Diritto Penale - Parte speciale ST23 - Edizioni Simone

Diritto Penale - Parte speciale

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vst23.jpg

Autori

  • Anno Edizione: 2014
  • Edizione: IV
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 2240
  • Codice: ST23
  • Isbn: 9788891402219
  • Prezzo: € 98,00
  •  

    • Acquista
    • cartaceo
     
     

      • Il volume realizza una chiara, completa ed aggiornata panoramica sulla disciplina di tutte le fattispecie di reato di fonte codicistica, concentrando l’attenzione sugli elementi strutturali oggettivi e soggettivi di ciascuna di esse.
        Anche nella presente edizione, fermo restando il consueto resoconto delle numerose ed articolate novità disciplinari succedutesi, si è inteso privilegiare in modo specifico l’aggiornamento giurisprudenziale, nel convincimento (frutto della pluriennale esperienza di chi scrive) che agli studiosi ed agli operatori del diritto ciò che veramente interessa siano i risvolti interpretativi e pratico-operativi derivanti dalla concreta applicazione delle norme penali.
        Si è, dunque, provveduto sia ad integrare il testo alla luce dei più recenti e significativi pronunciamenti della Cassazione, soprattutto a Sezioni Unite (talvolta riportati integralmente o per ampi stralci nelle note in calce al testo), sia ad arricchire i già ampi box di giurisprudenza, mediante l’inserimento di massime tratte dal centro elaborazione dati della Cassazione.
        Segnalo, in particolare, tra le novità normative, il D.L. 93/2013, convertito, con modifiche, nella L. 119/2013, il D.Lgs. 154/2013, il D.Lgs. 24/2014, il D.Lgs. 39/2014 e, da ultima, la L. 62/2014, norme che hanno in gran parte adeguato il nostro codice penale alle Convenzioni internazionali e che ne fanno ritenere ormai indispensabile una revisione totale, quantomeno nella parte cd. «speciale», e cioè in quella relativa alla disciplina dei singoli reati.
        Ringrazio per la sempre preziosissima collaborazione tutti i Colleghi della Procura della Repubblica di Venezia, cui dedico questo volume.
      • Introduzione
        1 La cd. «parte speciale» del diritto penale
        2 I criteri di classificazione dei reati secondo i vari sistemi
        3 Il criterio di classificazione del codice penale italiano
        4 Il criterio di trattazione da noi seguito
        Capitolo 1: I delitti contro la personalità dello Stato
        Sezione Prima
        Concetti generali
        1 Considerazioni introduttive
        2 Il contenuto della classe
        3 Norme preliminari: la posizione dell’ex cittadino, del militare, dello straniero. Norme comuni: in particolare: l’attenuante generale della lieve entità del fatto prevista dall’art. 311
        4 Il concetto di «segreto di Stato». La disciplina dettata dalla L. 3-8-2007, n. 124. La causa speciale di non punibilità prevista dall’art. 17 della L. 124/2007
        Sezione Seconda
        Delitti contro la personalita internazionale dello Stato
        1 Attentati contro l’integrità, l’indipendenza o l’unità dello Stato (art. 241, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        2 Cittadino che porti le armi contro lo Stato italiano (art. 242)
        3 Intelligenze con lo straniero a scopo di guerra contro lo Stato italiano (art. 243)
        4 Atti ostili verso uno Stato estero, che espongono lo Stato italiano al pericolo di guerra (art. 244)
        5 Intelligenze con lo straniero per impegnare lo Stato italiano alla neutralità o alla guerra (art. 245)
        6 Corruzione del cittadino da parte dello straniero (art. 246)
        7 Favoreggiamento bellico (artt. 247 e 268)
        8 Somministrazione al nemico di provvigioni (artt. 248 e 268)
        9 Partecipazione a prestiti a favore del nemico (artt. 249 e 268)
        10 Commercio col nemico (artt. 250 e 268)
        11 Inadempimento di contratti di forniture in tempo di guerra (artt. 251 e 268)
        12 Frode in forniture in tempo di guerra (artt. 252 e 268)
        13 Distruzione o sabotaggio di opere militari (artt. 253 e 268)
        14 Agevolazione colposa (artt. 254 e 268)
        15 Soppressione, falsificazione o sottrazione di atti o documenti concernenti la sicurezza dello Stato e relativa agevolazione colposa (artt. 255, 259 e 268)
        16 Attività di spionaggio a danno dello Stato (artt. 256-258 e 260-264): concetti generali
        17 Procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato e relativa agevolazione colposa (artt. 256, 259 e 268)
        18 Spionaggio in senso stretto e relativa agevolazione colposa (artt. 257, 258, 259 e 268)
        19 Introduzione clandestina in luoghi militari e possesso ingiustificato di mezzi di spionaggio (artt. 260, modificato dal D.L. 14-8-2013, n. 93, convertito, con modifiche, nella L. 15-10-2013, n. 119 e 268)
        20 Rivelazione di segreti di Stato (art. 261) e di notizie riservate (artt. 262 e 268)
        21 Utilizzazione di segreti di Stato (artt. 263 e 268)
        22 Infedeltà in affari di Stato (artt. 264 e 268)
        23 Disfattismo politico (artt. 265 e 268)
        24 Istigazione di militari a disobbedire alle leggi (artt. 266 e 268)
        25 Disfattismo economico (artt. 267 e 268)
        26 Abrogazione dell’art. 269 (attività antinazionale del cittadino all’estero) ad opera della L. 24-2-2006, n. 85
        27 Il problema dell’attuale vigenza degli artt. 270-274
        28 Associazioni sovversive (art. 270, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        29 Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico (art. 270bis, introdotto dal D.L. 15-12-1979, n. 615, convertito, con modifiche, nella L. 6-2-1980, n. 15, e modificato dal D.L. 18-10-2001, n. 374, convertito, con modifiche, nella L. 5-12-2001, n. 438). La definizione normativa di «condotte con finalità di terrorismo» (art. 270sexies, introdotto dal D.L. 27-7-2005, n. 144, convertito, con modifiche, nella L. 31-7-2005, n. 155)
        30 Assistenza agli associati (art. 270ter, introdotto dal D.L. 18-10-2001, n. 374, convertito, con modificazioni, nella L. 15-12-2001, n. 438)
        31 Arruolamento con finalità di terrorismo anche internazionale (art. 270quater, introdotto dal D.L 27-7-2005, n. 144, convertito, con modifiche, nella L. 31-7-2005, n. 155)
        32 Addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale (art. 270quinquies, introdotto dal D.L. 27-7-2005, n. 144, convertito, con modifiche, nella L. 31-7-2005, n. 155)
        33 La dichiarazione di incostituzionalità dell’art. 271 (Associazioni antinazionali)
        34 Abrogazione dell’art. 272 (Propaganda ed apologia sovversiva o antinazionale) ad opera della L. 24-2-2006, n. 85
        35 Incostituzionalità degli artt. 273 e 274; abrogazione dell’art. 275
        Sezione Terza
        Delitti contro la personalita interna dello Stato
        1 Delitti contro il Presidente della Repubblica (artt. 276-279 e 301)
        2 Attentato per finalità terroristiche o di eversione (art. 280, modificato dalla L. 6-2-1980, n. 15 e dalla L. 14-2-2003, n. 34)
        3 Atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi (art. 280bis, introdotto dalla L. 14-2-2003, n. 34)
