Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
Lacuna
Legalismo
Legalità
Legge
Libero arbitrio
Libertà
Linguaggio giuridico
Linguaggio prescrittivo
Locke, John
Logica giuridica



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario della Filosofia Politica
Linguaggio prescrittivo

È il linguaggio attraverso cui si esprimono prescrizioni (norme, comandi, direttive, consigli, ammonizioni, giudizi di valore), aventi la funzione di indirizzare il comportamento degli individui.
Indizi sintattici del carattere prescrittivo di un enunciato possono essere talvolta l’uso di determinate parole (ad es. «dovere», «obbligo» o un tono di comando).
La semiotca contemporanea distingue il (—) dal linguaggio descrittivo.
Secondo i sostenitori delle teorie cd. riduttivistiche, solo al linguaggio descrittivo (ad es. «Giulio sta aprendo una finestra») va riconosciuto un significato, mentre il (—) o non ne avrebbe alcuno (limitandosi ad esprimere gli intenti di chi parla) o andrebbe ridotto a descrizioni (ad es. una norma andrebbe ridotta a mera descrizione dell’alternativa tra obbedienza e reazione alla disobbedienza).
Secondo altri autori fautori delle teorie prescrivittistiche anche al (—) va riconosciuto un significato, benché diverso. Ad es. l’enunciato prescrittivo «Giulio, apri la finestra!» ha in comune con l’enunciato descrittivo «Giulio sta aprendo la finestra» l’elemento di significato «aprire la finestra da parte di Giulio».
L’elemento differenziale, noto col nome tecnico di neustico, sta nel fatto che nel primo caso si sottintende «così si deve fare», mentre nel secondo «così è».
Gli assertori di quest’ultima concezione ritengono applicabile anche al (—) la logica [vedi Logica giuridica].