Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Politica di difesa comune art. 17 Trattato sull’Unione europea

Politica comunitaria di coordinamento decisionale, strategico e politico degli Stati membri dell’Unione europea, che si concretizza in missioni umanitarie di soccorso, in attività di mantenimento della pace e di gestione delle situazioni di crisi.
La necessità di dotare la Comunità europea di un potere decisionale in ambito difensivo aveva già ispirato, nel 1952, il Trattato per l’istituzione della Comunità europea di difesa (v. CED).
Il fallimento del progetto della CED ebbe come principale conseguenza l’abbandono dell’idea di costituire una autonoma struttura di difesa comune europea.
I negoziati per il Trattato di Maastricht riaprirono il dibattito sull’esigenza di dotare la Comunità di una struttura operativa di difesa, da inserire nel contesto di una politica estera e di sicurezza comune (v. PESC). Due erano le iniziative fondamentali: la proposta franco-tedesca si sostanziava nella possibilità di intervenire direttamente in conflitti militari attraverso l’UEO (v.) che doveva diventare una specie di organismo militare della Comunità, senza per questo pregiudicare l’operato della NATO; la proposta di Regno Unito e Paesi Bassi che, contrari alla tesi della “difesa comune” avanzata da Francia e Germania, sostenevano che la realizzazione di una identità europea in materia di sicurezza e difesa (v.) dovesse avvenire gradualmente, attraverso l’attuazione della PESC e la realizzazione dell’obiettivo di lungo periodo di una “politica di difesa comune”. I sostenitori di quest’ultima proposta temevano, in realtà, che una difesa europea ostacolasse l’impegno dell’Alleanza atlantica nella difesa del continente europeo.
Una soluzione di compromesso fu elaborata con la previsione di una politica di difesa comune (auspicata da Regno Unito e Paesi Bassi) tra gli obiettivi dell’Unione, politica che avrebbe potuto condurre successivamente ad una vera e propria difesa comune (proposta da Francia e Germania).
La politica di difesa comune è stata inserita nel Trattato sull’Unione europea, all’art. J 4 (ora 17); quest’ultimo prevedeva, inoltre, la possibilità che tale coordinamento potesse evolversi in una difesa comune concretizzandosi, quindi, in una cooperazione di tipo militare.
Durante i negoziati della Conferenza intergovernativa del 1996 si è cercato di individuare e specificare al meglio il ruolo dell’Unione sulla scena internazionale nell’ambito della politica di sicurezza estera e di difesa comune. Nella nuova formulazione dell’art. J 4 (ora 17), infatti, sono state apportate rilevanti novità sia sul piano istituzionale che delle modalità di attuazione di tale impegno. Innanzitutto sono stati definiti gli ambiti di intervento dell’Unione europea; essi includono “le missioni umanitarie e di soccorso, le attività di mantenimento della pace e le missioni di unità di combattimento nella gestione di crisi, ivi comprese le missioni tese al ristabilimento della pace”. In realtà queste attività riprendono integralmente, o quasi, la formula utilizzata nella dichiarazione finale del Consiglio dei Ministri dell’UEO del 1992; in quell’occasione furono definite le cd. missioni Petersberg (v. Dichiarazione di Petersberg), che, essendo di natura difensiva, possono coinvolgere tutti gli Stati membri, anche quelli che hanno lo status di osservatore.
Dal punto di vista istituzionale assume un ruolo rilevante il Consiglio europeo al quale è demandata la decisione in merito alla definizione della difesa comune e ad una eventuale integrazione dell’UEO nell’Unione; il Consiglio, infatti, raccomanda agli Stati membri l’adozione di tali decisioni secondo le rispettive norme costituzionali.
Resta invariata la possibilità per gli Stati membri di adottare disposizioni nazionali in tema di sicurezza e difesa così come la politica dell’Unione rispetta gli obblighi che alcuni di essi hanno assunto nei confronti della NATO.
