L37 - Edizioni Simone

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vl37.jpg

Manuale Teorico Pratico con ampia casistica giurisprudenziale

Autori

  • Anno Edizione: 2011
  • Edizione: II Ed.
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 528
  • Codice: L37
  • Isbn: 9788824459655
  • Supporto:
  • Prezzo: € 42,00
  •  

  • fuori catalogo
 
 

    • Nella premessa alla prima edizione di questo manuale sottolineavo che il libro era stato scritto scansando continuamente dalla scrivania i giocattoli di Gabriele. Adesso i figli sono due, e questa nuova edizione è stata redatta sotto l’assedio delle loro continue incursioni, che mi hanno suggerito, per un momento, la stesura di un capitolo sul danno esistenziale dei genitori torturati dai figli. L’idea, però, è subito rientrata, e non perché io non subisca quotidianamente danni risarcibili, ma perché il danno esistenziale non esiste.

      Tutti lo sanno, perfino le Sezioni Unite lo hanno affermato nel 2008, con la pronuncia più importante degli ultimi dieci anni, ma gli avvocati continuano a invocarlo e i giudici a risarcirlo. Spesso gli avvocati, per dimostrare l’esistenza del danno esistenziale, si affidano a divertenti «psicodiagnosi” redatte da psicologi o psicoterapeuti che denunciano lo sconforto, la perdita di serenità, il turbamento emotivo, l’abbandono di molti interessi coltivati in precedenza (in un caso realmente accaduto si è chiesto il risarcimento per la rinuncia forzata ai voli ad alta quota per la cura di bambini malati di pertosse…).

      Per non trasformare il diritto in farsa, occorre precisare che la prostrazione psicologica e o il turbamento interiore che non diventino una patologia accertata, tale da compromettere l’integrità psicofisica del soggetto colpito, restano al di fuori della risarcibilità. L’area della risarcibilità del danno esistenziale è estremamente ridotta, circoscritta alle ipotesi espressamente previste dalla legge o ai casi di violazione di diritti inviolabili di rango costituzionale. Deve trattarsi, in altri termini, di violazioni gravi di diritti della persona, cioè di lesioni di diritti costituzionali che, sul piano ontologico, superino la soglia della tollerabilità e siano qualificate dalla serietà dell’offesa e dalla gravità delle conseguenze nella sfera personale e che, sul piano probatorio, siano accompagnate dalla dimostrazione di ripercussioni pregiudizievoli significative sotto il profilo delle conseguenze. Non sono, pertanto, meritevoli di tutela risarcitoria i pregiudizi consistenti in meri disagi, fastidi, disappunti e ogni altro tipo di insoddisfazione relativa agli aspetti più disparati della vita quotidiana.

      Alla risarcibilità del danno non patrimoniale è dedicato un esame approfondito, nel quale si dà conto delle varie tappe che hanno caratterizzato l’evoluzione giurisprudenziale degli ultimi anni, a partire dalle sentenze gemelle del 2003 (nn. 8827 e 8828) per arrivare ai giorni nostri, nonché degli interventi normativi che si sono occupati del danno non patrimoniale, tra i quali si segnalano la L. 28/2010 sulle cure palliative e il D.P.R. 37/2009 sulla liquidazione del danno biologico e morale.

      Più in generale, questa nuova edizione è stata integralmente rielaborata: alcune parti sono state impietosamente eliminate e sostituite con materiale nuovo di zecca, altre sono state risparmiate dalla furia distruttrice dell’autore e hanno subito un trattamento più mite.
      Come al solito, l’accurato lavoro della redazione, tutta al femminile a partire dalla perfida caposquadra Petrucci, ha dato un senso alle mie bozze consentendo l’uscita del libro.

