Manuale tecnico-giuridico di Urbanistica Ambiente e Territorio L9/A - Edizioni Simone

Manuale tecnico-giuridico di Urbanistica Ambiente e Territorio

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vl9_a.jpg

• Pianificazione territoriale ed urbanistica • Normativa nazionale e regionale • Città metropolitane • Novità T.U. per l'edilizia ex D.L. "Fare" n. 69/2013 • SCIA

Autori

  • Anno Edizione: 2013
  • Edizione: IV Ed.
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 912
  • Codice: L9/A
  • Isbn: 9788824439398
  • Prezzo: € 70,00
  •  

    • Acquista
    • cartaceo
     
     

      • La quarta edizione aggiornata del presente manuale tecnico-giuridico si è resa necessaria per le innovazioni normative emerse negli ultimi anni sia in ambito nazionale che regionale.
        Alla luce della normativa emanata, ma anche di quella non ancora emanata, si è ritenuto opportuno porre l’accento:
        — sulla natura dei principi fondamentali, in modo da individuare quelli di carattere effettivamente generale, rispetto ad altri di natura meramente procedimentale;
        — sulla portata delle vigenti leggi regionali di governo del territorio, in ordine alla pianificazione territoriale ed urbanistica;
        — sulle novità delle più recenti leggi regionali in materia antisismica, di risanamento ambientale, piano casa etc.;
        — sull’istituzione delle Città metropolitane e soppressione delle province del relativo territorio, ad opera dell’art. 18 D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modifiche dalla L. n. 135/12, sebbene l’applicazione di tale norma sia stata sospesa fino al 31 dicembre 2013 dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228 (legge di stabilità 2013);
        — sulle novità introdotte nel T.U. per l’edilizia ad esempio dal D.L. n. 70/11, convertito con modifiche dalla L. n. 106/11, che ha introdotto l’istituto del silenzio-assenso in materia di permesso di costruire, e dal D.L. n. 83/12, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 134/12, in materia di sportello unico per l’edilizia;
        — sulla soppressione della DIA e sull’introduzione della SCIA;
        — sulle novità introdotte dal Decreto Semplificazioni 2012 (D.L. n. 5/12, convertito con modifiche dalla L. n. 35/12) in materia di parcheggi cd. Tognoli;
        — sulla normativa antisismica, anche alla luce dei più recenti eventi sismici, come quello del 2012 in Emilia Romagna;
        — sul rischio geologico ed idrogeologico;
        — sulla più recente normativa europea, come ad esempio, la Direttiva 2011/92/UE in tema di valutazione dell’impatto ambientale di progetti pubblici e privati;
        — sulle novità apportate al T.U. in materia edilizia dal cd. decreto del fare, D.L. n. 69/13, in corso di conversione, nonché sulle possibili novità di cui al D.D.L. Semplificazioni varato dal Consiglio dei Ministri nel giugno 2013.
        Il governo, recentemente insediatosi, ha annunciato piccole modifiche normative che in qualche modo possono incidere sulla disciplina urbanistica ed edilizia.
        Di esse si darà eventualmente conto nei nostri aggiornamenti online, accessibili attraverso QR Code posto in quarta di copertina.
