Enti non commerciali LP2 - Edizioni Simone

Enti non commerciali

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vlp2.jpg

Associazioni, Fondazioni, Enti Ecclesiastici, Comitati, ONLUS • Disciplina civilistica • Adempimenti fiscali e previdenziali • Impresa sociale

Autori

  • Anno Edizione: 2011
  • Edizione: III Ed.
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 624
  • Codice: LP2
  • Isbn: 9788824457538
  • Prezzo: € 45,00
  •  

    • Acquista
    • cartaceo
     
     

      • Definito anche terzo settore, l’universo degli enti non commerciali è, da anni, in continua espansione: vi fanno parte associazioni – riconosciute e non – enti pubblici ed ecclesiastici, comitati, fondazioni, ONLUS.
        La gestione di un ente non commerciale, apparentemente semplice, comporta una serie di complessità procedurali sia per l’ente stesso, quanto per i suoi amministratori, che costituiscono i soggetti maggiormente responsabili nei confronti degli associati e dei terzi.
        Pubbliche o private che siano tali istituzioni, chi le amministra deve, infatti, affrontare una serie di problematiche nascenti dall’osservanza delle regole civilistiche e da un sistema fiscale farraginoso e in costante evoluzione; un vero e proprio work in progress di cui costituiscono valido esempio: la riforma del Testo Unico sulle Imposte dirette, avviata con il D.lgs. 12 dicembre 2003, n. 344 e proseguita con il d.lgs. n. 247/2005, correttivo dell’IRES, nonché con il d.l. n. 203/2005 poi convertito nella Legge n. 248 del 2 dicembre 2005. Più recenti (2008), invece, gli attesi decreti attuativi della c.d. Impresa sociale (d.lgs. n. 155/2006).
        Sempre di pertinenza degli enti associativi, poi, l’introduzione, datata 2009, del Modello EAS, mentre, dal 1° gennaio 2010, sono in vigore le nuove regole in materia di Iva per i servizi intracomunitari, recate dalle Direttive comunitarie nn. 8, 9 e 117 del 2008 (c.d. Vat package 2008) e recepite, con efficacia retroattiva, attraverso il D.lgs. n. 18 del 11 febbraio 2010.
        Il manuale, assistito da pratiche formule e schemi, e corredato di una ricca appendice di normativa e prassi, si prefigge il compito di fornire a quanti, a vario titolo, operano nel ramo, un quadro completo e aggiornato delle regole che governano il terzo settore.
        A una prima parte introduttiva, che riporta la normativa civilistica riguardante le principali tipologie di enti non commerciali, seguono quella dedicata agli aspetti fiscali (imposte dirette, IVA, IRAP ecc.), con le novità cui si faceva cenno in precedenza, e la già citata appendice.
      • Parte Prima
        Normativa civilistica
        Capitolo 1 – Gli enti non commerciali
        1.1 Considerazioni generali
        1.2 Disciplina giuridica
        1.3 Le associazioni riconosciute
        1.3.1 La situazione antecedente al d.P.R. 361/2000
        1.3.2 La situazione attuale applicata dal d.P.R. 361/2000 (provvedimento di semplificazione e sua incidenza sulla disciplina degli enti del primo libro c.c.)
        1.4 Associazioni non riconosciute o di fatto
        1.4.1 Costituzione e soggettività
        1.4.2 Denominazione e sede
        1.4.3 L’ammissione dei soci e recesso
        1.4.4 L’assetto organizzativo
        1.4.5 Responsabilità dei soci, degli amministratori e dell’ente
        1.4.6 Estinzione dell’associazione non riconosciuta
        1.4.7 Il fondo comune
        1.4.8 La rappresentanza sostanziale e processuale
        1.4.9 Libri sociali e iscrizioni camerale
        1.5 Atto costitutivo e statuto di un’associazione senza fine di lucro
        1.5.1 Il bilancio
        1.6 Gli enti pubblici
        Capitolo 2 – Gli enti ecclesiastici
        2.1 Nozione di ente ecclesiastico
        2.2 Requisiti degli enti ecclesiastici
        2.3 Attribuzione della personalità giuridica agli enti ecclesiastici
        2.4 Scopo di religione e di culto
        2.5 Enti ecclesiastici e trattamento tributario: Principi di carattere generale
        2.6 Autorizzazioni per acquisti immobiliari
        Capitolo 3 – I comitati
        3.1 Nozione di “Comitato”
        3.2 Costituzione e funzionamento
        3.3 Il patrimonio
        3.4 La responsabilità degli organizzatori
        3.5 Devoluzione dei beni e estinzione del comitato
        Capitolo 4 – Le fondazioni
        4.1 Nozione di fondazione
        4.2 Atto costitutivo e statuto
        4.3 Il riconoscimento
        4.4 Lo scopo e l’attività
        4.5 Il patrimonio
        4.6 L’organizzazione
        4.7 Responsabilità della fondazione
        4.8 Estinzione
