Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
LEADER
Leale cooperazione
Legge comunitaria
Legge La Pergola
Leggibilità dei trattati
Legittimità democratica
Legittimo affidamento
Leonardo
Lettera di archiviazione
Lettonia
Libera circolazione dei capitali
Libera circolazione dei lavoratori
Libera circolazione delle merci
Libera circolazione delle persone
Libera circolazione delle prestazioni sociali
Libera pratica
Libera prestazione di servizi
Libertà di stabilimento
LIBOR
Libro bianco
Libro bianco su crescita, competitività e occupazione
Libro bianco sul completamento del mercato interno
Libro verde
Liechtenstein
LIFE
Lingua
Lingue ufficiali
Lituania
Lobbies
Lomé
London Interbank Offered Rate
Lotta contro il razzismo e la xenofobia
Lotta contro il riciclaggio di denaro
Lotta contro il terrorismo
Lotta contro la corruzione
Lotta contro la criminalità organizzata
Lotta contro la droga
Lotta contro le frodi
Lussemburgo
Lussemburgo [Compromesso di]




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Presidenza semestrale art. 203 Trattato CE

È la denominazione con cui viene talvolta indicata la Presidenza del Consiglio (v.) in virtù del fatto che, secondo quanto disposto dall’art. 203 del Trattato CE, essa viene esercitata a turno da ciascuno Stato membro per un periodo di sei mesi.
In origine, e fino all’ultima tornata di adesioni, l’ordine di rotazione della Presidenza era fissato dallo stesso Trattato, che adottava come criterio quello della denominazione di ciascun paese nella sua lingua nazionale.
L’ordine di successione alla Presidenza era per un primo ciclo di sei anni il seguente: Belgio (Belgie, Belgique); Danimarca (Danmark); Germania Federale (Deutschland-BDR); Grecia (Ellas); Spagna (España); Francia (France); Irlanda (Ireland); Italia; Lussemburgo (Luxembourg); Paesi Bassi (Nederland); Portogallo (Pourtgal); Regno Unito (United Kingdom).
Durante il successivo ciclo di sei anni l’ordine era corretto invertendo gli Stati a coppie (e cioè: Danimarca, Belgio, Grecia, Germania, Francia, Spagna, Italia, Irlanda, Paesi Bassi, Lussemburgo, Regno Unito, Portogallo) in modo che a ciascuno Stato toccasse la Presidenza nel semestre diverso da quello in cui l’aveva esercitata nel primo ciclo.
Con la firma del Trattato di adesione (v.) dell’Austria, della Finlandia e della Svezia si è proceduto ad una modifica dell’articolo 203, attribuendo allo stesso Consiglio il compito di decidere, con una delibera assunta all’unanimità (v.), l’ordine di rotazione dei diversi Stati alla Presidenza del Consiglio dell’Unione. Tale modifica si è resa necessaria essenzialmente per due ordini di motivi:
— occorreva riformulare l’ordine di rotazione per consentire ai nuovi Stati membri di esercitare il proprio mandato negli anni successivi alla loro adesione;
— il criterio di rotazione secondo l’ordine alfabetico risultava scarsamente efficace, soprattutto perché poteva accadere che la Presidenza fosse esercitata per lunghi pe-riodi da Stati piccoli. Con il nuovo criterio si è cercato di far rientrare sempre nella troika (v.) di Presidenza uno Stato più grande.
La delibera per la rotazione della Presidenza fino al 2003 è stata assunta dal Consiglio negli ultimi mesi del 1995 ed è stata applicata a partire dal primo semestre del 1996.
Nella prospettiva dell’allargamento quello della turnazione semestrale della Presidenza costituisce uno dei problemi istituzionali da affrontare. Una Unione con oltre 20 Stati membri porterebbe ad attribuire la Presidenza allo stesso Stato con un intervallo più che decennale, con notevoli riflessi sull’autorevolezza di questa istituzione che invece dovrebbe garantire quella necessaria continuità all’azione interna ed esterna dell’Unione europea.

La Presidenza del Consiglio
(*)

1° semestre 2000: Portogallo
2° semestre 2000: Francia
1° semestre 2001: Svezia
2° semestre 2001: Belgio
1° semestre 2002: Spagna
2° semestre 2002: Danimarca
1° semestre 2003: Grecia

(*) La successione degli Stati è suscettibile di variazioni con decisione unanime del Consiglio stesso.