      • Parte I
        La legislazione urbanistica
        Capitolo 1 - Urbanistica e città: evoluzione dei centri abitati
        1.1 Polis e centri abitati
        1.2 Le città del medioevo. Castra e centri di difesa
        1.3 Epoca dei Comuni
        1.4 Città rinascimentale e città utopiche
        1.5 La città barocca. Città prospettiche e città verticali
        1.6 Centri urbani e territorio nel ’700
        1.7 Città aperta nel XIX secolo
        1.8 L’industrialesimo e la città
        1.9 L’espansione nel XX secolo. Metropoli e conurbazione
        1.10 Gli spazi esterni e la scoperta dell’area vasta
        1.11 I nuovi valori di tutela ambientale e dei centri storici
        1.12 Alla ricerca dei nuovi modelli di pianificazione
        1.13 Sviluppo territoriale europeo di fonte unitaria e di fonte regionalistica
        1.14 La nuova frontiera del territorialismo conseguente alla mondializzazione
        1.15 Effetti del modernismo tecnologico e delle migrazioni planetarie: città cablate e città multietniche
        Capitolo 2 - Analisi evolutiva della normativa: 1° periodo, fino al 1960
        2.1 Evoluzione storica delle regole edilizie urbane
        2.2 La legge «Pisanelli»
        2.3 Le leggi speciali
        2.4 La prima legge urbanistica n. 1150/42
        2.5 I piani di ricostruzione
        2.6 Le prime leggi di tutela delle bellezze naturali e delle cose di interesse artistico e storico
        2.7 Le misure di salvaguardia
        2.8 I l dibattito urbanistico prima e dopo il 1960
        Capitolo 3 - Analisi evolutiva della normativa: 2° periodo, dal 1960 al 1985
        3.1 Piani di zona: L. n. 167/62
        3.2 Legge «ponte» n. 765/67
        3.3 D .M. 1-4-1968 sulle fasce di rispetto stradale
        3.4 D .M. 2-4-1968 sugli standard edilizi
        3.5 Vincoli di inedificabilità - L. n. 1187/68
        3.6 Nascono le Regioni
        3.7 Legge sulla casa n. 865/71
        3.8 I piani per gli insediamenti produttivi
        3.9 Leggi speciali
        3.10 Trasferimento dei poteri alle Regioni - D.P.R. n. 616/77
        3.11 Edificabilità dei suoli - L. n. 10/77
        3.12 Varianti per aree destinate a servizi pubblici - L. n. 1/78
        3.13 Recupero urbano - L. n. 457/78. Zone e piani di recupero
        3.14 Regime dei suoli: leggi di proroga della L. n. 10/77
        3.15 Leggi settoriali - L. n. 94/82
        Capitolo 4 - Analisi evolutiva della normativa: 3° periodo, dopo il 1985
        4.1 Condoni edilizi: primo condono del 1985
        4.2 Segue: Il condono edilizio del 1994 (cd. 2° condono)
        4.3 Segue: Il condono edilizio del 2004 (cd. 3° condono)
        4.4 Snellimento di procedure urbanistiche ed edilizie
        4.5 Tutela ambientale - L. n. 431/85
        4.6 Testo unico degli enti locali
        4.7 Legge-quadro delle aree protette - L. n. 394/91
        4.8 Programmi integrati di intervento - L. n. 179/92
        4.9 Nuovi strumenti di programmazione per la riqualificazione produttiva e territoriale - L. n. 662/96
        4.10 Norme di semplificazione delle procedure tecnico-amministrative
        4.11 Società di trasformazione urbana - L. n. 127/97
        4.12 Specificazione dei compiti dello Stato e decentramento di funzioni agli enti locali in materia di assetti territoriali (D.Lgs. n. 112/98)
        4.13 Approvazione di strumenti urbanistici - L. n. 136/99
        4.14 Vincoli urbanistici - Sentenza della Corte Costituzionale del 20-5-1999, n. 179
        4.15 I l Testo unico in materia culturale, ambientale e paesaggistica
        4.16 Semplificazione dei procedimenti amministrativi: le conferenze di servizi
        4.17 T.U. sulla documentazione amministrativa
        4.18 Regolamento in materia di sportelli unici per gli impianti produttivi
        4.19 Requisiti minimi di sicurezza per la pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante (D.M. 9-5-2001)
        4.20 Testo unico sulle espropriazioni per pubblica utilità (D.P.R. n. 327/01)
        4.21 Testo unico in materia edilizia (D.P.R. n. 380/01)
        4.22 Modifiche al Titolo V della Parte II della Costituzione (legge cost. n. 3/01)
        4.23 Collegato ambientale (L. n. 179/02)
        4.24 Legge La Loggia (L. n. 131/03)
        4.25 Testo unico per l’ambiente – (D.Lgs. n. 152/06, modificato e integrato dai D .Lgs. n. 4/08 e n. 128/10 e dal D.L. n. 5/12 conv. in L. n. 35/12)
        4.26 La sentenza n. 309/11 della Corte Costituzionale e proposte di legge in materia di principi generali sul governo del territorio
