Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Raccomandazione
Raccomandazione CECA
Raffaello
RAPID
Rapporti di conversione
Rapporto Albert - Ball
Rapporto Cecchini
Rapporto Davignon
Rapporto Delors
Rapporto MacDougall
Rapporto Padoa-Schioppa
Rapporto Spaak
Rapporto Spierenburg
Rapporto Sutherland
Rapporto Tindemans
Rapporto Vedel
Rappresentante speciale dell’Unione europea
Rappresentanze nazionali
Ratifica
Ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative
Raxen
Razzismo
Real Time Gross Settlement
Recesso
Referendum
Regie
Regime dei dodicesimi provvisori
Regime linguistico
Regimi doganali
Regionalismo
Regioni ultraperiferiche
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord
Regola d’origine
Regolamenti comunitari
Regolamenti interni
Regolamento sull’introduzione dell’euro
Regole di arrotondamento
Repubblica Ceca
Réseau Européen des Groupements d’Intérêt Economique
Responsabilità extracontrattuale della Comunità
Restituzioni alle esportazioni
Restrizioni quantitative
Rete giudiziaria europea
Reti transeuropee
Revisione dei trattati
Revisione della sentenza
Ricerca e sviluppo tecnologico
Riconoscimento reciproco [Principio del]
Ricorsi giurisdizionali comunitari
Ricorso in carenza
Ricorso in via pregiudiziale
Ricorso per annullamento
Ricorso per inadempimento
Ridenominazione
Riforma MacSharry
Rifusione dei testi legislativi
Rinegoziazione
Rinvio pregiudiziale
Risoluzione
Risorse proprie
Romania
RTGS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Piano Werner

Presentato alla Commissione europea l’8 maggio 1970, costituì il primo progetto volto alla creazione di un’unione economica e monetaria (v. UEM).
La crisi del franco del 1968 aveva rivelato in tutta la sua portata l’insufficienza della politica comunitaria in campo monetario, dimostrando che le politiche di intervento nazionali non consentivano agli Stati europei di gestire le crisi che scoppiavano al di fuori del loro territorio.
Il Consiglio affidò pertanto ad un comitato di esperti, presieduto dal presidente e ministro delle finanze del governo lussemburghese Pierre Werner, il compito di presentare un progetto di cooperazione economica e monetaria.
In realtà in rapporto Werner fu il risultato di un compromesso fra le posizioni divergenti degli Stati membri in merito alle priorità necessarie in vista del raggiungimento di un siffatto obiettivo.
Alcuni Stati, come Germania e Paesi Bassi, ritenevano che il coordinamento delle politiche economiche costituisse il fondamento indispensabile dell’integrazione monetaria.
Altri, fra cui Francia e Lussemburgo, erano convinti invece che l’unione monetaria dovesse precedere l’armonizzazione delle politiche economiche fra gli Stati membri.
Il rapporto Werner affermò la necessità di uno sviluppo parallelo dei settori economico e monetario.
Venne pertanto delineato un percorso in tre fasi da completare entro 10 anni: il coordinamento delle politiche nazionali, l’armonizzazione secondo direttive comuni, una gestione comune affiancata da un trasferimento di competenze.
La realizzazione della prima fase prevedeva l’attuazione di politiche monetarie, di bilancio e fiscali, nonché interventi inerenti la libera circolazione dei capitali. Il contenuto delle due fasi successive non veniva invece precisato.
Anche se il piano Werner non ebbe alcun seguito, ha il merito di aver tracciato le linee generali della politica monetaria comune che sarebbe stata attuata dal 1971 al 1978 e rappresentò sicuramente anche un modello per l’elaborazione del successivo rapporto Delors (v.).
Gli Stati membri della Comunità decisero infatti di creare comunque dei meccanismi per evitare fluttuazioni fra le monete europee. Tale decisione portò all’esperienza del serpente monetario (v.).