Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Politica dei trasporti

Politica comunitaria volta allo sviluppo di un sistema integrato di trasporti in ambito europeo.
Il fondamento giuridico dell’azione della Comunità in questo campo è offerto dagli artt. 70-80 del Trattato istitutivo CE. Tali disposizioni danno tuttavia una definizione piuttosto vaga della politica comune dei trasporti, rimettendo le linee d’azione comunitarie alla scelta delle stesse istituzioni, cui il trattato concede un margine di discrezionalità molto ampio.
La politica dei trasporti, che include i trasporti ferroviari, su strada e per vie navigabili, persegue essenzialmente tre obiettivi:
— l’eliminazione degli ostacoli che i trasporti possono opporre alla realizzazione del mercato comune (v.) e, quindi, soppressione delle discriminazioni di prezzo e di condizioni di trasporto;
— l’integrazione comunitaria dei trasporti con conseguente abolizione delle discriminazioni fra trasportatori;
— l’organizzazione generale dei trasporti nel quadro della Comunità, quindi una politica tariffaria comune, un coordinamento in materia di investimenti di infrastrutture etc.
Le ragioni che stanno alla base dell’inclusione della politica dei trasporti nel trattato istitutivo sono:
— per la realizzazione degli scopi che la Comunità si era prefissata vi era una necessità particolare di organizzare un sistema di trasporti non costoso e ben coordinato, che rispondesse ai bisogni del rapido espandersi del commercio internamente all’area comunitaria;
— i trasporti sul continente sono sempre soggetti ad interventi governativi di una certa incisività, non coordinati fra Stato e Stato, e quindi tali da provocare sensibili distorsioni nei flussi commerciali.
Nonostante l’esplicita previsione nei trattati istitutivi, l’avvio degli interventi comunitari in materia è stato piuttosto lento.
Poiché la rimozione degli ostacoli che il sistema dei trasporti esistente poteva frapporre alla crea-zione del mercato comune sembrò il problema più urgente, nel giugno 1960 il Consiglio adottò il regolamento 11/60, tuttora vigente, che ha ribadito il divieto, già posto dal trattato, di praticare prezzi a condizioni differenti in relazione al paese di origine o di destinazione dei prodotti trasportati per le stesse merci.
Se la disciplina della materia si è inizialmente focalizzata sulle condizioni di onorabilità, capacità finanziaria e professionale, la cui regolamentazione rientra nella competenza dello Stato membro ove è posta la sede dell’esercente l’impresa di trasporto, successivamente l’intervento si è esteso ad altri campi.
Il regolamento 1174/68, più volte integrato, modificato e infine sostituito dal regolamento 3568/83, ha previsto infatti l’adozione di sistemi omogenei per la determinazione delle tariffe nei trasporti su strada, stabilendo una disciplina provvisoria differenziata che introduce sia un regime di liberalizzazione, basato su tariffe di riferimento non obbligatorie, sia la fissazione bilaterale di tariffe a forchetta obbligatorie.
I progressi più significativi si sono avuti tuttavia solo a partire dalla seconda metà degli anni ’80, nel quadro dell’attuazione del mercato interno (v.).
Nel quadro del trasporto su strada nel regime attualmente vigente occorre operare una distinzione fra:
trasporto passeggeri, disciplinato dal regolamento 684/92, relativo al trasporto internazionale passeggeri con autobus, nonché dal regolamento 1839/92, relativo al regime di autorizzazioni per l’esercizio di servizi di linea a navetta. Il regolamento 2454/92 ha inoltre introdotto una parziale liberalizzazione del trasporto effettuato all’interno del singolo Stato membro, mentre si rinvia a successivi regolamenti per disciplinare una piena liberalizzazione dei servizi;
trasporto merci, per il quale una serie di regolamenti (3916/90, 296/91, 881/92) ha previsto un regime transitorio che, iniziato il primo gennaio 1994, si è concluso nel 1998 con la completa liberalizzazione del trasporto merci. Dal 1994 sono stati aboliti i contingenti per il trasporto internazionale: da quella data le autorizzazioni alle società di trasporti, di validità quinquennale, vengono rilasciate dai vari Stati solo sulla base di criteri di imprenditorialità. Per quanto, invece, riguarda il cabotaggio (v.), è stata prevista una liberalizzazione graduale del sistema dei contingentamenti dei permessi rilasciati ad operatori stranieri attraverso la fissazione di quote annuali via via più alte; la liberalizzazione è stata completamente attuata nel 1998.
Nell’ambito del trasporto marittimo, le misure prese dalle istituzioni comunitarie riguardano la difesa dell’industria marittima comunitaria e l’armonizzazione delle legislazioni nazionali in materia di condizioni di esercizio e di sicurezza della navigazione marittima.