        Capitolo 5 - Legislazione regionale sull’autogoverno del territorio
        5.1 Considerazioni preliminari
        5.2 L’evoluzione della disciplina urbanistica: dal trasferimento alle Regioni, al decentramento
        delle funzioni, alla potestà concorrente
        5.3 E ffetti e limiti della nuova normativa di governo del territorio ex art. 117 Cost.
        5.4 La legislazione nazionale sull’assetto del territorio successiva alla riforma del Titolo V, Parte II della Costituzione
        5.5 La legislazione regionale sull’assetto del territorio, successiva alla riforma costituzionale
        5.6 La provvisoria conformità della legislazione urbanistica regionale ai principi generali di fonte legislativa nazionale
        Appendice - Schema sintetico e comparativo delle leggi regionali urbanistiche e di governo del territorio
        Capitolo 6 - Le proposte di riforma urbanistica
        6.1 Premessa sui modelli proposti negli anni ’90 e 2000
        6.2 Proposte di riforma degli anni ’90
        6.3 I l guado sugli orientamenti, in ordine alla nuova legislazione urbanistica, nel biennio 2000-2001
        6.4 La legislazione urbanistica nazionale di principi dopo la riforma costituzionale
        6.5 Le proposte e gli orientamenti dell’INU (2006 - 2008)
        6.6 Proposte sui principi fondamentali della nuova legge urbanistica nazionale e sui suoi riflessi sostanziali sulla legislazione regionale di governo del territorio
        Capitolo 7 - Norme speciali aventi riflessi sulla pianificazione urbanistica ed ambientale
        7.1 Premessa
        7.2 La prevenzione sismica sul piano urbanistico
        7.3 I rischi geologici con prevenzione sul piano urbanistico
        7.4 I rischi idrogeologici con opportuna prevenzione sul piano urbanistico
        7.5 La difesa del suolo e la tutela delle acque
        7.6 Rifiuti solidi urbani e discariche
        7.7 Inquinamento atmosferico e acustico: relativi piani di azione e di controllo
        7.8 Norme per il contenimento del consumo energetico
        7.9 L’inquinamento da amianto
        7.10 Valutazione di impatto ambientale (VIA) e Valutazione ambientale strategica (VAS ): evoluzione normativa dal 1986 al 2008
        7.11 Segue: la Valutazione di impatto ambientale (VIA)
        7.12 Segue: la Valutazione ambientale strategica (VAS )
        Capitolo 8 - Tematiche essenziali per il governo del territorio
        8.1 La concertazione per la pianificazione del governo del territorio
        8.2 Innovazione concettuale degli standard urbanistici
        8.3 Lo strumento della perequazione urbanistica
        8.4 La dimensione territoriale ed il sistema informativo
        8.5 I l ruolo delle istituzioni nel governo del territorio
        8.6 La nuova frontiera della pianificazione e dei piani strategici
        Parte II
        Pianificazione territoriale e urbanistica
        Capitolo 9 - Evoluzione della pianificazione territoriale
        9.1 Considerazioni generali sulla pianificazione territoriale
        9.2 La pianificazione territoriale nella legislazione nazionale
        9.3 Pianificazione territoriale regionale e tipologia dei relativi piani
        9.4 Modelli dei PTR previsti dalle più recenti L.R. di governo del territorio
        9.5 Piani territoriali di coordinamento provinciali
        9.6 Piani territoriali operativi
        9.7 Pianificazione territoriale di bacini interregionali, interprovinciali e subprovinciali
        9.8 Piano della Città metropolitana
        Capitolo 10 - Pianificazione ambientale
        10.1 I l concetto di ambiente
        10.2 La tutela ambientale nella cultura e nella normativa europea
        10.3 I l danno ambientale
        10.4 Ambiente e territorio: normativa nazionale
        10.5 Segue: Ambiente e territorio: normativa regionale
        10.6 Piani territoriali paesistici
        10.7 Pianificazione urbanistico-territoriale con finalità di salvaguardia paesistica e ambientale
        10.8 Piani dei parchi
        10.9 I l regolamento del parco
        Capitolo 11 - Pianificazione di settore. Programmazione negoziata