        4 Attentato contro la Costituzione dello Stato (art. 283, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        5 Insurrezione armata (art. 284)
        6 Devastazione, saccheggio e strage (art. 285)
        7 Guerra civile (art. 286)
        8 Usurpazione di potere politico o di comando militare (art. 287)
        9 Arruolamenti o armamenti non autorizzati a servizio di uno Stato estero (art. 288)
        10 Attentato contro gli organi costituzionali e contro le assemblee regionali (art. 289, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        11 Sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione (art. 289bis)
        12 Vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate (art. 290, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        13 Vilipendio alla nazione italiana (art. 291, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        14 Vilipendio o danneggiamento alla bandiera o ad altro emblema dello Stato (art. 292, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        15 Attentati contro i diritti politici del cittadino (art. 294)
        Sezione Quarta
        Reati contro gli Stati esteri
        1 Generalità
        2 Attentato contro i Capi di Stati esteri (artt. 295 e 301)
        3 Offesa alla libertà dei Capi di Stati esteri (art. 296)
        4 Offesa alla bandiera o ad altro emblema di uno Stato estero (art. 299, modificato dalla L. 24-2- 2006, n. 85)
        Sezione Quinta
        Attivita preparatorie punibili
        1 Generalità
        2 Istigazioni a commettere delitti contro la personalità dello Stato (art. 302)
        3 Cospirazione politica mediante accordo (art. 304)
        4 Cospirazione politica mediante associazione (art. 305)
        5 Banda armata (art. 306)
        6 L’assistenza ai partecipi di cospirazione o di banda armata (art. 307, modificato dal D.L. 18-10-2001, n. 374, convertito, con modifiche, nella L. 15-12-2001, n. 438)
        7 Casi di non punibilità (artt. 308-309)
        Capitolo 2: I delitti contro la Pubblica Amministrazione
        Sezione Prima
        Concetti generali e disposizioni comuni
        1 Generalità sui reati contro la P.A. - le LL. 26-4-1990, n. 86; 7-2-1992, n. 181; 16-7-1997, n. 234; 6-11-2012, n. 190 e 20-12-2012, n. 237
        2 Il concetto di «pubblico ufficiale»
        3 L’abuso della qualità e dei poteri di pubblico ufficiale nel diritto penale
        4 Il concetto di «persona incaricata di un pubblico servizio»
        5 L’estensione della qualità di «pubblico ufficiale» e di «persona incaricata di un pubblico servizio» ai membri degli organi delle comunità europee ed ai funzionari delle Comunità Europee e di Stati esteri (art. 322bis, ultimo comma, introdotto dalla L. 29-9-2000, n. 300)
        6 Il concetto di «persona esercente un servizio di pubblica necessità»
        7 Rapporti tra qualifica e fatto
        8 Cessazione della qualità (art. 360)
        9 La confisca dei beni che costituiscono il profitto o il prezzo dei reati previsti dagli artt. 314-320 (art. 322ter, introdotto dalla L. 29-9-2000, n. 300 e modificato dalla L. 6-11-2012, n. 190 ed art. 335bis, introdotto dalla L. 27-3-2001, n. 97)
        10 Le pene accessorie dell’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione (art. 32quater, introdotto dalla L. 24-11-1981, n. 689 e modificato dal D.L. 17-9-1993, n. 369, convertito, con modificazioni, nella L. 15-11-1993, n. 461; dalla L. 7-3-1969, n. 108 e dalla L. 6-11-2012, n. 190) e dell’estinzione del rapporto di lavoro o di impiego (art. 32quinquies, introdotto dalla L. 27-3-2001, n. 97 e modificato dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        Sezione Seconda
        I delitti dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione
        1 Peculato (artt. 314 e 323bis, modificati dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        2 L’abrogazione dell’art. 315 (malversazione a danno di privati) e le sue conseguenze
        3 Peculato mediante profitto dell’errore altrui (artt. 316 e 323bis)
        4 Malversazione a danno dello Stato (artt. 316bis e 323bis)
        5 Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (art. 316ter, introdotto dalla L. 29-9-2000, n. 300)
        6 Concussione (artt. 317 e 323bis, modificati dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        7 La corruzione dopo la riforma della L. 6-11-2012, n. 190
        8 Corruzione per l’esercizio della funzione (cd. corruzione impropria: artt. 318, 320, 321, 323bis, modificati dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        9 Corruzione propria antecedente (artt. 319, 1° inciso, 319bis, modificato dal D.L. 31-5-2010, n. 78, convertito, con modificazioni, nella L. 30-7-2010, n. 122, 320, 321 e 323bis, modificati dalla L 6-11-2012, n. 190)
        10 Corruzione propria susseguente (artt. 319, 2° inciso, 319bis, modificato dal D.L. 31-5-2010, n. 78, convertito, con modifiche, nella L. 30-7-2010, n. 122, 320, 321 e 323bis, modificati dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        11 Corruzione in atti giudiziari (art. 319ter, modificato dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        12 Induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319quater, introdotto dalla L. 6-11-2012, n 190, e 323bis, modificato dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        13 Istigazione alla corruzione impropria (artt. 322, 1° e 3° comma e 323bis, modificati dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        14 Istigazione alla corruzione propria (artt. 322, 2° e 4° comma e 323bis, modificati dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        15 La nuova figura di corruzione tra privati (art. 2635 del codice civile, modificato dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        16 Peculato, concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità, corruzione e istigazione alla corruzione di membri della Corte penale internazionale o degli organi delle Comunità Europee e di funzionari delle Comunità Europee e di Stati Esteri (art. 322bis, introdotto dalla L. 29-9-2000, n. 300 e successivamente modificato dalla L. 3-8-2009, n. 116; dalla L. 6-11-2012, n. 190 e dalla L. 20-12-2012, n. 237)
        17 La nuova figura di abuso d’ufficio (art. 323, modificato dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        18 Utilizzazione di invenzioni o scoperte conosciute per ragioni d’ufficio (art. 325)
        19 Rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio (art. 326)
        20 L’abrogazione dell’art. 327
        21 Rifiuto di atti d’ufficio. Omissione (art. 328)
        22 Rifiuto o ritardo di obbedienza commesso da un militare o da un agente della forza pubblica (art. 329)
        23 L’abrogazione dell’art. 330 (Abbandono collettivo di pubblici uffici, impieghi, servizi o lavori) ad opera della L. 12-6-1990, n. 146
        24 Interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità (art. 331)
        25 L’abrogazione dell’art. 332
        26 L’abrogazione dell’art. 333
        27 Sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale o dall’autorità amministrativa (art. 334)
        28 Violazione colposa dei doveri inerenti alla custodia di cose sequestrate (art. 335)
        Sezione Terza
        I delitti dei privati contro la P.A.
