Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Politica economica artt. 98-104 Trattato CE

Branca della scienza economica che studia l’intervento dello Stato nel sistema economico e suggerisce gli strumenti da porre in essere affinché siano raggiunti alcuni obiettivi considerati socialmente desiderabili.
In ambito comunitario non si può parlare di politica economica propriamente detta, bensì di coordinamento delle politiche economiche dei diversi Stati membri. Questi ultimi, infatti, secondo quanto disposto dall’art. 98 del Trattato CE, attuano la loro politica economica allo scopo di contribuire alla realizzazione degli obiettivi della Comunità.
A differenza degli altri settori di intervento comunitari, quindi, in questo campo non è stato attuato un vero e proprio trasferimento di competenze alle istituzioni comunitarie, ma è stato adottato il sistema del coordinamento delle politiche nazionali.
Sebbene già nel 1950, con il Piano Schuman (v.), si faceva largo l’idea di realizzare un’organizzazione il cui scopo principale fosse l’unificazione economica degli Stati membri, è con la nascita delle Comunità europee che furono evidenziate le linee direttive per l’instaurazione del mercato comune (v.) e la realizzazione dell’integrazione economica e commerciale.
Con la direttiva 18 febbraio 1974 si cercò di dare un carattere di stabilità al coordinamento delle politiche economiche dei vari Stati.
Il sistema si basava sulla previsione dell’obbligo per il Consiglio di dedicare ogni mese una seduta agli affari economici e finanziari, mentre tre volte all’anno doveva, esaminata la situazione economica e monetaria, procedere alla fissazione degli orientamenti politici per la Comunità ed i paesi membri, sentito il parere del Comitato economico e sociale (v. CES).
Un raccordo fra questa attività e quella svolta dai Parlamenti nazionali (v.), in materia di bilancio e di politica economica, ha condotto all’adozione di una procedura di consultazione (v.).
Si definirono anche le condizioni di elaborazione di un programma di politica economica a medio termine. La direttiva prevedeva la redazione di un progetto preliminare ad opera del Comitato di politica economica, in relazione al quale la Commissione poteva proporre al Consiglio emendamenti motivati. Quest’ultima istituzione procedeva all’adozione definitiva del programma i cui obiettivi erano indirizzati ad orientare le variabili macroeconomiche a medio termine, funzionali alla realizzazione dell’unione monetaria.
Si era tentato, per questa via, di introdurre uno strumento di coordinamento della politica economica a medio termine in assenza di prescrizioni specifiche del Trattato. Può comprendersi quanto ambizioso fosse un tale obiettivo se si considera che quasi coevamente alla direttiva del 1974, gli Stati persero uno strumento fondamentale di politica economica: la gestione dei dazi doganali (v.) e delle restrizioni quantitative (v.) all’importazione.
Allo scopo di consentire il riequilibrio per altra via dei conti con l’estero la Comunità creò nuovi strumenti, alcuni dei quali conferirono alle Banche centrali (v. BCN) le risorse necessarie per il riequilibrio del tasso di cambio (v.) mentre altri erano rivolti al finanziamento delle bilance dei pagamenti.
Il coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri ed un obbligo di cooperazione in tal senso furono inseriti nelle previsioni dell’Atto unico europeo (v. AUE), all’art. 98.
L’attività delle istituzioni veniva limitata, prevedendosi poteri di intervento solo in presenza di situazioni particolari, agevolando la politica di uno Stato membro e garantendone anche uno svolgimento conforme all’interesse comune. Inserendo un nuovo capo dedicato alla “Cooperazione in materia di politica economica e monetaria”, l’Atto unico si limitava, dopo aver riconosciuto la necessità di operare una convergenza e non più un vero coordinamento delle politiche economiche e monetarie degli Stati, a disporre che questi ultimi, nel rispetto delle competenze esistenti, “tengono conto delle esperienze acquisite grazie alla cooperazione nell’ambito del sistema monetario europeo (v. SME) e allo sviluppo dell’ECU (v.)”.
Nulla mutò nella realtà mentre venne rafforzata la competenza comunitaria esistente, prevedendosi la possibilità, nel contempo, di un ulteriore sviluppo verso la realizzazione di una vera e propria unione economica e monetaria (v. UEM).
La vera svolta in questo campo, infatti, sarebbe venuta soltanto alcuni anni dopo con la pubblicazione del Rapporto Delors (v.), vero pilastro di tutta la successiva politica monetaria (v.) europea.
Il Trattato di Maastricht ha profondamente modificato il Trattato CEE collegando la realizzazione del mercato interno (v.) all’unione economica e monetaria. Gli elementi fondamentali dell’unione economica, che sono stati ripresi dal Rapporto Delors, consistevano:
— nel mercato unico;
— nel coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri;
— nelle politiche strutturali e di sviluppo regionale;
— in più incisive politiche della concorrenza;
— in una più oculata gestione dei bilanci.
Il Capo I del Titolo VII del Trattato CE (artt. 98-104) individuava le linee di politica economica cui le istituzioni comunitarie e gli Stati membri dovevano attenersi sin dalla prima fase: essi agivano nel rispetto dei principi del libero mercato e dovevano tendere alla convergenza dei risultati economici, considerando le loro politiche economiche una questione d’interesse comune. Gli indirizzi di massima per le singole politiche erano, infatti, adottati dal Consiglio a maggioranza qualificata. Inoltre, per favorire la convergenza, con l’entrata in vigore del trattato era stato previsto un meccanismo di sorveglianza multilaterale: gli Stati trasmettevano alla Commissione le informazioni concernenti le misure adottate nell’ambito della loro politica economica.
Qualora si accertava che le politiche economiche di uno Stato membro non erano coerenti con gli indirizzi di massima fissati dal Consiglio o rischiavano di compromettere il corretto funzionamento dell’unione economica e monetaria, il Consiglio poteva rivolgere allo Stato membro in questione le necessarie raccomandazioni.
Qualora uno Stato membro si trovava in difficoltà o era seriamente minacciato da gravi difficoltà a causa di circostanze eccezionali che sfuggivano al suo controllo, il Consiglio poteva concedere a determinate condizioni un’assistenza finanziaria comunitaria allo Stato membro interessato.
A partire dalla seconda fase (scattata il 1° luglio 1994) è stata posta una maggiore attenzione alla politica delle finanze pubbliche degli Stati membri i quali dovevano evitare disavanzi pubblici eccessivi (v. Procedura dei disavanzi eccessivi). In particolare, la Commissione sorvegliava l’evoluzione della situazione di bilancio e dell’entità del debito pubblico degli Stati basandosi su due valori di riferimento: il rapporto fra il disavanzo pubblico ed il prodotto interno lordo, che non doveva essere superiore al 3%, e il rapporto fra debito pubblico ed il PIL che non doveva superare il 60%.
Con il passaggio alla terza fase (dal 1° gennaio 1999), possono essere adottate anche misure sanzionatorie nei confronti degli Stati membri con deficit eccessivi (v. Patto di stabilità e crescita).