        Capitolo 5 – Le organizzazioni di volontariato
        5.1 Forma e Struttura delle Organizzazioni di Volontariato
        5.2 I Registri delle Organizzazioni di Volontariato
        5.3 Aspetti fiscali specifici
        5.4 Esclusioni ai fini delle imposte dirette
        5.5 Benefici fiscali ai fini delle imposte indirette
        Capitolo 6 – L’impresa sociale
        6.1 Generalità
        6.2 La disciplina dell’impresa sociale
        6.3 Principio dell’utilità sociale
        6.4 L’assenza dello scopo di lucro
        6.5 Inquadramento della disciplina fiscale nell’ambito del decreto n. 155/2006
        6.6 La mancata previsione di uno specifico regime fiscale dell’impresa sociale
        6.7 L’impresa sociale e gli enti non commerciali
        Capitolo 7 – Le società cooperative
        7.1 Considerazioni generali
        7.1.1 La vigilanza sulle coop
        7.2 Costituzione della società cooperativa e conferimenti
        7.3 Tipologia di società cooperativa
        7.4 Disciplina dei ristorni
        7.4.1 Trattamento fiscale dei ristorni
        7.5 Libri sociali obbligatori
        7.6 Bilancio delle cooperative
        7.7 Imposte
        7.8 Nota integrativa
        7.9 Relazione sulla gestione
        7.10 IL d.l. n. 112/2008 (manovra fiscale)
        Parte Seconda
        Normativa fiscale
        Capitolo 8 – La fiscalità degli enti non commerciali
        8.1 Generalità
        8.2 La decommercializzazione generica (art. 143 del TUIR)
        8.3 La decommercializzazione specifica (art. 148 del TUIR)
        8.4 Obbligo di comunicazione dati all’Agenzia delle entrate: modello EAS
        8.4.1 Natura ed effetti della comunicazione
        8.4.2 Soggetti esonerati dalla presentazione del modello per espressa previsione dell’art. 30
        8.4.3 Contenuto della comunicazione: enti associativi i cui dati sono disponibili presso pubblici registri o amministrazioni pubbliche
        8.4.4 Soggetti esclusi dalla presentazione del modello per mancanza dei presupposti
        8.4.5 Applicabilità dell’onere della presentazione del modello EAS alle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale
        Capitolo 9 – Enti non commerciali e imposte dirette
        9.1 Considerazioni generali
        9.2 Attività istituzionali
        9.2.1 Contributo da soci
        9.2.2 Elargizioni (contributi) da enti pubblici o privati
        9.3 Attività commerciali
        9.4 Contabilità semplificata
        9.5 Regime forfetario degli enti non commerciali
        9.6 Contabilità ordinaria
        9.7 Scritture contabili e imposta di bollo
        9.7.1 Libro inventari
        9.7.2 Imposta di bollo
        9.8 Il libro giornale
        9.9 Numerazione dei libri di soggetti con esercizio non coincidente con l’anno solare
        9.10 Registro dei beni ammortizzabili
        9.11 Regime speciale Legge 16 dicembre 1991, n. 398
        9.12 Attività commerciale: Classificazione delle voci di gestione amministrativa commerciale
        9.12.1 Proventi commerciali
        9.12.2 Costi commerciali
        Capitolo 10 – Le Onlus
        10.1 Considerazioni generali
        10.2 Requisiti per la qualificazione delle ONLUS: Tipologie di enti
        10.3 Vincoli statutari
        10.4 Settori di attività delimitati
        10.5 Nozione di persone svantaggiate
        10.6 Settori di attività che si considerano sempre e comunque, per espressa previsione normativa, come aventi finalità di solidarietà sociale
        10.7 Nozione di attività connesse
        10.8 Condizioni e limiti per l’esercizio delle attività connesse
        10.9 Perdita della qualifica di ONLUS
        10.10 Disciplina dei rapporti associativi
        10.11 Uso della locuzione “Organizzazione non lucrativa di utilità sociale” o dell’acronimo ONLUS
        10.12 Soggetti considerati in ogni caso ONLUS
        10.13 Soggetti considerati ONLUS limitatamente a determinate attività
        10.14 Confronto tra ONLUS e enti non commerciali comuni
        10.15 Comunicazione anagrafe tributaria ONLUS
        10.15.1 Termini di presentazione della comunicazione
        10.15.2 Effetti della comunicazione
        10.15.3 Decorrenza del regime agevolativo
        10.15.4 Modello di comunicazione
        10.15.5 Comunicazione delle variazioni
        10.15.6 Sanzioni per la mancata comunicazione
        10.15.7 Novità per la comunicazione all’anagrafe ONLUS
        10.15.8 ONLUS: Il modello per presentare la dichiarazione sostitutiva in allegato alla comunicazione preventiva
        10.16 Trattamento delle ONLUS in materia di imposte sui redditi
        10.17 Ritenute alla fonte per ONLUS