        11.1 I piani di settore nella legislazione nazionale e regionale
        11.2 Piani delle aree e dei nuclei di sviluppo industriale
        11.3 I piani di bacino
        11.4 I l piano dei trasporti
        11.5 Altri piani di settore: la mobilità urbana e i relativi piani di settore
        11.6 Segue: Piano urbano del traffico
        11.7 Segue: Piano urbano parcheggi
        11.8 La concertazione e i relativi strumenti
        11.9 La programmazione territoriale negoziata nella legislazione nazionale
        11.10 La pianificazione urbanistica concertata secondo le norme regionali
        Capitolo 12 - Pianificazione urbanistica generale
        12.1 Considerazioni generali
        12.2 La fase preparatoria alla formazione dei piani urbanistici
        12.3 Piano regolatore generale
        12.4 Formazione e approvazione del PRG
        12.5 Norme per l’attuazione del PRG
        12.6 Varianti al PRG
        12.7 I l programma di fabbricazione: la fase del declino
        12.8 Piani di ricostruzione postbellica e postsismica
        12.9 La pianificazione urbanistica regionale e le tipologie di piani urbanistici comunali
        12.10 Norme tecniche attuative e regolamenti urbanistici
        12.11 La disciplina regionale del procedimento di formazione e approvazione degli strumenti urbanistici comunali
        12.12 Pianificazione intercomunale
        12.13 Regolamento edilizio
        12.14 Rapporto tra piani urbanistici comunali e piani territoriali provinciali di coordinamento
        Capitolo13 - Pianificazione attuativa nella legislazione nazionale e nelle leggi regionali
        13.1 Premessa
        13.2 Caratteristiche e tipologie dei piani attuativi
        13.3 Piani particolareggiati d’esecuzione
        13.4 Piani di lottizzazione
        13.5 Piani per l’edilizia economica e popolare
        13.6 Piani per insediamenti produttivi
        13.7 Piani di recupero e zone di recupero
        13.8 Programmi integrati d’intervento
        13.9 Programmi di recupero urbano
        13.10 Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile
        13.11 I piani attuativi nella legislazione regionale
        13.12 La pianificazione attuativa regionale
        13.13 Segue: Piani urbanistici attuativi, con funzioni di programmi integrati e di piani di recupero o di riqualificazione urbana
        13.14 Segue: Piani attuativi unitari
        13.15 Programmi e piani di riqualificazione
        Parte III
        Norme regolatrici dell’attività edilizia
        Capitolo 14 - Le regole inerenti all’attività edilizia
        14.1 Premessa
        14.2 L’evoluzione delle regole edilizie
        14.3 Le forme autorizzative delle attività edilizie
        14.4 Legittimazione soggettiva e oggettiva
        14.5 Il permesso di costruire
        14.6 Lo sportello unico per l’edilizia
        14.7 La disciplina del permesso di costruire: 1) Il procedimento istruttorio per il rilascio
        14.8 Segue: 2) Caratteri formali del provvedimento di rilascio
        14.9 Segue: 3) Il diniego del permesso di costruire
        14.10 Segue: 4) L’inerzia della pubblica amministrazione. Il silenzio-rifiuto prima della riforma del 2011
        14.11 Segue: 5) Pubblicità e impugnazione del permesso di costruire
        14.12 Segue: 6) Varianti
        14.13 Segue: 7) Il permesso di costruire in deroga
        14.14 Segue: 8) Efficacia temporale, voltura e rinnovo del permesso di costruire
        14.15 Segue: 9) Decadenza e annullamento del permesso di costruire
        14.16 Segue: 10) Permesso di costruire in sanatoria
        14.17 Segue: 11) Attività edilizia in assenza di strumentazione urbanistica
        14.18 Commissione edilizia e pareri istruttori interni
        14.19 Segue: Commissione edilizia integrata
        14.20 Pareri istruttori esterni
        14.21 Parametri planovolumetrici da computarsi nel rilascio del permesso di costruire
        14.22 Volumi tecnici
        14.23 Parcheggi
        14.24 D istanze e distacchi
        14.25 Onerosità del permesso di costruire
