Direttore Tecnico Agenzia di Viaggi - Casa Editrice - Edizioni Simone

Direttore Tecnico Agenzia di Viaggi

Il profilo professionale

Il direttore tecnico è il responsabile di un’agenzia di viaggi, di cui può anche essere il titolare. Egli presta la propria opera in una sola agenzia o filiale, o succursale a tempo pieno e con carattere di continuità ed esclusività. I suoi compiti variano a seconda delle dimensioni dell’agenzia.

In un’agenzia medio-piccola gestisce i rapporti sia col pubblico che con i rappresentanti delle agenzie produttrici di viaggio;  se gestisce, invece, un’agenzia di dimensioni maggiori, intrattiene i rapporti con le compagnie fornitrici di servizi.

Se l’agenzia è autonoma, il direttore tecnico ha la responsabilità di creare il catalogo dei viaggi da offrire alla clientela e di gestire i rapporti con il personale (assunzioni, licenziamenti, attribuzione dei compiti). Se, invece, l’agenzia fa parte di una grande catena di distribuzione, il direttore deve coordinare il lavoro del personale e l’attività dell’agenzia stessa.

Il direttore tecnico deve avere la capacità di programmare l’attività dell’agenzia e di valutarla in termini economici. Deve, quindi, essere in grado di verificare un bilancio, di utilizzare gli strumenti informatici, di interpretare le richieste dei clienti ed elaborare delle strategie di marketing. Deve inoltre possedere capacità di contrattazione, di controllo, di coordinamento, di pianificazione, di vendita, organizzative e creative.

continua leggere

Come si diventa Direttore Tecnico dell'Agenzia di Viaggi

La competenza di verificare l’idoneità all’esercizio della professione dei direttori tecnici di agenzia è delegata alle Regioni.

Questo avviene attraverso apposite prove pubbliche d’esame scritte e orali, bandite localmente una o più volte l'anno, per poter accedere alle quali vengono richiesti in genere i seguenti requisiti: cittadinanza italiana o di uno Stato membro della UE, essere in possesso del diploma di scuola media superiore e godere dei diritti civili e politici.

Le prove d’esame richiedono la conoscenza delle seguenti discipline:

  • Tecnica amministrativa e organizzazione delle Agenzie di viaggio e turismo
  • Legislazione turistica
  • Geografia turistica
  • Elementi di Economia e Marketing per il turismo.

I candidati che superano le prove d’idoneità vengono automaticamente iscritti negli appositi albi regionali.

Il Decreto legislativo n. 392 del 23/11/91, in attuazione di una direttiva CEE, ha introdotto un iter alternativo per l'accesso alla professione per chi ha già operato per anni nel settore ed è in possesso di titoli di studio specifici. È sufficiente comprovare l'attività prestata come titolare indipendente con funzioni di dirigente con mansioni commerciali, responsabile di almeno un reparto dell'agenzia di viaggio e turismo purché tale attività sia stata svolta:

  • per sei anni consecutivi;
  • oppure, per tre anni consecutivi ma avendo svolto una precedente formazione professionale di almeno tre anni;
  • o, infine, per quattro anni consecutivi dimostrando di aver svolto una precedente formazione professionale di almeno due anni consecutivi.

È anche riconosciuta l'esperienza professionale svolta come dipendente o salariato presso un'agenzia di viaggio, purché sia stata svolta

  • per cinque anni consecutivi, avendo ricevuto una precedente formazione professionale per almeno tre anni
  • oppure per sei anni consecutivi dimostrando di aver ricevuto una precedente formazione professionale per almeno due anni.

I certificati che attestano la natura e la durata delle attività svolte in forma indipendente sono rilasciati dalle Camere di Commercio, quelli riguardanti attività svolte in forma dipendente sono rilasciati dall'Ufficio del lavoro della Provincia nel cui territorio si è lavorato.

Questa normativa è valida per tutti i cittadini della UE.

Attualmente non è il singolo a poter presentare la propria domanda d’esame: vengono accettate solo le richieste di agenzie già esistenti o di prossima apertura, che presentano la domanda del candidato che intende diventare il loro direttore tecnico.

continua leggere

Testi consigliati