Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Cabinet
Cabotaggio
CAE
Calcoli intermedi
Caleidoscopio
Cambio
Cambio amministrato
Cambio fisso
Cambio flessibile
Cambio fluttuante
Camera degli Stati
Capitale europea della cultura
Capitolo sociale
CARA
Carbon tax
Carenza delle istituzioni
Carnot
Carrefour
Carta comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori
Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea
Carta dei servizi pubblici
Carta di Parigi
Carta europea
Carta europea dell’energia
Carta sociale europea
Cassis de Dijon
CCC
CCR
CDE
CE
CECA
Cecchini
CED
CEDEFOP
CEDU
CEE
CEEA
CEEP
CEFTA
CEIES
CELEX
Cellula di pianificazione dell’UEO
Cellula di programmazione politica e tempestivo allarme
CEN
CENELEC
Central European Free Trade Agreement
Centri di informazione dell’Unione europea
Centri di informazione e animazione rurale
Centri di iniziativa locale urbana per lo sviluppo sostenibile
Centro Comune di Ricerca
Centro di Documentazione Europea
Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea
Centro europeo della cultura
Centro Europeo delle Imprese Pubbliche
Centro Europeo di Ricerca Nucleare
Centro Europeo per le Relazioni Industriali
Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale
Centro satellitare dell’UEO
CEP
CEPT
Cerchi concentrici
CERI
CERN
Certificato d’importazione
CES [Comitato Economico e Sociale]
CES [Confederazione Sindacale Europea]
CGAI
CIG
Cipro
Città del Vaticano
Città europea della cultura
Cittadinanza europea
Classificazione delle spese
Clausola della nazione più favorita
Clausola di salvaguardia
Clausola di sospensione
Club del coccodrillo
Codecisione
Codice di condotta
Codice di condotta fiscale
Codice doganale comunitario
Codificazione dei testi legislativi
Coesione economica e sociale
COFACE
COMECON
Comenius
COMETT
Comitati consultivi
Comitati Provinciali per l’Euro
Comitati specializzati
Comitato articolo 113
Comitato Aziendale Europeo
Comitato consultivo
Comitato consultivo in materia di trasporti
Comitato consultivo per il coordinamento della prevenzione delle frodi
Comitato consultivo per la parità di opportunità fra donne e uomini
Comitato dei consumatori
Comitato dei governatori
Comitato dei rappresentanti permanenti degli Stati membri
Comitato dei tre saggi
Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole
Comitato delle Regioni
Comitato di conciliazione
Comitato di dialogo settoriale
Comitato di gestione
Comitato di gestione del Fondo sociale europeo
Comitato di regolamentazione
Comitato Dooge
Comitato d’Azione per gli Stati Uniti d’Europa
Comitato economico e finanziario
Comitato Economico e Sociale
Comitato esecutivo della BCE
Comitato euro
Comitato euromediterraneo
Comitato europeo per la standardizzazione
Comitato europeo per la standardizzazione elettronica
Comitato Europeo per l’Informazione Economica e Sociale
Comitato militare
Comitato monetario
Comitato paritetico
Comitato per il marchio comunitario
Comitato per le assicurazioni
Comitato per l’occupazione e il mercato del lavoro
Comitato politico
Comitato Politico e di Sicurezza
Comitato Spaak
Comitato speciale per la politica commerciale
Comitologia
Commercio elettronico
Commissione delle Comunità europee
Commissione Economica per l’Europa
Commissione per le petizioni
Commissione temporanea d’inchiesta
Commissioni parlamentari
Communitatis Europae Lex
Community Association and Reconstruction Assistance
Community Research and Development Information Service
