Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
D-M-D
Dati statistici
Dawes, piano
Dax
Dazi ad valorem
Dazi all'importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi d'esportazione
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Viti De Marco, Antonio
Deadline
Dear money
Debito consolidato
Debito d'imposta
Debito della Pubblica Amministrazione
Debito estero
Debito fluttuante
Debito pubblico
Debito pubblico allargato
Debito pubblico irredimibile
Debreu, Gérard
Decelerazione
Decentramento amministrativo e fiscale
Decentramento produttivo
Decili
Decision theory
Decision tree
Decisioni, teoria delle
Decollo
Deconglomerating
Decoupling
Deduzione
Deficit
Deficit pubblico
Deficit spending
Deficit strutturale
Deflatore implicito
Deflazione
Del Vecchio, Gustavo
Delphi
Demand-pull
Demanio
Dematerializzazione dei titoli di credito
Dematerializzazione della moneta
Democrazia
Demografia
Demonetizzazione
Demoskopea
Denaro
Denaro a buon mercato
Denaro caldo
Denaro elastico
Denaro fresco
Denison, Edward Fulton
Depletion allowance
Deporto
Deposito a risparmio
Deposito a vista
Deposito bancario
Deposito in conto corrente
Deposito postale
Deposito reale
Deposito vincolato
Depressione
Deprezzamento
Depth interview
Deregulation
Derivata
Derivati
Design
Design to cost
Despecializzazione bancaria
Despecializzazione del credito
Destagionalizzazione
Determinante
Detrazioni d'imposta
Deverticalizzazione
Devianza
Diagramma
Diagramma a barre
Diagramma a dispersione
Diagramma cartesiano
Diagramma circolare
Diagramma di redditività
Diagramma polare
Diagrammi di Venn
Dichiarazione tributaria
Dicotomia neoclassica
Differenza interdecile
Differenza interquartilica
Differenza prima
Differenza semplice media
Differenza stagionale
Differenza successiva
Differenze medie
Differenziale
Differenziale semantico
Differenziali salariali
Differenziazione del prodotto
Diffusione dell'imposta
Dilemma del prigioniero
Dilemma di Disneyland
Dils
Dimensione campionaria
Dimostrazione, effetto di
Dinamica economica
Dipendenza, teoria della
Dirigismo
Diritti di compensazione
Diritti di proprietà
Diritti doganali
Diritti speciali di prelievo
Diritto di conio
Disaggio
Disavanzo
Disavanzo nei pagamenti con l'estero
Disavanzo primario
Disavanzo pubblico
DISC
Discordanza
Discounted Cash Flow
Discriminazione dei prezzi
Discriminazione dei redditi
Diseconomie
Diseconomie di scala
Disequilibrio
Disincentivo
Disinflazione
Disintermediazione del credito
Disintermediazione finanziaria
Disinvestimento
Dismissione
Disoccupazione
Disoccupazione ciclica
Disoccupazione frizionale
Disoccupazione involontaria
Disoccupazione strutturale
Disoccupazione tecnologica
Disoccupazione volontaria
Disoccupazione, saggio naturale di
Dissaving
Distorsione
Distorsione statistica
Distretto industriale
Distribuzione
Distribuzione campionaria
Distribuzione commerciale
Distribuzione congiunta
Distribuzione degenere
Distribuzione del reddito
Distribuzione doppia
Distribuzione funzionale
Distribuzione integrata
Distribuzione personale
Distribuzione unimodale
Disutilità
Dit
Dittatura del proletariato
Diversificazione
Diversificazione a macchia d'olio
Diversificazione conglomerale
Diversificazione finanziaria
Diversificazione territoriale
Diversione degli scambi
Dividendo
Dividendo fiscale
Divisa
Divisia
Divisione del lavoro
Divisione internazionale del lavoro
Divorzio Bankitalia/Tesoro
Dobb, Maurice Herbert
Documento amministrativo unico
Documento di programmazione economica e finanziaria
Dogs
Dollar gap
Dollar glut
Dollar premium
Dollar standard
Dollaro
Domanda
Domanda ad angolo
Domanda aggregata
Domanda compensata
Domanda di mercato
Domanda di moneta
Domanda individuale
Domanda, curva di
Domar, Evsey David
Domestic credit expansion
Domestic currency swap
Doppia forbice
Doppia imposizione
Doppio mercato dei cambi
Dorfman, Robert
Douglas, Paul Howard
Dow Jones
Downs, Anhony
Doxa
DPEF
Drawback
Drenaggio fiscale
DSP
Dual income tax
Dualismo economico
Duesenberry, James
Dumping
Duopolio
Duopolio di Bertrand
Duopolio di Cournot
Duopsonio
Duration
Duty free shop




