Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 , pag. 512 + 96 € 11,90</span> 44/1 Schemi & Schede di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 V, pag. 176 € 16,00</span> 39 Compendio di Economia Aziendale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 III , pag. 432 € 24,00</span> 44/8 Compendio di Politica economica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 IV , pag. 288 € 17,00</span> 44/4 Compendio di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 VI , pag. 288 € 17,00</span> 240/3maior Elementi Maior di Economia e Finanza Aziendale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II , pag. 112 € 12,00</span> IP10 Ipercompendio Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 IV , pag. 208 € 14,00</span> PK18 Economia politica... in tasca - Nozioni essenziali<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II , pag. 256 € 8,00</span>
G7
GAB
Gabbia salariale
Gadget
Gain-loss analysis
Gains sharing
Galbraith, John Kenneth
Game theory
Gantt, grafici di
Gap
Gap analysis
Garanzia di cambio
Garanzia per l'esportazione
GATT
Gauss, Karl Friederich
Gearing
GEIE
General arrangement borrow
Gentlemen's agreements
Gerschenkron, Alexander
Gestione del debito pubblico
Gestione del personale
Gettito tributario
Giffen, paradosso di
Gift
Gilt-edged market
Gilts
Gini, Corrado
Gini, indice di mutabilità
Giochi a somma zero
Giochi, teoria dei
Gioco di Ponzi
Giovedì nero
Giurisdizioni locali
Global bonds
Global company
Global finance
Globalizzazione
Go-slow
Gold bullion standard
Gold exchange standard
Gold loans
Gold points
Gold standard
Gold tranche
Gold warrant
Golden clause
Golden share
Good delivery
Gosbank
Gossen, Herman Heinrich
Governatore della Banca d'Italia
Gradi di libertà
Grado di apertura
Grafici di Gantt
Grafico
Grande balzo
Grande depressione
Grande distribuzione
Grandi numeri, legge dei
Grant economics
Gray market
Greenbacks
Greenfield ventures
Gresham, legge di
Gresham, Thomas
Grida, recinto alle
Gruppo Andino
Gruppo dei cinque
Gruppo dei dieci
Gruppo dei settantasette
Gruppo dei sette
Gruppo dei tre
Gruppo dei venti
Gruppo dei ventiquattro
Gruppo di controllo
Gruppo di Rio
Gruppo di Visegrad
Gruppo economico d'interesse europeo
Gruppo polifunzionale
Guadagni in conto capitale
Guerra, economia di
Guide-lines
Gumbell, variabile casuale di




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Economia socialista

Sistema economico basato essenzialmente sull'abolizione della proprietà privata e della libera concorrenza, sostituita dalla proprietà statale o collettiva dei mezzi di produzione e dalla pianificazione economica (v.).
Il principale riferimento teorico dell'economia socialista è costituito dai principi politici ed economici elaborati da Karl Marx (v.) basati sulla affermazione che l'economia capitalistica è fondata sullo sfruttamento della classe lavoratrice da parte dei proprietari dei mezzi di produzione.
La prima e più importante realizzazione concreta dei principi marxiani si verificò con la rivoluzione sovietica del 1917, in cui il partito bolscevico, guidato da Lenin, conquistò il potere in Russia, per costruire uno Stato socialista.
Le prime fasi della rivoluzione furono contrassegnate da una forte confusione economica e sociale, ma già dal 1918 Lenin impose al Paese il comunismo di guerra, una politica economica e sociale fondata sulle requisizioni e sulle imposizioni, allo scopo di superare il caos rivoluzionario. Nel 1921 Lenin inaugurò, quindi, la Nuova Politica Economica (v. NEP) in cui le nazionalizzazioni e le requisizioni lasciavano il posto ad una parziale liberalizzazione economica. La NEP ebbe termine definitivamente tra il 1927 e il 1928 quando, morto Lenin, il suo successore, Stalin, impose una svolta politica ed economica allo Stato sovietico. Con il governo stalinista fu attuata la collettivizzazione coercitiva delle campagne, mentre tutte le energie del paese venivano concentrate nel processo di industrializzazione.
L'industrializzazione a tappe forzate dell'Unione sovietica fu realizzata attraverso una rigorosa pianificazione economica che, in seguito, divenne il carattere dominante dell'economia socialista in URSS come in altri Stati socialisti.
Dopo la seconda Guerra Mondiale, la Russia impose ai Paesi satelliti dell'Europa Orientale l'adozione del suo sistema politico ed economico. Attraverso la creazione del Comecon (v.), nel 1949, il modello sovietico fu esportato in Germania Est, Polonia, Ungheria, Romania, Bulgaria, e Cecoslovacchia. Ma, come accadeva in URSS, anche in questi Paesi l'economia socialista rivelò che lo stretto dirigismo si traduceva in un'eccessiva burocratizzazione e che i costi sociali del sistema erano comunque altissimi.
Una strada completamente diversa fu seguita dalla Jugoslavia, paese in cui il comunismo non era stato imposto dall'esterno ma si era affermato durante la Resistenza, ad opera del maresciallo Tito. Uscita nel 1948 dal blocco sovietico, a causa dei forti contrasti con Stalin, la Jugoslavia costruì un sistema economico basato sull'autogestione (v.) delle imprese da parte dei consigli di fabbrica, in un regime di libera concorrenza. Il modello jugoslavo, dunque, fu per molti anni una alternativa al modello sovietico, per tutti i paesi attratti dal sistema socialista.
Nell'epoca delle decolonizzazione, molti Stati che ottennero l'indipendenza adottarono le strutture socialiste, facendo riferimento al modello sovietico o a quello jugoslavo. Anche la Cina (in cui, fin dal 1949, Mao aveva imposto il comunismo) si pose, negli anni '60, come modello alternativo rispetto a quello sovietico, realizzando un sistema economico in cui, contrariamente a quanto era accaduto in URSS e negli Stati satelliti, il settore agricolo aveva la preminenza rispetto al settore industriale.
A seguito del crollo dei regimi comunisti in Unione Sovietica e nell'Europa orientale, gli unici paesi in cui sia ancora attuata una pianificazione socialista dell'economia sono la Cina e Cuba. Soprattutto nel primo, però, sono sempre più evidenti le aperture alla libera imprenditoria ed al sistema di mercato.

Porta i nostri dizionari sempre con te! Da oggi puoi consultare i nostri dizionari su iPhone:

Dizionario Giuridico Romano

Dizionario Giuri-economico Italiano-Inglese

Dizionario di scienze psicologiche