    • 1 Profili generali della responsabilità civile

      1.1 I vari tipi di responsabilità civile

      1.2 La funzione «mista» della responsabilità civile

      1.3 Il predominio della colpa nella concezione tradizionale della responsabilità aquiliana

      1.4 Verso una lettura solidaristica della responsabilità extracontrattuale

      1.5 La rivisitazione del danno ingiusto e dell’elemento soggettivo

      1.6 Irrilevanza della contemporaneità tra fatto illecito e danno ingiusto

      1.7 Il danno non patrimoniale dello straniero: una sentenza da dimenticare

      2 Le responsabilità speciali

      2.1 Due possibili classificazioni

      2.2 La responsabilità per fatto altrui

      2.3 La responsabilità connessa a una situazione di proprietà, di uso o di custodia

      2.4 Responsabilità connessa allo svolgimento di attività pericolose

      2.5 Responsabilità connessa ai rischi derivanti dalla produzione industriale

      3 Le cause di esclusione della responsabilità

      3.1 Profili generali

      3.2 La legittima difesa

      3.3 L’esercizio del diritto (e il confine dell’abuso)

      3.4 L’adempimento di un dovere

      3.5 Il consenso dell’avente diritto

      3.6 Caso fortuito e forza maggiore

      3.7 Lo stato di necessità

      3.8 L’incapacità

      4 Il danno non patrimoniale

      4.1 Definizioni

      4.2 Da Gennarino ai «capricci esistenziali»

      4.3 Il danno biologico

      4.4 Il danno morale

      4.5 Il danno esistenziale

      4.6 Il danno esistenziale equivale al danno morale?

      4.7 Danni da trattamento sanitario obbligatorio (TSO)

      4.8 Danno da eccessiva durata del processo

      4.9 Il «danno esistenziale ipertrofico» (ovvero, quant’è bella Gasparina…)

      5 La responsabilità civile della P.A.

      5.1 Gli elementi costitutivi dell’illecito aquiliano della P.A.

      5.2 La responsabilità da attività amministrativa illegittima

      5.3 L’interesse legittimo nel diritto privato

      5.4 Riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo e rapporti tra azione di condanna e di annullamento

      5.5 Il danno da occupazione appropriativa dopo Corte cost. 293/2010

      5.6 La responsabilità da atto lecito dannoso

      5.7 La responsabilità precontrattuale

      5.8 La responsabilità da ingiustificato arricchimento (art. 2041 c.c.)

      5.9 L’azione di arricchimento nei confronti della P.A.

      5.10 La responsabilità da lesione della chance

      5.11 La responsabilità da cattiva manutenzione delle strade (rinvio)

      5.12 La responsabilità per danni da trasfusioni e vaccinazioni obbligatorie

      5.13 Soggetti danneggiati da epatite post-trasfusionale

      5.14 La responsabilità per i danni da fauna selvatica

      5.15 La responsabilità per i danni da animali randagi

      5.16 La responsabilità per multa illegittima

      5.17 La responsabilità civile del magistrato

      5.18 La responsabilità dello Stato per violazione del diritto comunitario

      5.19 La pignorabilità dei beni della P.A.

      6 La responsabilità professionale

      6.1 Lavoro autonomo e lavoro subordinato

      6.2 La prestazione d’opera

      6.3 Obbligazioni di mezzi e obbligazioni di risultato

      6.4 La diligenza «professionale»

      6.5 Le singole ipotesi di responsabilità

      7 La responsabilità della banca

      7.1 Premessa

      7.2 Il servizio delle cassette di sicurezza

      7.3 La responsabilità della banca per fatto illecito del dipendente

      7.4 Danno da illecita negoziazione di assegni

      7.5 Concessione abusiva del credito

      7.6 La capitalizzazione trimestrale degli interessi (anatocismo)

      8 Il danno da mobbing

      8.1 Dal sottoscala di Fantozzi alle nuove forme della persecuzione lavorativa

      8.2 Nozione ed elementi costitutivi

      8.3 Il sonno (del legislatore nazionale) e la veglia (del legislatore regionale)

      8.4 Le «fasi» del mobbing

      8.5 Aspetti sociologici del mobbing

      8.6 Il quadro normativo

      8.7 I rimedi attivabili

      8.8 I danni risarcibili

      8.9 Il demansionamento

      8.10 Lo straining, una fattispecie in cerca d’autore

      9 Famiglia e responsabilità civile

      9.1 Le interferenze tra diritto di famiglia e responsabilità civile

      9.2 Una prima selezione dei danni risarcibili

      9.3 L’evoluzione del concetto di «famiglia»

      9.4 Violazione dei doveri coniugali, addebito della separazione e responsabilità civile

      9.5 Addebito della separazione a seguito dell’interruzione volontaria della gravidanza senza il consenso del marito?

      9.6 Omesso versamento dell’assegno di mantenimento

      9.7 Condotta ostruzionistica del genitore affidatario

      9.8 Il danno da tradimento

      9.9 Il danno alla vita sessuale

      9.10 Il danno al convivente

      9.11 Danno alla casalinga

      9.12 Danno da lesione dell’aspettativa genitoriale

      9.13 La responsabilità contrattuale nei rapporti familiari

      9.14 Gli accordi preventivi sulla crisi coniugale

      10 La responsabilità da sinistro stradale

      10.1 Profili sostanziali

      10.2 Il terzo trasportato

      10.3 Il «nuovo» danno biologico

      10.4 Procedure liquidative

      10.5 Profili processuali

      11 La tutela del consumatore

      11.1 Introduzione

      11.2 Le clausole vessatorie

      11.3 Pratiche commerciali scorrette

      11.4 Le «televendite»

      11.5 Modalità e tipologie contrattuali

      11.6 La nuova multiproprietà

      11.7 I viaggi organizzati e il danno da vacanza rovinata nel nuovo Codice del turismo (D.Lgs. 79/2011)

      11.8 La responsabilità del produttore e del distributore

      11.9 La vendita dei beni di consumo

      11.10 Il nuovo credito al consumo (D.Lgs. 141/2010)

      12 Il danno ambientale alla luce del D.Lgs. 152/2006

      12.1 La nozione di «ambiente»

      12.2 Il «vecchio» danno ambientale

      12.3 Il «nuovo» danno ambientale ex artt. 300 ss. D.Lgs. 152/2006

      12.4 Le misure precauzionali e preventive ex D.Lgs. 152/2006

      12.5 Le misure di ripristino ambientale

      12.6 Le associazioni ambientaliste possono costituirsi parte civile in sede penale?

      13 Il risarcimento in forma specifica

      13.1 Risarcimento per equivalente e in forma specifica

      13.2 La reintegrazione in forma specifica

      13.3 La «riparazione antieconomica» del veicolo danneggiato

      13.4 Il risarcimento in forma specifica nei confronti della pubblica amministrazione

      13.5 Rapporto tra annullamento e condanna: il Codice del processo amministrativo abbandona la tesi della pregiudizialità

      13.6 Il danno ambientale
      13.7 Casistica giurisprudenziale

    • • Formulario
      • Raccolta normativa