delle tecnologie informatiche nella scuola

    2. La didattica multimediale

    3. Lo sviluppo professionale del personale scolastico

    4. Le strategie di documentazione

    5. La reticolarità della comunicazione multimediale

    6. I servizi per gli utenti

    7. La diffusione della LIM in Italia

    8. La comunicazione efficace con gli strumenti digitali e le ICT

    9. In classe con la LIM: proposte di attività didattiche

    9.1 LIM e quiz interattivi

    9.2 LIM e video digitali

    9.3 Il podcast in classe con la LIM

    10. Una lezione in classe con la lim

    10.1 Premessa

    10.2 Operazioni preliminari a una lezione con la LIM

    10.3 Una semplice lezione con la LIM

    10.4 Una lezione con la LIM con l’uso di strumenti avanzati

    Capitolo 11: L’autonomia, il P.T.O.F. e la progettazione curricolare

    1. Le tappe dell’autonomia

    2. L’autonomia e l’offerta formativa

    3. La progettazione curricolare

    Capitolo 12: La dimensione europea dell’educazione e la cura dell’infanzia

    1. L’educazione in Europa: la Strategia di Lisbona

    2. Europa e istruzione: una storia recente

    3. L’istruzione dopo il Trattato di Lisbona

    4. La cultura

    5. Dimensione europea dell’educazione: i percorsi possibili

    6. Educazione e cooperazione

    7. L’educazione permanente

    8. Il quadro strategico per la cooperazione nel settore dell’istruzione e della formazione

    9. Il rapporto Eurydice

    Parte : II

    La scuola dell’infanzia: Identità , funzioni e compiti

    Capitolo 1: Pedagogia e storia della scuola dell’infanzia in Itali a

    1. La scuola materna statale

    1.1 L’impianto normativo

    1.2 L’impianto pedagogico

    2. La scuola materna non statale

    2.1 Il sistema nazionale di istruzione costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie,

    private e degli enti locali

    3. Dalla scuola materna alla scuola dell’infanzia

    3.1 La scuola materna statale e gli Orientamenti del 1969

    3.2 Gli Orientamenti del 1991

    4. Le Indicazioni nazionali

    4.1 L’avvio della riforma del sistema scolastico: la L. 28 marzo 2003, n. 53

    5. Le norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione

    5.1 Il D.M. 16 novembre 2012, n. 254

    6. La scuola dell’infanzia in attesa del sistema integrato di educazione e di istruzione

    dalla nascita ai sei anni

    6.1 Le tappe per la realizzazione del sistema integrato

    6.2 Bambini anticipatari e servizi prescolari

    Capitolo 2: analisi critica delle indicazioni nazionali (2004, 2007, 2012)

