Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Principio di sussidiarietà art. 5 Trattato CE

Principio, introdotto dal Trattato di Maastricht, in base al quale la Comunità interviene in quei settori che non sono di sua esclusiva competenza solo quando la sua azione è considerata più efficace di quella intrapresa a livello nazionale, regionale o locale, senza andare oltre quanto necessario per il raggiungimento degli obiettivi fissati (v. Principio di proporzionalità).
Tale principio non è nuovo nello storico dibattito sulla ripartizione delle competenze e sulla cooperazione tra le Comunità e gli Stati membri, poiché già nel giugno 1975 il Rapporto Tindemans (v.) affermava che l’Unione avrebbe avuto competenza, in applicazione del principio di sussidiarietà, solo in quelle materie che gli Stati membri non erano in grado di affrontare con efficienza, senza dar vita, quindi, ad una struttura organizzativa di tipo federale.
Congelato per alcuni anni, a causa della preoccupazione di alcuni Stati di vedere limitati i propri poteri, il dibattito sul principio di sussidiarietà trova nuova linfa negli anni ’80 in occasione della presentazione del progetto di trattato sull’Unione europea (v. Progetto Spinelli).
Sebbene fallì, il Progetto rappresenta un importante passo verso la formalizzazione del principio in esame, avviata con l’Atto unico europeo del 1986 e realizzatasi poi con il Trattato di Maastricht. L’art. 174 del Trattato CE sancisce, infatti, che solo nell’ambito della politica dell’ambiente (v.) “la Comunità agisce nella misura in cui gli obiettivi possono essere meglio realizzati a livello comunitario piuttosto che a livello dei singoli Stati membri”.
Con il Trattato di Maastricht, invece, l’intervento della Comunità in via sussidiaria si amplia notevolmente: nel Preambolo, infatti, gli Stati membri dichiarano di voler creare un’Unione sempre più stretta tra i popoli e di prendere decisioni il più vicine possibili ai cittadini, conformemente al principio di sussidiarietà.
L’intervento della Comunità in via sussidiaria, secondo quanto disposto dall’art. 5, è soggetto a diversi presupposti:
— in primo luogo esso è previsto solo per le materie che non rientrano nella competenza esclusiva della CE, quindi con riguardo alle nuove politiche create dal Trattato sull’Unione con lo scopo di promuovere la cooperazione tra gli Stati membri o se necessario per completare la loro azione;
— la Comunità potrà intervenire sempre che l’azione prevista abbia una dimensione europea. Altrimenti dovrà agire il singolo Stato o un gruppo di Stati interessati;
— vi dovrà essere la presunzione dell’insufficienza degli Stati a risolvere lo specifico problema;
— da ultimo anche la presunzione dell’esigenza dell’intervento comunitario per una migliore soluzione dello stesso.
L’intervento della Comunità, inoltre, in applicazione del principio di proporzionalità, non deve andare “al di là di quanto necessario per il raggiungimento degli obiettivi del presente trattato”.
Il principio di sussidiarietà può pertanto essere visto come un elemento regolatore della competenza comunitaria: in tal senso esso assume, a ben vedere, una portata ambivalente.
Da un lato, infatti, è volto a salvaguardare l’ambito di competenza statale contro ogni ingerenza comunitaria che non sia necessaria: dall’altro tuttavia, si pone come un principio che giustifica l’intervento della Comunità anche in aree sino ad oggi riservate alla competenza degli Stati membri.
D’altro canto l’ambivalenza del principio in esame è evidente anche nelle espressioni usate dai capi di Stato e di governo nel Consiglio europeo di Edimburgo del dicembre 1992 laddove si poneva in evidenza che: “La sussidiarietà è un concetto dinamico che dovrebbe essere applicato sulla scorta degli obiettivi enunciati dal trattato. Esso consente di estendere le azioni della Comunità quando lo richiedono le circostanze e, viceversa, di restringerle o di interromperle quando esse non sono più giustificate”.
Le conclusioni del Consiglio europeo di Edimburgo sono state riprese e completate dall’Accordo interistituzionale tra Parlamento Europeo, Consiglio e Commissione relativo alle procedure per l’attuazione del principio di sussidiarietà, siglato a Lussemburgo il 25-26 ottobre 1993.
In particolare il documento si sofferma sulla necessità che le tre istituzioni, nell’esercizio delle proprie competenze, tengano conto del principio di sussidiarietà e ne giustifichino il rispetto: la Commissione nell’esercizio del suo diritto d’iniziativa (v. Iniziativa legislativa), dando giustificazione di ogni sua proposta; il Consiglio, invece, deve accogliere le richieste di ogni Stato membro che esiga l’esame di questioni che pongono problemi di sussidiarietà.
Il rispetto del principio di sussidiarietà è, inoltre, sottoposto ad un controllo effettuato nell’ambito delle procedure comunitarie normali, conformemente alle regole previste dai trattati, ed è oggetto di una relazione elaborata dalla Commissione e discussa in seno al Parlamento europeo.
Il tentativo di individuare in maniera precisa le condizioni e le modalità di applicazione del principio di sussidiarietà, allo scopo di garantirne una più rigida osservanza da parte delle istituzioni, è stato uno degli obiettivi della Conferenza intergovernativa del 1996 che ha elaborato uno specifico Protocollo, allegato al Trattato di Amsterdam, sull’applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità.
Riaffermando la validità dei criteri di cui all’art. 5, il Trattato di Amsterdam ha infatti introdotto alcuni principi guida sulla base dei quali procedere alla valutazione delle condizioni atte a consentire l’intervento suppletivo da parte della Comunità:
— la questione in esame deve presentare aspetti transnazionali, che l’azione degli Stati membri non sia in grado di regolare in modo esauriente;
— l’azione dei soli Stati membri comprometterebbe le prescrizioni del trattato o gli interessi degli Stati membri;
— attraverso l’intervento comunitario sarebbero conseguiti dei risultati più vantaggiosi rispetto a quelli raggiunti con le azioni degli Stati membri.
La Commissione dovrebbe inoltre giustificare le sue proposte con riferimento al principio di sussidiarietà e presentare una relazione annuale al Consiglio europeo, al Parlamento europeo e al Consiglio dell’Unione circa l’applicazione dell’art. 5 del trattato.
Al Consiglio spetterà poi procedere alla valutazione della conformità delle proposte della Commissione con le disposizioni dell’art. 5 del trattato e informare il Parlamento dei motivi in base ai quali la proposta della Commissione è ritenuta o meno conforme a tali disposizioni.
In questo modo viene introdotto una sorta di controllo preventivo sull’applicazione del principio di sussidiarietà, accanto al già previsto controllo successivo della Corte nell’ambito delle procedure nelle quali le competenze delle istituzioni politiche vengono contestate (artt. 230, 232 e 241, del Trattato CE).