Il Codice dei Contratti Pubblici L36 - Edizioni Simone

Il Codice dei Contratti Pubblici

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vl36.jpg

Commento al D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163

Autori

  • Anno Edizione: 2012
  • Edizione: IV Ed.
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 1120
  • Codice: L36
  • Isbn: 9788824434379
  • Supporto:
  • Prezzo: € 65,00
  •  

    • Acquista
    • cartaceo
     
     

      • Dopo la pubblicazione della terza edizione, numerosi sono stati gli interventi normativi che hanno interessato il Codice dei Contratti Pubblici.
        Il 2010 è stato l’anno del processo: dapprima è stata recepita la c.d. «Direttiva ricorsi» (2007/66/CE), con il D.lgs. n. 53 del 20 marzo 2010, operando una serie di modifiche al Codice dei Contratti Pubblici per quanto concerne il processo degli appalti pubblici ed i suoi prodromi procedimentali; successivamente è stato varato il Codice del Processo Amministrativo, di cui al D.Lgs. 2 luglio 2010, n. 104, che ha ridefinito la disciplina processuale speciale degli appalti, riunendo, rivedendo – e talora riscrivendo – le pregresse norme rilevanti in materia.
        Nel 2011, un’estate ricca di importanti innovazioni della disciplina sostanziale.
        Dapprima — l’8 giugno 2011 — è entrato in vigore il D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, contenente il sospirato Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice dei Contratti Pubblici, che, oltre a contenere specifiche integrazioni della disciplina codicistica, ha determinato l’operatività di alcuni istituti, quali il dialogo competitivo, sospesi da anni in attesa proprio della normativa regolamentare.
        Il mese successivo veniva, poi, convertito il c.d. Decreto Sviluppo, con la legge di conversione 12 luglio 2011, n. 106: tra le principali innovazioni, da segnalare sin d’ora la previsione dei bandi-tipo (nuovo art. 64 del Codice), nonché la tassatività delle cause di esclusione (nuovo art. 46 del Codice).
        Negli ultimi mesi, ed in particolare nel 2012, abbiamo assistito ad un’alluvione normativa, specie di decreti legge — poi tutti convertiti — il più delle volte emanati al fine di fronteggiare la crisi economica che attanaglia in nostro Paese e non solo.
        Ecco un veloce quanto significativo elenco:
        — il D.Lgs. n. 208 del 15 novembre 2011, recante disciplina per i contratti pubblici relativi ai lavori, servizi e forniture nei settori della difesa e sicurezza, in vigore dal 15 gennaio 2012;
        — il c.d. «Statuto delle imprese» (L. 11 novembre 2011, n. 180);
        — la c.d. «Legge di stabilità 2012» (L. 12 novembre 2011, n. 183);
        — la c.d. «Manovra Monti», denominata anche «Decreto Salva-Italia» (D.L. n. 201/2011, convertito con la L. 22 dicembre 2011, n. 214).
        L’elenco si è chiuso – almeno per ora — con la conversione in legge dei due decreti governativi più importanti e travagliati del primo quadrimestre 2012:
        — il c.d. «Decreto Liberalizzazioni», denominato anche «Decreto Cresci Italia» (D.L. 24 gennaio 2012, n. 1) convertito con modificazioni con L. 24 marzo 2012, n. 27;
        — il c.d. «Decreto Semplificazioni», denominato anche «Decreto Semplifica Italia» (D.L. 9 febbraio 2012, n. 5) convertito con modificazioni dalla L. 4 aprile 2012, n. 35;
        — il c.d. Decreto «Spending Review» (D.L. 7 maggio 2012, n. 52) che, oltre ad incentivare gli acquisti per mezzo di strumenti informatici, ha istituito la nuova figura del Commissario straordinario per la razionalizzazione della spesa per acquisti di beni e servizi, munendolo di importanti poteri sulle procedure di affidamento, tra i quali anche il potere di sospensione, revoca o annullamento d’ufficio di singole procedure di gara.
        Da qui l’opportunità, o meglio la pressante necessità, di accelerare la definizione e la pubblicazione di questa nuova edizione del Commentario, che anche questa volta si propone nella veste, molto apprezzata nelle passate edizioni dagli addetti ai lavori, di commentario, articolo per articolo.
        Il testo è, ovviamente, aggiornato anche alla più recente giurisprudenza amministrativa di rilievo.
        A corredo del commentario, come di consueto, il CD-ROM contenente la principale normativa d’interesse, nonché l’aggiornamento on line del D.L. 7 maggio 2012, n. 52 in corso di conversione.
