Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Procedura elettorale uniforme art. 190 Trattato CE

Espressione che fa riferimento alla procedura elettorale utilizzata nei diversi Stati membri per l’elezione dei parlamentari europei e che, secondo, le previsioni dei trattati, dovrebbe essere quanto più uniforme possibile su tutto il territorio comunitario.
In origine il Parlamento europeo (v.) era formato da delegati designati dai Parlamenti nazionali (v.), secondo una procedura determinata dagli stessi Parlamenti.
Tuttavia, i trattati istitutivi avevano previsto che il Parlamento poteva essere eletto a suffragio universale (v.) diretto secondo una procedura elettorale uniforme, demandando al Consiglio il compito di stabilire le disposizioni di applicazione.
L’Atto relativo all’elezione dei rappresentanti a suffragio universale diretto in seno all’Assemblea europea è stato adottato dal Consiglio il 20 settembre 1976 e poi ratificato dagli Stati membri. Esso individuava unicamente dei criteri fondamentali (data delle elezioni, durata del mandato, incompatibilità, verifica del mandato) lasciando agli Stati membri la decisione sulla procedura elettorale da adottare; nello stesso atto veniva comunque prevista la possibilità da parte del Parlamento di presentare progetti per uniformare la procedura elettorale.
Dopo il 1979, anno in cui ha avuto luogo la prima elezione diretta del Parlamento europeo (v. Elezione del Parlamento europeo), è stata presentata la relazione Seitlinger (10 marzo 1982) relativa alla procedura elettorale uniforme; il testo, che proponeva un sistema di tipo proporzionale, fu esaminato più volte dal Consiglio senza ricevere la sua approvazione.
Il dibattito veniva rilanciato nuovamente con la proposta, il 28 febbraio 1985, di un nuovo progetto (relatore Bocklet) in cui si constatava chiaramente l’entità delle divergenze delineatesi in seno all’Assemblea. Tale progetto rilevava che l’obiettivo della procedura elettorale uniforme doveva essere raggiunto per tappe e che il concetto di uniformità non implicava la perfetta identità delle procedure elettorali bensì una concordanza tra gli elementi essenziali delle medesime (sistema elettorale, diritto di voto e eleggibilità); il sistema di scrutinio proposto era quello proporzionale con voto di lista. Ma anche questo rapporto non ricevette alcun seguito.
In seguito alle elezioni del 1989 si raggiunse finalmente un consenso generale sulla relazione De Gucht, frutto di lunghi negoziati. L’approccio prescelto, approvato con una risoluzione del 1991 e poi con una risoluzione definitiva del 1993, prefigurava già l’adozione di una procedura elettorale secondo principi comuni e non più secondo regole uniformi, principio successivamente accolto dal Trattato di Amsterdam (v.). A lungo, infatti, il dibattito europeo ha ruotato intorno ad un’ipotetica procedura elettorale uniforme; il nuovo articolo 190, invece, stabilisce che il Parlamento può proporre una procedura secondo i principi comuni a tutti gli Stati membri. In pratica è stato abbandonato l’obiettivo di adottare una procedura unica, optando per un sistema che seguisse delle linee direttrici generali, tenendo comunque conto delle specificità nazionali.
Sulla base delle nuove disposizioni il Parlamento ha provveduto ad approvare il 15 luglio 1998 una nuova risoluzione (la cd. relazione Anastassopoulos) con la quale vengono individuati i principi comuni che dovrebbero regolare le prossime elezioni europee. I principi enucleati sono:
adozione del sistema proporzionale. In rea-ltà tale sistema è già stato scelto da tutti gli Stati membri dell’Unione europea; anche il Regno Unito, da sempre fautore del sistema maggioritario, per le elezioni tenutesi nel 1999 ha optato per la prima volta per il sistema proporzionale, uniformandosi agli altri Stati;
— il sistema proporzionale dovrebbe accompagnarsi alla suddivisione del territorio nazionale in circoscrizioni;
— la soglia di sbarramento. Essa deve essere facoltativa e in ogni caso non deve essere superiore al 5% dei suffragi espressi a livello nazionale;
— il voto di preferenza, che dovrebbe essere adottato in tutti gli Stati membri;
— il mandato di parlamentare europeo dovrebbe essere dichiarato incompatibile con quello di membro di un parlamento nazionale.
La proposta del Parlamento attende ora un esame da parte del Consiglio che, secondo la procedura dell’art. 190, dovrà adottarlo all’unanimità, per poi passare alla procedura di ratifica da parte dei Parlamenti nazionali.