Il Procedimento Disciplinare nel Pubblico Impiego L4/1 - Edizioni Simone

Il Procedimento Disciplinare nel Pubblico Impiego

abstract

Edizioni Simone

http://img.edizionisimone.it/catalogo/vl4_1.jpg

• Schemi riepilogativi e questionario • Formulario procedurale

Autori

  • Anno Edizione: 2018
  • Edizione: III
  • Formato: 17 x 24
  • Pagine: 336
  • Codice: L4/1
  • Isbn: 9788891418739
  • Prezzo: € 40,00
  •  

    • Acquista
    • cartaceo
     
     

      • Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego è da sempre all’attenzione del legislatore, poiché la relativa regolamentazione è ritenuta funzionale ad un recupero etico e comportamentale all’interno dei pubblici uffici.

        Ma è soprattutto negli ultimi anni, a seguito di frequenti episodi di malcostume e cattiva amministrazione, che questo tema è tornato particolarmente alla ribalta, attraverso diverse manovre normative (tra cui ricordiamo, ad esempio, le riforme Brunetta e Madia), le quali hanno variamente innovato l’iter disciplinare, nella direzione di una maggiore efficienza e, al contempo, progressivo inasprimento delle sanzioni.

        Il volume, aggiornato ai decreti attuativi della riforma Madia e ai nuovi CCNL per i comparti del pubblico impiego, delinea in maniera ampia e particolareggiata l’ambito in cui la materia va inquadrata, mediante la trattazione dei presupposti generali per l’esercizio della potestà disciplinare, della natura giuridica di tale potere e della differenza tra la responsabilità disciplinare e le altre possibili forme di responsabilità del lavoratore pubblico.

        A corredo, viene riportato un formulario breve per meglio comprendere i nuovi adempimenti a cui gli organi di disciplina – dirigenti e ufficio per i procedimenti disciplinari – dovranno in concreto attenersi, anche al fine di non incorrere a loro volta in responsabilità.

      • Parte I

        Il procedimento disciplinare nel lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione

        1 Inquadramento generale

        1 Il procedimento disciplinare e i presupposti generali per l’esercizio della potestà disciplinare

        2 L’evoluzione delle fonti normative nel pubblico impiego e la loro incidenza sul potere disciplinare

        2.1 I periodo

        2.2 II periodo

        2.3 III periodo

        2.4 IV periodo

        2.5 V periodo

        3 La natura giuridica del potere disciplinare nel pubblico impiego contrattualizzato

        4 La responsabilità disciplinare tra le possibili forme di responsabilità del dipendente pubblico

        4.1 Profili generali

        4.2 La responsabilità civile

        4.3 La responsabilità dirigenziale: regime attuale e previsioni dei decreti attuativi della Riforma Madia

        4.4 I rapporti tra i vari tipi di responsabilità

        2 Il procedimento disciplinare: profili sostanziali

        1 Premessa: la distinzione tra norme sostanziali e procedurali

        2 Le norme sostanziali in materia disciplinare: il codice di comportamento governativo e l’esigibilità della condotta

        2.1 Il nuovo codice etico dei pubblici dipendenti e il dovere di esclusività

        2.2 La class action avverso le pubbliche amministrazioni

        3 Le singole previsioni del codice di comportamento governativo ed i codici di comportamento delle PP.AA.

        3.1 Disciplina generale e ambito di applicazione

        3.2 I principi generali del codice di condotta

        3.3 Le regalie

        3.4 L’attività associativa

        3.5 La trasparenza negli interessi finanziari e il conflitto di interessi

        3.6 L’obbligo di astensione

        3.7 La prevenzione della corruzione

        3.8 La trasparenza e la tracciabilità dei processi decisionali

        3.9 I comportamenti nella vita sociale

        3.10 I comportamenti in servizio

        3.11 I rapporti con il pubblico

        3.12 Le specifiche disposizioni per le figure apicali

        3.13 L’attività contrattuale

        3.14 La vigilanza, il monitoraggio e le attività formative

        3.15 Le responsabilità per la violazione dei doveri del codice

        3.16 Disposizioni finali e abrogazione di norme

        4 Il contratto collettivo nazionale e i codici disciplinari negoziali

        4.1 Il codice disciplinare del CCNL per il personale del comparto delle Funzioni centrali per il triennio 2016-2018

        5 Le previsioni del D.Lgs. 150/2009 sulla responsabilità dirigenziale e le indicazioni della riforma Madia

        5.1 La separazione tra indirizzo politico ed attività di gestione

        5.2 Recesso dell’amministrazione e responsabilità dirigenziale nel comparto Regioni — Autonomie locali

        5.3 Profili di tutela del dirigente: il Comitato dei Garanti

        6 La responsabilità disciplinare del dirigente

        6.1 La responsabilità disciplinare del dirigente prima della riforma Brunetta

        6.2 La responsabilità disciplinare del dirigente dopo la riforma Brunetta e la riforma Madia

        6.3 La responsabilità disciplinare del dirigente nel comparto Regioni — Autonomie locali

        7 Le ulteriori ipotesi di responsabilità disciplinare per tutti i dipendenti pubblici del «decreto Brunetta» e della «Legge Madia»

