Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Ugo Capeto
Ugo di Porta Ravennate
Ugo Donello
Ugolino de’ Presbiteri
Uguccione da Pisa
Ulama (o ulema)
Ulpiano
Ultramontani
Umanesimo giuridico
Unam sanctam
Universalismo
Università
Università Cattolica
Università di Ancona
Università di Bari
Università di Bologna
Università di Genova
Università di Messina
Università di Napoli
Università di Pavia
Università di Perugia
Università di Pisa
Università di Torino
Università di Urbino
Università di Venezia
Unni
Unvereinbarkeit
Utilitarismo
Utrumque ius



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Umanesimo giuridico

Fenomeno dottrinario sorto in Italia nel secolo XV a seguito dell’influenza del movimento umanistico originatosi dapprima nel campo delle lettere. Si affermò soprattutto in Francia e portò alla nascita della cd. scuola dei culti [vedi culti (scuola dei)].
I giuristi umanisti indirizzarono le loro aspre polemiche soprattutto nei confronti dei giuristi bolognesi [vedi Glossatori], considerati “asini ignoranti”, responsabili di moltissimi errori.
Con l’(—) l’atteggiamento dei giuristi nei confronti dei testi giustinianei (libri legales per i Glossatori) mutò radicalmente: il Corpus iuris civilis non venne più considerato diritto per eccellenza, valido universalmente per il presente e per il futuro, ma venne storicizzato e la sua auctoritas venne circoscritta ad un determinato contesto storico.
La principale critica all’opera giustinianea, da alcuni umanisti considerata addirittura come “contaminata” ab initio, è contenuta nell’Antitribonianus [vedi] di Hotman [vedi], pubblicato nel 1567.
Secondo Hotman, il maggiore errore di Triboniano (giurista posto da Giustiniano a capo della commissione incaricata della redazione del Corpus iuris) consisteva nell’aver arbitrariamente manipolato il patrimonio classico, dando vita ad un’opera ibrida.
I giuristi umanisti si presentavano come feroci critici nei confronti del mos italicus [vedi], ponendo in crisi l’idea di universale certezza del diritto comune [vedi]. La svalutazione del diritto romano come diritto vigente condusse alla necessità d’individuare un nuovo diritto con il quale sostituirlo, da codificare in pochi ed agili libri. Nella Francia settentrionale fu proposta l’adozione del diritto consuetudinario (droit coutumier), mentre nella Francia meridionale il diritto romano riuscì a sopravvivere.
Ulteriore caratteristica dei giuristi umanisti fu la convinzione che, per poter accedere allo studio del diritto, occorresse essere estremamente preparati non solo in materie giuridiche ma anche in altre discipline, soprattutto in storia e filologia, per non incorrere negli errori e nelle ignoranti affermazioni che essi attribuivano a glossatori e commentatori [vedi].
In sostanza, l’atteggiamento comune agli umanisti fu di distacco nei confronti degli antichi testi: essi andavano valutati in modo critico e molto libero come mera testimonianza del passato. Il Corpus iuris giustinianeo veniva considerato come patrimonio culturale, come deposito di nozioni ed istituti giuridici la cui validità non era, tuttavia, aprioristica, ma andava evidenziata solo a seguito di un elaborato processo di conformazione ai criteri della ragione.