MATERIALE PER STUDENTI DELLE SECOND. SUPERIORI

INFORMAZIONI E LINK PER GLI STUDENTI UNIVERSITARI

L'ECONOMIA EUROPEA

L'ECONOMIA NEL RESTO DEL MONDO

DIZIONARIO DI ECONOMIA ONLINE

STUDIARE L'ECONOMIA CON INTERNET

Per gli studenti in difficoltà

Non riesci a risolvere un esercizio di Economia politica?
Inviaci il testo dell'esercizio e al più presto troverai la risposta on line. E se ci invii appunti, schemi, lucidi ecc. quelli più interessanti saranno pubblicati sul sito.  
Clicca qui per conoscere i quesiti posti e le nostre risposte

I beni meritori


Merit goods [beni meritori]

Sono così definiti quei beni o servizi cui la collettività attribuisce un particolare valore funzionale allo sviluppo morale e sociale della collettività stessa: si pensi all'istruzione, alle cure sanitarie, all'informazione indipendente, alla possibilità di leggere buoni libri o assistere a validi spettacoli musicali e teatrali ecc. Spesso l'operatore pubblico soddisfa questi bisogni prescindendo da una domanda specifica dei cittadini, ma in conseguenza della valutazione dei vantaggi che l'intera società può trarne.
Altre volte l'azione pubblica, nell'ambito di questa particolare categoria di beni o servizi, si esplica attraverso il divieto di tenere un determinato comportamento, come ad esempio fumare in luoghi pubblici.
Alcuni economisti (ad esempio Brosio) definiscono i beni meritori come beni pubblici misti la cui componente pubblica avvantaggia segmenti più o meno ristretti della popolazione (ad esempio i sussidi alla musica o le spese per la conservazione del patrimonio artistico). Al concetto di merit goods fa frequente e ampio riferimento buona parte della letteratura quando cerca di spiegare le ragioni dell'intervento pubblico.

Il termine merit goods è stato coniato da Richard Musgave nel 1959.

Home - Indietro