Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
L6 I Rapporti di Vicinato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 272 € 38,00</span> L5/A Le Spese di Ristrutturazione negli Immobili Condominiali<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 304 € 38,00</span> OP9 Codice del Nuovo Condominio Operativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 IV, pag. 1312 € 76,00</span> L5 Il Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XV, pag. 816 € 45,00</span> FM204/1 Formulario Commentato del Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 Novità, pag. 352 € 34,00</span> E9/A Codice del Condominio Esplicato - Leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 , pag. 448 € 18,00</span>
Igiene dell’edificio
Illecito urbanistico
Illuminazione, energia elettrica e forza motrice
Immissioni
Impermeabilizzazione
Impianti sportivi
Impianto idrico
Imposta comunale sugli immobili (ICI)
Imposta ipotecaria e catastale
Impugnazione delle delibere dell’assemblea di condominio
Incendi
Inferriate
Infiltrazioni
Infissi
Innovazioni
Insegne e targhe
Intercapedini
Intonaco
Isolamento acustico e termico
Istituto autonomo per le case popolari



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario del Condominio
L’illuminazione costituisce un servizio che contribuisce a garantire la sicurezza dell’intero fabbricato e del quale tutti i condòmini beneficiano (TERZAGO). Perciò, salva diversa previsione del regolamento di condominio di natura contrattuale, le spese di illuminazione delle parti comuni dell’edificio (es. cortile, viali etc.) fanno carico a tutti i condòmini in proporzione alle quote millesimali di proprietà (art. 1123, 1° co., c.c.), compresi i proprietari dei negozi che abbiano accesso diretto dalla strada, e lo stesso vale per le spese di forza motrice.
Altro criterio potrebbe essere quello di attribuire tali spese, voce per voce, alle parti e ai servizi che provocano i consumi e procedere, poi, alla ripartizione secondo i criteri adottati per quelle stesse parti e quegli stessi servizi: così, ad esempio, l’energia elettrica consumata nei locali di portineria e di alloggio del portiere andrebbe sommata alle spese di portierato; quella di illuminazione delle scale andrebbe sommata alle spese per le scale; quella di forza motrice per il riscaldamento e l’acqua calda alle spese di riscaldamento e di acqua calda. In pratica, però, «ciò non avviene quasi mai, in quanto ben raramente gli impianti elettrici degli edifici sono forniti di contatori divisionali, per cui è impossibile l’esatta individuazione delle spese in argomento e la loro attribuzione alle corrispondenti voci di spese condominiali. Per questo, in taluni casi, si provvede ad attribuzioni sommarie e presuntive a questa o quella voce; in altri le spese di energia e forza motrice si considerano in monte e si ripartiscono per millesimi di comproprietà fra tutti i condòmini» (TAMBORRINO).
Non costituisce un’innovazione, bensì una mera modifica funzionale al risparmio di energia elettrica, la messa in opera di un impianto di temporizzazione per l’accensione e lo spegnimento automatico delle luci, con la conseguenza che i condòmini dissenzienti non possono pretendere di essere esonerati dalla spesa, accampandone, ai sensi dell’art. 1121, 1° co., c.c., la presunta gravosità o voluttuarietà.