      • Note introduttive
        Il quadro normativo italiano in materia di appalti pubblici di lavori , servizi e forniture
        1 Premessa
        2 La disciplina previgente in Italia in materia di appalti pubblici. Tra frammentarietà e proliferazione normativa
        3 La Direttiva Unica Appalti
        4 Il recepimento della Direttiva Unica a livello statale
        5 Il Codice: i tratti salienti
        6 Il Codice: la struttura
        7 Il Regolamento di attuazione
        Parte I
        Principi e disposizioni comuni e contratti esclusi in tutto o in parte dall’ambito di applicazione del Codice
        Artt. 1-3. Oggetto, principi e definizioni
        Art. 4. Competenze legislative di Stato, Regioni e Province autonome
        Art. 5. Regolamenti e capitolati
        Artt. 6-8. A.V.C.P.: organizzazione, struttura e funzioni
        Art. 9. Sportello dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture
        Art. 10. Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture
        Artt. 11-12. Fasi delle procedure di affidamento e Controlli sugli atti
        Art. 13. Accesso agli atti e divieti di divulgazione
        Artt. 14-15. Contratti misti. Qualificazione nei contratti misti
        Artt. 16-17. Contratti relativi alla produzione e al commercio di armi, munizioni e materiale bellico. Contratti segretati o che esigono particolari misure di sicurezza
        Art. 18. Contratti aggiudicati in base a norme internazionali
        Art. 19. Contratti di servizi esclusi
        Artt. 20-21. Appalti di servizi elencati nell’allegato II B e Appalti aventi ad oggetto sia servizi elencati nell’allegato II A sia servizi elencati nell’allegato II B
        Art. 22. Contratti esclusi nel settore delle telecomunicazioni
        Art. 23. Contratti relativi a servizi al pubblico di autotrasporto mediante autobus
        Art. 24. Appalti aggiudicati a scopo di rivendita o di locazione a terzi
        Art. 25. Appalti aggiudicati per l’acquisto di acqua e per la fornitura di energia o di combustibili destinati alla produzione di energia
        Art. 26. Contratti di sponsorizzazione
        Art. 27. Principi relativi ai contratti esclusi
        Parte II
        Contratti pubblici relativi a lavori , servizi e forniture nei settori ordinari
        Art. 28. Importi delle soglie dei contratti pubblici di rilevanza comunitaria
        Art. 29. Metodi di calcolo del valore stimato dei contratti pubblici
        Art. 30. Concessione di servizi
        Art. 31. Contratti nei settori del gas, energia termica, elettricità, acqua, trasporti, servizi postali, sfruttamento di area geografica
        Art. 32. Amministrazioni aggiudicatrici e altri soggetti aggiudicatori
        Art. 33. Appalti pubblici e accordi quadro stipulati da centrali di committenza
        Art. 34. Soggetti a cui possono essere affidati i contratti pubblici
        Art. 35. Requisiti per la partecipazione dei consorzi alle gare
        Art. 36. Consorzi stabili
        Art. 37. Raggruppamenti temporanei e consorzi ordinari di concorrenti
        Art. 38. Requisiti di ordine generale
        Art. 39. Requisiti di idoneità professionale
        Art. 40. Qualificazione per eseguire lavori pubblici
        Art. 41. Capacità economica e finanziaria dei fornitori e dei prestatori di servizi
        Art. 42. Capacità tecnica e professionale dei fornitori e dei prestatori di servizi
        Art. 43. Norme di garanzia della qualità
        Art. 44. Norme di gestione ambientale
        Art. 45. Elenchi ufficiali di fornitori o prestatori di servizi
        Art. 46. Documenti e informazioni complementari. Tassatività delle cause di esclusione
        Art. 47. Operatori economici stabiliti in Stati diversi dall’Italia
        Art. 48. Controlli sul possesso dei requisiti
        Art. 49. Avvalimento
        Art. 50. Avvalimento nel caso di operatività di sistemi di attestazione o di sistemi di qualificazione
        Art. 51. Vicende soggettive del candidato, dell’offerente e dell’aggiudicatario
        Art. 52. Appalti riservati
        Art. 53. Tipologia e oggetto dei contratti di lavori, servizi e forniture
        Art. 54. Procedure per l’individuazione degli offerenti
        Art. 55. Procedure aperte e ristrette
        Art. 56. Procedura negoziata previa pubblicazione di un bando di gara
