Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Abbandono
Abbandono
Aberrazione
Abilità
Abituazione
Abitudine
Abnegazione
Abrahm, Karl
Abreazione
Abulia
Accelerazione ideica
Accesso
Accomodamento
Accomodazione
Acculturazione
Acetilcolina
Acquisito
Acting-out
Adattamento
Adattamento
Addestramento
ADHD
Adler, Alfred
Adolescenza
Adrenalina
Adultismo
Adultità
Adulto
Adultomorfismo
Afanisi
Afasia
Affettività
Affettivo
Affetto
Affezione
Affidamento
Affiliazione
Afflizione
Afonia
Afrodisiaco
Agente
Aggiustamento
Aggressione
Aggressività
Agire
Agitazione
Agnosia
Agorafobia
Agrafia
Agrammatismo
Alcolismo
Alessia
Alexitimia
Alfabetizzazione
Alienazione parentale
Alloerotismo
Alloplastico
Allport, Gordon W.
Allucinazione
Allucinogeni
Allucinosi
Alternanza psicosomatica
Alzheimer
Ambieguale
Ambiguità
Ambivalenza
Ambiversione
Ambizione
Amicizia
Amigdala
Amimia
Ammiccamento
Amnesia
Anaclitica
Anaclitica
Anale
Anale
Analisi
Analisi del discorso
Analizzante
Analizzato
Anamnesi
Anancasmo
Androginia
Andropausa
Anedonia
Anencefalia
Anestesia
Anginofobia
Angoscia
Anima
Animazione
Animismo
Animus
Annullamento
Anomia
Anoressia
Anorgasmia
Anormalità
Ansia
Ansia
Ansia di separazione
Ansiolitici
Antagonista
Anticipazione
Antidepressivi
Antipsichiatria
Antipsicotici
Antisociale
Apatia
Appagamento
Apparato psichico
Appercezione
Appiattimento affettivo
Apprendimento
Apprendimento
Apprensione
Approccio
Approvazione
Aprassia
Archetipo
Artificialismo
Arto fantasma
Ascesi
Asimbolia
Aspettativa
Aspirazione
Assenza
Assertività
Assessment/Valutazione
Assimilazione
Assistente sociale
Associazione
Associazionismo
Assone
Astenia
Astinenza
Astinenza
Astrazione
Astuzia
Atarassia
Atassia
Atavismo
Atrofia cerebrale
Attaccamento
Attaccamento
Atteggiamento
Attendibilità
Attenzione
Attitudine
Attività/Passività
Atto educativo
Attrazione/Repulsione
Aura
Autismo
Autismo infantile
Autoaccusa
Autoaffermazione
Autoanalisi
Autocontrollo
Autocoscienza
Autocritica
Autoeducazione
Autoerotismo
Autolesionismo
Automatismo
Automatizzazione
Autonomia funzionale
Autonomia/Eteronomia
Autopunizione
Autorealizzazione
Autorecettori
Autoscopia
Autostima
Autosuggestione
Autosvalutazione
Autovalutazione
Auxologia
Avarizia
Avversivo
Azione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Antisociale [disturbo di personalità]
Il DSM-IV-R lo descrive come un disturbo pervasivo di inosservanza e di violazione dei diritti degli altri, che si manifesta già dai 15 anni di età. Il soggetto appare incapace di conformarsi alle norme sociali per ciò che concerne il comportamento legale e, per questo, viene spesso arrestato. È disonesto, mente, truffa, è impulsivo o incapace di pianificare, irritabile e aggressivo, irresponsabile e non manifesta rimorso, risultando indifferente o razionalizzando dopo avere danneggiato, maltrattato o derubato un altro. Per poter porre diagnosi è necessario che il soggetto abbia più di 18 anni e che prima dei 15 abbia manifestato un disturbo della condotta. Pinel fu il primo a descrivere, nell'Ottocento, un caso di disturbo asociale (che chiamò mania senza delirio); Kraepelin parlò di disturbo dello sviluppo che predisponeva il paziente a tratti infantili. Dapprima si parlò di inferiorità psicopatica, poi, negli anni Cinquanta, di personalità psicopatica e successivamente sociopatica, dizione adottata nel DSM-I. Dal DSM-II venne definitivamente introdotta l'espressione personalità antisociale. Nei campioni comunitari la prevalenza è del 3% circa nei maschi e dell'1% nelle femmine. È più comune tra i consanguinei di persone con questo disturbo, nei quali appaiono anche più frequentemente i disturbi correlati a sostanze e il disturbo di somatizzazione. La concordanza in gemelli monozigoti sarebbe 2-3 volte maggiore che nei dizigoti. Associazioni si osservano con uno stato socioeconomico basso e con gli ambienti urbani. Il decorso è cronico, ma il disturbo può diventare meno evidente a mano a mano che l'individuo diventa adulto. Frequentemente, i pazienti antisociali hanno alle spalle una storia infantile di privazione o abusi da parte delle figure genitoriali. La mancanza della fiducia di base e l'assenza di esperienze di amore con la figura materna sarebbero alla base della stasi che si viene a creare nel processo di maturazione prima che si completino la separazione-individuazione e lo sviluppo della costanza d'oggetto. Nello sviluppo successivo coesisterebbero un distacco da tutte le relazioni e le esperienze affettive e tentativi sadici di legarsi agli altri attraverso l'esercizio del potere e della distruttività. Il paziente con disturbo a. non diventa mai consapevole degli altri come individui separati con sentimenti loro propri. L'incapacità di introiezione porterebbe a una grave deficienza del Super-Io, con assenza dei valori morali e del senso di colpa. Dal punto di vista biologico, gli studi dimostrano che nei soggetti violenti esisterebbe un deficit serotoninergico centrale presinaptico, come evidenziato dalla diminuzione dell'acido 5-idrossindolacetico a livello liquorale. L'impulsività avrebbe, inoltre, come corrispettivo neurofunzionale un diminuito arousal corticale (all'EEG l'attività lenta risulterebbe incrementata) e una risposta motoria maggiormente disinibita. Minore utilità avrebbe la psicoterapia individuale, che necessiterebbe comunque del ricovero in strutture specializzate. Tra i farmaci vengono utilizzati i sali di litio per controllare l'aggressività e il metilfenidato per i pazienti che abbiano in anamnesi un disturbo da deficit dell'attenzione.