        1 Generalità
        2 L’esimente ex art. 393bis (cd. reazione legittima agli atti arbitrari dei pubblici ufficiali)
        3 Violenza o minaccia ad un pubblico ufficiale (artt. 336, 339)
        4 Resistenza ad un pubblico ufficiale (art. 337)
        5 Occultamento, custodia o alterazione di mezzi di trasporto (art. 337bis, introdotto dalla L. 19-3-2001, n. 92)
        6 Violenza o minaccia ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario (art. 338)
        7 Circostanze aggravanti comuni ai reati ex artt. 336, 337 e 338 (art. 339, come modificato dal D.L. 8-2-2007, n. 8, convertito, con modificazioni, nella L. 4-4-2007, n. 41). In particolare: il concetto di «armi» per il codice penale (art. 585) e le distinzioni secondo le leggi speciali
        8 Interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità (art. 340)
        9 Oltraggio a un pubblico ufficiale (art. 341bis, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        10 Oltraggio a un corpo politico, amministrativo o giudiziario (art. 342, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        11 Oltraggio a un magistrato in udienza (art. 343)
        12 Corte penale internazionale (art. 343bis, introdotto dalla L. 20-12-2012, n. 237)
        13 L’abrogazione dell’art. 344 (Oltraggio a un pubblico impiegato)
        14 La depenalizzazione dell’art. 345 (Offesa all’autorità mediante danneggiamento di affissioni)
        15 Millantato credito (art. 346)
        16 Traffico di influenze illecite (art. 346bis, introdotto dalla L. 6-11-2012, n. 190)
        17 Usurpazione di funzioni pubbliche (art. 347)
        18 Abusivo esercizio di una professione (art. 348)
        19 Violazione di sigilli (art. 349)
        20 La depenalizzazione della agevolazione colposa (art. 350)
        21 Violazione della pubblica custodia di cose (art. 351)
        22 La depenalizzazione dell’art. 352 (Vendita di stampati dei quali è stato ordinato il sequestro)
        23 Turbata libertà degli incanti (art. 353, come modificato dalla L. 13-8-2010, n. 136 recante «Piano straordinario contro le mafie, nonche delega al Governo in materia di normativa antimafia»)
        24 Turbata libertà del procedimento di scelta del contraente (art. 353bis, introdotto dalla L. 13-8-2010, n. 136)
        25 Astensione dagli incanti (art. 354)
        26 Inadempimento di contratti di pubbliche forniture (art. 355)
        27 Frode nelle pubbliche forniture (art. 356)
        Capitolo 3: I delitti contro l’amministrazione della giustizia
        Sezione Prima
        Concetti introduttivi
        1 Generalità
        2 Il concetto di «amministrazione della giustizia»
        Sezione Seconda
        I delitti contro l’attivita giudiziaria
        1 L’oggetto specifico della tutela penale delle singole figure
        2 Omessa denuncia di reato da parte del pubblico ufficiale (artt. 361, 363 e 384)
        3 Omessa denuncia da parte di un incaricato di un pubblico servizio (artt. 362, 363 e 384)
        4 Omessa denuncia di reato da parte del cittadino (artt. 364 e 384)
        5 Omissione di referto (artt. 365 e 384)
        6 Rifiuto di uffici legalmente dovuti (artt. 366 e 384)
        7 Simulazione di reato (artt. 367 e 370)
        8 Calunnia (artt. 368, come modificato dalla L. 20-12-2012, n. 237, e 370)
        9 Autocalunnia (artt. 369, 370 e 384)
        10 Falso giuramento della parte (art. 371)
        11 Falsa testimonianza (artt. 372, come modificato dalla L. 20-12-2012, n. 237, 375, 376 e 384)
        12 False informazioni al Pubblico Ministero o al Procuratore della Corte penale internazionale (artt. 371bis, come modificato dalla L. 20-12-2012, n. 237, 375, 376 e 384 come modificati dalla L. 8-8-1995, n. 332; dalla L. 7-12-2000, n. 397; dalla sent. 20-3-2009, n. 75 della Corte Costituzionale)
        13 False dichiarazioni al difensore (art. 371ter, introdotto dalla L. 7-12-2000, n. 397)
        14 Falsa perizia o interpretazione (artt. 373, 375, 376 e 384)
        15 Frode processuale (artt. 374, come modificato dalla L. 20-12-2012, n. 237, 375 e 384 primo comma)
        16 False dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’autorità giudiziaria o alla Corte penale internazionale (art. 374bis, modificato dalla L. 20-12-2012, n. 237)
        17 Intralcio alla giustizia (art. 377, come modificato dal D.L. 8-6-1992, n. 306; dalla L. 7-12-2000, n. 397; dalla L. 16-3-2006, n. 146 e dalla L. 20-12-2012, n. 237)
        18 Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’Autorità Giudiziaria (art. 377bis, introdotto dalla L. 1°-3-2001, n. 63)
        19 Favoreggiamento personale (artt. 378 come modificato dalla L. 20-12-2012, n. 237, 376 come modificato dalla L. 15-7-2009, n. 94, e 384 primo comma)
        20 Favoreggiamento reale (art. 379)
        21 Rivelazione di segreti inerenti a un procedimento penale (art. 379bis, introdotto dalla L. 7-12-2000, n. 397)
        22 Patrocinio o consulenza infedele (artt. 380, come modificato dalla L. 20-12-2012, n. 237, e 383)
        23 Altre infedeltà del patrocinatore o del consulente tecnico (artt. 381 e 383)
        24 Millantato credito del patrocinatore (artt. 382 e 383)
        Sezione Terza
        I delitti contro l’Autorita delle decisioni giudiziarie
        1 L’oggetto specifico della tutela penale
        2 Evasione (art. 385, modificato dalla L. 26-11-2010, n. 199)
        3 Procurata evasione (art. 386)
        4 Colpa del custode (art. 387)
        5 Mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice (art. 388, modificato dalla L. 24-11-1981, n. 689, dalla L. 24-2-2006, n. 52 e dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        6 Violazione colposa dei doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a pignoramento ovvero a sequestro giudiziario o conservativo (art. 388bis)
        7 Mancata esecuzione dolosa di sanzioni pecuniarie (art. 388ter)
        8 Inosservanza di pene accessorie (art. 389)
        9 Procurata inosservanza di pena (art. 390)
        10 Procurata inosservanza di misure di sicurezza detentive (art. 391)
        11 Agevolazione ai detenuti e internati sottoposti a particolari restrizioni delle regole di trattamento e degli istituti previsti dall’ordinamento penitenziario (art. 391bis, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        Sezione Quarta
        Della tutela arbitraria delle private ragioni
        1 Oggetto specifico della tutela penale
        2 Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose (art. 392)
        3 Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone (art. 393)
        4 Abrogazione degli artt. 394-401
        Capitolo 4: I delitti contro il sentimento religioso e contro la pietà dei defunti
        1 Generalità
        Sezione Prima
        I delitti contro le religioni ed i culti ammessi nello Stato
        1 L’espressa abrogazione del principio della religione cattolica come sola religione di Stato
        2 L’evoluzione della normativa in materia di tutela dei culti religiosi ammessi nello Stato: la dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’art. 402 (vilipendio della religione dello Stato); la sua portata e la prevedibile dichiarazione di incostituzionalità degli artt. 403, 404 e 405; la L. 24-2-2006, n. 85
        3 Offese ad una confessione religiosa mediante vilipendio di persone (art. 403, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        4 Offese a una confessione religiosa mediante vilipendio o danneggiamento di cose (art. 404, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        5 Turbamento di funzioni religiose del culto di una confessione religiosa (art. 405, modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85)
        6 Abrogazione dell’art. 406 (Delitti contro i culti ammessi nello Stato) ad opera della L. 24-2-2006, n. 85
        Sezione Seconda
        I delitti contro la pieta dei defunti
        1 Generalità
        2 Violazione di sepolcro (art. 407)
        3 Vilipendio delle tombe (art. 408)
        4 Turbamento di un funerale o servizio funebre (art. 409)
        5 Vilipendio di cadavere (art. 410)
        6 Distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere (art. 411, modificato dalla L. 30-3-2001, n. 130)
        7 Occultamento di cadavere (art. 412)
        8 Uso illegittimo di cadavere (art. 413)
        Capitolo 5: I delitti contro l’ordine pubblico
        1 Generalità. Il concetto di «ordine pubblico»
        2 Istigazione a delinquere (art. 414, 1° e 2° comma)
        3 Apologia di delitti (art. 414, 3° comma)
        4 Istigazione a pratiche di pedofilia e di pedopornografia (art. 414bis, introdotto dalla L. 1°-10-2012, n. 172)
        5 Istigazione a disobbedire alle leggi (art. 415, 1a parte)
        6 Istigazione all’odio fra le classi sociali (art. 415, 2a parte)