        Art. 57. Procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara
        Art. 58. Dialogo competitivo
        Art. 59. Accordi quadro
        Art. 60. Sistemi dinamici di acquisizione
        Art. 61. Speciale procedura di aggiudicazione per i lavori di edilizia residenziale pubblica
        Art. 62. Numero minimo dei candidati da invitare nelle procedure ristrette, negoziate e nel dialogo competitivo - Forcella
        Art. 63. Avviso di preinformazione
        Art. 64. Bando di gara
        Art. 65. Avvisi sui risultati della procedura di affidamento
        Art. 66. Modalità di pubblicazione degli avvisi e dei bandi
        Art. 67. Inviti a presentare offerte, a partecipare al dialogo competitivo, a negoziare
        Art. 68. Specifiche tecniche
        Art. 69. Condizioni particolari di esecuzione del contratto prescritte nel bando o nell’invito
        Art. 70. Termini di ricezione delle domande di partecipazione e di ricezione delle offerte
        Artt. 71-72. Termini di invio ai richiedenti dei capitolati d’oneri, documenti e informazioni complementari nelle procedure aperte, ristrette, negoziate e nel dialogo competitivo
        Artt. 73-78. Forma, contenuto e modalità di comunicazione degli atti di gara
        Art. 79. Informazioni circa i mancati inviti, le esclusioni e le aggiudicazioni
        Art. 79bis. Avviso volontario per la trasparenza preventiva
        Art. 80. Spese di pubblicità, inviti, comunicazioni
        Art. 81. Criteri per la scelta dell’offerta migliore
        Art. 82. Criterio del prezzo più basso
        Artt. 83-84. Criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e Commissione giudicatrice nel caso di aggiudicazione con il detto criterio
        Art. 85. Ricorso alle aste elettroniche
        Artt. 86-89. Criteri di individuazione delle offerte anormalmente basse. Criteri di verifica delle offerte anormalmente basse. Procedimento di verifica e di esclusione delle offerte anormalmente basse. Strumenti di rilevazione della congruità dei prezzi
        Art. 90. Progettazione interna ed esterna alle amministrazioni aggiudicatrici in materia di lavori pubblici
        Art. 91. Procedure di affidamento
        Art. 92. Corrispettivi ed incentivi per la progettazione
        Art. 93. Livelli della progettazione per gli appalti e per le concessioni di lavori
        Art. 94. Livelli della progettazione per gli appalti di servizi e forniture e requisiti dei progettisti
        Art. 95. Verifica preventiva dell’interesse archeologico in sede di progetto preliminare
        Art. 96. Procedura di verifica preventiva dell’interesse archeologico
        Artt. 97-98. Procedimento di approvazione dei progetti. Effetti dell’approvazione dei progetti ai fini urbanistici ed espropriativi
        Art. 99. Concorsi di progettazione. Ambito di applicazione e oggetto
        Art.100. Concorsi di progettazione esclusi
        Art. 101. Disposizioni generali sulla partecipazione ai concorsi di progettazione
        Art. 102. Bandi e avvisi
        Art.103. Redazione e modalità di pubblicazione dei bandi e degli avvisi relativi ai concorsi di progettazione
        Art.104. Mezzi di comunicazione
        Art. 105. Selezione dei concorrenti
        Artt.106-107. Composizione della commissione giudicatrice e sue decisioni
        Art. 108. Concorso di idee
        Art. 109. Concorsi in due gradi
        Art. 110. Concorsi sotto soglia
        Art. 111. Garanzie che devono prestare i progettisti
        Art. 112. Verifica della progettazione prima dell’inizio dei lavori
        Art. 112bis. Consultazione preliminare per i lavori di importo superiore a 20 milioni di euro
        Art. 113. Garanzie di esecuzione e coperture assicurative
        Art. 114. Varianti in corso di esecuzione del contratto
        Art. 115. Adeguamento dei prezzi
        Art. 116. Vicende soggettive dell’esecutore del contratto
        Art. 117. Cessione dei crediti derivanti dal contratto
        Art. 118. Subappalto, attività che non costituiscono subappalto e tutela del lavoro
        Art. 119. Direzione dell’esecuzione del contratto
        Art. 120. Collaudo
        Art. 121. Disciplina comune applicabile ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia comunitaria
        Art. 122. Disciplina specifica per i contratti di lavori pubblici sotto soglia
