Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Raccomandazione
Raccomandazione CECA
Raffaello
RAPID
Rapporti di conversione
Rapporto Albert - Ball
Rapporto Cecchini
Rapporto Davignon
Rapporto Delors
Rapporto MacDougall
Rapporto Padoa-Schioppa
Rapporto Spaak
Rapporto Spierenburg
Rapporto Sutherland
Rapporto Tindemans
Rapporto Vedel
Rappresentante speciale dell’Unione europea
Rappresentanze nazionali
Ratifica
Ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative
Raxen
Razzismo
Real Time Gross Settlement
Recesso
Referendum
Regie
Regime dei dodicesimi provvisori
Regime linguistico
Regimi doganali
Regionalismo
Regioni ultraperiferiche
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord
Regola d’origine
Regolamenti comunitari
Regolamenti interni
Regolamento sull’introduzione dell’euro
Regole di arrotondamento
Repubblica Ceca
Réseau Européen des Groupements d’Intérêt Economique
Responsabilità extracontrattuale della Comunità
Restituzioni alle esportazioni
Restrizioni quantitative
Rete giudiziaria europea
Reti transeuropee
Revisione dei trattati
Revisione della sentenza
Ricerca e sviluppo tecnologico
Riconoscimento reciproco [Principio del]
Ricorsi giurisdizionali comunitari
Ricorso in carenza
Ricorso in via pregiudiziale
Ricorso per annullamento
Ricorso per inadempimento
Ridenominazione
Riforma MacSharry
Rifusione dei testi legislativi
Rinegoziazione
Rinvio pregiudiziale
Risoluzione
Risorse proprie
Romania
RTGS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Pratiche concordate art. 81 Trattato CE

Le pratiche concordate, come la stessa Corte di Giustizia delle Comunità europee (v.) ha specificato, costituiscono una “forma di coordinamento fra imprese che, senza essere stata spinta fino alla attuazione di un vero e proprio accordo, sostituisce in pratica una consapevole collaborazione fra le imprese stesse” a danno della concorrenza. La Corte ha altresì affermato che i criteri del “coordinamento” e della “collaborazione” caratteristici delle pratiche concordate non richiedono l’elaborazione di un vero e proprio piano “ma vanno intesi alla luce della concezione inerente alle norme del Trattato in materia di concorrenza e secondo la quale ogni operatore economico deve autonomamente determinare la condotta che egli intende seguire sul mercato comune (v.) e le condizioni che egli intende riservare alla clientela […]”.
È stato però precisato dalla Corte di Giustizia che la concertazione non si può presumere quando il comportamento parallelo di più imprese può spiegarsi in altro modo (sentenza del 13 luglio 1989, Tournier, in causa 395/87). Esso, comunque, rimane un indizio qualora i prezzi adottati dalle imprese siano differenti da quelli del mercato concorrenziale e quando ci sia una “cristallizzazione delle posizioni acquisite, a detrimento della effettiva libertà di circolazione delle merci, nel mercato comune, e della libera scelta dei fornitori da parte dei consumatori” (vedi sentenza del 14 luglio 1972, ICI, in causa 48/69; sentenza Tournier, già citata; sentenza del 13 luglio 1989, SACEM, cause riunite 110, 241, 242/88).
Affinché le pratiche in esame ricadano sotto il divieto di cui all’art. 81 devono essere presenti due condizioni:
— la ragionevole possibilità che esse arrechino un pregiudizio al commercio fra gli Stati membri, tale cioè che, considerato un complesso di elementi oggettivi di diritto o di fatto, sia messa a rischio la realizzazione di un mercato unico (v.) fra gli Stati membri;
— l’oggetto e l’effetto delle pratiche concordate sia quello di impedire, restringere o falsare il gioco della concorrenza all’interno del mercato comune (v. Politica della concorrenza).
Il divieto in esame, tuttavia, non è assoluto. In particolare ne è prevista l’esenzione qualora esse:
— contribuiscano a migliorare la produzione o la distribuzione dei prodotti;
— promuovano il progresso tecnico o economico;
— riservano agli utilizzatori una congrua parte dell’utile che ne deriva.