Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
EBIC
EBN
EBR
Eccesso di potere
Eccezione di invalidità
ECE
ECHO
ECIP
ECLAS
Eco-auditing
Eco-Management Audit Scheme
ECOFIN
Ecolabel
Economic Commission for Europe
Ecos-Ouverture
ECU
ECU verde
EDD
EDU
EFEX
Effetto diretto
Effetto orizzontale della direttiva
Effetto utile
Effetto verticale della direttiva
EFTA
Eguali opportunità
EIC
EICC
ELDR
Elezione del Parlamento europeo
Elezione diretta del Parlamento europeo
EMAS
EMEA
Energia, ambiente e sviluppo sostenibile
Engrenage
EONIA
Equal
Equilibrio istituzionale
Erasmus
ESA
Estonia
Estradizione
Etap
ETUC
Eudor
EUR
Eur-lex
EUR-OP
EURATOM
Eureka
Eures
Euribor
Euro
Euro Info Centres
Euro Info Correspondence Centres
Euro Overnight Index Average
Eurobarometro
Eurobbligazioni
Eurochambres
Eurocheque
Euroclear
Eurocontrol
Eurocoop
Eurocorpo
Eurocrati
Eurofor
Eurojust
Eurolabel
Euromarfor
Europa 2000
Europa a geometria variabile
Europa à la carte
Europa a più velocità
Europa dei liberali, democratici e rifomatori
Europa delle Democrazie e delle Diversità
Europa delle patrie
Europa verde
Europartenariato
Europass
European Action Scheme for the Mobility of University Students
European Agency for the Evaluation of Medicinal Products
European BIC Network
European Business Information Centre
European Business Register
European Commission Library Automated System
European Community Humanitarian Office
European Community Investment Partners
European Currency Unit
European Financial Experts
European Free Trade Association
European Interbank Offered Rate
European Liberal Democrat and Reform Party
European Research Cooperation Agency
European Space Agency
Europol
Europol Drug Unit
Euros
Euroscudi
Eurosportelli
Eurosportelli per i consumatori
EUROSTAT
Eurotower
Eurydice




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Procedimento d’infrazione artt. 88-89 Trattato CECA; artt. 141-143 Trattato Euratom; artt. 226-228 Trattato CE

I ricorsi per infrazione sono promossi dinanzi alla Corte di Giustizia e riguardano il presunto inadempimento da parte degli Stati membri di obblighi derivanti dai trattati, dagli atti vincolanti (v.) e dagli accordi internazionali stipulati dalla Comunità. Possono essere suscettibili di ricorso per infrazione anche la mancata trasposizione nell’ordinamento nazionale di direttive (v.) comunitarie entro i termini stabiliti, e il mancato adeguamento alle sentenze della stessa Corte di Giustizia.
Sono legittimati a promuovere questo tipo di ricorso:
— la Commissione. Essa, qualora reputi che uno Stato membro non abbia rispettato un obbligo derivante dal trattato, emette un parere (v.) motivato; se lo Stato in causa non si conforma a tale parere entro il termine fissato dalla Commissione, questa può presentare ricorso alla Corte di Giustizia;
— ciascuno degli Stati membri. Ogni Stato membro, se ritiene che un altro Stato della Comunità abbia violato uno degli obblighi ad esso imposti dal trattato, deve rivolgersi alla Commissione; se quest’ultima non emette il parere entro tre mesi dalla domanda, lo Stato può ricorrere alla Corte di Giustizia anche in mancanza di tale parere.
La procedura prevede due fasi:
— la fase pre-contenziosa. Durante questo periodo la Commissione dà allo Stato in causa la possibilità di formulare le sue osservazioni e si conclude con la stesura del parere motivato. La Commissione invia allo Stato membro una lettera di messa in mora, che è una prima contestazione degli addebiti, alla quale lo Stato può rispondere facendo valere gli argomenti di fatto e di diritto di cui può valersi. Il passo successivo, da parte della Commissione, è l’invio di un parere motivato, nel quale sono indicate le infrazioni che si ritengono commesse, gli elementi di fatto e di diritto che ne sono alla base, nonché il termine entro il quale lo Stato deve porre fine alla sua infrazione. La ratio di questi due passaggi sta nel fatto di voler garantire al massimo il contraddittorio, e di trovare eventualmente una soluzione stragiudiziale. Inoltre, i motivi esposti nel parere motivato dovranno perfettamente corrispondere a quelli posti nel ricorso dinanzi alla Corte;
— la fase contenziosa. È la fase giurisdizionale che vede la Corte di Giustizia impegnata nella valutazione degli argomenti addotti dalle parti e dell’esistenza dell’infrazione.
Se la Corte accerta l’inadempimento, emette una sentenza che obbliga lo Stato membro responsabile ad attuare misure, scelte dallo stesso, per porre riparo alla violazione, senza prevedere un termine per l’adempimento. Prima della revisione operata dal Trattato di Maastricht , se lo Stato membro non osservava la sentenza era passibile della cosiddetta “doppia condanna” consistente in una nuova procedura d’infrazione; attualmente l’art. 228 prevede la possibilità, in questi casi, di imporre sanzioni pecuniarie.
L’importo della sanzione dovrà esser commisurato in base a tre criteri:
— la gravità dell’infrazione. Questo criterio è a sua volta determinato da due parametri: l’importanza della norma comunitaria violata e le conseguenze dell’infrazione sugli interessi e sul corretto funzionamento della Comunità;
— la durata dell’infrazione. Essa è misurata dal tempo intercorrente tra la notifica della prima sentenza e il termine fissato dalla Commissione per l’adeguamento;
— la capacità finanziaria dello Stato, calcolata sulla base del PIL e del numero di voti di cui dispone in seno al Consiglio.
Ci sono dei casi in cui la Commissione può saltare la fase precontenziosa ed adire direttamente la Corte. Esempi di questo tipo possono rinvenirsi nell’articolo 88, paragrafo 2, in tema di aiuti di Stato, nell’articolo 95, paragrafo 9, in tema di ravvicinamento delle legislazioni, nonché nell’articolo 298, paragrafo 2, quando uno Stato abusi del potere di adottare misure a tutela di interessi essenziali per la sua sicurezza, in deroga agli obblighi previsti dal Trattato.
Ipotesi diversa è quella prevista dall’articolo 237 del Trattato CE, in base al quale il Consiglio di amministrazione della Banca Europea per gli Investimenti (v. BEI), può proporre ricorso alla Corte di Giustizia per far constatare la mancata esecuzione, da parte degli Stati membri, degli obblighi derivanti dallo statuto della BEI. Analoga ipotesi è prevista dallo stesso articolo alla lettera d), dove è il Consiglio della Banca centrale europea (v. BCE) a poter esercitare i poteri riconosciuti alla Commissione nei confronti delle Banche centrali nazionali (v. BCN).