Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Sacra rota
Sacro romano impero
Sagibarones
Salii
Salmanno
Salvio Giuliano
Santo Uffizio
Sàssoni
Savigny Friedrich Carl von
Savoia
Scabini
Scandinavi
Schiatta
Scriniarius
Sculdascio
Scuola di Bologna
Scuola di Pavia
Scuola storica
Segretari di Stato
Sententiae receptae (o Sententiarum ad filium libri quinque)
Shadow cabinet
Signorie
Simonia
Sinibaldo de’ Fieschi
Siniscalco
Sinistra hegeliana
Sippe
Sistema curtense
Solicitor
Sostituzione fedecommissaria
Sovranità
Sovranità popolare
Speculum iuris
Sperrklausel
Spinoza Baruch
Sponsio
Star chamber
Stare decisis
Stati generali
Stato assoluto
Stato della Chiesa
Stato democratico
Stato di diritto
Stato di polizia
Stato federale
Stato liberale
Stato per ceti
Stato pontificio (o Stato della Chiesa)
Statutari
Statute Law
Statuti comunali
Statuto albertino
Stipulàtio
Stiria
Storia del diritto europeo
Storia del diritto italiano
Stratega
Studium
Summa
Summa Codicis Azzonis
Summa Perusina
Summa Trecensis
Sundrio
Svevi
Svevia



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Statuto albertino

Concesso da Carlo Alberto il 14 marzo 1848, costituì dapprima la Carta costituzionale del Regno di Sardegna ed in seguito del Regno d’Italia.
Denominato “Statuto” allo scopo di evidenziarne l’origine non rivoluzionaria ma ottriata, cioè di graziosa concessione del sovrano, il documento era ispirato ai princìpi dello Stato liberale [vedi] e del governo “costituzionale puro”, in linea con le ideologie costituzionali affermatesi nella Francia prima delle rivoluzioni del 1848.
Lo (—) era costituito da un preambolo e da 84 articoli e fu pubblicato in lingua italiana e francese; esso si trasformò successivamente nello Statuto del Regno d’Italia e rimase in vigore per circa un secolo. Presentava i caratteri di una Costituzione:
ottriata: cioè era una Carta costituzionale concessa unilateralmente e spontaneamente dal sovrano, che fino ad allora aveva governato in veste di sovrano assoluto;
flessibile: cioè di grado pari alla legge ordinaria. Sebbene fosse definito nel suo preambolo “legge fondamentale, perpetua e irrevocabile”, era modificabile con un semplice procedimento legislativo ordinario, senza nessuna garanzia per i cittadini che eventuali modifiche statutarie fossero in seguito apportate ed approvate con un procedimento più ponderato.
Da un’analisi letterale dello (—) risulta che i poteri dello Stato, anche se affiancati da istituzioni rappresentative del popolo, erano monopolizzati dalla persona del Re.
La Corona era, inoltre, statutariamente irresponsabile: inizialmente neppure i ministri del re rispondevano dinanzi alle Camere del loro operato. Fu la prassi costituzionale a introdurre il rapporto di fiducia fra Camere e Governo.
In realtà, già pochi mesi dopo la sua entrata in vigore, lo (—) subì una serie di “modificazioni tacite” che contribuirono a ridimensionare i poteri del monarca. Ciò consentì il passaggio dalla forma di governo costituzionale puro a quella parlamentare.
Fondamentali in tal senso furono:
— il trasferimento di fatto della funzione esecutiva al Governo, che la esercitò non solo attraverso l’opera dei singoli ministri, ma anche in veste di Consiglio dei ministri, sotto la guida di un Presidente del Consiglio (figura questa prevista per la prima volta dal R.D. 27 marzo 1867);
— il riconoscimento della necessità che il Governo godesse, oltre che della fiducia del Re, anche di quella delle Camere.
A seguito di tali importanti evoluzioni:
— il Parlamento si rafforzò, in quanto con l’adozione del sistema della “fiducia” fu messo in grado di controllare l’operato del potere esecutivo;
— il Governo ampliò la sua sfera d’azione rendendosi indipendente dalla Corona e strappando alla stessa numerose prerogative sovrane (fra cui la nomina dei senatori).
Pur restando formalmente in vigore anche durante il ventennio fascista, lo (—) fu profondamente snaturato nelle sue linee essenziali.
Profondamente mutilato dal D.Lgs. 16-3-1946, n. 98, lo (—) rimase in vigore fino al 1° gennaio 1948, data in cui entrò in vigore la Costituzione della Repubblica Italiana.