Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
Early warning system
ECA
Eccedenza
Eccesso di domanda
Eccesso di offerta
Eckstein, Otto
Eco-auditing
Ecofin
Econometria
Economia aperta
Economia chiusa
Economia collettivista
Economia contadina
Economia corporativa
Economia del benessere
Economia dell'offerta aggregata
Economia delle donazioni
Economia di baratto
Economia di comando
Economia di guerra
Economia di mercato
Economia di Robinson Crusoe
Economia illegale
Economia informale
Economia mista
Economia monetaria
Economia non osservata
Economia normativa
Economia politica
Economia positiva
Economia pubblica
Economia socialista
Economia sommersa
Economia volgare
Economic Community of West African States
Economic Cooperation Administration
Economie di scala
Economie esterne
ECOWAS
ECU
Edgeworth, Francis Ysidro
Edgeworth-Marshall
Effetti economici delle imposte
Effetto
Effetto a cascata
Effetto aggancio
Effetto alone
Effetto Averch-Johnson
Effetto d'imitazione
Effetto d'immobilizzo
Effetto di annuncio
Effetto dimostrazione
Effetto Duesenberry
Effetto J
Effetto Keynes
Effetto King
Effetto paratasse
Effetto Pigou
Effetto reddito
Effetto ricchezza
Effetto Roosa
Effetto sostituzione di Hicks
Effetto sostituzione di Slutsky
Effetto Tanzi-Olivera
Efficacia
Efficienza
Efficienza allocativa
Efficienza marginale del capitale
Efficienza produttiva
Efficienza statistica
Efficienza X
EFTA
Einaudi, Luigi
Elaborazione dei dati
Elasticità
Elasticità dell'offerta
Elasticità della domanda
Elasticità incrociata
Elasticità inversa, regola della
Eliminazione senza costo
Elisione dell'imposta
Elusione fiscale
EMA
Embargo
Emissione del debito pubblico
Emissione di moneta
Emissione, istituto di
Enclave
Enclosure
Engel, Christian Lorenz
Engel, legge di
Ente creditizio
Ente di gestione
Ente di settore
Ente no-profit
Ente pubblico
Ente pubblico economico
Ente pubblico locale
Entire agreement
Entrata
Entrate extratributarie
Entrate pubbliche
Entrate tributarie
Entrepôt
Entropia di Shannon
Eonia
Equazione dello scambio
Equazione di Cambridge
Equazione di Hall
Equazione di Slutsky
Equazioni simultanee
Equilibrio cooperativo
Equilibrio del consumatore
Equilibrio del mercato
Equilibrio della bilancia dei pagamenti
Equilibrio di impresa
Equilibrio di Nash
Equilibrio di portafoglio
Equilibrio di sottoccupazione
Equilibrio economico
Equilibrio economico dinamico
Equilibrio economico generale
Equilibrio economico parziale
Equilibrio economico statico
Equilibrio non cooperativo
Equilibrio walrasiano
Equiprobabilità
Equità orizzontale
Equità verticale
Equivalenza ricardiana
Erario
Erosione della base imponibile
ERP
Error profile
Errore
Errore campionario
Errore del I tipo
Errore del II tipo
Errore di rilevazione
Errore extracampionario
Errore quadratico medio
Errori ed omissioni
Esenzione fiscale
Esercito industriale di riserva
Esponenziale
Esportazioni
Esportazioni di capitale
Esternalità
Estrapolazione
Estrazione
Estrazione con ripetizione
Estrazione di titoli
Estrazione senza ripetizione
Età dell'oro
Eteroschedasticità
Euratom o CEEA
Euribor
Euro
Euro-11
Euro-12
EURO-MOT
Eurobbligazioni
Eurocheque
Euroclear
Eurodivise
Eurodollari
Euroequities
Euromercato
European currency unit
European free trade association
European Recovery Program
Euroscudi
Eurosim
Eurosistema
Eurostat
Evasione fiscale
Eventi incompatibili
Eventi indipendenti
Eventi necessari
Evento
Evento certo
Evento composto
Evento elementare
Evento impossibile
Ex ante
Ex opzione
Ex post
Ex-Im Bank
Exclave
Expenditure switching policies
Export-led recovery
Extraprofitto




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Economia del benessere

Ramo della teoria economica che ricerca le condizioni ed i mezzi che permettono di aumentare il benessere (v.) economico.
Tradizionalmente l'economia del benessere affonda le sue radici teoriche in due teoremi (v. Teoremi fondamentali dell'economia del benessere).
È stato l'economista inglese A.C. Pigou (v.) il primo ad assumere come obiettivo primario della politica economica (v.) quello della massimizzazione del benessere economico. Nel suo Economia del benessere del 1920, infatti, Pigou, ricollegandosi alla tradizione di pensiero iniziata con la concezione utilitaristica di Bentham, identifica l'interesse generale con il massimo benessere sociale a sua volta corrispondente all'ottimo paretiano (v.) globale.
L'economista inglese desume direttamente dalla dottrina utilitaristica il concetto di benessere di una collettività, come somma del benessere dei singoli. Il suo sistema si basa, quindi, sulla indicazione di un obiettivo economico il cui perseguimento viene postulato come socialmente desiderabile. Tale obiettivo viene individuato nella massimizzazione del benessere economico, che costituisce la parte più strettamente connessa con gli aspetti economici della vita e che appare, comunque, suscettibile di misurazione in termini monetari.
Questa delimitazione dell'indagine consente di assumere quale indice approssimativo, ma abbastanza soddisfacente, del benessere economico il reddito nazionale. Poiché infatti, ogni trasferimento di reddito da un soggetto più abbiente ad uno più indigente significa aumento delle soddisfazioni complessive (poiché permette di appagare bisogni più intensi a scapito di quelli già parzialmente soddisfatti), una equa distribuzione del reddito sarà uno dei più importanti obiettivi di politica economica.
In definitiva si può sostenere che Pigou determina uno schema generale in cui il problema della distribuzione del reddito è fondamentale.
La nuova economia del benessere ha, però, rimesso in discussione l'impostazione paretiana secondo cui è possibile esprimere giudizi di rilievo circa la politica economica basandosi unicamente su mere considerazioni di efficienza. Le più recente teorie del benessere hanno, invece, preso spunto innanzitutto dal c.d. doppio criterio di Scitovsky (v.).
Nell'intento di definire un aumento del benessere, questi cerca di separare il problema dell'efficienza dall'equità, affermando che un miglioramento del benessere consiste in un cambiamento grazie al quale, corrispondentemente ad ogni possibile distribuzione del reddito precedente a tale mutamento, tutti vengono a trovarsi in una situazione migliore, anche se il compenso necessario viene realmente corrisposto.
L'aspetto più rivoluzionario della nuova economia del benessere appare, però, l'idea che in qualsiasi ordinamento sociale pienamente funzionale deve esserci un elevato grado di consenso per quanto concerne le finalità sociali, dal momento che la vera funzione dell'economia del benessere sembra essere quella di invadere il campo dell'etica applicata e non tanto di evitarlo.
Nella maggior parte dei casi, però, le politiche adottate sono mezzi utili per il conseguimento di obiettivi che, purtroppo, non vengono sempre raggiunti, anche perché, in ultima ipotesi, i differenti fini possono trovarsi in una condizione di reciproca conflittualità.