La Costituzione Esplicata minor E5/A - Edizioni Simone

La Costituzione Esplicata minor

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/ve5_a.jpg

Commento articolo per articolo Dopo il Referendum del 4/12/2016

Autori

  • Anno Edizione: 2017
  • Edizione: VII
  • Formato: 13 x 19
  • Pagine: 256
  • Codice: E5/A
  • Isbn: 9788891412089
  • Prezzo: € 10,00
  •  

    • Acquista
    • cartaceo
     
     

      • L’unico vero vincitore del referendum del 4 dicembre è la Costituzione Repubblicana!

        Il popolo sovrano, già «scippato» dalle leggi elettorali della propria sovranità (sancita indelebilmente dall’art. 1), chiamato ad esprimersi sulla legge di riforma, ha votato no al maldestro e confuso tentativo di revisione costituzionale.

        La rottamazione della nostra Carta fondamentale è fallita!

        Non sono serviti, dunque, i reiterati tentativi di convincere gli elettori anche facendo leva su una scheda fuorviante e di parte.

        Gli elettori più attenti non sono caduti nella trappola!

        Nemmeno una pressione mediatica che ha sfruttato tutti i mezzi possibili (tradizionali, come la creazione di circoli, incontri e comizi ed avanzati, anche ricorrendo all’ausilio di grandi guru internazionali) non ha dato gli esiti sperati.

        La manovra a tutto campo del leader, che ha trasformato il referendum in un plebiscito su se stesso, non ha incoronato un nuovo re!

        Al contrario, ha risvegliato nel popolo il patriottismo costituzionale che ha fatto stringere intorno alla Costituzione, faro della nostra tradizione democratica, la maggior parte dei cittadini mettendo da parte le loro ideologie.

        Ha vinto un’opposizione, silenziosa ma partecipativa che, malgrado l’impari lotta contro il governo, ha sommerso il leader con una valanga di no che gli ha fatto perdere la scommessa riformatrice!

        Oggi, dunque, si apre una crisi di difficile lettura.

        Auspichiamo che il Presidente della Repubblica (finora asettico rispetto a qualsiasi giudizio «giuridico» sulla legge di revisione) e la Corte costituzionale (in ritardo sulla dichiarazione di incostituzionalità dell’Italicum), in qualità di organi super partes, stimolino la ripartenza del sistema che necessita di indifferibili riforme che, senza stravolgere i principi costituzionali, rendano il nostro Paese più governabile, stabile e sicuro.