Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Politica della formazione professionale

Politica comunitaria diretta a migliorare la qualità di quelle forme di insegnamento che preparano all’esercizio di una determinata professione negli Stati membri.
L’intervento della Comunità in questo settore è stato attuato sulla base delle disposizioni contenute nell’art. 150 del Trattato. Tali disposizioni contemplano la messa in atto di una politica che completi l’azione degli Stati membri nel campo della formazione professionale, pur rispettando pienamente le responsabilità nazionali in merito al contenuto e all’organizzazione della stessa formazione.
L’impegno comunitario è volto al perseguimento dei seguenti obiettivi:
— il miglioramento della formazione professionale iniziale e della formazione professionale continua (v.), allo scopo di favorire l’inserimento sul mercato del lavoro;
— lo sviluppo della mobilità degli istruttori e dei giovani in formazione;
— lo sviluppo della cooperazione fra istituti di insegnamento o di formazione degli Stati membri;
— l’adeguamento della formazione ai mutamenti industriali;
— la diffusione dello scambio di informazioni inerenti i diversi sistemi di insegnamento adottati dagli Stati membri.
Il Trattato esclude espressamente qualsiasi misura volta ad armonizzare le disposizioni legislative e regolamentari nazionali adottate in materia.
La necessità di prevedere una politica specificamente dedicata alla formazione professionale fu avvertita in occasione della stipula del Trattato di Maastricht (v.), poiché ci si rese conto che la crescita socioculturale degli Stati membri e la lotta alla disoccupazione non potevano prescindere dalla realizzazione di interventi sistematici nei settori dell’istruzione (v. Politica dell’istruzione) e della formazione professionale.
La mancata previsione di particolari disposizioni nel testo dei Trattati istitutivi non aveva tuttavia impedito l’adozione di alcune misure in questo campo da parte delle istituzioni comunitarie.
Nel 1987 erano difatti stati avviati i primi programmi d’azione per la formazione professionale: Eurotecnet, relativo alla formazione in materia tecnologica, Petra, sugli scambi dei giovani in formazione, e Force, per incoraggiare l’investimento nella formazione continua.
Con il regolamento del 7 maggio 1990 n. 1360/90 era stata inoltre istituita la Fondazione europea per la formazione professionale (v.), con l’intento di promuovere la cooperazione fra la Comunità e i paesi associati e contribuire allo sviluppo dei sistemi di formazione professionale nei paesi dell’Europa centrale e orientale (v. PECO) e degli Stati indipendenti dell’ex Unione sovietica e della Mongolia.
L’entrata in vigore del Trattato di Maastricht ha tuttavia inaugurato una nuova fase della politica di formazione professionale, caratterizzata da interventi più incisivi e sistematici.
Muovendo dalla constatazione della presenza di forti disparità sul terreno dell’accesso alla formazione, soprattutto a discapito delle donne e dei lavoratori delle PMI (v.), il 30 giugno 1993 il Consiglio ha adottato la raccomandazione n. 404/93/CEE, con la quale sollecita gli Stati membri a seguire alcuni comportamenti diretti a rendere meno arduo l’accesso alla formazione.
Fra le misure previste vanno segnalate:
— il sostegno alle imprese affinché elaborino piani e programmi di formazione adeguati alle loro finalità, alle loro dimensioni e alle risorse umane di cui dispongono;
— l’obbligo a carico dei datori di lavoro di informare i lavoratori sulle iniziative promosse dall’impresa nel settore della formazione professionale;
— favorire la partecipazione dei disoccupati alla formazione professionale permanente, con particolare riguardo ai disoccupati di lunga durata, allo scopo favorire il loro reinserimento sul mercato del lavoro;
— incentivare lo scambio di informazioni fra i rappresentanti dei lavoratori nella fase di preparazione dei programmi di formazione avviati dalle imprese;
— agevolare l’accesso delle donne alla formazione professionale continua, soprattutto nell’intento di concedere loro l’opportunità di riprendere un’attività professionale dopo un’interruzione.
Nell’attuazione di queste misure la Commissione si avvale della collaborazione di organizzazioni specializzate, quali il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (v. CEDEFOP).
I progressi compiuti sulla base della raccomandazione del Consiglio sono stati in seguito sintetizzati dalla relazione della Commissione del 30 aprile 1997 sull’accesso alla formazione continua, elaborata sulla scorta dei rapporti redatti da ciascuno Stato membro e dalle organizzazioni comunitarie delle parti sociali.
Nonostante l’innegabile evoluzione registratasi in questo campo, emerge ancora il perdurare di divergenze fra le aspettative maturate dai cittadini nel campo della formazione e le occasioni che vengono loro offerte effettivamente.
La Commissione ha pertanto delineato alcuni orientamenti da seguire, tesi a completare gli interventi finora attuati e a ridurre quanto più possibile le disuguaglianze che impediscono la piena realizzazione della politica della formazione.
Fra questi, la fissazione di un quadro di riferimento permanente della situazione in materia di accesso alla formazione continua e lo sviluppo di un’industria europea degli strumenti multimediali di formazione che garantisca un adeguato trasferimento delle innovazioni.
L’impegno comunitario è proseguito con la Comunicazione della Commissione del 18 giugno 1997, diretta a focalizzare le peculiarità che dovrebbero garantire un apprendistato di qualità per la preparazione dei giovani al lavoro.
Per sviluppare un apprendistato più valido ed operativo, vengono proposte le seguenti cinque linee d’azione:
— la creazione di nuove forme di apprendistato nelle PMI, attraverso l’impiego delle tecnologie d’insegnamento a distanza e lo sviluppo della formazione nel settore dei servizi;
— il miglioramento della qualità dell’apprendistato, cercando di coniugare la formazione teorica con quella all’interno dell’impresa e riducendo la distanza esistente fra formazione teorica e formazione continua;
— il sostegno alla mobilità degli apprendisti, attraverso il riconoscimento dei periodi di apprendistato effettuati negli altri Stati membri e lo sfruttamento delle opportunità offerte dalla realizzazione del mercato unico (v.);
— la partecipazione effettiva delle parti sociali nella messa a punto del contenuto della formazione, nell’elaborazione della legislazione e nel riconoscimento dell’apprendistato;
— la fissazione di vere e proprie strategie per l’apprendistato, tramite la diffusione delle informazioni inerenti lo sviluppo dell’apprendistato in Europa a tutte le parti interessate.
Allo scopo di promuovere i percorsi europei di formazione professionale a tutti i livelli, compreso l’insegnamento superiore (cd. formazione in alternanza), il 29 giugno 1998 il Consiglio ha adottato una posizione comune relativa alla definizione di un attestato volto a certificare i periodi di formazione svolti da una persona in uno Stato membro diverso da quello in cui segue una formazione (v. Europass).
Alla realizzazione della politica comunitaria di formazione professionale, contribuisce inoltre la nuova generazione di programmi d’azione avviati dalla Comunità nella seconda metà degli anni ’90. Fra questi emerge il programma Leonardo (v.) partito nel 1995, che ha assorbito e sviluppato gli obiettivi di una serie di azioni precedentemente avviate nel settore della formazione (Comett, Petra, Force, Eurotecnet).

Politica della formazione professionale


Base giuridica
: art. 150 Trattato CE

Direzione generale responsabile
: Direzione generale dell’istruzione e della cultura

Sito Internet
:
http://www.europa.eu.int/comm/dgs/education_culture/index_it.htm


Voci collegate
: CEDEFOP, EUROPASS, Fondazione europea per la formazione professionale, Formazione professionale continua, Leonardo, Politica dell’istruzione, Politica sociale.