Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Raccomandazione
Raccomandazione CECA
Raffaello
RAPID
Rapporti di conversione
Rapporto Albert - Ball
Rapporto Cecchini
Rapporto Davignon
Rapporto Delors
Rapporto MacDougall
Rapporto Padoa-Schioppa
Rapporto Spaak
Rapporto Spierenburg
Rapporto Sutherland
Rapporto Tindemans
Rapporto Vedel
Rappresentante speciale dell’Unione europea
Rappresentanze nazionali
Ratifica
Ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative
Raxen
Razzismo
Real Time Gross Settlement
Recesso
Referendum
Regie
Regime dei dodicesimi provvisori
Regime linguistico
Regimi doganali
Regionalismo
Regioni ultraperiferiche
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord
Regola d’origine
Regolamenti comunitari
Regolamenti interni
Regolamento sull’introduzione dell’euro
Regole di arrotondamento
Repubblica Ceca
Réseau Européen des Groupements d’Intérêt Economique
Responsabilità extracontrattuale della Comunità
Restituzioni alle esportazioni
Restrizioni quantitative
Rete giudiziaria europea
Reti transeuropee
Revisione dei trattati
Revisione della sentenza
Ricerca e sviluppo tecnologico
Riconoscimento reciproco [Principio del]
Ricorsi giurisdizionali comunitari
Ricorso in carenza
Ricorso in via pregiudiziale
Ricorso per annullamento
Ricorso per inadempimento
Ridenominazione
Riforma MacSharry
Rifusione dei testi legislativi
Rinegoziazione
Rinvio pregiudiziale
Risoluzione
Risorse proprie
Romania
RTGS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Rinegoziazione

Termine utilizzato per indicare la richiesta della Governo della Gran Bretagna di rivedere, dopo la propria adesione (v.) alla Comunità, avvenuta ad opera del Governo conservatore di Edward Health nel 1973, i termini della sua partecipazione all’Europa comunitaria.
La rinegoziazione fu condotta dal leader dei laburisti Harold Wilson nel corso del 1974, su richiesta della maggioranza dei membri del suo partito e dei sindacati e verteva, tra l’altro, su questioni relative ai contributi del Regno Unito al bilancio comunitario (v.), alla riforma della politica agricola comunitaria (v. PAC), all’unione economica e monetaria (v. UEM), all’istituzione di una tariffa doganale comune (v. TDC).
Sebbene il governo laburista non avesse precisato nel dettaglio le proprie richieste, esso aveva affermato che, in caso di accordo politico sulle nuove condizioni di partecipazione inglese alla Comunità, si sarebbe proceduto ad un referendum (v.) popolare per confermare l’adesione.
Fu durante il vertice di Dublino dell’11-12 marzo 1975 che furono discussi i termini della rinegoziazione della Gran Bretagna, anche se fu raggiunto un compromesso (cd. meccanismo correttore) solo in materia di bilancio (v. Contributori netti) e sulle importazioni dalla Nuova Zelanda.
I risultati del vertice, seppur minimi, furono sufficienti perché Wilson, che in realtà non aveva mai personalmente ritenuto necessaria una nuova discussione sulla partecipazione della Gran Bretagna alla Comunità, invitasse il popolo inglese a votare al referendum nel senso del mantenimento di tale partecipazione.
Sebbene il meccanismo correttore definito a Dublino si è rivelato, nel corso degli anni, insoddisfacente, la rinegoziazione inglese dimostrò la volontà e la necessità di un mantenimento della Gran Bretagna nell’Europa integrata.