        7 Associazione per delinquere (artt. 416, come modificato dalla L. 11-8-2003, n. 228; dalla L. 15-7-2009, n. 94, e dalla L. 1°-10-2012, n. 172; 417)
        8 L’associazione per delinquere ex art. 74 D.P.R. 309/90 (T.U. delle leggi in materia di stupefacenti)
        9 Associazioni di tipo mafioso, anche straniere (artt. 416bis, come modificato dalla L. 5-12-2005, n. 251, dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125 e dal D.L. 4-2-2010, n. 4, conv., con modif., nella L. 31-3-2010, n. 50; 416ter)
        10 Scambio elettorale politico-mafioso (art. 416ter)
        11 Assistenza agli associati (art. 418, come modificato dal D.L. 18-10-2001, n. 374, conv., con modif., nella L. 15-12-2001, n. 438 ed ulteriormente modificato dalla L. 5-12-2005, n. 251)
        12 Devastazione e saccheggio (art. 419)
        13 Attentato a impianti di pubblica utilità (art. 420, modificato dalla L. 18-3-2008, n. 48)
        14 Pubblica intimidazione (art. 421)
        Capitolo 6: I delitti contro l’incolumità pubblica
        1 Generalità
        2 Il concetto di «incolumità pubblica»
        3 Il concetto di «comune pericolo» e la sua natura
        Sezione Prima
        I delitti di comune pericolo mediante violenza
        1 Strage (art. 422)
        2 Incendio (artt. 423 e 425)
        3 Incendio boschivo (art. 423bis)
        4 Danneggiamento seguito da incendio (artt. 424 e 425)
        5 Inondazione, frana o valanga (art. 426)
        6 Danneggiamento seguito da inondazione, frana o valanga (art. 427)
        7 Naufragio, sommersione o disastro aviatorio (art. 428)
        8 Danneggiamento seguito da naufragio (art. 429)
        9 Disastro ferroviario (art. 430)
        10 Pericolo di disastro ferroviario causato da danneggiamento (art. 431)
        11 Attentati alla sicurezza dei trasporti (art. 432)
        12 Attentati alla sicurezza degli impianti di energia elettrica e del gas ovvero delle pubbliche comunicazioni (art. 433)
        13 Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi (art. 434)
        14 Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti (art. 435)
        15 Sottrazione, occultamento o guasto di apparecchi a pubblica difesa di infortuni (art. 436)
        16 Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro (art. 437)
        Sezione Seconda
        I delitti di comune pericolo mediante frode
        1 Epidemia (art. 438)
        2 Avvelenamento di acque o di sostanze alimentari (art. 439)
        3 Adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari (art. 440)
        4 Adulterazione e contraffazione di altre cose in danno della pubblica salute (art. 441)
        5 Commercio di sostanze alimentari contraffatte o adulterate (art. 442)
        6 Commercio o somministrazione di medicinali guasti (art. 443)
        7 Commercio di sostanze alimentari nocive (art. 444)
        8 Somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica (art. 445)
        9 Confisca obbligatoria (art. 446)
        10 Abrogazione dell’articolo 447
        Sezione Terza
        I delitti colposi di comune pericolo
        1 Generalità
        2 Delitti colposi di danno (art. 449)
        3 Delitti colposi di pericolo (art. 450)
        4 Omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro (art. 451)
        5 Delitti colposi contro la salute pubblica (art. 452)
        Capitolo 7: I delitti contro la fede pubblica pubblica
        Sezione Prima
        Concetti generali sui reati contro la fede pubblica
        1 Generalità
        2 Il problema dell’oggetto giuridico: la cd. «fede pubblica»
        3 Il concetto di «falso»
        4 Il problema della rilevanza penale del falso innocuo, grossolano ed inutile: la teoria che li riporta al reato impossibile e la teoria che li riporta alla mancanza di tipicità
        5 Il dolo nei reati di falso
        6 Delitti contro la fede pubblica ed attenuante ex art. 62 n. 4
        Sezione Seconda
        La falsita in monete, in carte di pubblico credito e in valori di bollo
        1 Concetti generali
        2 Contraffazione di monete e di carte di pubblico credito (artt. 453 n. 1, 456, 458)
        3 Alterazione di monete (artt. 453 n. 2 e 454)
        4 Introduzione nello Stato, detenzione, spendita o messa in circolazione di monete contraffatte o alterate previo concerto (artt. 453 n. 3 e 454)
        5 Acquisto o ricevimento di monete false o alterate al fine di metterle in circolazione (artt. 453 n. 4 e 454)
        6 Spendita o introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate (art. 455)
        7 Spendita di monete falsificate ricevute in buona fede (art. 457)
        8 Falsificazione di valori di bollo, introduzione nello Stato, acquisto, detenzione o messa in circolazione di valori di bollo falsificati (art. 459)
        9 Contraffazione di carta filigranata in uso per la fabbricazione di carte di pubblico credito o di valori di bollo (art. 460)
        10 Fabbricazione o detenzione di filigrane o di strumenti destinati alla falsificazione di monete, di valori di bollo o di carta filigranata (art. 461, modificato dal d.l. 25-9-2001, n. 350, conv., con modif., nella L. 23-11-2001, n. 409)
        11 Falsificazione di biglietti di pubbliche imprese di trasporto (art. 462)
        12 L’esimente comune ai reati fin qui esaminati (art. 463)
        13 Uso di valori di bollo contraffatti o alterati (art. 464)
        14 La depenalizzazione del reato previsto dall’art. 465 (uso di biglietti falsificati di pubbliche imprese di trasporto)
        15 La depenalizzazione del reato previsto dall’art. 466 (alterazione di segni nei valori di bollo o nei biglietti usati e uso degli oggetti così alterati)
        Sezione Terza
        Le falsita in sigilli o strumenti o segni di autenticazione, certificazione o riconoscimento
        1 Concetti generali
        2 Contraffazione del sigillo dello Stato e uso del sigillo contraffatto (art. 467)
        3 Contraffazione di altri pubblici sigilli o strumenti destinati a pubblica autenticazione o certificazione e uso di tali sigilli e strumenti contraffatti (art. 468)
        4 Contraffazione delle impronte di una pubblica autenticazione o certificazione (art. 469)
        5 Vendita o acquisto di cose con impronte contraffatte di una pubblica autenticazione o certificazione (art. 470)
        6 Uso abusivo di sigilli e strumenti veri (art. 471)
        7 Uso o detenzione di misure o pesi con falsa impronta (art. 472)
        8 Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni (art. 473, modificato dalla L. 23-7-2009, n. 99, ed artt. 474bis, 474ter e 474quater, introdotti dalla stessa L. 99/2009)
        9 Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi (art. 474, sostituito dalla L. 23-7-2009, n. 99, ed artt. 474bis, 474ter e 474quater, introdotti dalla stessa L. 99/2009)
        Sezione Quarta
        Le falsita in atti
        1 Generalità. Il concetto di documento. In particolare: il documento informatico (art. 491bis c.p. ed art. 7 Convenzione di Budapest)
        2 Gli «atti pubblici»
        3 Le «scritture private»
        4 Originali, copie, duplicati ed attestati. In particolare: le copie fotostatiche
        5 Documenti equiparati agli atti pubblici agli effetti della pena (art. 491)
        6 Certificati ed autorizzazioni amministrative
        7 Falsità materiale e falsità ideologica
        8 Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art. 476)
        9 Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in certificati o autorizzazioni amministrative (art. 477)
        10 Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in copie autentiche di atti pubblici o privati e in attestati del contenuto di atti (art. 478)
        11 Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art. 479)
        12 Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in certificati o autorizzazioni amministrative (art. 480)
        13 Falsità commesse da pubblici impiegati incaricati di un pubblico servizio (art. 493)
        14 Falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità (art. 481)
        15 Falsità materiale commessa dal privato (art. 482 in relazione agli artt. 476, 477 e 478)
        16 Falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483)
        17 Falsità in registri e notificazioni (art. 484)
        18 Falsità in scrittura privata (artt. 485 e 493bis)
        19 Falsità in foglio firmato in bianco. Atto privato (artt. 486 e 493bis)
        20 Falsità in foglio firmato in bianco. Atto pubblico (artt. 487 e 493)
        21 Altre falsità in foglio firmato in bianco (artt. 488, 493bis)
        22 Uso di atto falso (art. 489)
        23 Soppressione, distruzione e occultamento di atti veri (art. 490)
        Sezione Quinta
        Le falsita personali
        1 Generalità e oggetto giuridico di tali delitti
        2 Sostituzione di persona (art. 494)
