Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
L35 Il Licenziamento dopo la Riforma Fornero<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2012 , pag. 320 € 40,00</span> 61/2 Prova orale per Commercialista ed Esperto Contabile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 X, pag. 896 € 63,00</span> 61/2A Prova Orale per Commercialista ed Esperto Contabile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 VI, pag. 1040 € 55,00</span> 581/1 Dizionario Giuridico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 IX, pag. 1344 € 28,00</span> C102 Codice di Procedura Civile + Codice procedura Penale Annotati con la Giurisprudenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 , pag. 2240 + 2464 € 158,00</span> C4 Codice di Procedura Penale - Annotato con la Giurisprudenza + CD-Rom*<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 XXII, pag. 2464 € 79,00</span> 26 Compendio di Diritto delle Società<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 XIV, pag. 320 € 21,00</span> 509/1 Codice del Lavoro (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 XIX, pag. 1984 € 20,00</span> 61/3 Esercizi e Temi svolti per la prova scritta per Commercialista ed Esperto Contabile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 VIII, pag. 496 € 53,00</span>
I.C.I.
I.N.A.I.L.
I.N.P.D.A.I.
I.N.P.D.A.P.
I.N.P.S.
I.P.A.B.
I.R.A.P.
I.R.E.
I.R.E.S.
I.R.PE.F.
I.S.O.
I.V.A.
Identificazione
Identikit
Identità personale
Igiene e sicurezza del lavoro
Ignorantia legis non excusat
Illecito
Illegalità del negozio
Illegittimità
Illiceità del negozio
Imitazione servile
Immagine
Immemorabile
Immigrazione
Immissioni
Immobili
Immunità
Impiegato
Impiego
Impignorabilità
Imponibile
Impossibilità della prestazione
Imposta
Imprenditore
Impresa
Imprescrittibilità
Improcedibilità
Impronte digitali
Impugnazione
Imputabilità
Imputato
Imputazione
In claris non fit interpretatio
Inabilitazione
Inadempimento
Inadimplenti non est adimplendum
Inalienabilità
Inammissibilità
Inappellabilità
Inaudita altera parte
Incanto
Incapacità
Incauto acquisto
Incentivo fiscale
Incesto
Inchiesta parlamentare
Incidente probatorio
Incompetenza
Incorporazione
Incostituzionalità della legge
Indagato
Indagini
Indebito
Indegnità a succedere
Indennità
Indicato al bisogno
Indicazione di pagamento
Indici di borsa
Indignus potest capere, sed non potest retinere
Indirizzo
Indizio
Indulto
Inefficacia del negozio giuridico
Ineleggibilità
Inesistenza
Infermità di mente
Informazione
Infortunio sul lavoro
Ingiunzione
Ingiuria
Inibitoria
Iniziativa economica privata
Iniziativa legislativa
Inopponibilità
Inquinamento delle prove
Insegna
Insegnamento
Inserzione di clausole
Insider trading
Insindacabilità
Insolvenza
Institore
Institutio ex re certa
Insufficienza di prove
Insula in flumine nata
Integrazione
Inter vivos
Intercettazione di conversazioni o comunicazioni
Interclusione del fondo
Interdittive (misure)
Interdizione
Interesse
Interessi
Interim
Interinale
Intermediazione
Interna corporis
Interpellanza parlamentare
Interpol
Interposizione di persona
Interpretazione
Interprete
Interrogatorio
Interrogazione parlamentare
Interruzione del processo
Intervento
Interversione del possesso
Intesa di programma
Intifada
Intimazione
Intra vires (hereditatis)
Intuitu personae
Invalidi
Invalidità
Inventario
Invenzione
Invenzione industriale
Inversione dell’onere della prova
Invito
Ipoteca
Irregolarità
IS.V.A.P.
Iscrizione a ruolo
Iscrizione ipotecaria
Isola
Ispettorato del lavoro
Ispettore di polizia
Ispezione
Istanza
ISTAT
Istituto di patronato e assistenza sociale
Istituto nazionale della previdenza sociale
Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica
Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo
Istituzione di erede
Istruzione
Iter legislativo
Iura novit curia
Ius superveniens
Iussu judicis
Iuxta alligata et probata (judex judicare debet)