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Dollaro

Moneta ufficiale degli Stati Uniti e di altri paesi (tra cui l'Australia e il Canada) la cui unità divisionaria è il cent. Il termine trae origine dal tedesco thaler, un'antica moneta coniata in Sassonia; tale moneta fu in seguito utilizzata dagli spagnoli nelle loro colonie americane (ove la denominazione fu mutata in doleras) ed in seguito adottata anche dagli Stati nordamericani.
Nel 1792 gli Stati Uniti adottarono il bimetallismo (v.) fissando la parità del dollaro rispetto all'oro e all'argento; tale sistema fu abbandonato soltanto nel 1900 quando anche gli Stati Uniti adottarono la piena convertibilità in oro (v. Gold standard) fissando la parità del dollaro a 20,67 per oncia. Nel 1933, in seguito alla grave crisi mondiale del 1929, il dollaro fu svalutato del 41% e la nuova parità rispetto all'oro fu fissata a 35 dollari per oncia.
È, tuttavia, a partire dal secondo dopoguerra che la moneta statunitense diventa uno dei capisaldi del nuovo sistema internazionale dei cambi entrato in vigore dopo la conferenza di Bretton Woods (v.).
In tale sede, infatti, fu stabilita la convertibilità del dollaro nella misura di 35 dollari per oncia d'oro, mentre le altre monete (lira, marco ecc.) avevano un tasso di cambio (v.) fisso in termini di dollari e quindi erano indirettamente legate all'oro.
Furono fissate parità centrali (v.) tra le singole valute e il dollaro e la sterlina (v.), le quali divennero così le principali monete di riserva; successivamente, la sterlina inglese assunse un ruolo trascurabile mentre il dollaro s'impose come la moneta internazionale per eccellenza, cioè la moneta con la quale venivano regolati i pagamenti internazionali.
Il sistema di Bretton Woods fu messo in crisi nell'agosto del 1971, quando le autorità finanziarie degli Stati Uniti presero atto che la massa di dollari in circolazione fuori dei confini nazionali era cresciuta tanto da non avere più la garanzia della copertura in oro secondo la vecchia parità: in altri termini, le riserve auree americane non erano sufficienti a coprire la circolazione di dollari fuori degli USA.
Fu deciso allora di sospendere la convertibilità, facendo così venir meno uno dei capisaldi di Bretton Woods.
Tramontato il sistema di Bretton Woods, il valore del dollaro venne determinato solo dalla domanda ed offerta del mercato, in altre parole divenne fluttuante.
Ne derivò la fluttuazione di tutte le altre monete che avevano scelto il dollaro come metro di valutazione.
In attesa di raggiungere un nuovo accordo globale, il 18 dicembre di quello stesso anno, dopo quattro mesi di fluttuazione del dollaro, nella sede dello Smithsonian Institute di Washington venne raggiunto un accordo che costituiva un ultimo tentativo di salvare, per quanto possibile, il sistema monetario di Bretton Woods: il prezzo ufficiale dell'oro veniva fissato in 38 dollari l'oncia; veniva sancito il riallineamento dei tassi di cambio, fissando nuove parità sulla base dei risultati della fluttuazione di quei mesi; si ampliavano i margini di oscillazione dei tassi di cambio al 2,25%.
La situazione dei mercati finanziari continuò, però, ad essere estremamente incerta, tanto più che la politica monetaria restrittiva, adottata dalla Federal Reserve (v. Federal Reserve System) nel 1979, provocò una brusca rivalutazione dollaro.
D'altra parte la stessa Federal Reserve, con un comportamento senza precedenti nella storia delle Banche Centrali, decise che i tassi di cambio dovessero essere completamente flessibili, astenendosi da qualsiasi intervento sul mercato valutario.
Le ripercussioni non si fecero attendere: la caduta del prezzo in dollari delle materie prime e la forte ascesa della valuta di conto della maggior parte dei debiti del Terzo Mondo strangolò praticamente le deboli economie dei PVS (v.) rendendo necessari accordi internazionali per un progressivo ripiano del loro debito estero (v. Piano Brady; Piano Baker).
A questo si aggiunga che il forte debito pubblico americano ed il deficit (v.) commerciale di questo paese portavano ad innalzare i tassi d'interesse (v.) nella speranza che i due paesi maggiormente creditori (Giappone e Germania) finanziassero con le loro eccedenze (v.) il deficit americano.
Nel corso degli anni ottanta le alterne vicende del dollaro hanno costituito un importante motivo di incertezza nel meccanismo dei cambi internazionali; sembra, tuttavia, potersi affermare che la centralità della moneta è parzialmente superata.

Parità del dollaro rispetto all'oro


2 aprile 1792 20,59
28 giugno 1834 20,69
13 gennaio 1837 20,67
31 gennaio 1934 35
 8 gennaio 1972 38
18 ottobre 1973 42,22