        10.18 Erogazioni liberali
        10.18.1 Erogazioni liberali in denaro effettuate da imprese e società
        10.18.2 Erogazioni liberali in natura a favore ONLUS
        10.18.3 Novità dal 2005 per le donazioni a onlus: trattamento fiscale e deducibilità per coloro che effettuano le erogazioni liberali
        10.19 Agevolazioni ai fini IVA ONLUS
        10.19.1 Esonero dalla certificazione dei corrispettivi ai fini IVA per ONLUS
        10.20 Altre agevolazioni per le ONLUS
        10.20.1 Esenzioni dall’imposta di bollo
        10.20.2 Esenzioni dalle tasse sulle concessioni governative
        10.20.3 Esenzioni dall’imposta sulle successioni e donazioni
        10.20.4 Esenzioni dall’imposta sull’incremento di valore degli immobili e dalla relativa imposta sostitutiva
        10.20.5 Esenzioni in materia di tributi locali
        10.20.6 Agevolazioni in materia di imposta di registro
        10.20.7 Esenzioni dall’imposta sugli spettacoli
        10.21 Agevolazioni per lotterie, tombole, pesche e banchi di beneficenza
        10.22 Scritture contabili delle ONLUS
        10.23 Sanzioni e responsabilità dei rappresentanti legali e degli amministratori delle ONLUS
        10.24 Rinvio alla normativa degli enti non commerciali
        Capitolo 11 – La dichiarazione dei redditi modello unico enti non commerciali
        11.1 Modalità e termini di presentazione della dichiarazione
        11.1.1 Presentazione telematica diretta
        11.1.2 Periodo di presentazione della dichiarazione
        11.2 Versamenti da dichiarazione
        11.3 Soggetti obbligati alla presentazione del modello Unico
        11.4 Soggetti esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi
        11.5 Reddito complessivo
        11.6 Contabilità separata e regimi forfetari
        11.6.1 Regime forfetario di determinazione del reddito degli enti non commerciali
        11.7 Società e enti non commerciali non residenti nel territorio dello Stato
        11.8 Quadro RA – Reddito dei terreni
        11.9 Quadro RB – Redditi dei fabbricati
        11.9.1 Immobili strumentali dell’impresa
        11.10 Quadro Rc – Reddito d’impresa – Enti a contabilità pubblica
        11.11 Quadro Rd – Reddito di allevamento di animali
        11.12 Quadro RE – Redditi derivanti dall’esercizio di arti e professioni
        11.12.1 Adeguamento ai compensi determinati in base ai parametri (art. 3, comma 126, legge 23 dicembre 1996, n. 662)
        11.12.2 Adeguamento ai compensi determinati in base agli studi di settore (art. 10, legge 8 maggio 1998, n. 146)
        11.12.3 Spese effettuate nell’esercizio di arti e professioni
        11.13 Quadro RF – Reddito d’impresa in regime di contabilità ordinaria
        11.13.1 Variazioni in aumento e in diminuzione
        11.13.2 La deduzione dei costi promiscui
        11.14 Quadro RH - Redditi di partecipazione in società di persone
        11.15 Quadro RL – Redditi diversi
        11.16 Quadro RM – Redditi di capitale soggetti ad imposta sostitutiva, redditi di fonte estera e redditi derivanti da imprese estere partecipate
        11.17 Quadro RU - crediti d’imposta
        11.18 Agevolazioni per le raccolte pubbliche di fondi e per i contributi corrisposti da amministrazioni pubbliche
        11.18.1 Associazioni sindacali agricole
        11.19 Obblighi contabili
        11.20 Perdite d’impresa in contabilità ordinaria
        11.21 Vincoli statutari per gli enti di tipo associativo
        11.22 Aliquota IRES e acconti
        11.23 Agevolazioni di carattere soggettivo
        11.24 Oneri deducibili dal reddito complessivo
        11.25 Oneri per i quali spetta una detrazione d’imposta
        11.26 Condizioni per la detrazione di imposta
        11.27 Trasformazione eterogenea
        11.27.1 La trasformazione eterogenea: termini di presentazione della dichiarazione
        Capitolo 12 – L’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per gli enti non commerciali
        12.1 Il presupposto d’imposta
        12.2 Modello IRAP 2010 - IRAP 2010 enti non commerciali
        Capitolo 13 – L’imposta sul valore aggiunto
        13.1 Rilevanza dell’imposta
        13.2 Le operazioni commerciali occasionali
        13.3 Enti di tipo associativo
        13.3.1 La posizione dell’Amministrazione finanziaria
        13.4 Inizio attività e partita IVA
        13.5 Obblighi e adempimenti IVA
        13.5.1 Fatturazione delle operazioni
        13.5.2 Fatturazione cartacea, elettronica e conservazione dei documenti
        13.6 Nuove regole della territorialità IVA
