Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Provvedimenti cautelari art. 243 Trattato CE

Si tratta di provvedimenti provvisori necessari che possono essere adottati dalla Corte di Giustizia negli affari che le sono proposti (art. 243 Trattato CE).
La Corte si è avvalsa di tale importante prerogativa in vari settori, ottenendo talvolta dei risultati più immediati di una sentenza di condanna. Infatti, nel caso di un procedimento d’infrazione (v.), in cui venga emanata un’ordinanza cautelare con obbligo di sospensione da parte di uno Stato di una normativa o di una prassi nazionale, la misura cautelare otterrebbe un risultato immediato rispetto ad una sentenza di condanna, che potrebbe restare ineseguita. A dimostrazione di quanto detto, va rilevato che nella prassi non sono stati registrati casi d’inosservanza di ordinanze cautelari, mentre sono più che frequenti i casi d’inadempimento delle sentenze.
In altre pronunce, invece, la Corte di Giustizia si è espressa sulla tutela cautelare che i giudici nazionali devono consentire quando attivano il rinvio pregiudiziale (v.), al fine di preservare, almeno fino al momento della pronuncia definitiva, i diritti vantati dai singoli in forza di norme comunitarie. È il caso di due rinvii pregiudiziali, nei quali la misura cautelare è stata applicata: il primo caso, sollevato dalla società Factortame (v.), prevedeva un diritto vantato in base ad una norma comunitaria e negato da una norma nazionale. Dopo aver chiesto al giudice inglese la sospensione della norma comunitaria, ed avendola questi negata, la società si rivolse alla Corte di Giustizia, in via pregiudiziale, per chiedere se la legge ad essa contraria potesse essere sospesa in attesa della pronuncia definitiva. La Corte si espresse in senso favorevole. La seconda ipotesi prevedeva, invece, la sospensione di un atto interno nazionale di attuazione di un atto comunitario, che si pretendeva essere viziato. In concreto il giudice nazionale avrebbe dovuto sospendere l’applicazione dell’atto comunitario, sottraendolo, anche se momentaneamente, alla esclusiva competenza comunitaria. Nonostante l’eccezionalità dell’ipotesi, la Corte di Giustizia ha ritenuto possibile una sospensione da parte del giudice nazionale, fino alla sua definitiva pronuncia sulla validità o meno dell’atto in questione (sentenza 21 febbraio 1991, Zuckerfabrik S¸derdithmarschen, cause riunite C-143/88 e C-92/89).
La prassi giurisprudenziale ha, poi, esteso l’ambito dei poteri decisori conferiti alla Commissione dal regolamento n. 17 del 1962 in tema di politica della concorrenza (v.), fino a ricomprendervi la potestà di assumere provvedimenti provvisori. La ratio di questo ampliamento di poteri risiede nel timore che “l’esercizio del potere decisorio previsto dall’articolo 3 del reg. 17/62 non finisca col diventare inefficace e perfino illusorio”. La Corte di Giustizia ha, inoltre, individuato le modalità di esercizio del potere cautelare in esame, sottolineando la necessità che si adottino tali provvedimenti solo in caso di indiscussa urgenza, per evitare un danno grave ed irreparabile, e che questi abbiano un carattere provvisorio e cautelare.