Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
Early warning system
ECA
Eccedenza
Eccesso di domanda
Eccesso di offerta
Eckstein, Otto
Eco-auditing
Ecofin
Econometria
Economia aperta
Economia chiusa
Economia collettivista
Economia contadina
Economia corporativa
Economia del benessere
Economia dell'offerta aggregata
Economia delle donazioni
Economia di baratto
Economia di comando
Economia di guerra
Economia di mercato
Economia di Robinson Crusoe
Economia illegale
Economia informale
Economia mista
Economia monetaria
Economia non osservata
Economia normativa
Economia politica
Economia positiva
Economia pubblica
Economia socialista
Economia sommersa
Economia volgare
Economic Community of West African States
Economic Cooperation Administration
Economie di scala
Economie esterne
ECOWAS
ECU
Edgeworth, Francis Ysidro
Edgeworth-Marshall
Effetti economici delle imposte
Effetto
Effetto a cascata
Effetto aggancio
Effetto alone
Effetto Averch-Johnson
Effetto d'imitazione
Effetto d'immobilizzo
Effetto di annuncio
Effetto dimostrazione
Effetto Duesenberry
Effetto J
Effetto Keynes
Effetto King
Effetto paratasse
Effetto Pigou
Effetto reddito
Effetto ricchezza
Effetto Roosa
Effetto sostituzione di Hicks
Effetto sostituzione di Slutsky
Effetto Tanzi-Olivera
Efficacia
Efficienza
Efficienza allocativa
Efficienza marginale del capitale
Efficienza produttiva
Efficienza statistica
Efficienza X
EFTA
Einaudi, Luigi
Elaborazione dei dati
Elasticità
Elasticità dell'offerta
Elasticità della domanda
Elasticità incrociata
Elasticità inversa, regola della
Eliminazione senza costo
Elisione dell'imposta
Elusione fiscale
EMA
Embargo
Emissione del debito pubblico
Emissione di moneta
Emissione, istituto di
Enclave
Enclosure
Engel, Christian Lorenz
Engel, legge di
Ente creditizio
Ente di gestione
Ente di settore
Ente no-profit
Ente pubblico
Ente pubblico economico
Ente pubblico locale
Entire agreement
Entrata
Entrate extratributarie
Entrate pubbliche
Entrate tributarie
Entrepôt
Entropia di Shannon
Eonia
Equazione dello scambio
Equazione di Cambridge
Equazione di Hall
Equazione di Slutsky
Equazioni simultanee
Equilibrio cooperativo
Equilibrio del consumatore
Equilibrio del mercato
Equilibrio della bilancia dei pagamenti
Equilibrio di impresa
Equilibrio di Nash
Equilibrio di portafoglio
Equilibrio di sottoccupazione
Equilibrio economico
Equilibrio economico dinamico
Equilibrio economico generale
Equilibrio economico parziale
Equilibrio economico statico
Equilibrio non cooperativo
Equilibrio walrasiano
Equiprobabilità
Equità orizzontale
Equità verticale
Equivalenza ricardiana
Erario
Erosione della base imponibile
ERP
Error profile
Errore
Errore campionario
Errore del I tipo
Errore del II tipo
Errore di rilevazione
Errore extracampionario
Errore quadratico medio
Errori ed omissioni
Esenzione fiscale
Esercito industriale di riserva
Esponenziale
Esportazioni
Esportazioni di capitale
Esternalità
Estrapolazione
Estrazione
Estrazione con ripetizione
Estrazione di titoli
Estrazione senza ripetizione
Età dell'oro
Eteroschedasticità
Euratom o CEEA
Euribor
Euro
Euro-11
Euro-12
EURO-MOT
Eurobbligazioni
Eurocheque
Euroclear
Eurodivise
Eurodollari
Euroequities
Euromercato
European currency unit
European free trade association
European Recovery Program
Euroscudi
Eurosim
Eurosistema
Eurostat
Evasione fiscale
Eventi incompatibili
Eventi indipendenti
Eventi necessari
Evento
Evento certo
Evento composto
Evento elementare
Evento impossibile
Ex ante
Ex opzione
Ex post
Ex-Im Bank
Exclave
Expenditure switching policies
Export-led recovery
Extraprofitto




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Equilibrio di sottoccupazione

Situazione teorizzata da Keynes (v.) che si verifica allorché, pur esistendo un livello di salario che rende uguali domanda ed offerta di lavoro, non è quello ipotizzabile nella situazione di pieno impiego.
Keynes dimostrò che nel breve periodo (v.) ed in un sistema economico (v.) chiuso, cioè non recettivo alle innovazioni tecnologiche, produttive ed istituzionali, l'equilibrio tra risparmio ed investimento poteva essere raggiunto malgrado parte della popolazione non fosse occupata. A differenza dei neoclassici (v.) che consideravano tale situazione come uno squilibrio momentaneo facilmente superabile attraverso la riduzione dei salari, Keynes ne sostenne la persistenza anche nell'ipotesi che i lavoratori accettassero una decurtazione della loro retribuzione.
Seguendo il ragionamento di Keynes, se può ritenersi valida la costruzione della curva di domanda del lavoro come insieme di punti in cui la produttività marginale (v.) del lavoro uguaglia la sua remunerazione, altrettanto non può dirsi per la curva dell'offerta di lavoro che l'economista inglese non considera determinata dai punti in cui utilità (v.) dei salari reali e penosità del lavoro si uguagliano. In effetti, a differenza degli imprenditori, i lavoratori non sono in grado di controllare il livello del salario reale in quanto la contrattazione tra sindacati ed imprese riguarda il salario monetario più che quello reale, per la determinazione del quale occorre conoscere il costo della vita (v. Indice del costo della vita).
La soluzione prospettata da Keynes per determinare il volume di occupazione è quella di connettere quest'ultima al reddito, definito come il livello di produzione (v.) che copre i costi e assicura un profitto agli imprenditori.
In sostanza il livello d'equilibrio del sistema dipende dalla domanda e dall'offerta globale, la prima definita come previsione dei ricavi degli imprenditori ai diversi livelli d'occupazione e la seconda come previsione di spese dei fattori produttivi impiegati. Ora sia l'una che l'altra crescono con l'occupazione ma in misura diversa. Per giustificare l'ipotesi che la domanda aumenta in misura meno che proporzionale rispetto all'occupazione Keynes chiama in causa il comportamento dei consumatori in occasione degli aumenti di reddito. Questi hanno una propensione al consumo (v.) che aumenta al crescere del reddito in misura meno che proporzionale, in quanto, parte dell'incremento del reddito è destinata al risparmio. Un reddito più alto vuol dire, quindi, un consumo relativamente più basso e di conseguenza una crescita della domanda (cioè delle aspettative dei ricavi degli imprenditori) meno che proporzionale rispetto all'occupazione.
L'offerta, invece, cresce in misura più che proporzionale rispetto all'occupazione, poiché questa è regolata dalla legge della produttività decrescente del lavoro che fa aumentare le previsioni di spesa.
Il punto d'incontro tra domanda ed offerta, che Keynes chiama domanda effettiva, indica il livello d'occupazione esistente, livello che solo accidentalmente può corrispondere alla piena occupazione (v.). Ciò accade perché, come si è visto, aumentando il reddito aumenta il consumo ma anche il risparmio, cioè la parte di reddito non investita. Ne deriva allora che per raggiungere la piena occupazione è necessario aumentare gli investimenti in misura più che proporzionale rispetto al reddito.