Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Tabelliones
Tabula amalphae
Tabula prothontina
Tanucci Bernardo
Tapia Carlo
Tartagni Alessandro
Tedeschi Niccolò de’
Tema
Templari
Teocrazia
Teodorico
Teodosio I il Grande
Teodosio II
Teóretro
Territorialità della legge
Terzo Stato
Test Acts
Testatico
Thingans
Thinx
Thomasius (Thomas) Christian
Tituli ex córpore Ulpiani
Tommaso d’Aquino
Tractatus
Tractatus universi iuris
Triboniano
Tribunale
Tribunale dei Pari
Tribunale dei Quindici
Tribunale della Santa Inquisizione e del Santo Uffizio
Tripartita di Ivone di Chartres



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Tommaso d’Aquino (Roccasecca, Frosinone 1225 - Fossanova, Latina 1274)

Filosofo e teologo italiano. Santo e dottore della Chiesa.
Studiò a Napoli dal 1239. Entrò nell’ordine dei domenicani nel 1244. Studiò teologia a Colonia con Alberto Magno e dal 1252 insegnò teologia a Parigi. Durante il primo biennio di insegnamento commentò la Bibbia, poi i Libri quattuor sententiarum di Pietro Lombardo. Durante questo periodo scrisse il Commento alle sentenze.
Nel 1256 ottenne da papa Alessandro IV la licentia docendi. Dal 1259 al 1268 insegnò presso la curia pontificia. In tale periodo approfondì la conoscenza di Aristotele; scrisse la Summa contra Gentiles (completata nel 1263), le Quaestiones disputatae De potentia e “De anima”, il trattato De regimine principum, destinato a restare incompiuto, ed iniziò la Summa theologica. Dal 1269 al 1272 insegnò nuovamente a Parigi, dove lavorò alla seconda parte della Summa. A Napoli dal 1272, lavorò alla terza parte dell’opera, senza riuscire a portarla a termine.
Il “tomismo” si fonda su una revisione del pensiero aristotelico, adeguato alla teologia cristiana e alla creazione divina. L’analogia operata tra creatore e creato presuppongono, pertanto, un rapporto fede-ragione in cui la seconda ha una relativa autonomia, dovendosi coordinare con la rivelazione cristiana.
Nel campo del pensiero giuridico appare fondamentale in (—) il concetto di uno Stato volto alla realizzazione del “bene comune”. Per (—) il potere spirituale e quello temporale derivano entrambi da Dio, ed il secondo è sottomesso al primo, per quanto riguarda il fine della salvezza dell’anima. Con riferimento al bene dello Stato, per (—), bisognerà seguire il potere temporale, piuttosto che quello spirituale. Un’eccezione sembra essere costituita dal caso in cui i due poteri facciano capo alla figura del papa.
Nel De regimine principum (—) vede i principi cristiani come sottoposti alla volontà del pontefice. In quest’opera (—) affronta i temi del potere temporale e delle forme di governo. Per (—) la migliore forma di governo è la monarchia, la quale deve però fondarsi sul rapporto tra il principe e il popolo, al fine della realizzazione del bene comune. La monarchia in (—) è dunque lontana dall’idea di monarchia assoluta e di diritto divino.