Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46 Manuale di Diritto Internazionale Pubblico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XIII, pag. 400 € 28,00</span> 54A/13 I Quaderni dell'aspirante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VIII, pag. 192 € 15,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 IX, pag. 272 € 18,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 V, pag. 336 € 19,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XVIII, pag. 288 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XVII, pag. 368 € 22,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
PECO [Paesi dell’Europa Centrale e Orientale]

Espressione utilizzata per indicare il gruppo di Stati dell’Europa centrale e orientale con il quale la Comunità ha concluso accordi di associazione (v.) allo scopo di avviare relazioni più strette in vista della loro prossima adesione (v.) all’Unione europea.
Essi sono: Polonia, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Ungheria, Romania, Bulgaria, Estonia, Lituania, Lettonia, Slovenia. A questi dieci Stati vanno ad aggiungersi gli altri quattro paesi ammessi a beneficiare del programma PHARE (v.): Albania, ex Repubblica iugoslava della Macedonia, Croazia e Bosnia Erzegovina.
I rapporti di cooperazione tra la Comunità e questi Stati furono avviati con la Dichiarazione congiunta CEE/Comecon del 25 giugno 1988, che ha costituito la base per la conclusione di successivi accordi di cooperazione (v.) e accordi commerciali (v.). Prima di allora la Comunità non intratteneva relazioni ufficiali con i paesi dell’Est europeo, ad eccezione di alcuni accordi bilaterali.
In questo contesto nel 1989 furono lanciati i programmi d’azione PHARE e Tempus (v.), diretti, rispettivamente, alla ricostruzione dell’economia e alla promozione della mobilità transeuropea dell’insegnamento superiore nei paesi dell’Est.
In seguito alla caduta del muro di Berlino e allo smantellamento del patto di Varsavia, i PECO cominciarono a manifestare l’intenzione di aderire alla Comunità. La prima domanda di adesione fu presentata da Polonia e Ungheria nell’aprile del 1994, cui è seguita quella di Romania e Slovacchia nel giugno del 1995, di Lettonia, Estonia, Lituania e Bulgaria nell’autunno dello stesso anno e della Repubblica Ceca e della Slovenia nel 1996.
Allo scopo di favorire quest’allargamento, la Comunità ha provveduto pertanto a disciplinare forme di cooperazione più strette, non più limitate ai rapporti economici, ma estese anche alla dimensione politica e culturale. Ciò attraverso la conclusione di accordi europei (v.), stipulati fra il 1991 e il 1996 e per una durata illimitata con i paesi candidati all’adesione.
Parallelamente, durante il Consiglio europeo di Copenaghen del giugno 1993 fu stabilito l’avvio di una “concertazione strutturata” fra le istituzioni comunitarie e i PECO, su una serie di materie di interesse comune rientranti nell’ambito delle politiche comunitarie, della PESC (v.) e della CGAI (v.).
In quest’occasione furono inoltre definite alcune condizioni per l’adesione dei paesi candidati, fra le quali la presenza di istituzioni stabili e democratiche, il rispetto dei diritti umani (v.), la tutela delle minoranze e l’esistenza di economie di mercato vivaci e competitive.
La reale evoluzione nei rapporti fra la Comunità e i PECO cominciò tuttavia a delinearsi in coincidenza del Consiglio europeo di Essen del dicembre del 1994, in occasione del quale fu tracciata la futura strategia che avrebbe dovuto contribuire a sostenere i PECO nel loro processo di adeguamento politico ed economico ai paesi della Comunità.
Con la strategia di preadesione (v.) i capi di Stato e di governo degli Stati membri, infatti, ufficializzarono le “relazioni strutturate” intrattenute con i PECO, attraverso la previsione di riunioni annuali dei capi di Stato e di governo e dei ministri incaricati dell’attuazione delle principali politiche (politica economica, agricoltura, trasporti telecomunicazioni etc.), e di riunioni semestrali dei ministri degli esteri e di quelli della giustizia e degli affari interni.
In questo contesto fu inoltre stabilita l’adozione di misure a breve e a medio termine dirette ad agevolare l’accesso al mercato comunitario dei prodotti provenienti dai PECO, allo scopo di stabilire un’effettiva area di libero scambio (v.) con questi paesi.
L’attuazione di interventi più incisivi in vista del prossimo ampliamento, al fine mettere tutti i paesi candidati nelle condizioni di essere realmente pronti all’adesione, ha costituito uno degli obiettivi principali di Agenda 2000 (v.), documento elaborato dalla Commissione e presentato al Parlamento europeo nel luglio del 1997.
Sulla base di un’attenta valutazione delle attitudini dei dieci paesi dell’Europa centro-orientale che aspirano a far parte della Comunità, il documento ha fissato l’avvio dei negoziati per le modalità di adesione di Ungheria, Polonia, Estonia, Repubblica Ceca, Slovenia e Cipro per l’inizio del 1998, sebbene le prime adesioni non siano previste prima del 2003.
Per quanto riguarda Romania, Bulgaria, Lettonia, Lituania e Slovacchia, in occasione del Consiglio europeo di Helsinki del dicembre 1999 è stato deciso di convocare conferenze intergovernative bilaterali nel febbraio 2000, per avviare i negoziati sulle condizioni per la loro adesione all’Unione.
Sulla scia della volontà già manifestata dai capi di Stato e di governo in occasione del Consiglio europeo di Amsterdam nel giugno del 1997, Agenda 2000 ha inoltre proposto un rafforzamento della strategia di preadesione, allo scopo di accelerare il processo di adeguamento.
Nel dicembre dello stesso anno il Consiglio europeo di Lussemburgo ha stabilito l’istituzione del partenariato per l’adesione (v.), che costituisce il nuovo strumento finanziario sulla base del quale dovrà essere articolata la strategia di preadesione rafforzata (v.).
Le modalità di attuazione del nuovo piano elaborato a favore dei PECO, stabilite dal Regolamento del 16 marzo 1998 n. 622/98, prevedono la mobilitazione in un unico quadro di tutte le forme di assistenza già previste dalla Comunità.
Le priorità per la preparazione all’adesione saranno definite in base alla situazione politica ed economica di ciascuno Stato, mentre si provvederà a coordinare le risorse finanziarie disponibili per assistere ogni paese nell’attuazione delle priorità individuate.
Nel quadro di tale ridefinizione si è inoltre provveduto a dare nuovo impulso al programma PHARE, il cui impegno sarà diretto esclusivamente a sostenere i PECO nel processo di adeguamento, limitando i suoi interventi al sostegno dei progetti volti al consolidamento delle istituzioni democratiche e a quelli diretti alla promozione degli investimenti.

Porta i nostri dizionari sempre con te! Da oggi puoi consultare i nostri dizionari su iPhone:

Dizionario Giuridico Romano

Dizionario Giuri-economico Italiano-Inglese

Dizionario di scienze psicologiche