Per quanto riguarda i rapporti tra l’UEO e l’UE l’art. 17 ribadisce che la prima è parte integrante dello sviluppo dell’Unione e che conferisce all’UE “l’accesso ad una capacità operativa di difesa”. Viene in tal modo riconfermata la volontà di utilizzare l’UEO in attività PESC per le questioni attinenti alla difesa ma, secondo le nuove disposizioni, sono assoggettate alle decisioni del Consiglio europeo: con le modifiche apportate dal Trattato di Amsterdam, infatti, il Consiglio non chiede più all’UEO di elaborare e porre in essere le decisioni e le azioni dell’Unione ma si avvale di essa.
Uno dei nodi più controversi, però, nello sviluppo di una vera e propria politica di difesa comune europea è quello di definire con esattezza le competenze dell’Unione europea, della NATO e dell’UEO.
Nell’immediato dopoguerra l’Alleanza atlantica ha rappresentato il fulcro della struttura di difesa militare in Europa, sotto l’egida degli Stati Uniti. Fino alla caduta dell’ex blocco comunista la contrapposizione tra le due superpotenze non ha consentito alcun margine di manovra per lo sviluppo di una autonoma identità europea in materia di difesa (motivo di fondo anche del fallimento della CED). Soltanto negli ultimi anni si sono aperti spazi di manovra per gli Stati europei nel campo della difesa comune, che in prospettiva dovrebbe condurre ad una suddivisione dei compiti tra NATO e UEO: la prima dovrebbe garantire la difesa comune verso l’esterno, mentre la seconda dovrebbe caratterizzarsi sempre più come lo strumento operativo per le operazioni militari che hanno esclusiva rilevanza europea, sotto l’egida politica dell’Unione europea.
Alla riunione dei capi di Stato e di governo della NATO svoltasi a Bruxelles l’11 gennaio 1994, è stata ribadita l’esigenza dello sviluppo di una identità europea di tipo difensivo da realizzare attraverso la costituzione del Gruppo di Forze Interarmate Multinazionali (v. GFIM). A tal proposito essi hanno confermato la loro disponibilità a fornire capacità militari dell’Alleanza per operazioni condotte dall’UEO e ad incontri UEO-NATO per discutere i futuri sviluppi di questa collaborazione.
Con il Consiglio NATO svoltosi a Berlino il 3 giugno 1996, si è decisa la costituzione delle GFIM, dando l’effettiva possibilità all’UEO di utilizzare le capacità logistiche ed operative dell’Alleanza in operazioni condotte sotto la propria responsabilità; gli europei, inoltre, disporranno, nell’ambito della struttura militare della NATO, di posizioni di comando.
L’obiettivo di una difesa europea nel quadro di una politica estera e di sicurezza comune rientra anche tra i proponimenti del Trattato di Amsterdam il quale, in un Protocollo allegato, prevede l’elaborazione, insieme con l’UEO, di disposizioni per il miglioramento della collaborazione reciproca.
Il ruolo di questa organizzazione come strumento operativo dell’Unione europea è stato anche riaffermato nella Dichiarazione di Rodi del maggio 1998, adottata a conclusione della riunione del Consiglio dei Ministri dell’UEO. Nella stessa sede all’UEO è stato attribuito il compito di coordinare i rapporti tra l’Unione Europea e la NATO. L’obiettivo del rafforzamento della politica di difesa comune ha segnato una nuova tappa con le decisioni assunte dal Consiglio europeo di Helsinki del dicembre 1999. In quella sede è stata rilevata la necessità di sviluppare capacità militari più efficienti e istituire nuovi organi militari e politici (v. Comitato militare; CPS) in grado di svolgere e gestire nel migliore dei modi le missioni di Petersberg. A tal fine è stato deciso di creare, entro il 2003, il primo nucleo di un’autonoma forza militare dell’Unione, con un corpo di 50-60.000 uomini in grado di essere schierato nell’arco di 60 giorni e di mantenere la posizione per almeno un anno.