        13.6.1 Principi generali della territorialità IVA
        13.6.2 Deroghe alle regole generali di territorialità IVA
        13.6.2.1 Consulenza e assistenza tecnica e legale
        13.6.2.2 Servizi relativi ad attività culturali, artistiche, sportive, scientifiche, educative, ricreative e simili
        13.6.2.3 Servizi di intermediazione
        13.6.2.4 Ulteriori deroghe previste per servizi resi a consumatori finali (B2C)
        13.7 Enti non commerciali, la nuova disciplina IVA per i servizi intracomunitari
        13.8 Altri soggetti passivi
        13.9 Registrazione
        13.10 Emissione della fattura da parte del cliente o di un terzo
        13.11 Contenuto della fattura
        13.12 Elementi fondamentali della fattura
        13.13 Fatturazione immediata
        13.14 Fatturazione differita
        13.15 Fatturazione differita per le operazioni triangolari
        13.16 Momento di emissione della fattura
        13.17 Modalità di emissione della fattura
        13.17.1 Fattura cartacea
        13.17.2 Fattura elettronica
        13.18 Riferimento temporale e firma elettronica qualificata
        13.19 Soggetto tenuto ad apporre la firma elettronica in base agli accordi tra le parti
        13.20 Electronic data interchange - EDI
        13.21 Fattura inviata elettronicamente
        13.21.1 Fattura inviata elettronicamente in un unico lotto
        13.22 Emissione tramite posta elettronica delle fatture cartacee o elettroniche: Particolarità e affinità
        13.22.1 Modalità di trasmissione per via telematica della fattura: Ricevuta di invio o consegna
        13.23 Fattura inviata con mezzi tradizionali
        13.24 Registrazione delle fatture
        13.25 Fatture di acquisto
        13.26 Altri documenti che possono essere emessi in formato cartaceo o elettronico
        13.27 Obblighi di conservazione dei registri e dei documenti
        13.28 Conservazione delle fatture emesse in formato elettronico
        13.29 Conservazione delle fatture consegnate o spedite in formato analogico
        13.30 Localizzazione della conservazione
        13.31 Controllo dei documenti conservati elettronicamente
        13.31.1 Controllo da parte dell’Amministrazione finanziaria per i libri e i documenti conservati in formato elettronico
        13.32 Poteri e limiti ai controlli dell’amministrazione finanziaria
        13.33 Accertamento induttivo
        13.34 Momento di effettuazione delle operazioni IVA
        13.35 Pagamento dell’IVA al momento dell’effettiva riscossione del corrispettivo
        13.36 Obbligo scontrino o ricevuta fiscale: Generalizzazione
        13.37 Registri IVA
        13.37.1 Regime normale IVA (IVA a debito meno IVA a credito)
        13.37.2 Registro dei corrispettivi (art. 24, d.P.R. 633/72)
        13.38 Mancato funzionamento del registratore di cassa
        13.39 Registro delle fatture emesse (art. 23, d.P.R. 633/72)
        13.40 Registro degli acquisti (art. 25, d.P.R. 633/72)
        13.41 Variazioni IVA
        13.42 Contabilità semplificata per i contribuenti minori
        13.43 Liquidazione dell’IVA
        13.44 Versamento dell’IVA
        13.45 Acconto IVA
        13.45.1 Criteri di calcolo dell’acconto
        13.46 Comunicazione dati IVA
        13.47 Mezzi elettrocontabili di tenuta dei registri IVA
        13.48 Conservazione dei documenti IVA
        13.49 Semplificazioni in materia di tenuta di registri contabili per l’IVA
        13.50 Abolizione delle annotazioni relative alle liquidazioni periodiche IVA
        13.51 Semplificazioni in materia di registrazione dei beni ammortizzabili per i soggetti in regime di contabilità semplificata
        13.52 Beni immobili
        13.53 Detrazione IVA (art. 19-ter, d.P.R. 26.10.1972, n. 633)
        13.54 Operazioni esenti da IVA
        13.55 Pro-rata (art. 19-bis, d.P.R. 633/72)
        13.56 Rettifica della detrazione IVA (art. 19 bis 2)
        13.57 Rettifica detrazione imposta per mutamenti di regime fiscale
        13.58 Rettifica detrazione IVA per variazione del pro-rata
        13.59 Variazione della detrazione relativa ad acquisti effettuati in anni precedenti
        13.60 La deduzione dei costi promiscui
        13.61 IVA sui pedaggi autostradali
        13.62 Telefoni e spese di rappresentanza
        13.63 Dichiarazione annuale IVA
        13.64 Comunicazione sintetica IVA
        Capitolo 14 – Attività di intrattenimento e di spettacolo
        14.1 Presupposto impositivo
        14.2 Ingresso libero e consumazione obbligatoria
        14.3 Ingresso libero e consumazione facoltativa
        14.4 Aliquote dell’imposta sugli intrattenimenti
