Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Abbandono
Abbandono
Aberrazione
Abilità
Abituazione
Abitudine
Abnegazione
Abrahm, Karl
Abreazione
Abulia
Accelerazione ideica
Accesso
Accomodamento
Accomodazione
Acculturazione
Acetilcolina
Acquisito
Acting-out
Adattamento
Adattamento
Addestramento
ADHD
Adler, Alfred
Adolescenza
Adrenalina
Adultismo
Adultità
Adulto
Adultomorfismo
Afanisi
Afasia
Affettività
Affettivo
Affetto
Affezione
Affidamento
Affiliazione
Afflizione
Afonia
Afrodisiaco
Agente
Aggiustamento
Aggressione
Aggressività
Agire
Agitazione
Agnosia
Agorafobia
Agrafia
Agrammatismo
Alcolismo
Alessia
Alexitimia
Alfabetizzazione
Alienazione parentale
Alloerotismo
Alloplastico
Allport, Gordon W.
Allucinazione
Allucinogeni
Allucinosi
Alternanza psicosomatica
Alzheimer
Ambieguale
Ambiguità
Ambivalenza
Ambiversione
Ambizione
Amicizia
Amigdala
Amimia
Ammiccamento
Amnesia
Anaclitica
Anaclitica
Anale
Anale
Analisi
Analisi del discorso
Analizzante
Analizzato
Anamnesi
Anancasmo
Androginia
Andropausa
Anedonia
Anencefalia
Anestesia
Anginofobia
Angoscia
Anima
Animazione
Animismo
Animus
Annullamento
Anomia
Anoressia
Anorgasmia
Anormalità
Ansia
Ansia
Ansia di separazione
Ansiolitici
Antagonista
Anticipazione
Antidepressivi
Antipsichiatria
Antipsicotici
Antisociale
Apatia
Appagamento
Apparato psichico
Appercezione
Appiattimento affettivo
Apprendimento
Apprendimento
Apprensione
Approccio
Approvazione
Aprassia
Archetipo
Artificialismo
Arto fantasma
Ascesi
Asimbolia
Aspettativa
Aspirazione
Assenza
Assertività
Assessment/Valutazione
Assimilazione
Assistente sociale
Associazione
Associazionismo
Assone
Astenia
Astinenza
Astinenza
Astrazione
Astuzia
Atarassia
Atassia
Atavismo
Atrofia cerebrale
Attaccamento
Attaccamento
Atteggiamento
Attendibilità
Attenzione
Attitudine
Attività/Passività
Atto educativo
Attrazione/Repulsione
Aura
Autismo
Autismo infantile
Autoaccusa
Autoaffermazione
Autoanalisi
Autocontrollo
Autocoscienza
Autocritica
Autoeducazione
Autoerotismo
Autolesionismo
Automatismo
Automatizzazione
Autonomia funzionale
Autonomia/Eteronomia
Autopunizione
Autorealizzazione
Autorecettori
Autoscopia
Autostima
Autosuggestione
Autosvalutazione
Autovalutazione
Auxologia
Avarizia
Avversivo
Azione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Antipsicotici [farmaci]
I farmaci a. comprendono una serie di composti che appartengono a classi chimiche differenti, ma che inducono, nell'animale e nell'uomo, effetti a livello biochimico, farmacologico e comportamentale in parte sovrapponibili. Il sistema neurotrasmettitoriale maggiormente interessato da tali farmaci risulta essere quello dopaminergico (Dopamina), ma, soprattutto nei farmaci di ultima generazione (antipsicotici atipici), importanza fondamentale riveste l'azione sul sistema serotoninergico (Serotonina). I farmaci a. possono essere in tal senso suddivisi in antipsicotici di prima generazione o neurolettici, caratterizzati da una prevalente e differenziata azione di blocco sugli ubiquitari recettori dopaminergici di tipo D2, e antipsicotici atipici, la cui azione si caratterizza per un'azione bloccante più spiccata sui recettori serotoninergici 5-HT2 che non sui recettori dopaminergici, dimostrando, su questi ultimi, un'azione topomimetica sui recettori dopaminergici tipo D3 e D4, maggiormente localizzati nelle aree limbiche. A loro volta, i neurolettici possono essere suddivisi in varie classi, rappresentate da fenotiazine, butirrofenoni, difenilbutilpiperidine, tioxanteni, benzamidi sostituite, dibenzoxazepine. Alcuni neurolettici (ad es., i butirrofenoni) dimostrano un'alta potenza di blocco dopaminergico a livello dei recettori D2 e altri (ad es., alcune fenotiazine) fanno invece parte dei neurolettici a bassa potenza di blocco dopaminergico. Da tale alta potenza farmacologica dipende sia l'incisività dell'azione antipsicotica, soprattutto sui sintomi positivi della schizofrenia, per la riduzione del tono dopaminergico limbico, sia, purtroppo, la comparsa degli effetti extrapiramidali e ormonali (soprattutto l'incremento della prolattina), dovuti rispettivamente al blocco dopaminergico a livello nigro-striatale e a livello tubero-infundibolare. Fra i neurolettici invece a bassa potenza (ad es., clorpromazina, tioridazina etc.) risultano minori gli effetti collaterali extrapiramidali, ma prevalgono, a seguito dell'azione bloccante delle fenotiazine sui recettori a-adrenergici, istaminergici e muscarinici, gli effetti di tipo autonomico (ipotensione, sedazione, incremento ponderale, azione anticolinergica centrale e periferica): fra questi, di considerevole vantaggio clinico risulta l'azione sedativa di alcuni composti, molto utile in alcuni pazienti psicotici in fase acuta. I farmaci neurolettici dimostrano dunque una buona azione sui sintomi positivi della schizofrenia, ma scarsa incisività sui sintomi negativi, oltre che il rischio di indurre disturbi extrapiramidali, acuti e cronici. Pressoché equipollente azione sui sintomi positivi, ma maggiore azione sui sintomi negativi e minore collateralità extrapiramidale, è dimostrata dagli antipsicotici atipici per la loro azione prevalente sui recettori 5-HT2 e su peculiari sottosistemi e recettori dopaminergici. Si dividono in due grandi classi: gli SDA (a. a prevalente azione dopaminergica e serotoninergica) e i MARTA (a. ad azione recettoriale multipla). Fra gli SDA sono maggiormente conosciuti il risperidone, il sertindolo e lo ziprasidone: tali farmaci sono caratterizzati, oltre che dall'azione di blocco serotoninergica maggiore che dopaminergica, dal blocco dei recettori a-adrenergici, che comporta alcune cautele riguardanti pressione arteriosa e collateralità cardiovascolare in genere. Fra i MARTA sono utilizzati la clozapina, capostipite di tali atipici, l'olanzapina, la quietiapina e la zotepina: tale classe, interagendo con molti sottotipi recettoriali (adrenergici, istaminergici, muscarinici etc.), presenta effetti collaterali prevalenti di tipo autonomico. Sia gli SDA sia i MARTA, per le caratteristiche farmacologiche sopra riferite, presentano, soprattutto a dosaggi medio-bassi, scarsa collateralità extrapiramidale, acuta e tardiva e, con alcuni farmaci, anche minore collateralità iperprolattinemica.