        14.26 Denuncia di inizio attività (DIA ) e segnalazione certificata di inizio attività (SCIA )
        14.27 Regime edilizio degli interventi pubblici e di interesse pubblico
        14.28 Conferenze di servizi
        14.29 Adempimenti tecnici e amministrativi nel corso dei lavori
        14.30 Idoneità all’uso degli immobili, agibilità
        14.31 La qualità edilizia: i requisiti di qualità dell’ambiente urbano e naturalistico
        14.32 Segue: Requisiti di qualità urbanistico-edilizia dell’ambiente urbano
        14.33 Segue: Requisiti di qualità dell’ambiente naturalistico
        14.34 I requisiti di sicurezza degli immobili
        14.35 I requisiti igienico-sanitari
        14.36 Recupero, riqualificazione
        14.37 Segue: Riqualificazione
        14.38 Riabilitazione
        14.39 R apporto tra la normativa nazionale e regionale in materia edilizia
        14.40 Demolizione di opere abusive e condizioni e limiti al rilascio del titolo in sanatoria, secondo la normativa regionale
        Capitolo 15 - Le norme tecniche e antisismiche e il cd. «Piano casa»
        15.1 Le nuove norme tecniche e antisismiche, alla luce dei gravi danni prodotti dal sisma del 2009 nella provincia de L’Aquila e del 2012 in Emilia Romagna
        15.2 Stabilità e sicurezza degli edifici secondo le nuove norme tecniche delle costruzioni e di tutela dai rischi sismici
        15.3 Correlazione tra rischio sismico, sicurezza edilizia e pianificazione urbanistica dei centri urbani
        15.4 Obiettivi del «Piano casa», con conseguenti leggi regionali attuative, di concerto tra Stato e Regioni
        Capitolo 16 - Vigilanza e sanzioni inerenti alle attività edilizie abusive
        16.1 Premessa
        16.2 Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia e responsabilità
        16.3 Categorie di abuso: edilizio, urbanistico e ambientale
        16.4 Testo unico: tipologie di abusi
        16.5 Sanzioni amministrative
        16.6 Segue: Opere sanabili con la sola sanzione pecuniaria
        16.7 Segue: Opere sanabili con il ripristino dello stato dei luoghi o con la sanzione pecuniaria
        16.8 Segue: Opere sanabili con il ripristino dello stato dei luoghi e contestuale pagamento di sanzione pecuniaria
        16.9 Segue: Opere sanabili solo con il ripristino dello stato dei luoghi, ovvero con l’acquisizione al patrimonio comunale
        16.10 Effetti e sanzioni civili
        16.11 Segue: Nullità di atti giuridici negoziali relativi ad edifici abusivi
        16.12 Segue: Sanzioni civili per lottizzazioni abusive
        16.13 Segue: Negoziabilità di opere abusive
        16.14 Segue: Commerciabilità dei beni sottoposti a sanzioni pecuniarie
        16.15 Segue: Divieto di forniture da parte di aziende fornitrici di pubblici servizi
        16.16 Disposizioni fiscali
        16.17 Sanzioni penali
        16.18 Segue: Sanzioni penali per inosservanza di norme
        16.19 Segue: Sanzioni penali per opere realizzate in assenza o in difformità del permesso di costruire o DIA, ovvero per la prosecuzione di lavori sospesi
        16.20 Segue: Sanzioni penali per lottizzazioni abusive e per opere abusive realizzate in zone sottoposte a vincoli
        16.21 Segue: Procedimenti connessi con le sanzioni penali
        Capitolo 17 - La pianificazione urbanistica: esproprio e limitazioni della proprietà
        17.1 Premessa
        17.2 Evoluzione storica della disciplina espropriativa fino al D.P.R. n. 327/2001 e successive modifiche
        17.3 Tutela costituzionale e funzione sociale della proprietà
        17.4 I l ruolo degli espropri nella pianificazione urbanistico-territoriale
        17.5 Procedimento espropriativo e indennità d’esproprio
        17.6 Occupazione d’urgenza
        17.7 I l decreto di esproprio: contenuto, esecuzione ed effetti
        17.8 La nuova valutazione dell’indennizzo
        17.9 Computo d’indennità, criteri di stima e concetto di edificabilità
        17.10 La cessione volontaria
        17.11 Le forme dell’occupazione
        17.12 La retrocessione
        17.13 La tutela giurisdizionale
        Indice Analitico