Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Parlamento europeo artt. 189-201 Trattato CE
[Palais de l’Europe, 67006 Strasburgo - internet: www.europarl.eu.int; ufficio d’informazioni per l’italia: via IV

Novembre 149, 00187 Roma; tel.: 06/699501; fax 06/69950200 - internet: www.europarl.it]
Istituzione delle Comunità europee, prevista dai trattati istitutivi, originariamente denominata Assemblea (v.); l’attuale denominazione è stata adottata il 30 marzo 1962.
Il Parlamento europeo si compone, attualmente, di 626 membri. A seguito della crescita del numero dei parlamentari europei, dovuta alle nuove adesioni (v.), il Trattato di Amsterdam ha stabilito che in futuro essi non potranno essere in numero superiore a 700.
I membri del Parlamento europeo, in base ai trattati istitutivi, venivano designati dai singoli Parlamenti nazionali, secondo le procedure stabilite da ciascuno Stato membro. La ripartizione dei seggi tra gli Stati, inoltre, era stata attuata sulla base del loro diverso peso politico e demografico, pur essendo stata garantita un’adeguata rappresentatività degli Stati minori.
A partire dal giugno 1979, sulla base della decisione del Consiglio n. 787 del 20 settembre 1976, i membri del Parlamento europeo sono eletti in ogni Stato membro tramite suffragio universale diretto (v. Elezione del Parlamento europeo) e restano in carica per cinque anni.
Secondo quanto disposto dall’art. 10 del regolamento interno dell’istituzione, la sessione del Parlamento europeo ha durata annuale. Il quorum per la validità della seduta è di un terzo dei membri del Parlamento. All’inizio della sessione viene eletto il Presidente del Parlamento europeo (v.), che dirige i dibattiti e gode di vasti poteri disciplinari, e l’Ufficio di Presidenza del Parlamento europeo (v.).
Le deliberazioni del Parlamento europeo sono adottate a maggioranza assoluta dei suffragi espressi (art.198), a meno che i trattati non dispongano diversamente; di solito si vota per alzata di mano, ma può anche essere richiesto l’appello nominale.
Nato come organismo dotato di meri poteri consultivi, che si traducevano nell’emanazione di un parere (v.) mai vincolante, il Parlamento europeo ha assunto un ruolo sempre più determinante nel corso degli anni, colmando in parte il deficit democratico (v.) che caratterizzava l’originario assetto istituzionale. Con l’Atto unico europeo, infatti, furono introdotte la procedura di cooperazione (v.), primo tentativo di inserire il Parlamento nel procedimento legislativo, e la procedura del parere conforme (v.).
In seguito, le disposizioni del Trattato di Maastricht prima e di quello di Amsterdam poi, hanno conferito al Parlamento europeo un ruolo determinante in materia legislativa: pur senza attribuirgli la titolarità esclusiva del potere normativo, gli è stato concesso di inserirsi a pieno titolo nel procedimento di formazione degli atti comunitari, attraverso l’istituzione della procedura di codecisione (v.) e l’attribuzione al Parlamento di un parziale potere d’iniziativa legislativa (v. Iniziativa dell’iniziativa).
Il Parlamento europeo è titolare anche di poteri di controllo, che, unitamente a quelli deliberativi, costituiscono una delle fondamentali prerogative di questa istituzione.
I poteri di controllo del Parlamento possono così suddividersi:
controllo sugli atti delle istituzioni. Per quanto riguarda il Consiglio, tale controllo riguarda essenzialmente il bilancio comunitario (v.), mentre quello esercitato sulla Commissione ha per oggetto la Relazione generale che tale istituzione è tenuta a presentare annualmente al Parlamento;
controllo sul bilancio;
controllo sulle istituzioni. Nei confronti della Commissione, il Parlamento dispone di un effettivo strumento di controllo giuridico rappresentato dalla mozione di censura (v.); sul Consiglio, invece, esercita un controllo politico attraverso pareri consultivi e interrogazioni;
controllo sull’apparato amministrativo. Si tratta di forme di controllo volte a salvaguardare i diritti dei membri della Comunità, siano essi Stati, persone fisiche o persone giuridiche. Tale forma di tutela è volta ad assicurare l’effettiva e corretta applicazione del diritto comunitario (v.) nei confronti dei suoi destinatari. Le innovazioni più significative alla luce del Trattato sull’Unione riguradano la possibilità per il Parlamento di costituire una Commissione temporanea d’inchiesta (v.), di nominare un Mediatore europeo (v.) e di ricevere petizioni (v.) su materie di interesse comunitario.

Rappresentanti degli Stati membri
al Parlamento europeo


Belgio 25
Danimarca 16
Germania 99
Grecia 25
Spagna 64
Francia 87
Irlanda 15
Italia 87
Lussemburgo 6
Paesi Bassi 31
Austria 21
Portogallo 25
Finlandia 16
Svezia 22
Regno Unito 87