Attori della rinascita FC1 - Edizioni Simone

Attori della rinascita

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vfc1.jpg

Risposte efficaci alla crici per Professionisti e Imprese

Autori

  • Formato: 15 x 21
  • Pagine: 144
  • Codice: FC1
  • Isbn: 978 88 513 0714 1
  • Prezzo: € 15,00
  •  

  • Acquista
  • cartaceo
 
 

    • La decadenza della società occidentale e del suo sistema economico rendono urgente l’avvio di un ripensamento nel modo di concepire l’uomo e il mondo del lavoro.
      È una riflessione che ci riporta all’età dell’Umanesimo in cui, dopo un periodo di “buio”, arte, cultura, centralità dell’individuo forgiarono uno straordinario e profittevole miglioramento della società.
      Se l’Umanesimo rappresentò il momento ideologico-culturale di cambiamento verso una nuova era, il Rinascimento tradusse in pratica tali raffinate aspirazioni.
      Volgendo l’attenzione ai giorni nostri, si può osservare che il post-crisi sta generando il desiderio della riscoperta di un’autonomia critico-creativa.
      Questa nuova attitudine potrà consentire – se saremo in grado di ottimizzare le opportunità ripartendo dalla valorizzazione dell’individuo e delle sue potenzialità – il rifiorire di molte attività economiche. È verso un nuovo Rinascimento che ci stiamo incamminando!
      Facendosi ambasciatore di un messaggio di speranza e di ottimismo, il testo prende in esame il cambiamento sociale ed economico in atto.
      Esso si rivolge, principalmente, ai protagonisti del mercato, professionisti e imprenditori.
      In verità, tutti siamo parte integrante del sistema e quindi primi attori; pertanto, pur essendo indirizzati primariamente a chi può assumere decisioni, i concetti enunciati nelle pagine che seguono interessano tutti coloro che intendono reagire alle crisi incidendo in maniera innovativa sull’esercizio del proprio ruolo.
      L’orientamento suggerito ai protagonisti consiste nell’adottare un pensiero laterale nella conduzione dello studio o dell’azienda, quale risposta al rallentamento dei motori della crescita.
      Si tratta di un nuovo approccio, più creativo ed etico, che poggia sulla fusione di due elementi: Ragione e Umanità.
      Queste due leve, indicate come impulsi per la ripresa economica, vanno considerate in questo senso: con Ragione ci si riferisce alla facoltà di pensare stabilendo rapporti e legami tra concetti e situazioni, al fine di discernere il vero dal falso, il giusto dall’ingiusto.
      Con Umanità si intende un insieme di elementi spirituali propri dell’uomo, in quanto essere civile e sociale, quali la solidarietà, l’agire in favore degli altri, la filantropia, la comprensione.
      È la direzione in cui si sta muovendo la nuova fase dell’Economia, che induce a credere nella possibilità di generare profitto seguendo il buon senso e la morale.
      Potremmo pensarla come una positiva evoluzione del Capitalismo che ha segnato la storia del Novecento. Negli ultimi trent’anni circa, il libero mercato, preoccupandosi sempre più della sola massimizzazione del profitto, si è allontanato dall’etica, portando il sistema a rivelarsi per quello che era: menzognero, malandato, ingiusto, opportunista, irriverente, inaffidabile.
      Aver creduto che fosse sufficiente una preparazione tecnica per esercitare compiutamente la libera professione o l’attività d’impresa, si è dimostrato un errore; ecco perché professionisti e imprenditori, presi dall’affanno delle scadenze o dalle pratiche contingenti e concentrandosi in buona fede solo su queste, non hanno compreso le minacce del sistema, non si sono fermati a riflettere su ciò che stava accadendo, finendo, inevitabilmente, per farsi travolgere dagli eventi.
      Come tutte le situazioni dolorose o negative, anche la stagnazione, poi divenuta recessione, qualcosa di buono ha portato. È così che lo choc, causato dal crollo di certezze consolidate, ci ha reso consapevoli dei nostri limiti ma anche delle nostre potenzialità, risvegliando il desiderio di ripristinare una sana gerarchia di valori.
      Ai professionisti e all’imprenditoria della società post-industriale i clienti richiedono una preparazione diversa rispetto al periodo antecedente le tre crisi, finanziaria, economica e di valori. Se queste ultime da un lato hanno profondamente modificato la nostra visione del futuro, spegnendo addirittura la speranza nei giovani, dall’altro hanno attivato in qualcuno, un pensiero positivo che rifiuta la rassegnazione e che, con atti di coraggio, sfocia in esempi creativi di rivisitazione del lavoro, dell’economia, della finanza, dei valori.
      Per rispondere alle nuove esigenze del mercato è arrivato il momento di concepire l’attività libero professionale o il modo di fare impresa in maniera più strategica, dando vita a una pianificazione flessibile delle azioni da intraprendere. Essa potrà essere facilitata dalla conoscenza di alcune materie che, trattate in sintesi, verranno affrontate nei capitoli che seguiranno.