Tra i provvedimenti adottati dal Consiglio ai sensi dell’art. 80 par. 2 nel settore dei trasporti marittimi e di quelli aerei va ricordato, per quanto riguarda il principio della libera prestazione di servizi (v.), il regolamento 4055/86 per i trasporti marittimi. Esso sancisce la libertà di accesso alle attività di questo tipo da parte del prestatore di trasporti marittimi stabilito in uno Stato membro diverso da quello della prestazione. Tale libertà dovrebbe essere, in teoria, illimitata anche se una restrizione implicita sembra derivare per taluni tipi di attività, dalla circostanza che, per l’accesso alle stesse, è necessario l’adesione alle cd. conferences marittime.
Il traffico interno ai singoli Stati membri, al contrario di quello intracomunitario, non può dirsi pienamente liberalizzato.
Il regolamento 3577/92 (in vigore dal 1° gennaio 1999) introduce una liberalizzazione parziale, nel senso che possono esercitare l’attività quegli armatori le cui navi siano iscritte nei registri ed abbiano i requisiti richiesti nello Stato ove essi hanno la sede.
Accanto a questi requisiti, costituisce condizione di ammissibilità l’iscrizione al registro navale europeo (v. EUROS) non ancora istituito.
In questo campo si dà comunque la possibilità agli Stati di concedere clausole di salvaguardia (v.).
Per i trasporti aerei, il Consiglio ha adottato il 12 giugno 1978 un programma di lavoro cui ha fatto seguito, l’anno seguente, un memorandum della Commissione.
Nel 1983 è stata adottata una direttiva di liberalizzazione dei servizi aerei interregionali, ma è solo a partire dala metà degli anni ottanta che si è mirato alla creazione di un unico mercato interno. Fondamentale in tal senso è stata la sentenza n. 209-213/84 nota come Nouvelles Frontières (v.) con cui la Corte ha stabilito che le regole di concorrenza previste dal Trattato si applicano anche ai trasporti aerei e marittimi. Ha avuto così inizio un processo di liberalizzazione che si è svolto in tre tappe (1987, 1990, 1992).
In seguito a questa deregulation (condotta sull’esempio di quella americana) la Comunità viene ad essere considerata un unico mercato. Il pacchetto di regolamenti approvati nel giugno ’92 (cd. terza fase) ha infatti mantenuto qualche restrizione solo riguardo al cabotaggio, limitazioni che sono comunque cadute il 1º aprile 1997. Così, il regolamento 2407/92 ha modificato la disciplina relativa al rilascio della licenza di vettore aereo: essa è ora imperniata sul principio del controllo dell’impresa esercente il servizio da parte o di uno Stato membro o di cittadini di esso e sulla nazionalità “comunitaria” degli aeromobili utilizzati.
Il libero accesso, per coloro che rispondono a questi requisiti, all’attività di vettore aereo intracomunitario è stabilita nel regolamento 2408/92.
Il principio generale resta quello della piena liberalizzazione, seppur con alcune eccezioni.
Con il regolamento 2409/92 è stato introdotto un regime di piena liberalizzazione delle tariffe merci, charter e per il nolo. Per il trasporto passeggeri la Commissione e gli Stati membri possono bloccare le tariffe fissate dai vettori, qualora queste siano troppo basse (così da costituire un abuso dominante) o troppo alte. Si riconosce, quindi, in questo campo un potere di controllo sia agli Stati che alla Comunità.
Uno dei punti nodali del programma comunitario di rilancio economico nel settore dei trasporti è inoltre costituito dall’azione svolta dalle reti transeuropee (v.), la cui realizzazione è prevista entro il 2010 e il cui scopo è quello di favorire l’interconnessione e l’interoperatività delle reti nazionali, creando un collegamento fra le regioni centrali della Comunità e quelle insulari e periferiche, nonché fra gli Stati membri e i paesi vicini.
Nell’intento di ridurre l’inquinamento provocato dal trasporto su strada, considerato il maggiore responsabile dei danni provocati all’ambiente ed evitare al contempo l’eccessivo ingombro delle vie di collegamento, a partire dal 1995 la Commissione si è inoltre impegnata a favorire un migliore equilibrio fra il trasporto su strada e gli altri mezzi di trasporto. Lo sviluppo delle infrastrutture nel settore dei trasporti dovrebbe difatti ridurre la diffusione di automobili e camion incoraggiando l’utilizzo di mezzi meno inquinanti come i treni ad alta velocità, nonché l’impiego di nuove tecnologie per la gestione del traffico.

Politica dei trasporti


Base giuridica:
artt. 70-80 Trattato CE

Direzione generale responsabile:
Direzione generale dei trasporti

Sito Internet:http://www.europa.eu.int/comm/dgs/energy_transport/index_it.html


Voci collegate:
Cabotaggio, Comitato consultivo in materia di trasporti, Eurocontrol, EUROS, Patente di guida europea, Politica dell’ambiente, Politica di ricerca e sviluppo tecnologico, Reti transeuropee.