        3 Falsa attestazione o dichiarazione ad un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri (art. 495, come modificato dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125)
        4 Falsa dichiarazione o attestazione al certificatore di firma elettronica sull’identità o su qualità personali proprie o di altri (art. 495bis, introdotto dalla L. 18-3-2008, n. 48)
        5 Fraudolente alterazioni per impedire l’identificazione o l’accertamento di qualità personali (art. 495ter, introdotto dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125)
        6 False dichiarazioni sull’identità o su qualità personali proprie o altrui (art. 496, modificato dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125)
        7 Frode nel farsi rilasciare certificati del casellario giudiziale ed uso indebito di tali certificati (art. 497)
        8 Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi (art. 497bis, introdotto dal D.L. 27-7-2005, n. 144, conv., con modif., nella L. 31-7-2005, n. 155)
        9 Possesso di segni distintivi contraffatti (art. 497ter, introdotto dalla L. 21-2-2006, n. 49)
        10 La depenalizzazione dell’art. 498 (Usurpazione di titoli o di onori)
        Capitolo 8: I delitti contro l’economia pubblica, l’industria e il commercio
        Sezione Prima
        Concetti generali sui delitti contro l’economia pubblica, l’industria ed il commercio
        1 Generalità
        2 Gli oggetti della tutela giuridica
        Sezione Seconda
        I delitti contro l’economia pubblica
        1 Distruzione di materie prime o di prodotti agricoli o industriali ovvero di mezzi di produzione (art. 499)
        2 Diffusione di una malattia delle piante o degli animali (art. 500)
        3 Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio (cd. aggiotaggio: artt. 501 e 518)
        4 Manovre speculative su merci (art. 501bis)
        5 I delitti contro l’ordine del lavoro (artt. 502-512): A) Considerazioni generali
        6 Segue: B) Serrata e sciopero per fini non contrattuali (art. 503)
        7 Segue: C) Coazione alla pubblica autorità mediante serrata o sciopero (art. 504)
        8 Segue: D) Serrata o sciopero a scopo di solidarietà o di protesta (art. 505)
        9 Segue: E) Serrata di esercenti di piccole industrie o commerci (art. 506)
        10 Segue: F) Boicottaggio (art. 507)
        11 Segue: G) Arbitraria invasione e occupazione di aziende agricole o industriali. Sabotaggio (art. 508)
        12 Segue: H) Norme comuni agli articoli precedenti (artt. 510-512)
        Sezione Terza
        I delitti contro l’industria ed il commercio
        1 Turbata libertà dell’industria o del commercio (art. 513)
        2 Illecita concorrenza con minaccia o violenza (art. 513bis)
        3 Frodi contro le industrie nazionali (artt. 514 e 518)
        4 Frode nell’esercizio del commercio (artt. 515, 517bis e 518)
        5 L’ipotesi speciale di frode in commercio in materia di carni surgelate (art. 4, L. 18-3-1977, n. 63)
        6 Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine (artt. 516, 517bis e 518)
        7 Vendita di prodotti industriali con segni mendaci (artt. 517, modificato dal D.L. 14-3-2005, n. 35, conv., con modif., nella L. 14-5-2005, n. 80, e dalla L. 23-7-2009, n. 99, 517bis e 518)
        8 Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale (artt. 517ter e 517quinquies, introdotti dalla L. 23-7-2009, n. 99)
        9 Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari (artt. 517quater e 517quinquies, introdotti dalla L. 23-7-2009, n. 99)
        Capitolo 9: I delitti contro la moralità pubblica ed il buon costume ed i delitti contro il sentimento per gli animali
        Sezione Prima
        I cd. ≪reati contro la società in generale
        1 Introduzione: la categoria dei cd. «reati contro la società» secondo la dottrina dominante
        2 Generalità sui delitti contro la moralità pubblica ed il buon costume
        3 L’oggettività giuridica delle norme in esame: A) i concetti di «moralità pubblica» e «buon costume»
        4 Segue: B) I concetti di «pudore sessuale», «onore sessuale» e «pubblica decenza». Cenni e rinvio
        5 Disposizioni comuni ai delitti previsti nel titolo IX
        Sezione Seconda
        I delitti contro la liberta sessuale: loro abrogazione
        1 Abrogazione del capo I del titolo IX
        2 Successione di leggi nel tempo
        Sezione Terza
        Delle offese al pudore ed all’onore sessuale
        1 Il «pudore» come oggetto della tutela penale (art. 529, 1° comma)
        2 Atti osceni (art. 527, modificato dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        3 Pubblicazioni e spettacoli osceni (artt. 528 e 529, 2° comma)
        4 L’abrogazione dell’art. 530 (Corruzione di minorenni)
        5 L’abrogazione degli artt. 531-536
        6 Tratta di donne e di minori commessa all’estero (art. 537)
        7 La misura di sicurezza (art. 538)
        Sezione Quarta
        I delitti contro il sentimento per gli animali
        1 La L. 20-7-2004, n. 189 e la L. 4-11-2010, n. 201
        2 Uccisione di animali (art. 544bis, modificato dalla L. 4-11-2010, n. 201)
        3 Maltrattamento di animali (art. 544ter, modificato dalla L. 4-11-2010, n. 201)
        4 Spettacoli o manifestazioni vietati (art. 544quater)
        5 Divieto di combattimenti tra animali (art. 544quinquies)
        Capitolo 10: I delitti contro l’integrità e la sanità della stirpe: loro abrogazione
        1 Abrogazione del titolo X del libro II del codice penale
        2 Le norme abrogate
        Capitolo 11: I delitti contro la famiglia
        Sezione Prima
        Concetti generali
        1 La sistematica del codice penale
        2 La «famiglia» nel diritto penale
        3 I principi fondamentali in materia di «famiglia» e loro riflessi penali. In particolare: i principi introdotti dalla L. 10-12-2012, n. 219 e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154
        4 I rapporti di famiglia nel diritto penale dopo le modifiche introdotte dalla L. 10-12-2012, n. 219 e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154
        Sezione Seconda
        Dei delitti contro il matrimonio
        1 Generalità
        2 Bigamia (artt. 556 e 557)
        3 Induzione al matrimonio mediante inganno (art. 558)
        Sezione Terza
        I delitti contro la morale familiare
        1 Incesto (art. 564 modificato dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        2 Attentati alla morale familiare commessi con il mezzo della stampa (art. 565)
        Sezione Quarta
        I delitti contro lo stato di famiglia
        1 Generalità – oggetto giuridico delle norme in esame – pena accessoria (art. 569, come modificato prima dalla L. 24-11-1981, n. 689 e, poi, dalle sentenze 31/2012 e 7/2013 della Corte Costituzionale e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        2 Supposizione o soppressione di stato (art. 566)
        3 Alterazione di stato (art. 567)
        4 Occultamento di stato di un figlio (art. 568 modificato dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        Sezione Quinta
        I delitti contro l’assistenza familiare
        1 Violazione degli obblighi di assistenza familiare (art. 570 modificato dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154): considerazioni di carattere generale
        2 La violazione degli obblighi di assistenza di carattere morale (art. 570, 1° comma, modificato dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        3 La malversazione o dilapidazione dei beni del figlio minore o del coniuge (art. 570, 2° comma, n. 1)
        4 La violazione dell’obbligo di non far mancare i mezzi di sussistenza ai discendenti minori o inabili, agli ascendenti ed al coniuge (art. 570, 2° comma n. 2)
        5 La figura speciale prevista dalla L. 6-3-1987, n. 74 (art. 12sexies L. 898/1970)
        6 Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina (art. 571)
        7 Maltrattamenti contro familiari o conviventi (art. 572, modificato prima dalla L. 1-10-2012, n. 172 e, poi, dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119)
        8 Sottrazione consensuale di minorenni (art. 573 modificato dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        9 Sottrazione di persone incapaci (art. 574 modificato dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        10 Sottrazione e trattenimento di minore all’estero (art. 574bis, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94 e modificato dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        Capitolo 12: I delitti contro la persona
        Sezione Prima
        Generalità sui delitti contro la persona
        1 Le norme del codice e delle principali leggi successive a tutela della «persona»
        2 La «persona» tutelata dal diritto penale
        3 L’aggravante di portata generale prevista dall’art. 36 della L. 5-2-1992, n. 104 come modificato dalla L. 15-7-2009, n. 94