Compensazione
Competenze esterne della Comunità europea
Complementarietà dell’azione comunitaria
Compromesso di Ioannina
Compromesso di Lussemburgo
Comunicazione di addebiti
Comunicazioni della Commissione
Comunità andina
Comunità Economica Europea
Comunità Europea
Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio
Comunità Europea dell’Energia Atomica
Comunità Europea di Difesa
Comunità Politica Europea
Comunitarizzazione
Concentrazione di imprese
Conciliazione
Concorrenza
Confederalisti
Confederazione
Confederazione delle Organizzazioni Familiari della Comunità Europea
Confederazione Sindacale Europea
Conferenza degli Organi Specializzati negli Affari Comunitari
Conferenza di Barcellona
Conferenza di Messina
Conferenza di Stoccolma sul disarmo
Conferenza di Stresa
Conferenza europea
Conferenza Europea delle Amministrazioni Postali e delle Telecomunicazioni
Conferenza Intergovernativa
Conferenza sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa
Confermare il ruolo internazionale della ricerca comunitaria
Congresso d’Europa
Consigli di Fabbrica Europei
Consiglio affari generali
Consiglio consultivo dei consumatori
Consiglio consultivo delle regioni e delle autonomie locali
Consiglio dei Ministri dell’Economia e delle Finanze
Consiglio dell’Unione europea
Consiglio di associazione
Consiglio di cooperazione
Consiglio direttivo della BCE
Consiglio d’Europa
Consiglio Euro-11
Consiglio europeo
Consiglio generale della BCE
Consiglio informale
Consiglio nordico
Consolidamento dei trattati
Consolidazione dei testi legislativi
Consultazione
Consumatori
Contesto istituzionale unico
Contingentamenti
Continuità dei contratti
Contributori netti
Controllo dei prezzi
Controllo delle concentrazioni e fusioni di imprese
Controllo dell’applicazione del diritto comunitario
Controparti
Convenzione di Arusha
Convenzione di Dublino sull’asilo
Convenzione di Schengen
Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali
Convenzione relativa alla lotta contro la corruzione
Convenzione relativa alla procedura semplificata di estradizione
Convenzione relativa alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità
Convenzione relativa all’estradizione
Convenzione sul brevetto comunitario
Convenzione sul brevetto europeo
Convenzione sulla mutua assistenza e cooperazione in materia doganale
Convenzione sull’attraversamento delle frontiere esterne
Convenzione sull’uso dell’informatica nel settore doganale
Convenzioni comunitarie
Convenzioni di Lomé
Convenzioni di Yaoundé
Conversione del debito pubblico
Conversione documentale
Conversione monetaria
Cooperazione
Cooperazione
Cooperazione allo sviluppo
Cooperazione di polizia
Cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale
Cooperazione doganale
Cooperazione giudiziaria in materia civile
Cooperazione giudiziaria in materia penale
Cooperazione intergovernativa
Cooperazione nei settori della giustizia e degli affari interni
Cooperazione Politica Europea
Cooperazione rafforzata
Cooperazione sistematica
COPA
CORDIS
COREPER
Coreu
Corso pivot
Corte dei conti delle Comunità europee
Corte di Giustizia delle Comunità europee
COSAC
COST
Costa c. Enel
Costi della non-Europa
CPE [Comunità Politica Europea]
CPE [Cooperazione Politica Europea]
CPS
Credito all’esportazione
Crescita competitiva e sostenibile
Crisi della sedia vuota
Criteri di convergenza
Criteri di Maastricht
Criterio di compensazione
Criterio di destinazione
Criterio di origine
CSCE
Cultura
Cultura 2000




