Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
W24 Storia delle religioni<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 160 € 9,00</span> 340/6 300 Insegnanti nella Scuola dell'infanzia Comune di Roma <br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 416 € 30,00</span> 225/2 Costituzione della Repubblica Italiana (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 64 € 3,00</span> 28 Compendio di Diritto Urbanistico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 304 € 20,00</span> 42 Manuale di Legislazione Universitaria<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXIII, pag. 272 € 26,00</span> 323/3 Concorsi Infermieri 3200 Quiz <br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VII, pag. 688 € 32,00</span> C4 Codice di Procedura Penale Annotato con la Giurisprudenza - collana i Codici Commentati<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 2240 € 65,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Liberazione
() anticipata (d. proc. pen.)
Ai sensi dell'art. 54 L. 354/1975 (Ordinamento penitenziario), al condannato a pena detentiva che abbia dato prova di partecipazione all'opera di rieducazione è concessa, quale riconoscimento di tale partecipazione, e ai fini del suo più efficace reinserimento nella società, una detrazione di quarantacinque giorni per ogni singolo semestre di pena scontata. A tal fine è valutato anche il periodo trascorso in stato di custodia cautelare o di detenzione domiciliare.
La concessione del beneficio è comunicata all'ufficio del pubblico ministero presso la corte d'appello o il tribunale che ha emesso il provvedimento di esecuzione o al giudice di tribunale, se tale provvedimento è stato da lui emesso.
La condanna per delitto non colposo commesso nel corso dell'esecuzione successivamente alla concessione del beneficio ne comporta la revoca.
Agli effetti del computo della misura di pena che occorre avere espiato per essere ammessi ai benefici dei permessi premio, della semilibertà e della liberazione condizionale, la parte di pena detratta come (—) si considera scontata.
La (—) si applica anche ai condannati all'ergastolo.
() condizionale (d. proc. pen.)
Rappresenta un premio concesso al condannato che durante il periodo di detenzione abbia dato prova costante di buona condotta (art. 176 c.p.).
Esistono alcune condizioni per poter ottenere tale beneficio: il detenuto deve aver tenuto un comportamento tale da far ritenere sicuro il suo ravvedimento; deve aver scontato almeno 30 mesi e comunque almeno metà della pena, se la pena residua non superi i 5 anni nel caso di prima condanna o recidiva semplice; deve aver scontato almeno 4 anni e non meno di tre quarti della pena in caso di recidiva aggravata o reiterata; inoltre il condannato all'ergastolo deve aver scontato almeno 26 anni di pena ed in caso di revoca della misura può essergli nuovamente concessa, ricorrendone i presupposti (Corte Cost. 4-6-97, n. 161); infine per coloro che abbiano commesso il reato in età minore di 18 anni la (—) è consentita in qualunque momento dell'esecuzione.
La concessione della misura è subordinata all'adempimento delle obbligazioni civili derivanti dal reato, salvo che il condannato dimostri di trovarsi nell'impossibilità di adempierle.
La (—) sospende l'esecuzione della parte di pena che rimane da scontare. Se tutto il tempo della pena inflitta (5 anni nel caso di ergastolo) decorre senza alcuna causa di revoca, la pena si considera estinta e sono revocate le misure di sicurezza personali.
Tutti gli altri effetti penali sopravvivono, comprese le pene accessorie.
I condannati per delitti di terrorismo o eversione, ovvero avvalendosi delle condizioni di cui all'art. 416bis, ovvero per altri reati (es. omicidio, sequestro di persona a scopo di estorsione) sono ammessi alla (—) solo se sia possibile escludere collegamenti con la criminalità organizzata o eversiva.
Sono, altresì, ammessi alla (—) coloro che, avendo commesso reati per finalità di terrorismo o di eversione, si dissocino, ovvero collaborino con la giustizia, nella repressione dei reati medesimi.
Quanto alla revoca della (—), la Corte Costituzionale, con sent. n. 418/98 ha dichiarato l'illegittimità dell'art. 177 c.p., nella parte in cui la dispone in caso di condanna per qualsiasi delitto o contravvenzione della stessa indole, anziché disporla in caso di condotta incompatibile con il mantenimento del beneficio, in relazione alla condanna subita.