Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Protocollo sulla politica sociale

Era un documento, introdotto dal Trattato di Maastricht e allegato al Trattato CE, che conteneva disposizioni in materia sociale.
Il protocollo (v.), che in realtà riscriveva gli articoli del trattato relativi alla politica sociale (v.), fu uno stratagemma che servì ad ampliare la dimensione sociale dell’azione comunitaria superando l’opposizione del Regno Unito; quest’ultimo Stato era (nel 1992) fermamente deciso a contrastare qualsiasi intervento comunitario in questo campo, per cui fu adottato questo protocollo addizionale sottoscritto soltanto dagli altri 11 Stati membri e, nel 1994, anche dai nuovi Stati entrati a far parte dell’Unione. Nel settore della politica sociale gli Stati firmatari si consideravano vincolati più da questa fonte che dagli articoli del Trattato CE.
L’accordo sulla politica sociale, allegato al Protocollo, ampliava gli obiettivi dell’intervento comunitario in ambito sociale inserendo l’informazione e la consultazione dei lavoratori, la parità uomo-donna, l’integrazione delle persone escluse dal mercato del lavoro: in questi settori, e soprattutto nell’ambito della fissazione delle condizioni di lavoro, il Consiglio deliberava a maggioranza qualificata degli Stati firmatari; in tutti gli altri settori (ad esempio le condizioni di lavoro dei cittadini dei paesi terzi) era invece richiesta l’unanimità. Restavano comunque esclusi il settore della retribuzione e del diritto sindacale.
L’accordo, inoltre, istituzionalizzava il dialogo fra le parti sociali (v.) a livello comunitario ed esaltava il ruolo affidato alla Commissione per quanto riguarda la cooperazione e la consultazione fra gli Stati membri.
L’accordo sulla politica sociale ha suscitato fin dall’inizio molte perplessità: a parte i dubbi di natura giuridica circa il carattere comunitario degli atti adottati per rendere effettivo l’accordo, va rilevato che la clausola derogatoria concessa alla Gran Bretagna (v. Opting out) poteva avere effetti distorsivi sulla concorrenza. Infatti, grazie ad una politica sociale meno severa, le imprese inglesi potevano produrre a costi più bassi rispetto a quelle del continente, dando vita al cd. dumping sociale (v.).
Soltanto con il Trattato di Amsterdam è stata superata questa anomalia, dal momento che il Regno Unito (nel frattempo passato da un governo conservatore ad uno laburista) ha aderito pienamente alle politiche comunitarie in questo settore. Nel procedere alla revisione dei trattati si è provveuto a trasfondere il contenuto dell’accordo sulla politica sociale nei nuovi articoli da 136 a 145 ed è stato contestualmente abrogato il Protocollo n. 14 allegato al Trattato sull’Unione che conteneva, appunto, le disposizioni adottate a Maastricht.