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Politica di cooperazione allo sviluppo

Politica comunitaria il cui scopo è ridurre il gap economico esistente tra i paesi economicamente forti e i paesi in via di sviluppo (v. PVS).
Inizialmente tale politica era rivolta quasi esclusivamente agli ex territori coloniali degli Stati firmatari dei trattati istitutivi delle Comunità, in particolare gli ex possedimenti francesi, belgi, italiani e olandesi.
Gli interventi comunitari prevedevano un regime di associazione destinato a promuovere lo sviluppo economico degli ex territori coloniali ed a sostenerli nel loro cammino verso l’indipendenza. Questo regime si basava su di una convenzione di applicazione e usufruiva del sostegno del Fondo europeo di sviluppo (v. FES) per finanziamenti a fondo perduto destinati alla realizzazione di progetti di infrastrutture.
Il successivo raggiungimento dell’indipendenza da parte degli Stati africani, unito al più generale processo di decolonizzazione avviato negli anni ’60, ha impresso una svolta verso un più incisivo impegno comunitario nel sostegno allo sviluppo di questi paesi.
Nel 1963, infatti, gli Stati africani e malgascio associati (v. SAMA) concludevano una Convenzione di associazione alla Comunità (v. Convenzione di Yaoundè) sostituita poi dalle convenzioni di Lomè (v.), che rappresenta il nucleo centrale della politica comunitaria di aiuto allo sviluppo.
Nel 1971 la Commissione ha elaborato un primo memorandum, completato l’anno successivo da un programma d’azione, nel quale si proponeva un approccio al problema dello sviluppo sia a livello globale che regionale. Il memorandum conteneva anche una serie di iniziative comunitarie che consentissero una più stretta collaborazione costruttiva con ognuno dei paesi in via di sviluppo.
Successivamente, la Commissione, nel memorandum Pisani dell’ottobre 1982, invitava la Comunità a sostituire la procedura dei rapporti bilaterali, adottata sino ad allora, con un sistema di relazioni con gruppi di regioni o con un continente in modo da uniformare le diverse tipologie di interventi comunitari.
Il documento, inoltre, individuava sei obiettivi primari: sostegno ai progetti avviati dai PVS; promuovere lo sviluppo agricolo, in modo da rendere questi paesi autosufficienti dal punto di vista alimentare; sviluppo di imprese produttive locali; sviluppo delle risorse umane; utilizzo delle risorse naturali disponibili; sviluppo delle risorse scientifiche e tecnologiche; ripristino di un corretto equilibrio ecologico.
Il Trattato di Maastricht, riprendendo gli obiettivi inseriti nel documento della Commissione, ha dedicato il titolo XX alla cooperazione allo sviluppo. Le iniziative comunitarie di sostegno allo sviluppo sono rappresentate principalmente da accordi regionali, accordi commerciali (v.), dal sistema delle preferenze tariffarie generalizzate (v. SPG), dall’assistenza tecnica e finanziaria e dagli aiuti umanitari erogati dall’ufficio umanitario della Commissione (v. ECHO). Esse, inoltre, devono essere attuate nel rispetto del principio di sussidiarietà (v.) e devono altresì essere diversificate in ragione delle caratteristiche di ciascun paese, tenendo conto dei nuovi equilibri politici prodottisi con la fine della guerra fredda.
Quest’ultimo elemento era già stato oggetto di un intervento della Commissione. Nella sua comunicazione del 1992 dedicata alla “Politica di cooperazione allo sviluppo all’orizzonte del 2000”, evidenziava una dispersione degli aiuti comunitari dovuta alla carenza di coordinamento tra le politiche nazionali e quelle dell’Unione e alla mancata considerazione del nuovo scenario politico: terminata la guerra fredda, infatti, Stati Uniti e Unione Sovietica avevano perso ogni interesse strategico nei PVS, riducendo il loro apporto economico e soprattutto di materie prime.
Le istituzioni responsabili dell’attuazione della politica comunitaria di sviluppo sono:
— il Consiglio dell’Unione. Adotta gli accordi internazionali dopo che il Parlamento europeo ha espresso il proprio parere conforme (v. Procedura del parere conforme);
— la Commissione. Oltre a proporre leggi ed iniziative politiche, questo organismo negozia gli accordi internazionali, partecipa al processo decisionale del Consiglio e del Comitato degli ambasciatori ACP-CE, gestisce la convenzione di Lomè e alcuni programmi specifici.
In attuazione della sua politica di sviluppo, la Comunità ha firmato numerosi accordi di cooperazione (v.) con i paesi mediterranei e del vicino e Medio oriente, con i paesi dell’America latina, dell’Asia, dell’Africa e con i nuovi Stati indipendenti. Essa, inoltre, ha avviato numerosi programmi comunitari (v.) per stimolare la cooperazione con i paesi terzi.

Politica di cooperazione allo sviluppo


Base giuridica:
artt. 177-181 Trattato CE

Direzione generale responsabile:
Direzione generale dello sviluppo

Sito Internet:
www.europa.eu.int/comm/dgs/development/index_it.htm


Voci collegate:
Accordi di associazione, Accordi di cooperazione, ACP, Convenzione di Yaoundé, Convenzioni di Lomé, ECHO, FES, PVS, SAMA, SPG, Stabex , Sysmin.