Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Politica energetica

Politica finalizzata alla creazione di un mercato interno (v.) dell’energia.
Inizialmente l’intervento comunitario in questo settore era limitato ai campi d’azione tracciati dalle disposizioni specifiche contenute nei Trattati CECA ed EURATOM, relative rispettivamente al carbone e all’energia nucleare.
Fu soltanto in seguito alla crisi petrolifera del 1973, e alla conseguente necessità di ridurre la forte dipendenza che i paesi europei avevano sviluppato nei confronti delle importazioni di greggio, che cominciò a delinearsi una vera e propria strategia nel settore energetico, fondata sulla diversificazione delle fonti energetiche e sulla riduzione dei consumi.
In seguito al Vertice europeo tenutosi a Copenaghen nel dicembre del 1973 fu deciso che la Comunità avrebbe adottato una politica centralizzata in materia di accumulo e gestione delle scorte, che sarebbero state gestite da un apposito organismo, il Comitato dell’energia.
Nel corso degli anni ’80 la Comunità arrivò pertanto a ridurre del 50% le sue importazioni di greggio e del 20% i suoi consumi energetici; in questo periodo furono inoltre adottate le prime misure dirette a ridurre i danni ambientali provocati dall’impiego di alcune fonti energetiche altamente inquinanti. Fra queste, l’introduzione della benzina senza piombo, la diminuzione del tasso di zolfo nei combustibili per il riscaldamento e la limitazione delle sostanze tossiche emesse dai gas di scarico delle automobili.
All’inizio degli anni ’90 cominciò tuttavia a registrarsi una nuova crescita della dipendenza della Comunità in materia di approvvigionamento energetico, accompagnata da una serie di fenomeni piuttosto allarmanti, fra cui l’influenza sulle condizioni climatiche della presenza di biossido di carbonio nell’atmosfera e i problemi concernenti l’energia nucleare e lo smaltimento delle scorie. Da qui la necessità che la Comunità si adoperasse affinché le azioni promosse dagli Stati membri potessero convergere verso obiettivi comuni.
Un primo passo in questa direzione è stato compiuto con la pubblicazione del Libro verde (v.) nel gennaio 1995, con il quale la Commissione ha provveduto a delineare le tre principali finalità verso cui devono tendere gli Stati membri nell’elaborazione di una politica energetica comune: assicurare la sicurezza dell’approvvigionamento, promuovere la tutela dell’ambiente e garantire la sicurezza dei consumatori.
Il Libro bianco (v.) pubblicato dalla Commissione nel dicembre dello stesso anno ha poi provveduto a tradurre questi obiettivi in veri e propri orientamenti per la politica energetica degli anni a venire.
Il documento, intitolato “Una politica energetica per l’Unione europea ”, ha difatti proposto un programma d’azione per una durata di cinque anni, da realizzarsi attraverso i seguenti interventi strategici:
— l’integrazione del mercato energetico sulla base del principio dei mercati aperti e concorrenziali, che comporta la fissazione un quadro politico generale che tenga conto delle differenze strutturali del mercato dell’energia all’interno degli Stati membri;
— il sostegno dello sviluppo durevole, che si sostanzia nella necessità di rendere compatibili gli obiettivi energetici e quelli ambientali. Tali interventi comportano l’adozione di misure economiche e fiscali tese a limitare le emissioni di gas ad effetto serra, l’utilizzo di un sistema più trasparente di fissazione del costo totale della produzione e del consumo di energia e la sensibilizzazione dei cittadini europei nei confronti dell’influenza che le scelte individuali in questo settore possono avere sull’ambiente;
— la promozione della ricerca e delle tecnologie avanzate, allo scopo di contribuire alla diffusione delle fonti energetiche alternative, allo sviluppo durevole e alla riduzione dei consumi. Tale finalità può essere raggiunta mediante una maggiore integrazione fra le esigenze del mercato dell’energia e le varie fasi della ricerca e dello sviluppo tecnologico in questo campo;
— la gestione della dipendenza energetica, che consenta di garantire la sicurezza degli approvvigionamenti attraverso la valutazione dell’aumento dei consumi energetici a livello mondiale e della situazione politica dei principali paesi fornitori. Approvvigionamenti più sicuri potrebbero inoltre essere favoriti dall’instaurazione di relazioni più strette con i paesi terzi in campo energetico, in modo da poter rispondere in maniera più flessibile ad eventuali interruzioni di forniture di energie fondamentali, quali petrolio e gas.
L’impegno comunitario nel settore energetico è proseguito con l’adozione della comunicazione della Commissione del 23 aprile 1997, in cui vengono individuate le sfide principali che la Comunità sarà chiamata ad affrontare nei prossimi anni.
Fra queste:
— la necessità di rendere i mercati energetici maggiormente rispondenti alle urgenze ambientali, con particolare riferimento agli impegni presi dalla Comunità in tema di cambiamenti climatici;
— l’aumento vertiginoso della dipendenza energetica dei paesi membri, che per il 2020 raggiungerà probabilmente il 70 % per il gas naturale, l’80 % per il carbone ed il 90% per il petrolio;
— l’esigenza di assicurare prezzi energetici più competitivi, in grado di adeguarsi al processo di globalizzazione dell’economia.
Fra gli strumenti più importanti elaborati nel corso degli anni ’90 nel quadro della politica energetica, l’adozione della Carta europea dell’energia (v.), firmata nel 1991 da 51 Stati e contenente i principi fondamentali che i paesi firmatari dovrebbero osservare per consentire la creazione di un libero mercato delle risorse energetiche.
Allo scopo di rendere vincolanti i principi enunciati dalla Carta sull’energia, gli Stati firmatari hanno in seguito provveduto a concludere il Trattato sulla Carta europea dell’energia, che contiene disposizioni relative alla tutela degli investimenti, allo scambio di materiali e prodotti energetici, al transito e alla soluzione delle controversie.
Nel 1994 il Consiglio europeo ha inoltre stabilito un programma specifico relativo al finanziamento delle reti transeuropee (v.) di trasporto dell’energia.
La Comunità contribuisce inoltre, a sostenere una serie di programmi diretti al progresso tecnologico nel settore dell’approvvigionamento, dell’utilizzo delle risorse energetiche e della conversione. Fra questi, Altener (v.) e SAVE (v.) per la riduzione del disossido di carbonio e lo sviluppo delle energie rinnovabili e Energia, ambiente e sviluppo sostenibile (v.), programma di ricerca nel settore dell’energia non nucleare.
Infine è da menzionare il programma quadro nel settore dell’energia (v.) e misure connesse per il periodo 1998-2002, adottato con decisione del Consiglio il 14 dicembre 1998 n. 1999/21/CE/Euratom.

Politica energetica


Base giuridica:
artt. 3, lett. u, 154 Trattato CE; Trattato CECA; Trattato Euratom

Direzione generale responsabile:
Direzione generale dell’energia

Sito Internet:
www.europa.eu.int/comm/dgs/energy/index_it.htm

Voci collegate:
ALURE, Carta europea dell’energia, CEEA, Energia, ambiente e sviluppo sostenibile, Programma quadro nel settore dell’energia, Reti transeuropee, SAVE, Synergy