        Sezione Seconda
        I delitti contro la vita e l’incolumità individuale
        1 Concetti generali
        2 L’omicidio in generale (artt. 575 e segg.)
        3 L’omicidio doloso
        4 Segue: Le aggravanti dell’omicidio doloso (art. 576, modificato dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125 e dal D.L. 23-2-2009, n. 11, conv., con modif., nella L. 23-4-2009, n. 38, e art. 577 e dalla L. 1°-10-2012, n. 172). In particolare: la premeditazione
        5 Segue: Le altre aggravanti speciali
        6 Segue: Pena ed istituti processuali
        7 Segue: Circostanze aggravanti ed istituti processuali previsti da leggi speciali
        8 La L. 5-8-1981, n. 442 e l’abrogazione della rilevanza penale della causa d’onore
        9 Infanticidio o feticidio in condizioni di abbandono materiale e morale (art. 578)
        10 Omicidio del consenziente (art. 579)
        11 Istigazione o aiuto al suicidio (art. 580)
        12 Omicidio preterintenzionale (art. 584)
        13 Omicidio preterintenzionale a causa d’onore (art. 587 abrogato dalla L. 5-8-1981, n. 442)
        14 Omicidio colposo (art. 589, modificato dalla L. 21-2-2006, n. 102 e dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125, e 590bis, introdotto dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125)
        15 Morte o lesione personale come conseguenza di altro delitto doloso (art. 586)
        16 Lesione personale dolosa (art. 582)
        17 Lesione dolosa grave e gravissima (art. 583)
        18 Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili (artt. 583bis e ter introdotti dalla L. 9-1-2006, n. 7; l’art. 583bis è stato successivamente modificato dalla L. 1°-10-2012, n. 172 – che ha anche abrogato l’art. 602bis, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94 – e dall’art. 93 del D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        19 Lesioni personali gravi o gravissime a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive (art. 583quater cod. pen. aggiunto dall’art. 7 della L. 4-4-2007, n. 41 ed esteso dal D.L. 12-11-2010, n. 187, conv., con modif., nella L. 17-12-2010, n. 217)
        20 Lesione personale colposa (artt. 590, modificato dalla L. 21-2-2006, n. 102, e dal D.L. 23-5-2008, n. 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125, e 590bis, introdotto dal D.L. 23-5-2008, n 92, conv., con modif., nella L. 24-7-2008, n. 125)
        21 Percosse (art. 581)
        22 Figure particolari di lesioni personali oggi abrogate
        23 Rissa (art. 588)
        24 Abbandono di persone minori o incapaci (art. 591)
        25 Abbandono di neonato per causa d’onore (art. 592 abrogato)
        26 Omissione di soccorso: A) nozione e casi
        27 Segue: B) L’omissione di soccorso prevista dal codice penale (art. 593)
        28 Segue: C) L’omissione di soccorso ex art. 189 codice stradale (D.Lgs. 30-4-1992, n. 285, come modificato dalla L. 9 aprile 2003, n. 72 e dal D.L. 23 maggio 2008, n. 92, conv. nella L. 24 luglio 2008, n. 125)
        Sezione Terza
        I delitti contro l’onore
        1 Generalità
        2 Elementi comuni alle figure dei due reati
        3 Ingiuria (art. 594)
        4 Diffamazione (art. 595)
        5 Cause di giustificazione comuni; in particolare: i diritti di cronaca, di critica e di satira
        6 Cause speciali di non punibilità (artt. 596-599)
        Sezione Quarta
        I delitti contro la liberta individuale
        1 Il concetto di «libertà individuale»
        2 Generalità – L’interesse tutelato dalle norme in esame
        Titolo Primo
        (Nel codice: Sezione I)
        Dei delitti contro la personalita individuale
        1 Le norme comuni ai reati previsti nella Sezione Prima del Capo Terzo del Titolo Dodicesimo del Libro Secondo del codice penale: gli artt. 600septies, 600septies.1, 600septies.2 e 602quater, introdotti dalla L. 1°-10-2012, n. 172 (l’art. 600septies.2 è stato successivamente modificato dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154) e l’art. 604, modificato dalla L. 3-8-1998, n. 269; dalla L. 9-1-2006, n. 7 e dalla L. 1°-10-2012, n. 172. La nuova disciplina delle «operazioni sotto copertura» della polizia giudiziaria (art. 9 della L. 16-3-2006, n. 146, come modificato dalla L. 13-8-2010, n. 136); la tutela delle vittime introdotta dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119
        2 Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù (art. 600, come modificato dalla L. 11-8-2003, n. 228, dalla L. 2-7-2010, n. 108 e dal D.Lgs. 4-3-2014, n. 24; 602bis, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94 e 602ter, introdotto dalla L. 2-7-2010, n. 108)
        3 La nuova normativa contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno dei minori, quali nuove forme di riduzione in schiavitù introdotta dalla L. 3-8-1998, n. 269 e le modifiche apportatevi dalla L. 6-2-2006, n. 38 e dalla L. 1-10-2012, n. 172: generalità
        4 La prostituzione minorile (art. 600bis, modificato dalla L. 6-2-2006, n. 38 e dalla L. 1°-10-2012,n. 172)
        5 La pornografia minorile (art. 600ter, modificato dalla L. 6-2-2006, n. 38 e dalla L. 1°-10-2012, n. 172)
        6 Detenzione di materiale pornografico (art. 600quater, modificato dalla L. 6-2-2006, n. 38)
        7 Pornografia virtuale (art. 600quater.1, introdotto dalla L. 6-2-2006, n. 38)
        8 Iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile: il cd. «Turismo sessuale» (art. 600quinquies ed art. 17 della L. 6-2-2006, n. 38 e dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        9 Impiego di minori nell’accattonaggio (art. 600octies, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        10 Tratta di persone (artt. 601, come modificato dalla L. 11-8-2003, n. 228, dalla L. 2-7-2010, n. 108 e dal D.Lgs. 4-3-2014, n. 24; 602bis, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94 e 602ter, introdotto dalla L. 2-7-2010, n. 108)
        11 Acquisto e alienazione di schiavi (artt. 602, come modificato dalla L. 11-8-2003, n. 228 e dalla L. 2-7-2010, n. 108; 602bis, introdotto dalla L. 15-7-2009, n. 94 e 602ter, introdotto dalla L. 2-7-2010, n. 108)
        12 La dichiarazione di incostituzionalità del delitto di plagio (art. 603)
        13 Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro (artt. 603bis e 603ter, introdotti dal D.L. 13-8-2011, n. 138, conv., con modif., nella L. 14-9-2011, n. 148)
        Titolo Secondo
        (Nel codice: Sezione II)
        Dei delitti contro la liberta personale
        1 Sequestro di persona (art. 605, modificato dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        2 Arresto illegale (art. 606)
        3 Indebita limitazione di libertà personale (art. 607 come modificato dalla L. 26-7-1975, n. 354)
        4 Abuso di autorità contro arrestati o detenuti (art. 608)
        5 Perquisizione ed ispezione personale arbitraria (art. 609)
        6 I delitti contro la libertà sessuale a seguito della riforma introdotta dalla L. 15-2-1996, n. 66 e le successive modifiche apportate dalla L. 1°-10-2012, n. 172, dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119, dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154 e dal D.Lgs. 4-3-2014, n. 39: generalità