        14.5 Base imponibile dell’imposta sugli intrattenimenti
        14.6 Soggetti passivi ISI e regime dell’imponibile medio
        14.7 Manifestazioni di beneficenza
        14.8 Attività organizzate da ONLUS occasionalmente
        14.9 Case da gioco
        14.10 Abbonamenti e diritti di prevendita
        14.11 Adempimenti ai fini dell’imposta sugli intrattenimenti
        14.12 Certificazione dei corrispettivi
        14.13 Modalità e termini di versamento dell’ISI
        14.14 Opzione per il regime ordinario IVA per le attività di intrattenimento
        14.15 Obblighi dei contribuenti ai fini IVA per l’attività di spettacolo
        14.16 Attività spettacolistiche gestite in contabilità ordinaria IVA
        14.17 Attività spettacolistiche gestite da associazioni con l’opzione per la Legge 398/91
        14.18 Attività di intrattenimento ai fini IVA
        14.19 Attività di spettacolo - IVA
        14.20 Intrattenimenti svolti nel’ambito sportivo
        14.21 Associazioni sportive dilettantistiche e soggetti assimilati e particolare regime
        14.21.1 Attività di intrattenimento a favore dei soci
        14.22 Lo scontrino fiscale per spettacoli e intrattenimenti mediante particolare misuratore fiscale
        14.22.1 Soggetti obbligati all’emissione dello scontrino
        14.22.2 Attività di intrattenimento
        14.23 Attività di spettacolo
        14.24 Società e associazioni sportive dilettantistiche semplificazioni sulla certificazione
        14.24.1 Obblighi di certificazione
        14.24.2 Associazioni pro-loco
        14.24.3 Associazioni senza fine di lucro e di promozione sociale
        14.24.4 Spettacolo viaggiante
        14.24.5 Piccole e medie atrazioni, teatri viaggianti e teatrini d burattini e marionette
        14.24.6 Soggetti con volume d’affari superiore a 25.822,84 euro
        Capitolo 15 – Modelli Intrastat per gli enti non commerciali
        15.1 La disciplina IVA per i servizi intracomunitari in vigore dal 1° gennaio 2010
        15.2 Modelli Intrastat
        15.3 Disciplina degli acquisti intracomunitari
        15.4 Attività commerciale
        15.5 Attività istituzionale
        Capitolo 16 – Premi. Operazioni a premi, concorsi
        16.1 Destinatati delle manifestazioni e luogo di svolgimento
        16.2 Concorsi a premio
        16.3 Operazioni a premio
        16.3.1 Premi in palio
        16.4 Giocate del lotto e biglietti delle lotterie nazionali
        16.5 Soggetti promotori delle manifestazioni
        16.6 Esclusioni dalla particolare disciplina
        16.7 Cauzione a garanzia della corresponsione dei premi
        16.8 Manifestazioni vietate
        16.9 Individuazione dei vincitori dei concorsi a premio e notaio
        16.10 Adempimenti dei promotori dei concorsi a premio
        16.11 Regolamento delle operazioni a premio
        16.12 Lotteria
        16.13 Tombola
        16.14 Pesche o banchi di beneficenza
        16.15 Violazioni e sanzioni (art. 124 R.d.l. 19/10/1938, n. 1933 modificato dall’art. 19 comma 55 lett. B della Legge 27/12/1997, n. 449)
        16.16 Aspetti fiscali - Operazioni a premio – Valore del premio
        16.17 Conservazione e domiciliazione della documentazione
        16.18 Soggetti promotori di concorsi e operazioni a premio ai fini tributari
        16.19 Disciplina per gli enti senza di fine di lucro
        Capitolo 17 – Associazioni culturali e musicali
        17.1 Caratteri
        17.2 Trattamento fiscale agevolato
        17.3 Un caso specifico: aspetti legali di un coro
        17.3.1 La personalità giuridica
        17.3.2 Le forme associative
        17.3.3 Associazione non riconosciuta
        17.3.4 Associazione riconosciuta
        17.3.5 Atto costitutivo e statuto
        17.3.6 Aspetti fiscali dell’associazione corale
        17.3.7 Il codice fiscale
        17.3.8 Il bilancio
        17.3.9 Attività commerciali e relativi adempimenti
        17.4 Regime speciale Legge n. 398/1991
        Capitolo 18 – Associazioni sportive e società sportive dilettantistiche (di capitali)
        18.1 Requisiti soggettivi
        18.2 La forma giuridica
        18.2.1 Inapplicabilità delle disposizioni sulla perdita della qualifica di ente non commerciale (art. 90, comma 11)
        18.2.2 Detassazione di determinate attività (ex art. 111, commi 3 e 4-quinquies del TUIR)
        18.3 Società sportive dilettantistiche costituite in società di capitali senza fine di lucro
        18.3.1 Estesa alle società sportive dilettantistiche costituite in società di capitali senza fine di lucro la Legge n. 398/1991