    1. Indicazioni nazionali per i piani personalizzati delle attività educative nella scuola

    dell’infanzia

    1.1 Obiettivi generali del processo formativo

    1.2 Obiettivi specifici di apprendimento

    1.3 Obiettivi formativi e piani personalizzati delle attività educative

    2. Dai piani personalizzati delle attività educative alle indicazioni per il curricolo

    2.1 Finalità generali

    2.2 Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia 2012

    3. I campi di esperienza

    3.1 Il sé e l’altro

    3.2 Il corpo e il movimento

    3.3 Immagini, suoni, colori

    3.4 I discorsi e le parole

    3.5 La conoscenza del mondo

    4. Una lettura comparativa

    4.1 Le Indicazioni del 2012

    Capitolo 3: Una scuola che accoglie

    1. Un ambiente integrato e che promuove le potenzialità dei bambini

    2. La continuità verticale

    2.1 L’accoglienza: continuità con le istituzioni che precedono (nido) e seguono (scuola primaria)

    3. Continuità orizzontale

    3.1 Continuità con la famiglia

    3.2 Continuità con il territorio

    4. L’accoglienza: l’intercultura

    Capitolo 4: Una scuola inclusiva

    1. Il percorso dell’inclusione

    1.1 Gli anni Sessanta e i primi anni Settanta: scuole speciali e classi differenziali

    1.2 Dalla seconda metà degli anni Settanta al 2000: dall’esclusione all’inserimento/integrazione

    1.3 La Legge 104/1992

    1.4 I docenti di sostegno

    1.5 Il Piano Educativo Individualizzato

    2. Dai primi anni 2000 ad oggi: la scuola delle diversità

    2.1 Il modello ICF e la diagnosi funzionale

    3. La comunità scolastica e l’inclusione

    4. I disturbi specifici di apprendimento

    4.1 Diagnosi di DSA

    4.2 Piano Didattico Personalizzato (PDP)

    5. I bisogni educativi speciali

    6. Una scuola inclusiva: un esempio

    Capitolo 5: Una scuola che progetta

    1. La progettazione curricolare e Il piano Triennale dell’offerta formativa

    2. L’autonomia educativa della scuola dell’infanzia: contesto di vita, di relazioni, di apprendimento

    3. Il curricolo «implicito» nella scuola dell’infanzia

    4. I campi di esperienza

    5. L’osservazione sistematica

    6. La valutazione e la documentazione

    7. La progettazione nei campi di esperienza

    7.1 Campo di esperienza: Il sé e l’altro

    7.2 Il progetto: Una scuola grande come il mondo

    7.3 Il progetto: La storia di Cipì

    7.4 Campo di esperienza: Il corpo e il movimento

    7.5 Il progetto: Caccia al tesoro

    7.6 Campo di esperienza: Immagini, suoni, colori

    7.7 Campo di esperienza: I discorsi e le parole

    7.8 Progetto: Il viaggio delle parole: dalla parola pronunciata alla parola scritta

    8. Campo di esperienza: La conoscenza del mondo

    8.1 Il progetto: Una proposta di tipo narrativo per l’apprendimento di concetti scientifici di base

    9. La lingua straniera: l’inglese

    9.1 Progetto lingua inglese

    10. Strategie di progettazione

    10.1 Programmazione per obiettivi

    10.2 Progettare con progetti

    10.3 Progettare per concetti

    10.4 Progettare con sfondo integratore

    10.5 La postprogrammazione

    Capitolo 6: Una scuola che ricerca

    1. La ricerca

    2. La ricerca-azione

    3. Un’esperienza di ricerca-azione

    3.1 Il contesto

    3.2 Il problema

    3.3 La fase operativa

    3.4 Riferimenti teorici

    Capitolo 7: una scuola che riflette

    1. La relazione e la cura educativa nel pensiero di una pedagogista

    2. Gli insegnanti riflettono: la relazione e la cura educativa a scuola

    2.1 Organizzare i tempi

    2.2 Organizzare gli spazi

    3. L’accoglienza come stile educativo

    Capitolo 8: Una scuola che valuta

    1. Valutazione e autovalutazione delle scuole

    1.1 La Carta dei servizi, il progetto educativo d’istituto e il regolamento d’istituto

    1.2 L’autonomia funzionale delle scuole

    2. Il rapporto di autovalutazione (rav )

    2.1 La scala Sovasi

    Capitolo 9: La cultura pedagogica della scuola dell’infanzia nei diversi metodi e approcci

    1. Cattolicesimo e scuola popolare

    1.1 Gli asili di Aporti

    1.2 L’oratorio di don Bosco

    2. L’attivismo pedagogico e le «scuole nuove»

    2.1 Ferriere e le «scuole nuove»

    2.2 Il metodo globale di Ovide Decroly

    2.3 L’educazione funzionale di Edouard Claparède

    2.4 L’attivismo di John Dewey

    3. La svolta di Maria Montessori

    3.1 Le origini del metodo

    3.2 Gli spazi «a misura» di bambino

    3.3 L’educazione sensoriale

    4. Il metodo delle sorelle Agazzi

    5. Cento linguaggi del bambino: la scuola dell’infanzia di Reggio Emilia

    Capitolo 10: Una scuola trasparente e in costante evoluzione

    1. Il piano triennale dell’offerta formativa

    2. Il portale unico dei dati della scuola

    3. Una scuola aperta e in relazione con il territorio

    4. Il docente nella scuola della trasparenza

    4.1 La formazione dei docenti

    4.2 Il periodo di formazione e di prova

    4.3 Il docente-tutor

    4.4 La formazione continua: la Carta elettronica

    4.5 Il bonus per la valorizzazione del merito del personale docente

    4.6 Comitato per la valutazione degli insegnanti

    5. Il dirigente scolastico nella scuola della trasparenza

    5.1 Proposte di incarico ai docenti

    5.2 La valutazione del dirigente

    Quesiti a risposta aperta

    Parte III

    La scuola primaria:

    Funzioni, contesti , strategie educative e didatti che

    Capitolo 1: La scuola primaria tra passato e futuro

    1. Il primo ciclo dell’istruzione

    2. La storia della scuola elementare dal xix secolo al secondo dopoguerra

    2.1 La legge Casati

    2.2 La legge Coppino

    2.3 La legge Daneo-Credaro

    2.4 Il fascismo e la legge Gentile

    2.5 La Carta della scuola

    3. La scuola democratica

    3.1 I decreti delegati

    3.2 Dai Programmi alle Indicazioni nazionali per il curricolo

    3.3 Le Indicazioni del 2007 e del 2012

    4. Il decentramento amministrativo e i rapporti inter-istituzionali

    5. La L. 107/2015 e il rapporto di autovalutazione delle scuole

    6. L’autonomia scolastica e il Piano Triennale dell’Offerta Formativa

    Capitolo 2: La scuola delle competenze

    1. La formazione continua

    2. Definizione di competenza

    3. Le competenze chiave europee

    3.1 Il Lifelong learning

    3.2 Una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

    3.3 Definizioni del Quadro europeo delle qualifiche

    4. Competenze chiave nella scuola del primo ciclo

    4.1 Le competenze nelle nuove Indicazioni nazionali

    4.2 Gli obiettivi di apprendimento

    4.3 La valutazione degli apprendimenti

    5. Le competenze trasversali

    Capitolo 3: Gli alunni della scuola primaria

    1. Lo sviluppo intellettivo nella preadolescenza

    2. Lo sviluppo corporeo

    2.1 Ereditarietà e ambiente

    2.2 Le leggi dell’accrescimento

    2.3 La classificazione di Stratz

    3. Lo sviluppo dell’identità personale

    3.1 Gioco e sviluppo cognitivo

    3.2 L’identità di genere

    Capitolo 4: La continuità educativa

    1. Finalità del primo ciclo dell’istruzione

    2. Lavorare sul curricolo in verticale

    2.1 Gli Istituti comprensivi

    3. Il diritto di ogni alunno a costruire il proprio percorso

    4. I piani di intervento per la continuità

    4.1 Armonizzazione delle strategie metodologiche e degli stili educativi

    4.2 Coordinamento dei sistemi di verifica e valutazione

    5. Continuità scuola territorio

    Capitolo 5: La scuola primaria nelle indicazioni nazionali per il primo ciclo

    1. L’impianto curricolare della scuola primaria

    1.1 Dai programmi alle Indicazioni nazionali

    2. Commento alle Indicazioni nazionali

    [Espansione web] Indicazioni nazionali per il curricolo dell’infanzia e del primo ciclo

    di istruzione

    Capitolo 6: La flessibilità organizzativa, programmazione e valutazione

    1. Tempo normale e tempo pieno

    2. Flessibilità didattica e programmazione

    2.1 Le fasi della programmazione didattica

    3. La valutazione

    4. La valutazione nella normativa scolastica

    5. Le fasi della valutazione

    5.1 La verifica

    5.2 La valutazione formativa

    5.3 La valutazione sommativa

    5.4 La valutazione degli alunni stranieri

    5.5 La valutazione degli allievi disabili

    5.6 La valutazione degli alunni con pdp

    5.7 Piano didattico personalizzato per la scuola primaria

    6. La valutazione nel sistema scuola

    7. Il sistema nazionale di valutazione (SNV)

    7.1 Il rapporto di autovalutazione (rav )

    8. Invalsi e prove invalsi

    8.1 Prove invalsi – alunni con bes

    Capitolo 7: Unitarietà dell’insegnamento e scelte didattiche

    1. La frammentazione dei saperi disciplinari

    2. L’insegnamento trasversale

    3. Lavorare per progetti

    4. Progettare insieme nella scuola dell’autonomia

    4.1 Elaborare un progetto

    4.2 Fasi della progettazione

    4.3 Programmazione quantitativa

    4.4 Punti di forza e debolezze del PEI

    5. Gli ambiti disciplinari nella scuola primaria

    6. L’insegnante unico e le scelte di metodo

    Capitolo 8: Organizzazione dell’apprendimento e lavoro in team

    1. Insegnare e apprendere in team

    2. Le reti di scuole

    3. Il leader e il team

    3.1 Dal gruppo di individui al team

    4. Il problem solving

    4.1 Il processo

    Capitolo 9: Curricolo e saperi dell’area linguistica

    1. Italiano

    1.1 L’approccio comunicativo

    1.2 Le unità di apprendimento

    1.3 La scelta del materiale

    1.4 Lo spazio comunicativo

    1.5 Le abilità linguistiche

    1.6 Tecniche per lo sviluppo delle abilità di base

    2. Insegnare italiano nella scuola multietnica

    2.1 Metodi e tecniche

    3. Esempi di progetti in lingua italiana

    4. Lingua inglese e seconda lingua comunitaria

    4.1 La scelta del modello linguistico

    5. Aspetti socio-psico-pedagogici del bilinguismo in età evolutiva di Lorena Pirani

    5.1 Che cos’è il bilinguismo

    5.2 Classificazioni del bilinguismo

    5.3 Bilinguismo amministrativo

    5.4 Bilinguismo e interferenza linguistica

    5.5 Aspetti socio-psico-pedagogici

    5.6 Bilinguismo e acquisizione del linguaggio

    6. Lingue e culture straniere a scuola

    7. Il ClIL: una lingua veicolare per l’apprendimento

    7.1 Cittadinanza europea e conoscenza delle lingue

    7.2 Il Content and Language Integrated Learning (CLIL)

    Capitolo 10: Asse storico-geografico e della cittadinanza

    1. Storia

    2. Geografia

    3. Cittadinanza e costituzione

    Capitolo 11: Asse scientifico-tecnico

    1. L’educazione logico-matematica

    2. Scienze

    3. Tecnologia

    Capitolo 12: Asse dei linguaggi non verbali

    1. Arte, immagine e musica

    2. Educazione fisica

    2.1 Il progetto Sport di classe

    Capitolo 13: Gli apprendimenti degli studenti : il quadro valutativo nazionale

    1. Il servizio nazionale di valutazione

    2. Quadro di riferimento per l’italiano

    2.1 La competenza di lettura

    2.2 Le prove

    3. Quadro di riferimento per la matematica

    3.1 La competenza matematica

    3.2 I contenuti matematici

    3.3 Caratteristiche generali delle prove ed esiti finali

    [Espansione web] Esempi di prove Invalsi

    Quesiti a risposta aperta

    Parte IV

    Test a risposta aperta in lingua inglese

    Questions

    Solutions