        Art. 123. Procedura ristretta semplificata per gli appalti di lavori
        Art. 124. Appalti di servizi e forniture sotto soglia
        Art. 125. Lavori, servizi e forniture in economia
        Art. 126. Ambito di applicazione
        Art. 127. Consiglio superiore dei lavori pubblici
        Art. 128. Programmazione dei lavori pubblici
        Art.129. Garanzie e coperture assicurative per i lavori pubblici
        Art. 130. Garanzie dei lavori
        Art. 131. Piani di sicurezza
        Art. 132. Varianti in corso d’opera
        Art. 133. Termini di adempimento, penali, adeguamenti dei prezzi
        Art. 134. Recesso
        Art. 135. Risoluzione del contratto per reati accertati e per decadenza
        Art. 136. Risoluzione del contratto per grave inadempimento, grave irregolarità e grave ritardo
        Art. 137. Inadempimento di contratti di cottimo
        Artt. 138-139. Risoluzione in seguito alla risoluzione del contratto. Obblighi in caso di risoluzione del contratto
        Art.140. Procedure di affidamento in caso di fallimento dell’esecutore o risoluzione del contratto
        Art. 141.Collaudo dei lavori pubblici
        Art. 142. Concessioni di lavori pubblici: ambito di applicazione e disciplina applicabile
        Art. 143. Concessioni di lavori pubblici: caratteristiche
        Artt. 144-147. Procedure di affidamento dei lavori pubblici
        Art. 148. Disposizioni applicabili agli appalti aggiudicati dai concessionari che sono amministrazioni aggiudicatrici
        Artt. 149-151. Appalti di lavori affidati dai concessionari che non sono amministrazioni aggiudicatrici
        Art. 152. Disciplina comune applicabile
        Art. 153. Finanza di progetto
        Art. 154. Valutazione della proposta
        Art. 155. Indizione della gara
        Art. 156. Società di progetto
        Art.157. Emissione di obbligazioni e titoli di debito da parte delle società di progetto
        Art. 158. Risoluzione
        Art. 159. Subentro
        Art. 160. Privilegio sui crediti
        Art. 160bis. Locazione finanziaria di opere pubbliche o di pubblica utilità
        Art.160ter. Contratto di disponibilità
        Art. 161. Oggetto e disciplina comune applicabile
        Art. 162. Definizioni rilevanti per le infrastrutture strategiche e gli insediamenti produttivi
        Art. 163. Attività del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
        Art. 164. Progettazione
        Art. 165. Progetto preliminare. Procedura di valutazione di impatto ambientale e localizzazione
        Art. 166. Progetto definitivo. Pubblica utilità dell’opera
        Art. 167. Norme generali sulla procedura di approvazione dei progetti
        Art. 168. Conferenza di servizi e approvazione del progetto preliminare
        Art. 169. Varianti
        Art. 169bis. Approvazione unica progetto preliminare
        Art. 170. Interferenze
        Art. 171. Risoluzione delle interferenze
        Art. 172. La società pubblica di progetto
        Art. 173. Modalità di realizzazione
        Art. 174. Concessioni relative a infrastrutture
        Art. 175. Promotore
        Art. 176. Affidamento a contraente generale
        Art. 177. Procedure di aggiudicazione
        Art. 178. Collaudo
        Art. 179. Insediamenti produttivi e infrastrutture private strategiche per l’approvvigionamento energetico
        Artt. 180-181. Disciplina regolamentare e norme di coordinamento
        Art. 182. Campo di applicazione
        Art. 183. Procedure
        Art. 184. Contenuto della valutazione di impatto ambientale
        Art. 185. Compiti della commissione speciale VIA
        Art.186. Istituzione del sistema di qualificazione-classifiche
        Artt. 187-190. Requisiti per le iscrizioni, di ordine generale e speciale. Consorzi stabili e consorzi di cooperative
        Art. 191. Norme di partecipazione alla gara
        Art. 192. Gestione del sistema di qualificazione
        Art. 193. Obbligo di comunicazione
        Art. 194. Interventi per lo sviluppo infrastrutturale
        Art. 195. Disciplina comuna applicabile ai contratti nel settore della difesa diversi da quelli che rientrano nel campo di applicazione del decreto legislativo di recepimento della Direttiva 2009/81/CE
        Art. 196. Disciplina speciale per gli appalti nel settore della difesa diversi da quelli che rientrano nel campo di applicazione del decreto legislativo di recepimento della Direttiva 2009/81/CE