        18.3.2 Certificazione dei corrispettivi per assistere alle manifestazioni sportive dilettantistiche.
        18.3.3 Limite massimo dei proventi per accedere ai benefici arrecati dalla Legge 398/1991
        18.3.4 Compensi agli sportivi dilettanti
        18.4 Associazioni sportive dilettantistiche: contribuzione Enpals e regime speciale. Pag. 410
        18.5 Regime speciale per le associazioni sportive dilettantistiche Legge 16 dicembre 1991, n. 398
        18.6 Le entrate e le uscite su conti correnti bancari o postali
        18.7 I compensi corrisposti a terzi
        18.8 Determinazione del reddito imponibile ai fini IRAP
        18.9 Ritenuta del 4% a titolo di acconto sui contributi erogati alle associazioni e società sportive dilettantistiche
        18.10 Agevolazioni per la deducibilità delle spese di pubblicità (art. 90, comma 8)
        18.11 Ulteriori agevolazioni per le associazioni e società sportive dilettantistiche
        18.11.1 Agevolazioni concernenti l’imposta di registro
        18.11.2 Agevolazioni concernenti l’imposta di bollo
        18.11.3 Agevolazioni concernenti le tasse di concessione governativa
        18.12 Erogazioni liberali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche
        18.13 Adempimenti fiscali e contabili di una società di calcio a cinque
        18.14 Il regolamento di semplificazione delle modalità di certificazione dei corrispettivi delle associazioni sportive dilettantistiche
        18.15 La normativa fiscale per i club sportivi dilettantistici (Legge 289/2002)
        18.15.1 Agevolazioni per lo sport dilettantistico
        18.16 Credito sportivo
        18.17 Nuovo contenuto dello statuto
        18.18 Istituzione del registro delle società e delle associazioni sportive dilettanti
        18.19 Perdita della qualifica di ente non commerciale
        18.20 Attuazione della legge 289/2002
        18.21 Nuovo statuto e atto costitutivo
        Capitolo 19 – L’ente non commerciale come sostituto d’imposta
        19.1 Volontariato e lavoro gratuito
        19.2 Lavoratori dipendenti
        19.3 Borse di studio
        19.4 Lavoratori autonomi
        19.5 Lavoratori autonomi occasionali
        19.6 Collaborazioni coordinante e continuative (c.d. co.co.co.)
        19.7 Contributi previdenziali e assistenziali INPS gestione separata
        19.8 Compensi erogati nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche esenti da INPS (art. 90, comma 3, L. 289/2002)
        19.9 Principio di cassa
        19.10 Modello EMENS
        19.11 Adempimenti relativi al versamento della ritenuta
        19.12 Dichiarazione dei sostituti di imposta
        19.13 Contribuenti obbligati
        19.14 Contribuenti obbligati alla presentazione del modello 770-ordinario
        19.15 Struttura del modello 770 semplificato
        19.16 Dichiarazione predisposta dalle Amministrazioni dello Stato
        19.17 Dichiarazione predisposta da soggetti di grandi dimensioni e gruppi
        19.18 Adempimenti dell’intermediario
        19.19 Sanzioni
        Capitolo 20 – La contabilità degli enti non commerciali
        20.1 Premessa
        20.2 Il rendiconto della gestione
        20.2.1 Rendiconto gestionale a proventi e oneri
        20.3 La nota integrativa
        20.4 Libri contabili attività istituzionale
        20.4.1 Libro cassa (entrate/uscite)
        20.4.2 Libro delle banche (entrate/uscite)
        20.4.3 Libro di prima nota
        20.4.4 Il libro giornale
        20.5 Bilancio (rendiconto) economico-finanziario ai fni del D.Lgs 460/97
        20.6 Conservazione e archiviazione dei documenti e dei registri
        20.7 Principi di rilevazione della contabilità
        Capitolo 21 – Autorizzazioni igienico-sanitarie: bar e somministrazione alimenti e bevande
        21.1 Circoli iscritti ad associazioni di promozione sociale riconosciute dal Ministero degli Interni e retti da statuto registrato contenente le clausole di democraticità di cui all’art. 148 del TUIR
        21.2 Circoli non iscritti ad enti di promozione sociale riconosciuti dal Ministero degli Interni ma retti da regolare statuto e/o atto costitutivo registrato adeguato alle clausole dell’art. 148 del TUIR
        21.3 Circoli o enti non commerciali in genere privi di statuto registrato redatto a norma dell’art. 148 del TUIR, iscritti o meno ad enti di promozione sociale riconosciuti