        7 La violenza sessuale in generale (artt. 609bis, 609nonies e 600septies, modificati dalla L. 1°-10-2012, n. 172 e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        8 La violenza sessuale mediante azione diretta (artt. 609bis, 1° comma; 609nonies e 600septies, modificati dalla L. 1°-10-2012, n. 172 e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        9 La violenza sessuale mediante induzione (cd. «violenza sessuale presunta») (art. 609bis, 2° comma, 609nonies e 600septies, modificati dalla L. 1°-10-2012, n. 172 e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154)
        10 Pena ed istituti processuali per le due figure di violenza sessuale previste dall’art. 609bis
        11 L’attenuante di cui all’art. 609bis, comma terzo
        12 La violenza sessuale aggravata (artt. 609ter, modificato prima dalla L. 15-7-2009, n. 94, dalla L. 1°-10-2012, n. 172, dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119 e dal D.Lgs. 4-3-2014, n. 39 e 609duodecies)
        13 Atti sessuali con minorenne (artt. 609quater, modificato dalla L. 6-2-2006, n. 38 e dalla L. 1°-10-2012, n. 172, 609nonies e 600septies, modificati dalla L. 1° ottobre 2012, n. 172 e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154
        14 Corruzione di minorenni (artt. 609quinquies, 609nonies e 600septies, modificati dalla L. 1°-10-2012, n. 172 e dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154 e dal D.Lgs. 4-3-2014, n. 39)
        15 Violenza sessuale di gruppo (artt. 609octies e 600septies, modificato dalla L. 1°-10-2012, n. 172)
        16 Adescamento di minorenni (art. 609undecies, introdotto dalla L. 1°-10-2012, n. 172)
        17 Disposizioni comuni (artt. 609sexies, modificato dalla L. 1°-10-2012, n. 172, 609septies, modificato dalla L. 6-2-2006, n. 38, 609nonies, modificato prima dalla L. 1°-10-2012, n. 172 e poi dal D.Lgs. 28-12-2013, n. 154, 609decies, modificato dalla L. 1°-10-2012, n. 172 e dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119, e 16, L. 15-2-1996, n. 66)
        18 Rapporti tra violenza sessuale ed altri reati
        Titolo Terzo
        (Nel codice: Sezione III)
        Dei delitti contro la liberta morale
        1 I concetti di «violenza», «minaccia» e «libertà morale»
        2 Violenza privata (art. 610)
        3 Violenza o minaccia per costringere a commettere un reato (art. 611)
        4 Minaccia (art. 612, modificato dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119)
        5 Atti persecutori (art. 612bis, introdotto dalla L. 23-4-2009, n. 38 e modificato prima dal D.L. 1°-7-2013, n. 78, conv., con modif., nella L. 9-8-2013, n. 94 e, poi, dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119)
        6 Stato di incapacità procurato mediante violenza (art. 613)
        Titolo Quarto
        (Nel codice: Sezione IV)
        Dei delitti contro l’inviolabilita del domicilio
        1 Violazione di domicilio (art. 614, modificato dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        2 Violazione di domicilio commessa da un pubblico ufficiale (art. 615)
        3 Interferenze illecite nell’altrui vita privata (art. 615bis)
        4 Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615ter ed art. 2 della Convenzione di Budapest, ratificata con la L. 18-3-2008, n. 48)
        5 Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici (art. 615quater ed art. 6 della Convenzione di Budapest, ratificata con la L. 18-3-2008, n. 48)
        6 Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico (art. 615quinquies ed art. 6 della Convenzione di Budapest, ratificata con la L. 18-3-2008, n. 48)
        Titolo Quinto
        (Nel codice: Sezione V)
        Dei delitti contro l’inviolabilità dei segreti
        1 Generalità: il concetto di « segreto»
        2 In particolare: il concetto di «corrispondenza» e di «intercettazione»
        3 Segue: Il concetto di «riservatezza» introdotto dalla L. 9-4-1974, n. 98
        4 Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza (art. 616)
        5 Cognizione, interruzione o impedimento illeciti di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche (art. 617)
        6 Installazione di apparecchiature atte ad intercettare o impedire comunicazioni o conversazioni telegrafiche e telefoniche (art. 617bis)
        7 Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche (art. 617ter)
        8 Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617quater ed art. 3 della Convenzione di Budapest, ratificata con la L. 18-3-2008, n. 48)
        9 Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire od interrompere comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617quinquies ed art. 3 della Convenzione di Budapest, ratificata con la L. 18-3-2008, n. 48)
        10 Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617sexies ed art. 7 della convenzione di Budapest, ratificata con la L. 18-3-2008, n. 48)
        11 Rivelazione del contenuto di corrispondenza (art. 618)
        12 Violazioni concernenti la corrispondenza commesse da persone addette al servizio delle poste, dei telegrafi o dei telefoni (art. 619 e art. 620)
        13 Rivelazione del contenuto di documenti segreti (art. 621)
        14 Rivelazione o utilizzazione di segreto professionale (art. 622, come modificato dal D.Lgs. 11-4-2002, n. 61 e dalla L. 28-12-2005, n. 262)
        15 Rivelazione di segreti scientifici o industriali (art. 623)
        Capitolo 13: I delitti contro il patrimonio
        Sezione Prima
        I concetti generali
        1 Teoria «privatistica» e teoria «autonomistica»
        2 Il concetto di «patrimonio»
        3 La nozione di «cosa»
        4 L’«altruità» della cosa
        5 Il «profitto»
        6 Il «possesso» nel diritto penale
        7 La nozione di «danno»
        8 Reati-contratto e reati in contratto
        Sezione Seconda
        I singoli delitti
        1 La sistematica del codice e le successive leggi ampliatrici della categoria. La causa generale di non punibilità e di procedibilità a querela per i fatti commessi in danno di congiunti prevista dall’art. 649. L’aggravante di portata generale prevista dall’art. 36 della L. 5-2-1992, n. 104, modificata dalla L. 15-7-2009, n. 94
        2 Furto (art. 624)
        3 Segue: Esame delle circostanze aggravanti e dell’attenuante speciale del ravvedimento operoso (artt. 625, modificato prima dalla L. 15-7-2009, n. 94 e poi dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119, e 625bis)
        4 Furto in abitazione e furto con strappo (art. 624bis)
        5 Il furto di armi, munizioni ed esplosivi (art. 4, L. 8-8-1977, n. 533 come modificato dall’art. 10 della L. 25-3-2001, n. 128)
        6 Le tre figure di furti cd. «minori» (art. 626)
        7 Sottrazione di cose comuni (art. 627)
        8 La rapina in generale (art. 628, modificato dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119)
        9 Segue: Rapina propria (art. 628, 1° comma)
        10 Segue: Rapina impropria (art. 628, 2° comma)
        11 Estorsione (art. 629, modificato dalla L. 27-1-2012, n. 3)
        12 Sequestro di persona a scopo di estorsione (art. 630 c.p., come modificato dalla L. 30-12-1980, n. 894)
        13 I cd. «reati di usurpazione» (artt. 631-637): concetti generali
        14 Usurpazione (art. 631)
