Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Maastricht
Mac Dougall
Maggioranza qualificata
Maggioranza semplice
Maghreb
Malta
Mansholt
Mansholt Sicco Leendert
MAP 2000
Marcatura CE
Marchio comunitario
Marine Science and Technology
Marshall
Mashreq
MAST
Matthaeus
MEC
Meccanismo Europeo per le Tecnologie
MED-Campus
MED-Interprise
MED-Invest
MED-Media
MED-Partenariato
MED-Urbs
MEDA
MEDA-Democrazia
Media
Mediatore europeo
Mediterranean Actions
Mediterraneo e Medio Oriente
Mercato comune
Mercato comune bancario
Mercato interno
Mercato unico
Merce
MERCOSUR
Messina
MET
Metodo comunitario
Metodo della triangolazione
Metodo intergovernativo
Microimpresa
Microstati
Minoranza di blocco
MIRIAM
MISEP
Missioni di Petersberg
MISSOC
Misura d’effetto equivalente
Misure di salvaguardia e protezione
Mitterand François
MLIS
Model scheme for information on rural development initiatives and agriculture markets
Modernizzazione dell’Amministrazione e del Personale
Monaco
Mondializzazione
Moneta scritturale
Moneta unica europea
Monetary Union Member State
Monnet Jean
Monopolio nazionale
Motivazione degli atti comunitari
Mozione di censura
Multilingual Information Society
MUMS
Mutual Information System on Employment Policies
Mutual Information System on Social Protection
Mutuo riconoscimento
Mutuo riconoscimento dei titoli di studio




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Procedura elettorale uniforme art. 190 Trattato CE

Espressione che fa riferimento alla procedura elettorale utilizzata nei diversi Stati membri per l’elezione dei parlamentari europei e che, secondo, le previsioni dei trattati, dovrebbe essere quanto più uniforme possibile su tutto il territorio comunitario.
In origine il Parlamento europeo (v.) era formato da delegati designati dai Parlamenti nazionali (v.), secondo una procedura determinata dagli stessi Parlamenti.
Tuttavia, i trattati istitutivi avevano previsto che il Parlamento poteva essere eletto a suffragio universale (v.) diretto secondo una procedura elettorale uniforme, demandando al Consiglio il compito di stabilire le disposizioni di applicazione.
L’Atto relativo all’elezione dei rappresentanti a suffragio universale diretto in seno all’Assemblea europea è stato adottato dal Consiglio il 20 settembre 1976 e poi ratificato dagli Stati membri. Esso individuava unicamente dei criteri fondamentali (data delle elezioni, durata del mandato, incompatibilità, verifica del mandato) lasciando agli Stati membri la decisione sulla procedura elettorale da adottare; nello stesso atto veniva comunque prevista la possibilità da parte del Parlamento di presentare progetti per uniformare la procedura elettorale.
Dopo il 1979, anno in cui ha avuto luogo la prima elezione diretta del Parlamento europeo (v. Elezione del Parlamento europeo), è stata presentata la relazione Seitlinger (10 marzo 1982) relativa alla procedura elettorale uniforme; il testo, che proponeva un sistema di tipo proporzionale, fu esaminato più volte dal Consiglio senza ricevere la sua approvazione.
Il dibattito veniva rilanciato nuovamente con la proposta, il 28 febbraio 1985, di un nuovo progetto (relatore Bocklet) in cui si constatava chiaramente l’entità delle divergenze delineatesi in seno all’Assemblea. Tale progetto rilevava che l’obiettivo della procedura elettorale uniforme doveva essere raggiunto per tappe e che il concetto di uniformità non implicava la perfetta identità delle procedure elettorali bensì una concordanza tra gli elementi essenziali delle medesime (sistema elettorale, diritto di voto e eleggibilità); il sistema di scrutinio proposto era quello proporzionale con voto di lista. Ma anche questo rapporto non ricevette alcun seguito.
In seguito alle elezioni del 1989 si raggiunse finalmente un consenso generale sulla relazione De Gucht, frutto di lunghi negoziati. L’approccio prescelto, approvato con una risoluzione del 1991 e poi con una risoluzione definitiva del 1993, prefigurava già l’adozione di una procedura elettorale secondo principi comuni e non più secondo regole uniformi, principio successivamente accolto dal Trattato di Amsterdam (v.). A lungo, infatti, il dibattito europeo ha ruotato intorno ad un’ipotetica procedura elettorale uniforme; il nuovo articolo 190, invece, stabilisce che il Parlamento può proporre una procedura secondo i principi comuni a tutti gli Stati membri. In pratica è stato abbandonato l’obiettivo di adottare una procedura unica, optando per un sistema che seguisse delle linee direttrici generali, tenendo comunque conto delle specificità nazionali.
Sulla base delle nuove disposizioni il Parlamento ha provveduto ad approvare il 15 luglio 1998 una nuova risoluzione (la cd. relazione Anastassopoulos) con la quale vengono individuati i principi comuni che dovrebbero regolare le prossime elezioni europee. I principi enucleati sono:
adozione del sistema proporzionale. In rea-ltà tale sistema è già stato scelto da tutti gli Stati membri dell’Unione europea; anche il Regno Unito, da sempre fautore del sistema maggioritario, per le elezioni tenutesi nel 1999 ha optato per la prima volta per il sistema proporzionale, uniformandosi agli altri Stati;
— il sistema proporzionale dovrebbe accompagnarsi alla suddivisione del territorio nazionale in circoscrizioni;
— la soglia di sbarramento. Essa deve essere facoltativa e in ogni caso non deve essere superiore al 5% dei suffragi espressi a livello nazionale;
— il voto di preferenza, che dovrebbe essere adottato in tutti gli Stati membri;
— il mandato di parlamentare europeo dovrebbe essere dichiarato incompatibile con quello di membro di un parlamento nazionale.
La proposta del Parlamento attende ora un esame da parte del Consiglio che, secondo la procedura dell’art. 190, dovrà adottarlo all’unanimità, per poi passare alla procedura di ratifica da parte dei Parlamenti nazionali.