        21.4 Le Modifiche alla normativa sull’attività di somministrazione di cibi e bevande nei circoli privati
        21.5 Associazioni aderenti alle organizzazioni riconosciute e facenti parte dell’elenco di cui alla citata legge 287/91
        21.6 Altre associazioni senza scopo di lucro
        Capitolo 22 – Gli enti non commerciali e gli altri tributi indiretti
        22.1 L’imposta di registro
        22.2 Atti soggetti a registrazione in termine fisso
        22.3 Atti soggetti a registrazione solo in caso d’uso
        22.4 Atti volontari e a termine fisso
        22.5 Principio dell’alternatività IVA/imposta registro
        22.6 Società e associazioni sportive dilettantistiche
        22.7 Atti per i quali non vi è obbligo di chiedere la registrazione
        22.8 La tassazione dell’atto costitutivo (d.P.R. 26/04/1986 n. 131 – art. 4 Tariffa Legge 23/12/1999 n. 488) di enti commerciali
        22.9 Base imponibile dell’Ente commerciale (d.P.R. 26/04/1986 n. 131- art. 50 Legge 23/12/1999 n. 488)
        22.10 L’imposta di bollo (D.P.R. 642/1972)
        22.11 Atti, documenti e registri esenti da imposta di bollo in modo assoluto
        22.12 Dichiarazioni sostitutive esenti
        22.13 L’imposta comunale sulla pubblicità (D.Lgs. 507/1993)
        22.14 TOSAP – Tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (artt. 38-57, D.Lgs. 507/1993)
        22.15 La tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (artt. 58-80, D.Lgs. 507/1993)
        22.16 L’imposta comunale sugli immobili (D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504)
        22.16.1 Determinazione della base imponibile
        22.16.2 Esenzioni (art. 7, D.Lgs. 504/1992)
        22.16.3 Riduzioni e detrazioni (art. 8, D.Lgs. 30.12.1992, n. 504)
        22.16.4 Versamenti e dichiarazioni (art. 10, D.Lgs. 504/1992)
        22.16.5 Obbligo dichiarativo
        22.17 Tasse sulle concessioni governative (d.P.R. 641/1972)
        Capitolo 23 – Associazioni di promozione sociale
        23.1 Soggetti interessati
        23.2 Prestazioni ricevute
        23.3 Prestazioni effettuate
        23.4 Soggetti esclusi
        23.5 Atto costitutivo e statuto
        23.6 Entrate
        23.7 Rappresentanza e responsabilità
        23.8 Registro nazionale delle associazioni di promozione sociale
        23.9 Registri regionali e provinciali
        23.10 Manifestazioni pubbliche
        23.11 Attività turistiche e ricettive
        23.12 Beni in comodato, sedi e locali
        23.13 Finanziamenti agevolati
        23.14 Agevolazioni alle ONLUS (art. 10 D.Lgs. 4.12.1997 n. 460)
        Appendice
        Lavoro accessorio: Ampliamenti a soggetti e committenti – La Finanziaria 2010 ha introdotto rilevanti modifiche (*)
        Comunicazione dati IVA o dichiarazione annuale IVA entro il 28 febbraio 2011: Le A.S.D. ne sono esonerate. (Fonte: Ufficio Studi Tributari della F.I.G.C., circolare n. 2 di febbraio 2011)
        Legge 11 agosto 1991, n. 266. — Legge quadro sul volontariato (Articolo estratto)
        D.M. 25 maggio 1995 (G.U. 10-6-1995, n. 134). — Criteri per l’individuazione delle attività commerciali e produttive marginali svolte dalle organizzazioni di volontariato
        D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 (G.U. 2-1-1998, n. 1 s.o. n. 1/L). — Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale
        D.M. 19 gennaio 1998 (G.U. 22-1-1998, n. 17). — Approvazione del modello di comunicazione delle organizzazioni non lucrative di utlità sociale ai sensi dell’art. 11 del D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 (Articolo estratto)
        Ministero dell’Economia e delle Finanze – Decreto 18 luglio 2003, n. 266 (G.U. 19-9-2003, n. 218). — Regolamento concernente le modalità di esercizio del controllo relativo alla sussistenza dei requisiti formali per l’uso della denominazione di ONLUS, in attuazione dell’art. 11, comma 3, del D.Lgs. 7 dicembre 1997, n. 460
        Legge Regionale del Molise del 28 ottobre 2002, n. 12 (Bollettino ufficiale della Regione Molise n. 23 del 31 ottobre 2002 - G.U. 1-2-2003, n. 5 - III serie speciale) — Regolamento recante norme per l’istituzione del registro delle persone giuridiche private, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 2000, n. 361 e per le connesse procedure amministrative
