Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Poteri impliciti [Teoria dei] art. 308 Trattato CE

Si tratta di una teoria inizialmente elaborata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti e successivamente accolta anche dalla Corte Internazionale di Giustizia e dalla Corte di Giustizia delle Comunità.
Secondo tale teoria un organo internazionale può utilizzare tutti i mezzi a sua disposizione per raggiungere gli scopi previsti dal trattato istitutivo dell’organizzazione stessa, anche quando tali mezzi non sono espressamente previsti nel testo del trattato.
Nel Trattato istitutivo della Comunità europea è stato inserito un articolo, il 308 (ex 235), che richiama la teoria dei poteri impliciti. Secondo tale norma “quando un’azione della Comunità risulti necessaria per raggiungere, nel funzionamento del mercato comune, uno degli scopi della Comunità, senza che il presente trattato abbia previsto i poteri d’azione a tal uopo richiesti, il Consiglio, deliberando all’unanimità su proposta della Commissione e dopo aver consultato il Parlamento europeo, prende le disposizioni del caso”.
In virtù della portata dell’articolo 308, le condizioni per l’esercizio del potere in esame sono alquanto restrittive. Dal punto di vista sostanziale occorre che l’azione sia necessaria per il raggiungimento degli scopi della Comunità e deve servire al funzionamento del mercato comune. Dal punto di vista procedurale il Consiglio deve deliberare all’unanimità, previa proposta della Commissione e dopo aver consultato il Parlamento europeo.
In realtà i poteri riconosciuti dalla norma in questione sono subordinati all’esistenza di due condizioni indispensabili:
— l’azione deve essere necessaria per raggiungere uno degli scopi della Comunità;
— l’azione deve servire al funzionamento del mercato comune.
La Corte di Giustizia nella sua giurisprudenza, scavalcando il dettato dell’art. 308, nonché la complessa procedura da questo presentata, ha portato al riconoscimento alle istituzioni della Comunità di poteri non espressamente conferiti, ma indispensabili per esercitare in modo efficace ed appropriato le competenze loro attribuite.
Infatti, nella prassi tutte le volte che il Consiglio ha raggiunto l’unanimità, sono stati adottati atti che non avevano alcun collegamento con gli scopi della Comunità od il funzionamento del mercato, nonostante l’espressa menzione dell’articolo 308. Tant’è che, proprio attraverso l’applicazione del suddetto articolo, è stata legittimata l’azione comunitaria in settori quali la politica regionale, la politica ambientale, la politica industriale ed energetica e finanche la politica economica e monetaria, prima ancora che questa rientrasse nei compiti della Comunità previsti dall’articolo 2 del Trattato CE. È possibile quindi, per le istituzioni comunitarie, intervenire in settori non menzionati dal Trattato, oppure adottare, in un settore di competenza comunitaria, atti diversi da quelli previsti (es. regolamenti al posto di direttive). Ciò che è precluso alle istituzioni è di derogare alle disposizioni del trattato: infatti, l’articolo 308 si riferisce ad azioni e non fa accenno alcuno, com’è ovvio, alla possibilità di modificare la struttura istituzionale della Comunità, così come delineata dal trattato. Altra possibile limitazione è rappresentata dal richiamo al principio di sussidiarietà (v.) da parte degli Stati membri.
La Corte ha così avallato l’atteggiamento del Consiglio nell’uso di poteri impliciti quando nel 1973 (nella sentenza Massey/Ferguson) ha enunciato esplicitamente il principio per cui le istituzioni comunitarie hanno il diritto di emanare atti in tutti quei settori nei quali il trattato attribuisce loro una competenza legittimando in tal modo l’istituzione da parte del Consiglio di vari Comitati di gestione e regolamentazione e il suo intervento in materia di pesca e ambiente.
È bene sottolineare che negli ultimi anni la Corte ha mostrato un atteggiamento più restrittivo, evidenziando il carattere residuale della norma ed escludendone l’uso ogni volta che, in base al trattato, sia possibile disporre di una base giuridica alternativa (vedi sentenza CGCE del 26 marzo 1987, Commissione c. Consiglio, in causa 45/86 e sentenza CGCE del 30 maggio 1989, Commissione c. Consiglio, in causa 242/87).