        Art. 197. Disciplina comune applicabile ai contratti pubblici relativi ai beni culturali
        Art. 198. Ambito di applicazione
        Art. 199. Disciplina degli appalti misti per alcune tipologie di interventi
        Art. 199bis. Disciplina delle procedure per la selezione di sponsor
        Art. 200. Limiti all’affidamento congiunto e all’affidamento unitario
        Art. 201. Qualificazione
        Art. 202. Attività di progettazione, direzione dei lavori e accessorie
        Art. 203. Progettazione
        Art. 204. Sistemi di scelta degli offerenti e criteri di aggiudicazione
        Art. 205. Varianti
        Parte III
        Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture nei settori speciali
        Art. 206. L’ambito di applicazione. Artt. 208-213 cenni
        Art. 207. Enti aggiudicatori
        Artt. 208-213. Settori speciali
        Art. 214. Appalti che riguardano più settori
        Artt. 215-217. Importi delle soglie dei contratti pubblici di rilevanza comunitaria nei settori speciali, delle concessioni di lavori e di servizi, degli appalti aggiudicati per fini diversi dall’esercizio di un’attività di cui ai settori del Capo I, o per l’esercizio di una di dette attività in un Paese terzo
        Art. 218. Appalti aggiudicati ad un’impresa comune avente personalità giuridica o ad un’impresa collegata
        Art. 219. Procedura per stabilire se una determinata attività è direttamente esposta alla concorrenza
        Artt. 220-221. Procedure aperte, ristrette e negoziate. Previo avviso con cui si indice una gara. Procedura negoziata senza previa indizione di gara
        Art. 222. Accordi quadro nei settori speciali
        Artt. 223-226. Avvisi periodici indicativi e avvisi sull’esistenza di un sistema di qualificazione
        Avvisi relativi agli appalti aggiudicati. Inviti a presentare offerte o a negoziare
        Art. 227. Termini di ricezione delle domande di partecipazione e di ricezione delle offerte
        Artt. 228-229. Informazioni a coloro che hanno chiesto una qualificazione. Informazioni da conservare sugli appalti aggiudicati
        Artt. 230-233. Disposizioni generali. Principio di non imparzialità e non aggravamento nei procedimenti di selezione e qualificazione. Sistemi di qualificazione e conseguenti procedure selettive. Criteri di selezione qualitativa e procedimento di selezione
        Art. 234. Offerte contenenti prodotti originari di Paesi terzi
        Artt. 235-237. Ambito di applicazione ed esclusioni. Norme in materia di pubblicità e di trasparenza. Norma di rinvio
        Art. 238. Appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria
        Parte IV
        Contenzioso
        Art. 239. Transazione
        Art. 240. Accordo bonario
        Art. 240bis. Definizione delle riserve
        Artt. 241-243. Arbitrato
        Art. 243bis. Informativa in ordine all’intento di proporre ricorso giurisdizionale
        Art. 244-246. Giurisdizione e strumenti di tutela
        Art. 246bis. Responsabilità per lite temeraria
        Parte V
        Disposizioni di coordinamento, finali e transitorie, Abrogazioni
        Art. 247. Normativa antimafia
        Art. 248. Revisione periodica delle soglie e degli elenchi degli organismi di diritto pubblico e degli enti aggiudicatori. Modifiche degli allegati
        Art. 249. Obblighi di comunicazione alla Commissione dell’Unione europea da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le politiche comunitarie
        Art. 250. Contenuto del prospetto statistico per i contratti pubblici di lavori, forniture e servizi di rilevanza comunitaria
        Art. 251. Contenuto del prospetto statistico per i contratti pubblici di lavori, forniture e servizi nei settori speciali
        Art. 251bis. Obblighi di comunicazione e di informazione alla Commissione dell’Unione europea
        Art. 252. Norme di coordinamento e di copertura finanziaria
        Artt. 253-254. Norme transitorie. Norma finanziaria
        Art. 255. Aggiornamenti
        Art. 256. Disposizioni abrogate
        Art. 257. Entrata in vigore
        Profilo Autori
      • D.L. 1/2012, conv. in L. 27/2012;
        D.L. 5/2012, conv. in L. 35/2012;
        D.L. 16/2012, conv. in L. 44/2012
        D.L. 52/2012, cd. "Spending review"

      • • Normativa d'interesse