Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
Lacuna
Legalismo
Legalità
Legge
Libero arbitrio
Libertà
Linguaggio giuridico
Linguaggio prescrittivo
Locke, John
Logica giuridica



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario della Filosofia Politica
Legalismo

Sinonimo di formalismo etico. Il termine indica la teoria della giustizia, la quale identifica quest’ultima con la pura e semplice conformità alla lettera della legge.
In sostanza, il (—) è il prodotto della degenerazione del principio di legalità, che si determina allorquando la legge non è più intesa come lo strumento idoneo ad assicurare l’uguaglianza di trattamento degli individui ma viene invece concepita come il criterio finale di valutazione della giustizia delle azioni. Per il legalista, dunque, la legge e il diritto positivo sono di per sé giusti e quindi degni di approvazione morale.
Kant
utilizza l’atteggiamento legalistico per distinguere tra diritto e morale. Secondo il filosofo tedesco, mentre il fine della norma morale è nella norma stessa e, dunque, un’azione è moralmente buona quando è compiuta per adempiere ad un dovere, per la norma giuridica è irrilevante il motivo che spinge all’obbedienza, e ciò che conta è solo l’obbedienza stessa, ossia la conformità esterna dell’azione alla norma. Questo atteggiamento è indicato anche con l’espressione formalismo etico.
Generalmente il presupposto in base al quale il (—) considera la legge ed il diritto in quanto tali giusti e degni di obbedienza è che si tratti di una legge e di un diritto effettivamente vigenti. Gli individui devono obbedienza ai sistemi normativi effettivi e astenersi dal porli in discussione, conformandosi ai valori morali e giuridici tradizionali (cd. conformismo etico).