        7.1 Le sanzioni espulsive

        7.2 Le sanzioni espulsive per assenteismo fraudolento

        7.3 Le ulteriori ipotesi di sanzioni espulsive

        7.4 Le sanzioni conservative

        8 I controlli sulle assenze: dal D.Lgs. 150/2009 al «Polo Unico»

        8.1 Le «linee guida» governative: la lotta all’assenteismo e il nuovo art. 55septies T.U pubblico impiego

        8.2 La trasmissione telematica dei certificati di malattia

        8.3 Il controllo della P.A. sulle assenze e le fasce orarie di reperibilità del dipendente

        L’istituzione del «Polo unico» e il D.M. 206/2017

        8.4 La permanente inidoneità psicofisica (art. 55octies D.lgs. 165/2001)

        8.5 Il reato di falsa attestazione e certificazione

        9 Le ulteriori ipotesi di responsabilità disciplinare e dirigenziale: i «decreti sviluppo», la «spending review», la «legge anticorruzione» n. 190/2012 ed il «codice della trasparenza» (D.Lgs. 33/2013)

        9.1 Il ritardo procedimentale

        9.2 Spending review e ipotesi di responsabilità

        9.3 Decreto crescita 2.0 e responsabilità nell’uso della telematica

        9.4 Le nuove ipotesi di responsabilità delineate dalla normativa anticorruzione e dal T.U. trasparenza

        9.5 Le previsioni sanzionatorie di cui al decreto sullo sblocco dei pagamenti della P.A.

        3 Le norme procedurali in materia disciplinare

        1 Ambito di applicazione e caratteri generali

        2 Le singole fasi del procedimento disciplinare ordinario: in particolare, la «pre-istruttoria»

        3 La contestazione degli addebiti

        4 L’istruttoria

        5 La definizione della procedura ordinaria

        5.1 La procedura accelerata nelle ipotesi di «assenteismo fraudolento»

        6 L’applicazione della sanzione su richiesta

        7 L’impugnazione della sanzione

        7.1 L’impugnazione della sanzione ante «collegato lavoro»

        7.2 L’impugnazione della sanzione dopo il «collegato lavoro…

        7.3 … e dopo la Legge Fornero (L. 92/2012) e la riforma Madia (D.Lgs. 75/2017)

        4 I rapporti tra procedimento disciplinare e procedimento penale

        1 I rapporti tra procedimento disciplinare e procedimento penale: il regime anteriore al D.Lgs. 150/2009

        2 Il regime successivo al D.Lgs. 150/2009

        3 Le misure cautelari in pendenza del procedimento disciplinare e di quello penale

        4 La ripresa e la riapertura del procedimento disciplinare

        5 Schemi riepilogativi del procedimento disciplinare

        Parte II

        Formulario

        Modello n. 1 - Determinazione U.P.D. di archiviazione in fase preistruttoria (ex art. 55bis, comma 4, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 2 - Determinazione U.P.D. di irrogazione di sanzione (ex art. 55bis, commi 1 e 2, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 3 - Determinazione dirigenziale di trasmissione degli atti all’Ufficio procedimenti disciplinari (ex art. 55bis, comma 4, D.Lgs. 165/2001) (Trasmettere entro dieci giorni dalla notizia)

        Modello n. 4 - Nota Ufficio procedimenti disciplinari di contestazione degli addebiti (ex art. 55bis, commi 2 e 4, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 5 - Verbale Ufficio procedimenti disciplinari di audizione dipendente (ex art. 55bis, commi 4, 5, 6, 7, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 6 - Verbale Ufficio procedimento disciplinari – Seduta istruttoria (ex art. 55bis, comma 6, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 7 - Verbale/Determinazione Ufficio procedimenti disciplinari applicazione sanzione concordata su richiesta del dipendente (ex art. 55, comma 3, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 8 - Verbale/Determinazione Ufficio procedimenti disciplinari di archiviazione (ex art. 55bis, commi 2 e 4, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 9 - Verbale/Determinazione Ufficio procedimenti disciplinari di irrogazione sanzione (ex artt. 55 e 55bis, commi 2 e 4, D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 10 - Verbale/Determinazione U.P.D. di sospensione procedimento disciplinare per pendenza azione penale (artt. 55bis e 55ter D.Lgs. 165/2001)

        Modello n. 11 - Schema di regolamento per i procedimenti disciplinari

        Modello n. 12 - Schema sanzioni personale non dirigenziale comparto Funzioni locali (art. 59, CCNL 21-5-2018, integrato coi richiami al D.Lgs. 165/2001 e s.m.i.)

        Domande frequenti