Codice Penale (C3) Annotato con la Giurisprudenza + Appendice di aggiornamento novembre 2016 C201 - Edizioni Simone

Codice Penale (C3) Annotato con la Giurisprudenza + Appendice di aggiornamento novembre 2016

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vc201.jpg

Con Appendice di aggiornamento Novembre 2016 ai Codici Civile e Penale

A cura di Sergio Beltrani, Raffaele Marino, Rossana Petrucci

  • Anno Edizione: 2016
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 2480 + 112
  • Codice: C201
  • Isbn: 9788891412379
  • Supporto:
  • Prezzo: € 85,00€
  • Prezzo Scontato: € 64,00
  •  

    • Acquista
    • cartaceo
    • *nel CD-Rom: la giurisprudenza del codice sostanziale e di procedura
    • N.B. Offerta non cumulabile con altre iniziative promozionali in corso
     
     

      • Nel tentativo di porre un argine, se non un rimedio definitivo, allo straripante arretrato che si accumula negli uffici giudiziari italiani, causa prima della lentezza dei processi, che determina una sostanziale giustizia negata per tutti gli attori del processo (imputati e parti offese), in attuazione della delega legislativa, il Governo ha emanato due decreti, impropriamente definiti di depenalizzazione; il D.Lgs. 15 gennaio 2016, n. 7 (Disposizioni in materia di abrogazione di reati e introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili) e il D.Lgs. 15 gennaio 2016, n. 8 (Disposizioni in materia di depenalizzazione) che per quanto riguarda il codice penale hanno sia abrogato sia depenalizzato numerose ipotesi di reato.

        Per porre un freno alle continue morti da incidente stradale è stato, invece, introdotto con L. 23 marzo 2016, n. 41, il reato di omicidio stradale e quello di lesioni personali stradali, con un significativo inasprimento delle sanzioni.

        Recentissimi, poi, sono i provvedimenti per la protezione dell’euro dalla falsificazione (D.Lgs. 21-6-2016, n. 125), l’introduzione del reato di frode in processo e depistaggio (L. 11-7-2016, n. 133) nonché le nuove norme per contrastare il terrorismo (L. 28-7-2016, n. 153).

        Queste ed altre rilevanti novità hanno reso necessaria una nuova edizione del Codice Penale Commentato con la giurisprudenza che costituisce, dunque, un insostituibile strumento di aggiornamento sulla evoluzione normativa e giurisprudenziale delle disposizioni del codice penale.

        Anche in questa edizione, infatti, si è proceduto ad una costante opera di riorganizzazione del dato giurisprudenziale attraverso una capillare suddivisione dei sommari e dei relativi paragrafi riportati in calce agli articoli di riferimento.

        Grazie a questa «sistematica» diventa estremamente agevole il reperimento della massima più aderente al caso concreto ed è possibile ricostruire tutti gli elementi delle fattispecie astratte previste dal codice penale.

        La scelta, poi, di caratteri, impaginazione e stili più leggibili esalta l’integrale riorganizzazione del lavoro, che ha riguardato anche la evidenziazione dei percorsi di lettura mediante il sapiente utilizzo del «grassetto» e del «corsivo».

        L’Opera si distingue anche per una capillare e completa rivisitazione ed aggiornamento del corredo di note poste in calce ai singoli articoli del codice vigente ove viene effettuato un continuo lavoro non solo di adeguamento del testo normativo alle riforme, ma anche e soprattutto un rinvio alle norme complementari che in vario modo si richiamano al testo del codice penale vuoi per affinità di materia, vuoi per rinvii espliciti quoad poenam, vuoi per applicabilità degli istituti processuali e/o sostanziali.

        Come nelle precedenti edizioni, infine, in calce ad ogni reato sono stati indicati gli istituti processuali applicabili.

        La lettura dell’indice cronologico dà la misura degli aggiornamenti riportati, anche se punto di forza dell’opera resta l’articolato indice analitico-alfabetico, integrato dalle voci tratte dal dato giurisprudenziale così inteso quale strumento essenziale per la ricerca sia del dato normativo sia delle pronunce più significative espresse dalla Corte di cassazione.