        15 Deviazione di acque e modificazione dello stato dei luoghi (art. 632)
        16 Invasione di terreni o edifici (art. 633)
        17 Turbativa violenta del possesso di cose immobili (art. 634)
        18 Danneggiamento (art. 635, modificato dal D.L. 8-2-2007, n. 8, conv., con modif., nella L. 4-4-2007, n. 41, dal D.L. 23-5-2008, n. 90, conv., con modif., nella L. 14-7-2008, n. 123 e dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        19 Danneggiamento di informazioni, dati, programmi e sistemi informatici o telematici (artt. 635bisquinquies alla luce della L. 18-3-2008, n. 48 ed artt. 4 e 5 della Convenzione di Budapest)
        20 Introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui e pascolo abusivo (art. 636)
        21 Ingresso abusivo nel fondo altrui (art. 637)
        22 Uccisione o danneggiamento di animali altrui (art. 638, modificato dalla L. 20-7-2004, n. 189)
        23 Deturpamento e imbrattamento di cose altrui (art. 639, modificato dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        24 Truffa (art. 640, modificato dalla L. 15-7-2009, n. 94)
        25 Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (art. 640bis)
        26 Frode informatica (art. 640ter, modificato dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119, ed art. 8 della Convenzione di Budapest)
        27 Frode informatica del soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica (art. 640quinquies, inserito dalla L. 18-3-2008, n. 48, ed art. 8 della Convenzione di Budapest)
        28 Insolvenza fraudolenta (art. 641)
        29 Fraudolento danneggiamento dei beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona (art. 642, come modificato dalla L. 12-12-2002, n. 27 e dal D.L. 24-1-2012, n. 1, conv., con modif., nella L. 24-3-2012, n. 27)
        30 Circonvenzione di persone incapaci (art. 643)
        31 Usura (art. 644, modificato dalla L. 5-12-2005, n. 251)
        32 Frode in emigrazione (art. 645)
        33 Appropriazione indebita (art. 646)
        34 Ipotesi minori di appropriazione indebita (art. 647)
        35 Ricettazione (art. 648, modificato dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119)
        36 Riciclaggio (art. 648bis, modificato dalla L. 9-8-1993, n. 328 ed art. 648quater, inserito dal D.Lgs. 21-11-2007, n. 231)
        37 Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648ter, modificato dalla L. 9-8-1993, n. 328 ed art. 648quater, inserito dal D.Lgs. 21-11-2007, n. 231)
        Capitolo 14: Le contravvenzioni
        Sezione Prima
        La sistematica del codice e la sistematica seguita nell’esposizione
        1 La sistematica del codice
        2 Le figure depenalizzate o dichiarate costituzionalmente illegittime
        3 Criterio espositivo
        4 Gli istituti processuali in materia contravvenzionale
        Sezione Seconda
        Le singole contravvenzioni
        1 Inosservanza dei provvedimenti dell’autorità (art. 650)
        2 Rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale (art. 651)
        3 Rifiuto di prestare la propria opera in occasione di un tumulto (art. 652)
        4 Formazione di corpi armati non diretti a commettere reati (art. 653)
        5 Radunata sediziosa (art. 655)
        6 Pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico (art. 656)
        7 Procurato allarme presso l’autorità (art. 658)
        8 Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone (art. 659)
        9 Molestia o disturbo alle persone (art. 660)
        10 Abuso della credulità popolare (art. 661)
        11 Rappresentazioni teatrali o cinematografiche abusive (art. 668)
        12 Abrogazione dell’art. 671 (Impiego di minori nell’accattonaggio)
        13 Omesso collocamento o rimozione di segnali o ripari (art. 673)
        14 Getto pericoloso di cose (art. 674)
        15 Rovina di edifici o di altre costruzioni con conseguente pericolo alle persone (art. 676, 2° comma).» 2102
        16 Omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina con conseguente pericolo alle persone (art. 677, 3° comma)
        17 Fabbricazione o commercio abusivi di materie esplodenti (artt. 678 e 680)
        18 Omessa denuncia di materie infiammabili (art. 679)
        19 Apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o di trattenimento (art. 681)
        20 Introduzione abusiva in luoghi militari vietati (art. 682, modificato dal D.L. 14-8-2013, n. 93, conv., con modif., nella L. 15-10-2013, n. 119)
        21 Pubblicazione delle discussioni o delle deliberazioni segrete di una delle Camere (art. 683)
        22 Pubblicazione arbitraria di atti di un procedimento penale (art. 684)
        23 Indebita pubblicazione di notizie concernenti un procedimento penale (art. 685)
        24 Somministrazione di bevande alcooliche a minori o a infermi di mente (art. 689, modificato dal D.L. 13-9-2012, n. 158, conv., con modif., nella L. 8-11-2012, n. 189)
        25 Determinazione in altri dello stato di ubriachezza (art. 690)
        26 Somministrazione di bevande alcooliche a persona in stato di manifesta ubriachezza (art. 691)
        27 Fabbricazione o commercio non autorizzato di armi comuni non da sparo (artt. 695, 1° comma, 700 e 701)
        28 Commercio ambulante di armi comuni non da sparo (artt. 696, 700 e 701)
        29 Detenzione illegale di armi comuni non da sparo e di munizioni per armi comuni da sparo (artt. 697, 1° comma, 700 e 701)
        30 Omessa denunzia dell’esistenza di armi o munizioni (artt. 697, 2° comma come sostituito dall’art. 47, L. 24-11-81, n. 689, 700 e 701)
        31 Omessa consegna di armi (artt. 698, 700 e 701)
        32 Porto abusivo di armi (artt. 699, 700 e 701)
        33 Accensioni ed esplosioni pericolose (art. 703)
        34 Possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli (art. 707)
        35 Omessa denuncia di cose provenienti da delitto (art. 709)
        36 Acquisto di cosa di sospetta provenienza (cd. incauto acquisto - art. 712)
        37 Omesso avviso all’autorità dell’evasione o fuga di minori (art. 716)
        38 Esercizio di giochi d’azzardo (artt. 718, 719, 721, 722)
        39 Partecipazione a giochi d’azzardo (art. 720)
        40 Esercizio abusivo di un gioco non d’azzardo (art. 723)
        41 Atti contrari alla pubblica decenza (art. 726)
        42 Abbandono di animali (art. 727, modificato dalla L. 20-7-2004, n. 189)
        43 Uccisione, distruzione, cattura, prelievo, detenzione di esemplari di specie animali o vegetali selvatiche protette (art. 727bis, introdotto dal D.Lgs. 7-7-2011, n. 121)
        44 Trattamento idoneo a sopprimere la coscienza o la volontà altrui (art. 728)
        45 Somministrazione a minore di sostanze velenose o nocive (art. 730)
        46 Inosservanza dell’obbligo dell’istruzione elementare dei minori (art. 731)
        47 Danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale (art. 733)
        48 Distruzione o deterioramento di habitat di un sito protetto (art. 733bis, introdotto dal D.Lgs. 7-7-2011, n. 121)
        49 Distruzione o deturpamento di bellezze naturali (art. 734)
        50 Divulgazione delle generalità o dell’immagine di persona offesa da atti di violenza sessuale (art. 734bis, come modificato dalla legge 6 febbraio 2006, n. 38)