      Quello proposto è un addestramento culturale di natura multidisciplinare, finora posseduto solo da una élite di operatori economici. Si tratta (guarda caso!), di quelle poche realtà che hanno saputo sopravvivere alle crisi, traendone addirittura un vantaggio. Ecco perché, fissato qualche sintetico concetto circa la nuova direzione dell’economia, verranno presentate alcune cognizioni, complementari alla formazione del Professionista e dell’Imprenditore, che potranno rivelarsi utili all’accrescimento della propria “Resilienza” (resistenza).
      Per costruire la differenza di valore, riavviando una certa vitalità economica, è suggeribile investire su una nuova formazione personale, che renderà i protagonisti della rinascita, più forti, più flessibili dinnanzi al verificarsi di eventuali nuove crisi.
      È di umile volontà che si nutre il cambiamento, non voglia o desiderio, ma energia, impegno, studio, riflessione, attenzione.
      Un antico proverbio Zen afferma che quando il discepolo è pronto, il maestro appare. Chi è il discepolo? chi il maestro?
      Discepolo è colui che è felice di imparare e questa è l’unica condizione richiesta al lettore. Maestro può essere una persona saggia, un incontro speciale o magari un libro.
      Buona lettura, Protagonista!
    • 1. UMANESIMO ECONOMICO
      1. Dal Capitalismo Assoluto all’Era Quaternaria
      1.2 Dalla rassegnazione all’umanesimo
      1.2.1 La fiducia nei confronti delle istituzioni finanziarie, economiche, politiche è molto diminuita
      1.2.2 Leadership partecipata
      1.2.3 Il valore morale del lavoro
      1.2.4 Grande scoramento nei confronti del fare
      1.2.5 Semplificazione burocratica fiscale
      1.2.6 Cambiamento degli stili di vita
      1.2.7 Bisogno di Trascendenza: il 6° gradino della scala di Maslow
      1.2.8 Ageismo
      1.3 Misurare la resilienza
      2. DALL’UMANESIMO AL RINASCIMENTO ECONOMICO
      2.1 Senza un sogno non c’è economia: la creatività
      2.2 Il lavoro è creazione
      2.3 Il ballo della mattonella
      2.4 Il consulente filosofo
      2.5 L’impavido spirituale è l’attore della rinascita
      2.6 Il silenzio del protagonista
      2.7 Il valore del tempo del protagonista
      2.8 L’equilibrio del protagonista
      2.9 La flessibilità del protagonista
      2.10 Creatività nel sistema bancario occidentale. Uno sguardo alla finanza islamica
      2.11 Il bello ci salverà
      3. L’AVVENTO DEL MARKETING SPIRITUALE
      3.1 Le principali fasi del marketing
      3.2 Fattori di micro e macro ambiente. Il marketing spirituale
      3.3 Settori strategici e mestieri dell’Era Quaternaria
      3.4 Frugalmente chic
      4. NEUROCOMUNICAZIONE
      4.1 Dimensioni visibili e invisibili
      4.2 Congiunti e disgiunti: il cervello e i suoi emisferi
      4.3 I tre livelli della comunicazione
      4.4 Gli assiomi della comunicazione
      4.5 L’intelligenza emotiva e le sue potenzialità
      4.6 Come entrare in sintonia con gli altri
      4.7 La teoria del cervello trino o tripartito
      4.8 Attenti ai Rettiliani
      4.9 2012, fine dei Rettiliani, esordio dei Limbici
      4.10 Le intelligenze percettive (visiva, uditiva, cinestetica)
      4.11 Intelligenza percettiva visiva (senso: vista)
      4.12 Intelligenza percettiva uditiva o auditiva (senso: udito)
      4.13 Intelligenza percettiva cinestetica o cinestesica (sensi: tatto e olfatto)
      4.14 I colori della personalità
      4.14.1 Personalità verde. Motivazione: la tranquillità
      4.14.2 Personalità gialla. Motivazione: il divertimento
      4.14.3 Personalità azzurra. Motivazione: Il potere
      4.14.4 Personalità rossa. Motivazione: altruismo
      4.15 Abbigliamento e Personalità
      5 COMUNICAZIONE DI GENERE
      5.1 Uguali e Diversi
      5.2 Donne
      5.3 Uomini
      5.4 Insensibile o semplicemente Maschio?
      6. PUBLIC SPEAKING
      6.1 Introduzione
      6.2 La prima volta
      6.3 Paura e Sicurezza
      6.4 Prima Fase: Il Discorso
      6.5 Seconda fase: Preparazione di noi stessi
      6.6 Terza fase: Suggerimenti preliminari
      6.7 Quarta fase: È arrivato il momento
      6.8 Azione
      7. LEADERSHIP AL MASCHILE E AL FEMMINILE
      7.1 Leader e Manager
      7.2 Le caratteristiche del leader ideale
      7.3 Leadership partecipata
      7.4 Il leader è giallo
      7.5 Il leader … ama spostare il formaggio: Nasofino e Trottolino
      o Tentenna e Ridolino?
      7.6 Leadership e cambiamento
      7.7 5 + 2 Intelligenze per i leader del futuro
      7.8 Leadership al femminile, ieri
      7.9 Le radici
      7.10 M edioevo
      7.11 Cultura dominante
      7.12 Umanesimo: la prima leader
      7.13 Rinascimento: le prime libere professioniste
      7.14 La Caccia alle streghe
      7.15 Cinquecento: tra superstizione e sovvertimento
      7.16 Seicento
      7.17 Settecento
      7.18 Rivoluzione Francese
      7.19 Napoleone
      7.20 Ottocento
      7.21 Novecento, il secolo rosa
      7.22 1992: trattato di Maastricht
      7.23 1995: conferenza di Pechino
      7.24 2007: anno europeo delle pari opportunità
      7.25 Lisbona 2000-2010 e 2010-2020
      7.26 Riflessioni
      7.27 Leadership al femminile oggi
      Conclusioni
      A Silvia
      Ringraziamenti
      BIBLIOGRAFIA