Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
217maior Elementi Maior di Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XXVII, pag. 336 € 16,00</span> 54/20 Ultimissimi Pareri di Diritto Civile - Ultimissimi Pareri di Diritto Penale - Ultimissimi Atti Giudiziari di Diritto Civile, Penale e Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XIII, pag. 384 + 384 + 384 € 25,00</span> 506/2 Codice Amministrativo (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XII, pag. 1568 € 19,00</span> 54/9 Atti Giudiziari Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XX, pag. 272 € 29,00</span> 506/3 Codice del processo amministrativo (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XI, pag. 800 € 19,00</span> 54A/4 I Quaderni dell'Aspirante Avvocato - Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 IX, pag. 352 € 17,00</span>
A non domino
A quo
A.R.A.N.
Abbandono del minore
Abbandono della cosa
Abbandono di domicilio
Aberratio
Abigeato
Abilitazione
Abitabilità
Abitazione
Abituale
Abitualità criminosa
Abolitio criminis
Aborto
Abrogazione della legge
Abusi familiari
Abusivismo
Abuso
Accertamenti tecnici non ripetibili
Accertamento
Accessione
Accesso
Accessoria
Accessorium sequitur principale
Accettazione
Accollo
Accomandita
Accordi di ristrutturazione dei debiti
Accordo contrattuale
Accrescimento
Acquiescenza
Acquisto
Acquisto a non domino
Actio interrogatoria
Actiones liberae in causa
Ad nutum
Ad quem
Addizioni
Adempimento
Adminicula servitutis
Adozione
Adulterino
Affidamento
Affiliazione commerciale
Affinità
Affitto
Affrancazione del fondo
Agente
Agenzia
Aggiotaggio
Aggravanti
Albergo
Alberi
Albo professionale
Alea
Aleatorio
Alibi
Alienante
Alimenti
Alluvione
Alto tradimento
Alveo abbandonato
Ambasciata
Ambasciatore
Ambiente
Ammenda
Amministratore
Amministrazione
Ammortizzatori sociali
Amnistia
An debeatur
Anagrafe tributaria
Analogia
Anatocismo
Anno giudiziario
Annullamento
Anticipazione bancaria
Antigiuridicità
Antinomia
Antitrust
Apertura della successione
Apertura di credito
Apolidia
Appalto
Apparenza
Appello
Apposizione dei termini
Appropriazione indebita
Aquiliana
Arbitraggio
Arbitrato
Arbitratore
Archiviazione
Arresti domiciliari
Arresto
Arricchimento ingiustificato
Ascendenti
Asilo politico
Aspettativa
Asse ereditario
Assegno
Assemblea costituente
Assemblea dei soci
Assenza
Assicurazione
Assistenza sociale
Associazione
Associazione in partecipazione
Asta pubblica
Attentato alla Costituzione
Attenuanti
Atti osceni
Atti parlamentari
Atto
Attore
Aumento del capitale
Autarchia
Autenticazione
Authority
Autocertificazione
Autodichia
Autodifesa
Autonomia
Autonomie locali
Autore
Autorità amministrative indipendenti
Autorizzazione
Avallo
Avente causa
Avulsione
Avviamento
Avviso di accertamento
Avviso di liquidazione
Avvocato
Avvocatura dello Stato
Azienda
Aziende autonome
Azionariato
Azione


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Autonomia (d. amm.)
In linea generale, con l'espressione (—) si vuole indicare un determinato grado di libertà e indipendenza di un soggetto nell'esercizio di determinate attività politiche o giuridiche.
() negoziale (d. civ.)
L'(—) è una specificazione del più generale principio dell'autonomia privata: essa è il potere che l'ordinamento riconosce ai privati di autoregolamentare i propri interessi personali e patrimoniali mediante negozi giuridici (art. 1322 c.c.).
L'(—) ha un ampio significato, essa va intesa come libertà di concludere o meno il contratto, scegliere la persona del contraente, stabilirne il contenuto e concludere contratti atipici, che sono i contratti non previsti e regolati dalla legge [Contratto]. Il principio dell'(—) stabilito dall'art. 1322 c.c. in altre parole, riconosce ai singoli una sfera di autonomia, entro la quale i privati possono decidere autonomamente come regolare i propri interessi a mezzo di negozi, coi quali l'ordinamento attribuisce ai singoli la facoltà di creare nuove norme che vincolano le parti.
I limiti entro i quali l'(—) è riconosciuta dal nostro ordinamento sono: il rispetto delle norme imperative, dell'ordine pubblico e del buon costume.
La libertà di concludere contratti atipici, oltre ad essere limitata dal rispetto delle norme imperative, di ordine pubblico e del buon costume, incontra il limite della rispondenza dell'atto negoziale alle finalità dell'ordinamento, vale a dire il negozio atipico deve perseguire interessi che sono meritevoli di essere tutelati dall'ordinamento giuridico [Negozio giuridico].
Limiti all' (—) sono costituiti dai contratti per adesione, in cui il contenuto è stabilito da una sola delle parti, nonché dall'obbligo a contrarre per chi agisce in regime di monopolio.
() patrimoniale (d. civ.)
È l'autonomia del patrimonio di una persona giuridica rispetto a quello dei suoi componenti.
Conseguentemente, i beni della persona giuridica appartengono ad essa e non ai singoli partecipanti: ciò significa che i creditori dei singoli partecipanti non possono rivalersi sul patrimonio dell'ente. L'(—) patrimoniale si distingue in (—) perfetta e imperfetta
() politica
Costituisce la forma più alta di (—) ed indica la libertà di un ente nell'individuazione e nella determinazione dei fini (cd. scelte politiche) che la comunità sociale, dei cui interessi l'ente è portatore, intende perseguire. Riferita agli enti originari (Stato) tale forma di (—) è sinonimo di sovranità. Con riferimento agli enti derivati (enti territoriali) indica il maggiore o minore grado di autodeterminazione di cui godono tali enti.
() statutaria degli enti locali
È il potere riconosciuto agli enti locali di organizzarsi attraverso propri statuti, oggi inserito nel più ampio concetto di potestà normativa quale potere di dettare norme capaci di innovare l'ordinamento giuridico così imponendosi in modo autonomo ai soggetti appartenenti alla comunità che viene rappresentata da detti enti.
() statutaria delle Regioni
L'(—) delle Regioni è contemplata direttamente dalla Carta costituzionale al novellato art. 114, che al comma 2 definisce le Regioni come enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni, secondo i principi fissati dalla Costituzione.
Diversa è, ovviamente, la disciplina dettata per le Regioni a statuto ordinario rispetto a quelle a statuto speciale.
L'autonomia statutaria delle Regioni ordinarie è riconosciuta dall'art. 123 Cost., così come novellato dalla L. cost. 1/1999 che ha riconosciuto allo Statuto (approvato e modificato dal Consiglio regionale con legge approvata a maggioranza assoluta dei componenti) natura di vera e propria legge regionale. La riforma costituzionale approvata con L. cost. 3/2001 ha lasciato inalterata la formulazione del vigente art. 123 Cost. salvo l'introduzione di un ultimo comma che prevede l'istituzione del Consiglio delle autonomie locali.
Per le Regioni ad autonomia speciale, gli Statuti sono stati adottati dal Parlamento, con legge costituzionale quindi hanno il carattere di norme costituzionali speciali. Va precisato che la riforma costituzionale, L. cost. 3/2001, sostituendo l'art. 116 Cost., sancisce che le Regioni speciali dispongono di forme e condizioni particolari di autonomia lasciando intendere quindi che si tratti di una potestà propria e connaturata alla stessa esistenza dell'ente e non di derivazione statale.