        Risoluzione del 23 maggio 2000 n. 66/E – Ministero delle Finanze, Dipartimento delle Entrate, Direzione Centrale, Affari Giuridici e Contenzioso Tributario — Trattamento fiscale, ai fini IRPEG (ora, IRES) e IVA, da applicare alle Università della Terza Età
        Risoluzione del 11 agosto 2000 n. 132 – Ministero delle Finanze, Dipartimento delle Entrate, Direzione Centrale Affari Amministrativi – Manifestazioni a premio
        Risoluzione del 11 dicembre 2000 n. 189 – Ministero delle Finanze, Dipartimento delle Entrate, Direzione Centrale: Affari Giuridici e Contenzioso Tributario — Attività di assistenza sociale e socio-sanitaria. Case di riposo per anziani Agevolazioni. Condizione di svantaggio dei destinatari. Necessita
        Risoluzione del 21 maggio 2001 n. 75 – Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. — Casa di riposo per anziani. Attività istituzionale di ONLUS. Gestione di asilo nido-scuola materna. Attività connessa Non è tale
        C.M. 67/E/2001. — Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina dei redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa
        Agenzia delle entrate – Direzione centrale normativa e contenzioso – Risoluzione del 1° ottobre 2001 n. 142. — Richiesta di interpello ai sensi della L. 212/2000 art. 11. Compensi corrisposti ad atleti non residenti
        Risoluzione del 29 ottobre 2001 n. 170 – Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale
        Normativa e Contenzioso. — Trattamento tributario ai fini IVA applicabile a prestazioni di somministrazione pasti a favore di anziani nel contesto di un programma di assistenza a domicilio
        Risoluzione del 10 gennaio 2002 n. 6 – Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso
        Risoluzione del 18 febbraio 2002 n. 46 – Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. — Cessione gratuita di derrate alimentari a ONLUS. Esatta applicazione dell’art. 13, comma 4, del D.Lgs. n. 460/97 e dell’art. 2, comma 2, del d.P.R. n. 441/97
        Risoluzione del 4 marzo 2002 n. 70/E emanata dall’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. — Associazione con scopi assistenziali e culturali senza fine di lucro. Determinazione della base imponibile Qualificazione di ente commerciale o non commerciale. Criteri
        Risoluzione del 20 maggio 2002 n. 148 emanata dall’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. — Trattamento fiscale di un comitato organizzatore di manifestazione fieristica
        Risoluzione del 24 giugno 2002 n. 205 – Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. — Esenzione IVA per i corsi di formazione per discipline sportive. Art. 10 comma 1 n. 20 del d.P.R. 633/72
        Risoluzione del 9 settembre 2002 n. 292 – Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso – Erogazioni gratuite in denaro o in natura nei confronti di altre ONLUS. Beneficenza. Finalità di solidarietà sociale
        Agenzia delle Entrate – Direzione centrale normativa e contenzioso – Risoluzione del 23 aprile 2003 n. 94 – Istanza di interpello – d.P.R. n. 69 del 2002 — Semplificazione delle modalità di certificazione dei corrispettivi per associazioni sportive dilettantistiche – Circolo del Tennis di
        Risoluzione del 20 ottobre 2003 n. 198 – Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. — Erogazioni liberali per progetti culturali
        Risoluzione n. 9/E del 25 gennaio 2007. — Direzione Centrale Normativa e Contenzioso – OGGETTO: Istanza di interpello – Art. 90, comma 18, legge 27 dicembre 2002, n. 289 – Centro Sportivo ALFA Società Sportiva Dilettantistica S.R.L.
        Direzione Centrale Normativa e Contenzioso del 14 ottobre 2008. — OGGETTO: Interpello – Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 – Applicabilità dell’esenzione dall’IVA ai corsi didattici sportivi effettuati da un’associazione o società sportiva dilettantistica affiliata ad un ente di promozione sportiva – Art. 10, n. 20), del d.P.R. n. 633/72
        CIRCOLARE n. 2/DF del 26 gennaio 2009. — Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, Direzione Federalismo fiscale Prot. 8003 – OGGETTO: Imposta comunale sugli immobili (ICI). Art. 7, comma 1, lettera i), del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504. Esenzioni. Quesiti
        Risoluzione n. 50/E del 25 febbraio 2009. — OGGETTO: Art. 15, comma 1, lettera iquinquies) – Interpello ai sensi dell’art. 11 della legge n. 212 del 2000 – De trazione spese di iscrizione a strutture sportive