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Impugnazione (d. proc.)
Rimedio giuridico attribuito alle parti (ed eccezionalmente a soggetti che non sono stati parti del processo) per rimuovere uno svantaggio derivante da un provvedimento del giudice, che consente così di chiedere il nuovo esame della causa e la pronuncia di una nuova decisione ad un diverso giudice.
Il presupposto del diritto all'(—) è che le sentenze dei giudici possono essere inficiate da errori sia di fatto (inerenti all'accertamento della verità processuale) sia di diritto (relativi all'individuazione della norma applicabile e all'elaborazione interpretativa).
In ossequio al principio della certezza dei rapporti giuridici, però, l'esercizio dell'(—) è limitato nel tempo (decorso, infatti, il termine stabilito dalla legge senza che l'atto sia stato impugnato è inammissibile, e l'atto acquista stabilità giuridica diventando cosa giudicata) e nei gradi (generalmente sono consentiti solo due gradi di (—): l'appello e il ricorso per Cassazione).
Il sistema delle (—) si ispira al principio della tassatività, poiché i mezzi di impugnazione esperibili sono solo quelli previsti espressamente per il singolo provvedimento. Si consideri, però, che ai sensi dell'art. 111 Cost., sono sempre impugnabili con ricorso per Cassazione, e dunque anche in assenza di un'espressa previsione del legislatore, le sentenze e i provvedimenti in materia di libertà personale.
() incidentale (d. proc.)
[Appello (incidentale)].
() nel processo civile
Nel processo civile le (—) sono il regolamento di competenza, l'appello, il ricorso per Cassazione, la revocazione e l'opposizione di terzo.
L'(—) può essere principale o incidentale:
— è principale quella proposta inizialmente e in via autonoma: essa si propone con atto di citazione o con ricorso;
— è incidentale, invece, l'(—) contro la stessa sentenza che viene proposta da altre parti successivamente alla prima impugnazione, detta appunto principale. Ai sensi dell'art. 333 c.p.c., la conseguenza è che l'(—) incidentale deve essere presentata, a pena di decadenza, nello stesso processo già iniziato con quella principale. La ratio della disposizione è di evitare il rischio di giudicati contrastanti. Nel caso in cui, proposta (—) principale, i termini per impugnare siano già scaduti per le altre parti, ai sensi dell'art. 334 c.p.c. queste ultime possono egualmente presentare (—) incidentale, che viene appunto chiamata incidentale tardiva. Tale (—) ha però carattere accessorio di quella principale: sicché se questa viene dichiarata inammissibile, anche quella incidentale tardiva perde efficacia (art. 334 c. 2 c.p.c.).
Le (—) si distinguono in ordinarie e straordinarie:
— sono ordinarie quelle che, finché sono proponibili o pendenti, impediscono che la sentenza impugnata passi in giudicato [Cosa giudicata] (ex art. 324 c.p.c.): nel processo civile tali sono il regolamento di competenza, l'appello, il ricorso per cassazione e la revocazione ordinaria;
— sono straordinarie le impugnazioni la cui proponibilità non impedisce il passaggio in giudicato della sentenza, e che sono perciò proponibili anche contro sentenze non più soggette a controllo o riesame. A differenza delle (—) ordinarie, esse non costituiscono una fase ulteriore del processo in cui fu pronunciata la sentenza, ma danno vita a un nuovo processo. Sono (—) straordinarie la revocazione straordinaria e l'opposizione di terzo.
Le (—) sono soggette al principio generale dell'iniziativa di parte, per cui il controllo sulle sentenze non avviene mai d'ufficio ma solo su domanda della parte interessata.
Legittimato all'(—) è soltanto chi è stato parte nel processo in cui la sentenza è stata pronunciata (salvo il caso dell'opposizione di terzo), anche se è rimasto contumace.
() nel processo penale
Le (—) si distinguono in ordinarie e straordinarie:
— sono ordinarie quelle che, finché sono proponibili o pendenti, impediscono che la sentenza impugnata passi in giudicato; per il processo penale sono l'appello e il ricorso per Cassazione;
— sono straordinarie le impugnazioni la cui proponibilità prescinde dal passaggio in giudicato della sentenza, e che sono perciò proponibili anche contro sentenze non più soggette a controllo o riesame. A differenza delle (—) ordinarie, esse non costituiscono una fase ulteriore del processo in cui fu pronunciata la sentenza, ma danno vita ad un nuovo processo. È (—) straordinaria la revisione.
Le (—) sono soggette al principio generale dell'iniziativa di parte, per cui il controllo sulle sentenze non avviene mai d'ufficio, ma solo su domanda della parte interessata.
Legittimato all'(—) è il p.m., l'imputato, il suo difensore e le altre parti private, ai sensi degli artt. 570 ss. c.p.p.
L'impugnazione determina un effetto devolutivo, un effetto estensivo ed un effetto sospensivo.
L'effetto devolutivo si ricollega al potere dispositivo delle parti le quali sono libere di proporre l'impugnazione ed hanno il potere di delimitare la cognizione del giudice attraverso i motivi (artt. 597 e 609 c.p.p.): ciò significa che il giudice non ha una cognizione piena del processo bensì delimitata dalle indicazioni delle parti (tantum devolutum quantum appellatum). Se la devoluzione parziale, cioè limitata ai motivi di impugnazione, è la regola, talvolta la legge prevede che il giudice dell'impugnazione sia investito dell'intera materia trattata dal primo giudice (effetto interamente devolutivo), come ad es. in caso di riesame.
L'effetto estensivo va distinto in effetto estensivo dell'impugnazione ed effetto estensivo della sentenza. Presupposto di operatività di tale effetto è che il processo si sia svolto unitariamente tra più parti collegate, sicché la decisione su una posizione non può non incidere anche su quella di un'altra parte.
Tale fenomeno non si esaurisce nel primo grado di giudizio ma permane anche nelle successive fasi dell'impugnazione ed implica che:
a) l'impugnazione proposta da una delle parti può giovare anche alle altre, purché si basi su motivi non esclusivamente personali: tale impugnazione fa nascere a favore dei non impugnanti un diritto a giovarsi dell'impugnazione altrui intervenendo nel giudizio di impugnazione, ma senza poter presentare motivi propri (art. 587: effetto estensivo dell'impugnazione);
b) la sentenza più favorevole, eventualmente emanata dal giudice dell'impugnazione, si estende anche al non impugnante, nel caso in cui questi sia rimasto inerte durante il giudizio d'impugnazione (non impugnando, né intervenendo nel giudizio d'impugnazione proposto da altri): in tal caso il giudice è autorizzato ad estendere (ope legis) la sentenza più favorevole al non impugnante (effetto estensivo della sentenza). L'effetto estensivo si produce solo nei casi tassativamente previsti nell'art. 587 (es. nel caso di concorso di persone in uno stesso reato, purché l'impugnazione sia fondata su motivi non esclusivamente personali).
L'effetto estensivo si produce solo a favore del non impugnante, non in suo pregiudizio, salvo due eccezioni:
1) condanna alle spese del coimputato non impugnante che sia intervenuto nel giudizio (in caso di rigetto dell'impugnazione);
2) appello incidentale del P.M. (art. 595 c.p.p.).
L'effetto sospensivo è regolato dall'art. 588, il quale fissa il principio generale secondo cui durante i termini per impugnare e nel corso dell'impugnazione l'esecuzione del provvedimento resta sospesa, salvo che la legge disponga altrimenti (ad es. in caso di impugnazione di misure cautelari).

Porta i nostri dizionari sempre con te! Da oggi puoi consultare i nostri dizionari su iPhone:

Dizionario Giuridico Romano

Dizionario Giuri-economico Italiano-Inglese

Dizionario di scienze psicologiche